io


e valeria siamo liberi di gestirci come vogliamo. io non ho velleità scoparecce con altre donne, ma vivo per vedere la mia dolce metà mentre viene presa da altri uomini, e non disdegno anche qualche bel cazzo per me. un cornuto passivo..bene, mi aggiro per i corridoi del castello, ed ogni stanza con luce verde, quindi con possibilità di ingresso per curiosare o per partecipare, viene da me sfruttata. qui trovo uomini con cazzi dì ogni dimensione, intenti a scopare vogliose e fameliche donne. ma sono intento a caricarmi per la mia, la nostra festa. dopo una mezz'ora a girovagare, rientro in camera. luce verde? boh! dovrebbe essere bianca, ovvero neutra, al massimo rossa per interdire gli ingressi altrui. entro deciso! luce soffusa... ombre umane che si muovono... il tempo di abituarmi al buio e iniziò a distinguere le sagome... mia moglie è seduta su un uomo.  ha sicuramente il suo cazzo  dentro il corpo...si piega in avanti ed un altr uomo la prende da dietro fottendole il buco del culo...  vedo i movimenti sinuosi del suo corpo ma non ne sento la voce in quanto 2 ragazzi sono sdraiati vicini a lei ed a turno le mettono l'uccello in bocca e lei forsennatamente li ingoia uno alla volta. mi siedo sulla dinette e lentamente mi masturbo. vengo, mi sborro addosso praticamente assieme al tizio che me la sta inculando. e finalmente sento la voce di mia moglie urlare un poderoso ed infinito "siiiiiii" mentre l'altro le riempie la figa di schizzi di sborra. il tempo di vedere i due ragazzi venirle in bocca, venirle sui viso, sui capelli poi dopo una serie di baci e carezze ai loro caxxo ancora nerboruti, valeria si alza e va a farsi la doccia. mi passa davanti senza interessarsi a me, con il suo sinuoso corpo intriso di sborra altrui. in questo momento sto godendo in modo estremo mentre sento una mano sulla spalla. un curioso era entrato ad osservare ed io non mi ero nemmeno accorto. deve essere un cornuto come me. tre pacche leggere sulla spalla a suggellare il consenso per quanto visto e poi se ne va. lasciando sul pavimento i fazzoletti intrisi  di sborra per la sega si è fatto. non resisto e la mia indole di umiliazione mi spinge a spalmarmi sul viso quel liquido densò e gustoso. non esce dai buchi di mia moglie, ma non mi era mai capitato di ingoiare la sborra dì qualcuno che si è fatto una sega osservando mia moglie senza partecipare agli amplessi. una nuova stupenda esperienza che racconterò alla mia mogliettina.continua...

Visualizzazioni: 2 501 Aggiunto: 10 mesi fa Utente:
Categorie: Racconti Cuckold