Era un pomeriggio di fine aprile e la mamma di Bruno stava per uscire a fare la spesa quando suono il campanello.
“Bruno dai scendi che devo uscire, qui c’è Simone, mi raccomando non fate come al solito e fate anche i compiti invece di giocare!”
Dopo aver salutato la mamma del suo amico Simone andò a sistemarsi sulla poltrona e poco dopo sentì Marco che scendeva le scale.
“Allora che fai, sbrigati, ho portato l’ultimo episodio di Call of Duty, vedrai, è uno spettacolo! Hei ma cosa ti sei messo?”
“Non cominciare a prendermi in giro adesso, sono i leggings di mia sorella, mi mamma si è dimenticata di fare la lavatrice e non ho nemmeno una tuta pulita”
“Vabbè dai sbrighiamoci, non vedo l’ora di provarlo, dai attacca la play alla tv”
“Però è meglio se andiamo di là nello studio, purtroppo la rete del divano è rotta e c’è solo quella poltrona”
“E qual è il problema, ci stiamo anche in due, e poi la tv dello studio fa pena, qui abbiamo un quaranta pollici, sarà come essere dentro il gioco!”
“ Ok allora, ma visto che il tv è mio voglio iniziare io, dai lasciami il posto”
“ Eh no, chi primo arriva bene alloggia!”
“ E dai, facciamo 10 minuti ciascuno, dai siediti sul tappeto!”
“No, no, è così comodo qui, ma se vuoi puoi sederti qui” disse marco battendosi le mani sulle ginocchia.
“Sulle tue gambe? Mica sono una femmina!”
“Mmm forse no, certo però che quei leggings ti fanno proprio un bel sederino”
“Ecco lo sapevo che mi avresti preso in giro!”
“E dai non prendertela e vieni qui, basta che non ti sieda troppo indietro ah ah!”
“Va bene, però tu non muoverti altrimenti non riesco a giocare bene….cavolo avevi ragione ha una grafica da paura!”
Dopo quasi venti minuti Bruno non pensava più a dove era seduto e aveva iniziato a muoversi assecondando i movimenti del protagonista sullo schermo.
“Dai Simone, adesso è il tuo turno”
“No aspetta, puoi continuare se vuoi”
“No, il gioco è tuo e poi devo anche a andare in bagno a fare una scoreggia, la sto tenendo da un po”
“ E che sarà mai una scoreggina, puoi farla, mica mi offendo per così poco, e poi ti confesso che così sto davvero molto comodo”
Bruno si voltò e vide il gonfiore sotto la tuta di Simone.
“Ma che fai, ti sei eccitato?”
“Eh, volevo vedere tu al mio posto, con questo culetto fasciato dai leggings che mi ballonzola sulle cosce!”
“Ah davvero, quand’è così ci penso io a farti passare certe voglie, ti meriti una punizione…….prrrrr”
“Tutto qui? Eppure quando le fai a scuola ti sente tutta la classe ah ah”
“Ah vuoi la guerra? prrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrrrr. Che mi dici adesso, si sentono così?”
“ Ora ti riconosco!!” E così dicendo strinse le braccia attorno alla pancia di Bruno e lo tirò indietro facendolo finire col sedere proprio sopra la sua erezione”
“Simò, ma che fai?”
“Bruno ti prego non fermarti proprio adesso, fammene ancora!”
“Ma sei matto ti eccitano le scoregge?”
“Tu non lo sai, ma ogni volta che a scuola ti sento scoreggiare mi eccito da morire, non so quante volte ho sognato di trovarmi in una situazione come questa, perciò ti prego, continua a scoreggiare!”
“Non pensavo che fossi così perverso, comunque se sei contento tu…. prrrrrrrrr, prrrrrrrrr, prrrrrrrrr”
“E’ stupendo, un’altra dai!”
“prrrrrrrrrrrr”
“Ancora!!”
“Guarda che non sono mica una bombola di gas…..prrrrrrrrrrrrr, ecco questa era proprio l’ultima. Hei mi hai sentito?”
“Ti ho sentito, eccome se ti ho sentito!!”
A quel punto Bruno sentì i leggings inumidirsi così si alzò e vide una chiazza umida sulla tuta di Simone”
“Sei proprio un pervertito, sei addirittura venuto?”

Quando la sera la mamma torno a casa chiese subito: “Avete fatto i compiti vero? E aprite un po’ la finestra, c’è un cattivo odore qua dentro!”
Visualizzazioni: 11 463 Aggiunto: 6 anni fa Utente:
Categorie: Gay e Bisex