Rientriamo abbracciate in sala e Lucio si sta menando il cazzo già duro e pronto


“ecco il verginello che si faceva solo seghe e non sapeva nemmeno dove era la figa,invece si sbatteva pure la madre,sei un gran porco Lucio ma mi piaci ancora di più e eccomi sono tua fammi quello che vuoi,sarà meglio organizzare al più presto il matrimonio così mi potrete sbattere come volete Lucio ma che brava tua madre a fare pompini mi piace vederla”


“tieni amore il cazzo è tuo ma pensa cosa vorrei farti,ti vorrei farti bere litri di piscia e riempirti figa e culo di pisca bollente e il massimo sarebbe figa e culo pieni e pisciare insieme dentro solo al pensiero quasi sborro menandomelo vieni amore bevi tutto e forse ti tocca anche mio padre che è già pronto e sta scaldando la bocca di mamma dopo puliscili il cazzo mentre voglio assaggiarti ancora il culo”


Il pomeriggio lo passo con cazzi e fighe a disposizione e la mamma inizia a parlare con i miei per vedere di accelerare il matrimonio con Lucio nella speranza di avermi solo per loro.


Dopo vari incontri viene decisa la data che è molto vicina e così io e Lucio iniziamo a arredare la casa che ci hanno messo a disposizione i suoi ovviamente appena siamo in casa ci leviamo tutto e iniziamo a conoscerci in profondo,per primo vuole vedermi pisciare e mentre piscio davanti a lui si mena il cazzo fino a sborrarmi sulla faccia e sulle tette,per pulirmi è lui,cazzo in mano,che mi lava a pisciate e così godiamo sognando sempre l’ammucchiata che faremo con i suoi e con mio padre che è stato informato mentre mi apriva il culo la sera prima dello sposalizio.


Siamo arrivati al fatidico giorno sposati in comune e amici e parenti felici per la nostra unione,finito il pranzo salutiamo tutti e voliamo a casa nostra,ormai non abbiamo nessun segreto,le abbiamo provate,credo,tutte ma è sempre un piacere vederci nudi con il suo cazzo pronto e penzoloni,gli svuoto i coglioni con un pompino e due dita nel suo culo che lo fanno impazzire e  mi bevo la sua sborrata con piacere,una leccata al cazzo e poi vado in bagno.


In bagno la porta rimane sempre aperta e mentre sto pisciando entra dicendomi che deve pulire il cazzo,capisco subito così mi alzo e mentre proseguo la pisciata mi appoggio il cazzo alla figa e lo inondo della mia piscia mentre lui mi slingua le tette.


Ogni momento è buono per prendermi il cazzo,in cucina mentre preparo mi piglia di dietro,mani sulle tette e mi fa assaggiare il cazzo in mezzo alle chiappe,a tavola vuole le mie tette appoggiate sul tavolo e le impasta di pietanza che poi lecca e io con il suo cazzo faccio lo stesso spompinandolo e mangiando quello che ho spalmato sulla cappella.


Le giornate in casa passano con tutto quello che ci viene in mente per godere,sborrare e schizzare umori e praticamente sempre nudi.


Un giorno suonano alla porta Lucio guarda e mi assicura che sono i suoi che vengono a trovarci e così non ci copriamo ma li facciamo entrare come siamo,subito il padre mi piglia una tetta e mi infila la lingua in gola mentre la mamma impugna il cazzo lo mena e si apre la camicetta per farsi palpare le tette.


“piccola adesso sei di famiglia allora cominciamo a assaggiare i nostri cazzi dai siediti sul cazzo e infila anche i coglioni nella tua figa bollente e il tuo maritino ti darà una passata al culo,ma certo cara insieme,devi assaggiare due cazzi di famiglia,brava vedo che hai capito”


Ovviamente a gambe spalancate mi siedo su quel cazzo e lo infilo fino ai coglioni,lui mi piglia le tette e mi tira su di se così ho il culo in bella vista e subito Lucio mi schianta il culo,la sensazione è stupenda e mentre ho orgasmi a raffica chiedo alla moglie di darmi la figa in bocca e se vuole le chiedo di lavarmi.


Non aspettava altro e così con un orgasmo che mi distrugge ho due cazzi dentro e una figa che mi lava faccia e tette,apro la bocca e mi arrivano schizzi anche in gola e io come una maiala ingoio,mentre sto quasi urlando dal piacere mi arrivano quasi insieme due sborrate che mi riempiono figa e culo.


“sei piena adesso la mia cara mogliettina ti beve tutto quello che ti esce dai cara bevi e lecca che se riusciamo a caricarci ti spacchiamo coma al solito,dai maiala lecca e bevi e tu bella pulisci i cazzi,specialmente quello che ti ha divaricato il culo,dimmi lo senti il sapore del tuo culo??ti eccita vero!!!”


“uhhhh che famiglia ho trovato per fortuna ho anche mio padre che mi soddisfa ,come vorrei fare un incontro con tutti inclusa mia madre,la vorrei vedere piena di cazzi altro che controllare se ero vergine arriverei a pisciarle in bocca,purtroppo è solo un sogno”


“cara devi capire che le donne sotto sotto hanno sempre voglia di cazzo,anche le più morigerate se le scaldi al punto giusto diventano troie proprio come me,penso che se ci riuniamo riesco a scaldarla e sarà lei a chiedere di essere spaccata da tutte le parti,vedrai cara direi di organizzare l’incontro”


Ho dei dubbi ma pensando di vedere mia madre presa da un paio di cazzi mi eccito e accetto la riunione delle famiglie.


Telefonate varie e incontri viene organizzato il famoso ricevimento,ovviamente vestiti,credo nessuno abbia intimo ma vedo vestiti molto facili da levare,si salutano tutti con baci casti sulle guance e seduti sul divano si inizia a parlare,la mamma di Lucio si è seduta di fianco a mia madre e mio padre è vicino a me ,piano piano si comincia a parlare di bambini dicendo che è ora di avere dei nipoti ,mi aspetto la prima mossa e la mamma di Lucio parte abbracciando mia madre dicendo che sarebbe bellissimo avere dei piccoli in giro,mentre parla senza quasi accorgersi mette una mano sulle tette della mamma che si ritrae di scatto


“ma cosa fà mettermi le mani sul seno!!!tra donne queste cose non si fanno e nemmeno con gli uomini”


“ma dai!!!!!volevo vedere come erano le tette e le ho sentite belle toste,quasi come le mie ecco sentile,dai non fare la timorosa ti piace palparle??? Ma certo cara sono senza reggiseno e così le puoi palpare senza intoppi”


Mentre la mamma si stà smollando mio padre,eccitato,si avvicina e mi infila la lingua in bocca e le mani sono già sulle mie tette,Lucio capita la situazione  mi fa aprire le gambe e infila la mano sotto e inizia a ravanarmi la figa.


“ma cosa fate!!!!!lasciate stare Franca e tu porco cosa fai!!!!!!palpi le tette e baci in bocca tua figlia!!!??? E tu smettila di palparmi le tette e accarezzarmi le gambe noooooo!!!!!la mano nelle mutande!!!levala subito”


“zitta!!!!!sei eccitata sento le mutande bagnate lasciati andare ti faremo tutto quello che hai sognato e mai fatto pensa tre cazzi tutti per te e noi che ti aiutiamo a godere”


COSA SUCCEDERA’??LEGGETE IL PROSSIMO CAPITOLO CIAO BELLI

Visualizzazioni: 4 258 Aggiunto: 5 mesi fa Utente:
Categorie: Confessioni