Non avevo dormito bene. Ieri sera io e Elisa abbiamo guardato i porno e ci siamo masturbati insieme. Di conseguenza, i miei sogni erano stati esotici, erotici ed eccitanti, e quando alla fine mi sono svegliato, la mia erezione mattutina era un po’ più prominente del solito.


Sono inciampato al piano di sotto. Ero quasi uno zombi senza il mio primo caffè, anche se uno zombi con un bastone tra le gambe.


Mentre passavo davanti alla porta della camera da letto di Elisa, potevo sentire voci ovattate, toni sommessi intervallati da risatine nervose. Ho guardato l’orologio, le nove del mattino, era presto per lei per ricevere visite. Mi sono sforzato di ascoltare quello che stavano dicendo, ma tutto quello che ho ottenuto sono state frasi strane. Ho sentito una delle ragazze, credo Viola, chiedere: “Sei sicura che è quello che vuole”, seguita da una risposta sommessa e da un sussulto scioccato.


Bussai alla porta.


“Ciao?” Rispose Elisa.


“Stai bene lì dentro?”


“Tutto bene papà.”


“Ci sono Camilla e Viola con te?”


“Sì.”


“Sono in anticipo?”


“Ci stiamo solo preparando. Ci vediamo in piscina tra circa un’ora.” Disse, ignorando decisamente la mia domanda implicita.


Quell’ora sembrò trascinarsi all’infinito. Mi ero fatto la doccia, mangiato, vestito e applicato la crema solare ed avevo ancora più di venti minuti di attesa.


Scelsi un libro dalla mia piccola biblioteca e scesi in piscina. Le parole di Elisa della scorsa notte, per favore, non rovinare tutto, continuavano a ripetersi ed ero determinato a mantenere oggi il più normale possibile.


Era una gloriosa mattina estiva. Cielo azzurro, niente nuvole, sole spettacolare. La giornata sembrava fresca, pulita e nuova, e in qualche modo quella novità, quel senso del mondo che veniva rinfrescato, alimentava i miei sentimenti su ciò che la giornata avrebbe potuto portare. Per quanto attenti e disinvolti saremmo stati l’uno con l’altro oggi, non c’era dubbio che avrebbe segnato l’inizio di un nuovo capitolo, e curiosamente mi sono convinto che anche il meteo riflettesse questa freschezza.


I rumori del loro arrivo attirarono la mia attenzione e alzai lo sguardo in tempo per vedere la porta aprirsi. Le tre ragazze uscirono fuori, ridacchiando. Le osservai da sopra il mio libro e rivolsi loro un caloroso sorriso mentre ci guardavamo l’un l’altro.


“Buongiorno, signorine.” Dissi, cercando di sembrare il più disinvolto possibile.


“Buongiorno!” Canticchiarono all’unisono.


Indossavano accappatoi bianchi candidi e nella forte luce del mattino erano straordinariamente luminosi.


Scesero i pochi gradini tra la casa e la terrazza della piscina. Ogni passo metteva a fuoco la realtà di ciò che stavano per fare e l’aspettativa e l’anticipazione aumentavano a ogni momento che passava. Quando raggiunsero l’ultimo gradino, le risatine furono sostituite da un silenzio nervoso e di attesa.


Le ragazze si guardarono l’una con l’altra per coordinare le loro azioni, poi fecero un respiro profondo e si tolsero i vestiti all’unisono.


Improvvisamente ero in paradiso. Un bel paradiso, un paradiso con cieli azzurri e sole splendente. Un paradiso pieno di scintillanti corpi adolescenti, giovani fighe e tette sode. Un paradiso pieno di opportunità.


Soffocai il gemito che si stava formando nel mio petto. Ho soppresso il desiderio di fissare le loro fiche. Ho represso il desiderio di prenderle e fotterle.


“Belle. Molto belle, ragazze. Bellissime. Vi piacciono?” Dissi, nel disperato tentativo di non sembrare un pervertito.


“Sono bellissimi, Matteo, grazie.” Rispose per prima Camilla.


Viola esitò leggermente prima di parlare. “Sì, grazie, signor Carminati, anch’io adoro il mio.”


