Elena si era dimostrata una gran troia ed io l'avevo accontentata per bene. Per diversi giorni non incrociai ne Elena ne Alessandra, poi una mattina passai davanti al bar e le vidi sedute, Elena si alzò e venne a salutarmi con un bacio sulla guancia e mi invitò a sedermi, Alessandra mi osservava in modo strano una volta seduto chiesi come stavano e loro risposero "bene" poi mi rivolsi ad Elena e le chiesi "il tubo va bene non perde più" lei ridendo rispose "si si bel lavoro ora devo aspettare qualche altro problema per rivederti" io capendo l'antifona risposi "quando vuoi hai il mio numero anche se funziona tutto" Alessandra allora mi disse "mi ha detto che sei un bravo idraulico" intervenne Elena "non solo" io dissi "cerco di fare tutto perchè hai bisogno" Alessandra rispose "se dovessi aver bisogno mi faccio dare il numero da lei" risposi "quando vuoi non ho problemi" Elena intervenne dicendomi "prima o poi ti chiamo perchè ho voglia di vederti" Alessandra "perché adesso non lo vedi" Elena "si ma con calma da soli è meglio" finito questo scambio di battute mi alzai e salutandole me ne andai. Verso mezzogiorno sento il telefono squillare e vedo un numero che non ho in rubrica risponde ed è Alessandra mi chiede di passare nel primo pomeriggio che deve farmi vedere una cosa ed avere un consiglio rispondo che andrò. Chiamo Elena e le dico che mi ha telefonato Alessandra e lei mi avvisa che è una persona che vuole comandare ed avere tutti al suo servizio sempre. Pomeriggio arrivo da Alessandra mi accoglie in casa vestita normale con maglione e minigonna mi fa accomodare nel salotto e mi offre da bere ci sediamo ed io le chiedo "allora dimmi di cosa hai bisogno" lei mi risponde "deciso senza preliminari bene tu come mi trovi" io la guardo e rispondo "una bella donna" lei "Elena mi ha detto che sei bravo in certe cose" io "me la cavo" Alessandra allora cambiando il tono di voce dice "io non sono come lei mi piace comandare ed essere ubbidita" io "meglio così uno sa cosa deve fare per piacerti" lei "ho voluto dirtelo perché fai ancora in tempo ad andare via se la cosa non ti va" io la guardo bevo un sorso e poi chiedo dov'e il bagno, lei mi accompagna, io entro ed una volta chiuso la porta mi tolgo i vestiti, mi faccio un bidet e poi ritorno nel salotto ed entrando dico "questa è la risposta" lei mi guarda sorpresa poi dice "questo vuol dire che accetti vieni qui davanti" sono in piedi davanti a lei che osserva il cazzo che sta cominciando a diventare duro e dico "se ti va e tutto tuo" lei allunga la mano e toccandolo e arrivando fino alle palle dice "non solo questo anche tutto il resto" io non rispondo lei comincia una sega e saggia la consistenza e la grossezza poi mi dice "mettiti in ginocchio" io ubbidisce nel frattempo lei senza alzarsi dal divano tira su la gonna è senza intimo ed allargando le gambe dice "ora leccala per bene" io senza farmelo ripetere metto la faccia in mezzo alle cosce ed iniziò a leccare tutta la figa per poi concentrarmi sul clitoride, lo lecco e lei inizia ad ansimare, io mentre lecco le infilo un dito dentro, poi lo tolgo e lo faccio scorrere fino all'ano ed inizio un leggero massaggio lei mi dice "prima devo godere con la figa poi vedrò se prenderlo in culo concentrati e fammi godere" io allora infilo nuovamente il dito in figa e con la lingua lecco il clitoride, lei con le mani mi spinge la testa contro fino quasi a farmi soffocare poi dice "godooo" e viene con un gran schizzo che mi bagna la faccia, io non le do tregua e le faccio avere altri orgasmi finché non mi dice "smettila spostiamoci in camera che ti voglio scopare" mi fa alzare e prendendomi per il cazzo ci dirigiamo in camera, una volta entrati mentre lei inizia a spogliarsi mi dice "sdraiati che quella per oggi è la tua posizione sotto di me" mi sdraio, lei nuda viene davanti a me e partendo dalla bocca inizia a baciarmi ed inizia a scendere, quando arriva ai capezzoli li mordicchia, poi scende giù arrivando a tu per tu con l'oggetto dei suoi desideri, lo bacia e poi lentamente inizia ad infilarlo in bocca e molto lentamente arriva fino al fondo, sento la cappella sbattere contro la gola poi inizia un su e giù favoloso finché non le godo in gola dopo che lo avvertita, lei non si toglie beve ed ingoia tutto. Io penso di avere tregua ma invece lei con la mia sborra in bocca continua il pompino, ovviamente resta duro, cambia posizione un bel 69, quando mi mette la figa in faccia gronda di piacere e dopo qualche leccata gode di nuovo, andiamo avanti con il 69 fino a che togliendosi dalla mia faccia scorre sul mio corpo e senza girarsi se lo infila dentro, scivola che è un piacere, allora comincia a scoparmi io vedo il suo culo muoversi e i suoi capelli ondeggiare e le chiedo "ti piace" lei "fantastico aveva ragione Elena che quando lo hai dentro ti fa sentire troia" gode ancora poi avverto che sto per godere anche io, allora lei intensifica la velocità e quando sente la prima sborra si ferma godendosi la mia goduria dentro di sé, quando sente che ho finito di riempirla inizia a muoversi in modo da svuotare tutto. Si alza e va in bagno io resto disteso pieno della sua goduria sul cazzo e in faccia dopo un po' mi chiama, io mi alzo e la raggiungo in bagno, lei è seduta sul water che urina e dice "datti una rinfrescata sia li che in faccia" ubbidisco prima la faccia è poi il bidet, lei finisce, si alza, aspetta che io abbia finito e poi in piedi ed allargando le gambe dice "ora sdraiati così ti vengo sopra e mi asciughi con la lingua" mi sdraio e lei si abbassa quando arriva vicino alla mia faccia sento l'odore della sua urina ed abbassandosi mi costringe ad asciugarli, ripulita per bene mi fa alzare e riprendendomi per il cazzo mi dice "dai vieni che ricominciamo" andiamo in camera mi sono sdraiato e fino a sera inoltrata mi sono alzato solo per andare a fare i bisogni, ha sempre goduto, se lo è messo in culo standomi sopra insomma sono uscito da quella casa senza più ne forze ne sborra che grande puttana. 

Visualizzazioni: 5 253 Aggiunto: 7 mesi fa Utente:
Categorie: Confessioni
Tag: Cougar