Avevo chiesto a entrambe di chiamarmi Matteo un paio di anni fa. Camilla aveva preso l’abitudine immediatamente, la sua naturale sicurezza e la sua auto-percepita superiorità rispetto agli altri della sua età significavano che non aveva problemi a vedermi come un pari. Invece Viola lo aveva trovato difficile, e ogni volta che si innervosiva, tornava al “signor Carminati”. Ho pensato spesso che se mai fossimo finiti in un ménage et trois, Camilla sarebbe stata la più esperta delle due. Sarebbe quasi diventata la moglie sostitutiva e Viola sarebbe stata la nostra figlia surrogata.


“Sono bellissimi. Siete entrambe bellissime con quelli addosso e sono contento che vi piacciano.” Dissi, distogliendo deliberatamente lo sguardo dai loro corpi adolescenti deliziosamente avvolti.


Passai le due ore successive a concentrarmi sul mio libro, anche se ancora adesso non saprei dire cosa stavo cercando di leggere. È stato difficile, una delle cose più difficili che abbia mai fatto. Immagino si possa immaginare quanto sia stato duro. Ho diligentemente, e con grande sforzo, finto di leggere, guardando solo di tanto in tanto dove le ragazze giacevano a prendere il sole.


Viola e Camilla hanno impiegato un paio d’ore per rilassarsi, sistemarsi in posizione e sentirsi a proprio agio con quanto fossero in mostra. Non hanno nuotato. Rimasero sui loro lettini, le gambe pudicamente incrociate alle caviglie, ma a me non importava. Ho capito perfettamente il punto di vista di Elisa secondo cui ci sarebbe voluto del tempo prima che si abituassero, ma è stata Elisa a iniziare il passo successivo.


“Wow, fa caldo. Qualcuno vuole qualcosa da bere?” Chiese.


“A cosa stavi pensando?” Risposi, cogliendo il suo spunto per rompere il silenzio imbarazzante che stava iniziando a svilupparsi.


“Quel che vuoi. Cocktail mimosa magari? Abbiamo champagne e succo d’arancia in frigo.”


Camilla e Viola scattarono sull’attenti al suggerimento di champagne. Nessuna delle due l’aveva apprezzato al primo assaggio, ma ne adoravano la raffinatezza. Così avevano imparato a goderselo, e batteva la birra da quattro soldi che probabilmente avrebbero avuto nel frigorifero di casa.


“Allora vada per mimosa. Li preparo io?” Mi sono offerto.


“No, tranquillo papà. Facciamo noi, vero ragazze?”


“Sì, li prepariamo.” Dissero all’unisono.


“Ok, grazie. Sarà perfetto.” Dissi mentre mi sdraiavo di nuovo.


Nei minuti successivi si diedero da fare a raccogliere i secchielli del ghiaccio, le bottiglie di champagne e il succo d’arancia fresco, sistemando il tutto a bordo piscina.


Ho attirato l’attenzione di Elisa mentre le altre due erano dentro. “Immagino che non ne berremo solo uno allora?” Dissi accennando alle bottiglie di champagne che teneva in ogni mano.


Lei fece un’alzata di spalle. “Non c’è niente di male nel tenere aperte le nostre opzioni, vero?”


Sorrisi e scossi leggermente la testa. “No. Niente di male in questo.”


Alla fine, abbiamo avuto tutto ciò di cui avevamo bisogno e le ragazze si sono versate un bicchierone. Ho ammirato il loro lavoro di squadra. Elisa ha preparato i bicchieri, Camilla ha versato lo champagne e Viola ha riempito il tutto con il succo.


Poi è arrivato il mio turno. Elisa si avvicinò a me, bicchiere in mano. Non arriverei al punto di definirlo pavoneggiarsi, ma stava alta ed orgogliosa mentre camminava verso di me, il suo corpo in piena vista. È stata seguita da Camilla e Viola.


Nel luminoso sole di mezzogiorno, i costumi da bagno trasparenti luccicavano in modo esotico. Mentre Camilla veniva verso di me, avevo la visuale libera. Sono stato in grado di osservarla per bene con la scusa di aspettare il mio champagne.


Cazzo era magnifica. Era sinuosa, voluttuosa e altrettanto sexy da far venire l’acquolina in bocca come mi ero permesso di sognare. I suoi seni erano gloriosi cumuli di morbidezza, delle dimensioni di mezzo pompelmo. Si stagliavano alti e orgogliosi sul suo petto, sormontati dai suoi profondi capezzoli marroni. Le labbra della sua figa erano completamente lisce. Era visibile solo un minimo accenno di peli scuri accuratamente tagliati. Formava una minuscola freccia che puntava verso le delizie sottostanti.


Tenni il bicchiere in avanti e lo offrii a Camilla e lei si chinò a riempirlo. Era così vicina che potevo sentire il calore radiante dei suoi seni sul dorso della mano. Ha dovuto versare lo champagne con cura in modo che non frizzasse troppo e questo mi ha dato il tempo di godermi il suo spettacolo. Sapeva che stavo guardando, sapeva che ero eccitato e continuava a guardare i miei pantaloncini attillati mentre rivelavano la mia lussuria in espansione sotto al tessuto. Quando ha finito, si è allontanata con un piccolo guizzo sexy per fare spazio a Viola.


Viola si fece avanti nel suo minuscolo bikini a due pezzi. Copriva così poco, ma poco importava. Le parti che la coprivano erano così trasparenti che avrebbe potuto anche essere nuda. Sapevo che le sue tette erano piccole, ma è stato solo quando sono state in mostra che ho capito quanto fossero piccole. Erano poco più che rigonfiamenti, in realtà gonfiori, sul suo petto. Lasciavano spazio alla sua gabbia toracica tra ogni seno ed erano sormontati da delicati capezzoli rosa, appena più scuri della pelle circostante, e areole gonfie.


Si fece avanti per versarmi il succo e, fingendo di guardarla riempire il mio bicchiere, il mio sguardo si abbassò sulla sua figa. La sua sottile fessura e le labbra esterne piccole ma gonfie servivano solo a evidenziare l’ampiezza del suo spazio tra le cosce. Era completamente rasata e la sua giovane figa sembrava deliziosa. Dovevo stringere i denti per non gemere mentre immaginavo come sarebbe stato averla avvolta attorno al mio cazzo.


“Grazie, ragazze.” Dissi mentre il drink arrivava in cima. Stavo ancora pensando alle loro fiche quando aggiunsi. “Sembra delizioso.”


Nell’ora successiva abbiamo bevuto un altro paio di drink ed a mezzogiorno eravamo tutti piacevolmente allegri. Stavo per suggerire il pranzo quando ho notato che Viola sembrava a disagio. Continuava a stringere le cosce e a dondolare le gambe. Fissò Elisa con uno sguardo di disperazione sul volto. Poi ha sussurrato qualcosa che non riuscivo a capire. Qualunque cosa fosse, Elisa le rispose con un deciso cenno del capo e disse: “Sì”.


Entrambe mi guardarono. Elisa sembrava compiaciuta e mi fece l’occhiolino, ma il volto di Viola era un misto di terrore e disperazione. Si voltò verso Elisa e sussurrò qualcos’altro e, ancora una volta, Elisa le fece un deciso cenno del capo e un deciso sì.


Viola mi ha guardato mentre si fermava con il viso dipinto con una chiara immagine di “non posso credere che lo sto facendo”. Si avvicinò a me, tenendo le cosce il più strette possibile.


“Signor Carminati.” Sussurrò mentre si avvicinava.


“Sì, Viola?” Ho risposto nel modo più incoraggiante possibile.


“Elisa dice che vuoi questo?”


“Ha ragione, lo voglio.”


“Sei sicuro?”


“Lo sono, ma solo se a te va bene.” Sussurrai incoraggiante.


I suoi occhi erano quasi acquosi per la disperazione e annuì nervosamente.


“Va bene.” Sussurrò.


“Vieni più vicino, Viola.”


Esitante si avvicinò e si fermò a pochi centimetri da me. Potevo sentire il suo calore, sentire il suo profumo e sentire i suoi respiri vacillanti. Potevo sentire che era nervosa fino al punto di essere quasi terrorizzata e, di conseguenza, era tesa. I miei occhi sono andati sul suo viso e le ho dato lo sguardo più rassicurante che potevo.


“Rilassati Viola, ti prometto che è quello che voglio, non devi aver paura.”


“Sei…” Iniziò a dire prima di interrompersi. “Oh cazzo!” Gridò, mentre dava uno scatto involontario. Era così potente che sentii il sibilo mentre sfrecciava oltre le sue labbra serrate e attraverso il materiale del suo costume. Le sue ginocchia cedettero e dovette afferrare il bracciolo della mia sedia per non cadere.


I miei occhi raggiunsero il suo sesso giusto in tempo per vedere le ultime gocce che gocciolavano dal suo slip e le scorrevano lungo le gambe.


“Oh cazzo! È bellissimo.” Ringhiai, facendo capire a Viola la forza dei miei sentimenti.


Sentire quanto ero eccitato, sembrò dare a Viola un po’ di fiducia, e lei rimase un po’ più dritta, un po’ più alta, le gambe leggermente più divaricate.


“Sta arrivando, signor Carminati.” Promise nervosamente.


Ci sono state altre false partenze, ma alla fine è riuscita a fare un flusso costante di piscio ed è stato bellissimo, fottutamente bello. Emanato da quella fica liscia, si è fatto strada attraverso il materiale del suo costume e si è riformato in un flusso denso prima di scorrerle lungo la coscia.


Ansimava a ogni falsa partenza e poi si adagiava in un sospiro soddisfatto, quasi un ronzio, mentre il suo corpo si rilassava. Sembrava così sexy, così seducente. Potevo facilmente credere che si stesse davvero divertendo, godendosi la libertà di pisciare in pubblico. Mi ero convinto che qualunque cosa fosse accaduta oggi, l’avremmo presa alla leggera, nient’altro che flirt e voyeurismo. Tuttavia, guardando questa bellissima giovane creatura che si piscia addosso per il mio piacere, non ho resistito a non avvicinarmi a toccarla.


Feci scivolare le mani tra le sue ginocchia e lei sussultò al primo contatto, ma non si ritrasse. Le accarezzai la coscia fradicia mentre il suo piscio caldo mi bagnava la mano. Mi sono spostato sempre più in alto finché non mi sono fermato in quel delizioso spazio a pochi centimetri dalla fonte. Mi ha guardato negli occhi e ha assistito alla profondità delle mie passioni mentre mi pisciava sulla mano, e ho potuto vedere che anche lei era eccitata. C’era ancora un accenno di nervosismo, ma non c’erano dubbi nella mia mente che si stesse godendo questa prima volta.


Alla fine, il flusso si è ridotto a un rivolo e poi ad alcune gocce finali mentre si svuotava completamente. Le diedi una stretta rassicurante alla coscia mentre dicevo: “Fantastico, Viola. Grazie”.


“Ti è piaciuto?” Lei sussurrò.


Abbassai lo sguardo sul mio inguine. Il mio cazzo duro era chiaramente visibile attraverso i miei pantaloncini stretti.


“Penso che tu possa vedere che l’ho gradito.”


Era la prima volta che ci ammettevamo reciprocamente l’effetto che avevano su di me, e lei si limitò ad annuire in risposta. Volevo chiederle se si fosse divertita anche lei, ma dubitavo che le sarebbe piaciuto affrontarlo dentro di sé così presto dopo l’inizio del suo viaggio nella pioggia dorata.


“Viola, perché non ti rinfreschi in piscina?” Suggerii.


“Potrei farlo, tra un po’.”


Il mio cuore sobbalzò all’idea che potesse volersi godere ancora per un po’ la sua umidità. Stava andando meglio di quanto avrei mai potuto sperare.


Quando Viola tornò al suo lettino, la mia attenzione fu attratta dalle altre due. Erano entrambe sedute in posizione eretta, erano entrambe accaldate, ed entrambe sembravano aver trattenuto il respiro per tutto il tempo. Mi hanno visto guardare e hanno sorriso di rimando. Il sorriso di Elisa era trionfante. Sembrava dire: “Te l’avevo detto che potevamo farlo”. Il sorriso di Camilla era più circospetto. Forse si chiedeva se poteva, in effetti, fare questo gioco.


Trenta minuti dopo, ci siamo seduti intorno al tavolo del patio e abbiamo pranzato insieme, gustando l’insalata di riso che Elisa aveva preparato. Anche se erano praticamente nude, i loro seni ed i capezzoli sodi in bella mostra, la nostra conversazione è stata straordinariamente naturale, forse lubrificata da un po’ più di champagne, ma ci siamo sentiti tutti molto a nostro agio in compagnia l’uno dell’altro. Viola è persino riuscita a chiamarmi Matteo un paio di volte.


Certamente, ogni tensione che avrebbe potuto essere creata dall’escalation nella natura della nostra danza sembrava dimenticata. Almeno lo è stato fino a quando Camilla non ha iniziato a dimenarsi nei movimenti di chi ha bisogno del bagno.


I suoi occhi disperati lampeggiarono intorno al tavolo. Non so esattamente cosa stesse cercando, simpatia, incoraggiamento, forse un permesso, ma non l’ha ottenuto. Invece, ha ricevuto le risate eccitate dalle sue amiche, e da me, beh, ero impaziente che questa magnifica giovane donna si unisse al mio gioco di piscio, e sapevo che la mia faccia lo mostrava.


“Matteo, io… io non so se posso.” Balbettò.


Viola rise della sua situazione. “Oh no, non ti tirerai indietro”, disse, “io sono andata fino in fondo.”


I suoi occhi supplicarono i miei e, per un momento, provai pietà. “Cami, non devi fare niente che non vuoi.” Sapevo che nonostante le mie parole, la mia faccia le diceva ancora che volevo che lei andasse fino in fondo.


Guardò le altre due. Non avevano intenzione di contraddirmi, ma i loro volti chiarivano che si aspettavano che lei recitasse la sua parte. Incerta, Camilla si fermò con le cosce premute l’una contro l’altra. Sembrava che potesse iniziare a rilassarsi e lasciarsi andare, ma la volevo più vicina e le ho fatto cenno di avvicinarsi.


Sembrava così vulnerabile mentre camminava verso di me. Era sparita quella spavalderia, quell’aria, quella superiorità che portava così facilmente e ho trovato inaspettatamente erotico guardare questa giovane donna normalmente sicura di sé che lottava per trovare il coraggio di fare pipì per me.


Forse è stato l’alcol a rendermi un po’ audace, forse è stata la mancanza di negatività scaturita dal mio accarezzare la coscia di Viola, forse è stata la mia furiosa lussuria, o forse è stata solo la vista di questa splendida giovane creatura in piedi di fronte a me. Tuttavia, qualunque cosa fosse, ho deciso di spingermi oltre i limiti.


Ho allontanato la sedia dal tavolo e mi sono battuto sulle ginocchia.


“Vieni a sederti qui.”


I suoi occhi mi lanciarono uno sguardo interrogativo e io annuii in risposta. Lentamente si avvicinò. Mi sono ritrovato ancora una volta a meravigliarmi che potesse esistere una creatura così bella.


Andò a sedersi sulle mie ginocchia, ma mentre si abbassava, fui improvvisamente sopraffatto dal desiderio di sentire di più. L’ho tirata verso di me in modo che il suo bel culo atterrasse saldamente sul mio inguine. Le altre due rimasero senza fiato e ridacchiarono con un misto di eccitazione e shock per l’improvvisa escalation.


Ha sopraffatto i miei sensi. Il peso del suo giovane corpo che premeva sulla mia crescente lussuria; il profumo del suo olio solare mescolato con l’odore leggermente muschiato che proveniva dalle sue cosce; la curva del suo culo mentre incontrava il mio inguine; la conicità della sua vita sottile mentre la avvolgevo tra le mie braccia, tutto cospirato per alimentare la mia furiosa lussuria. Poi c’era quel calore, il mio inguine immerso nel calore irradiato dalla sua stretta, giovane figa mentre si annidava nel mio grembo.


Si voltò verso di me ancora leggermente scioccata, i suoi occhi luminosi spalancati, le sue guance arrossate, il suo viso a pochi centimetri dal mio, potevo sentire il suo respiro sulle mie labbra. L’ho quasi baciata. Il desiderio di colmare quel piccolo spazio e premere le mie labbra sulle sue era quasi travolgente, ma ho resistito.


“Matteo, ho davvero bisogno di fare pipì.” Disse debolmente.


“Lo so.” Risposi, sforzandomi di nascondere la mia crescente eccitazione.


“Ma sono seduta sulle tue ginocchia.”


“Lo so.”


“Qui? Sei sicuro?”


“Lo sono.” Dissi, la mia voce impastata dal desiderio.


Il mio cazzo stava rispondendo al peso di questa giovane bellezza e l’ho sentito spingere contro il suo delizioso sedere. So che anche lei lo sentiva.


Seppellì la testa nell’incavo del mio collo, incapace di stabilire un contatto visivo con me.


“Non ce la faccio più.” Sussurrò.


“Bene. Non voglio che tu la trattenga.”


“Oh dio.” Ansimò, non potendo più trattenerla.


Quel calore umido si diffuse dal suo centro e avvolse tutto il mio inguine, tutto il mio sesso. La sua umidità mi avvolse, mi riempì, alimentando le fiamme della mia lussuria e, in quel momento, volevo fottere il mondo. Istintivamente spinsi i fianchi cercando la pressione richiesta dal mio cazzo. Ero completamente duro ora e il mio cazzo era schiacciato contro la figa appena coperta di questa fantastica ragazza di diciotto anni e lei lo sentiva.


Stava ancora pisciando su di me, e potevo dire che era ancora spaventata, ma quel terrore precedente veniva lentamente sostituito. Lo percepivo. Potevo avvertirlo. Lo sentivo. Il suo corpo si addolcì contro il mio, il suo respiro divenne meno affannoso. Premette il suo peso contro il mio membro teso, posizionandosi in modo che la pressione delle mie spinte cadesse proprio nel punto giusto e la pressione del suo getto solleticasse il mio cazzo.


Lei ansimò quando le sue labbra umide in fiore incontrarono la cappella gonfia del mio cazzo e io gemetti la mia approvazione mentre mi spingevo per connetterci. Se non fosse stato per i due sottili strati di materiale che ci separavano, sarei stato dentro di lei, a fotterle la figa bagnata di piscio, ma mi è sembrato un salto troppo lontano e quindi ci siamo accontentati di quel contatto bagnato.


Mi sono seduto lì godendomi la forza del suo flusso. Ha solleticato, ballato e accarezzato il mio cazzo mentre faceva scivolare la sua figa gocciolante lungo tutta la mia lunghezza. Inclinò i fianchi in avanti, premendo il clitoride contro di me e, quando trovò la pressione che desiderava, mugolò come una ragazzina, ansimando piano, gemendo e imprecando. Sussurrando incoerentemente il suo crescente desiderio. Apparentemente incapace di formare frasi complete.


Ho guardato oltre la testa di Camilla. Viola e Elisa, ci stavano osservando con l’intensità che il momento richiedeva. Entrambe eccitate, occhi spalancati, fissi. Le bocche penzolavano. Entrambe entusiaste. Per niente disgustate. L’ho interpretato come accettazione e permesso di continuare.


Feci scivolare la mano sulla pancia piatta di Camilla e le presi il seno attraverso la stoffa trasparente del suo costume da bagno. Ho massaggiato quel glorioso mucchio di carne giovane. Il suo capezzolo si tese contro il mio palmo e io lo pizzicai delicatamente. Singhiozzò e il suo respiro si fermò. Poi si adagiò contro il mio braccio, aprendosi ai miei sguardi e alle mie carezze. Alzò il viso verso il mio ed i suoi occhi mi implorarono di più.


Se avevo dei dubbi sul fatto che Camilla potesse non impegnarsi in questo gioco, qualsiasi pensiero avessi sul fatto che sarebbe stata disgustata da quello che volevo che facessero per me, è svanito quando ho guardato in quegli occhi. Bruciavano di una passione fumante e ardente, rivelando quanto fosse eccitata, ed io ho reagito di conseguenza.


I miei occhi vagarono avidamente sul suo corpo teso di adolescente. Perfetto, fottutamente perfetto. I suoi capelli arruffati, biondo sporco, il suo viso deliziosamente lentigginoso, la sua pelle altrimenti perfetta, le sue tette adolescenti di dimensioni deliziose, il suo ventre piatto, la sua figa perfetta, le sue lunghe gambe abbronzate.


Ho colto tutto.


“Dio! Sei bellissima.” Sussurrai.


Lei ha risposto con un sorriso sexy. Quel sorriso da così vicino, con il mio cazzo intriso della sua pipì, il suo culo perfetto premuto contro il mio cazzo, il suo corpo aperto al mio sguardo, mi ha fatto sciogliere il cuore d’amore ed esplodere di passione contemporaneamente.


Le stavo massaggiando il seno, ma ovviamente voleva di più. Posò le sue mani sulla mia schiena incoraggiandomi a sentire la sua magnificenza, incoraggiandomi a esplorarla ulteriormente.


“Ti ho pisciato addosso.” Disse. La sua voce era densa di lussuria, venata di incredulità.


“Lo so” Sussurrai.


“Ti ha eccitato?”


“Lo sai che l’ha fatto. Puoi sentire il mio cazzo contro il tuo culo. Ti ha eccitato?”


Sorrise consapevolmente.


“Sono bagnata.” Disse.


“Lo so.”


“Vuoi sentire quanto sono bagnata?” Mi chiese.


La sua voce aveva una qualità quasi ipnotica che mi derubava della mia. Potevo solo annuire in risposta.


Con ciò, fece scivolare delicatamente la mia mano dal suo seno e la guidò più in basso. Sullo stomaco, sull’addome, sul suo cespuglio ben curato e fino al suo delta. Per tutto il tempo ha sostenuto il mio sguardo, osservando ogni mia reazione, osservando quei fuochi lussuriosi ruggire mentre la mia mano si avvicinava al bersaglio di tante delle mie fantasie e, mentre infilavo le dita tra le sue cosce, si morse il labbro e inclinò i fianchi avanti per incontrarmi.


Le accarezzai la vulva bagnata fradicia, solleticandole le labbra, accarezzandole il clitoride, premendo le dita contro la sua apertura. Stava praticamente fumando. La sua figa bagnata di piscio bruciava con un calore tangibile mentre si schiacciava contro di me. Ho premuto forte contro di lei, offrendo la pressione richiesta dal suo sesso.


“Oh cazzo.” Gemette mentre stabilivo un ritmo. “Cazzo, va bene! Proprio lì. Cazzo! Per favore. Proprio lì. Ooo Matteo, gioca con la mia fica. Fammi venire!”


Le sue parolacce, ringhiate tra respiri strozzati, rivelavano la profondità delle sue passioni e mi dicevano quanto fosse vicina a venire. Ha urtato con il clitoride contro il palmo della mia mano mentre le mie dita stimolavano l’apertura del suo tunnel. Sostenne il mio sguardo finché poté. Sostenni il mio sguardo finché i suoi occhi non si spostarono dietro la sua testa, mantenne il mio sguardo finché il potere del suo orgasmo in avvicinamento non li costrinse a chiudersi, mantenne il mio sguardo finché la pressione nel suo ventre non costrinse a far fuori un altro po’ di pipì.


“Sto venendo. Oh cazzo, sto veneeendooo.” Pianse.


Le sue cosce intrappolarono la mia mano stretta alla sua figa e lei rabbrividì mentre il suo orgasmo la struggeva. Non riuscivo a staccare gli occhi da lei. Questa ragazza bellissima, giovane e meravigliosa mi aveva pisciato addosso e ora stava avendo un orgasmo mentre schiacciava il culo sul mio cazzo e le mie dita giocavano con la sua fica.


Lentamente aprì quei profondi occhi marroni e mi guardò e mi rivolse un debole sorriso mentre aspettava che le tornassero le forze. Ero così eccitato che il mio cazzo praticamente pulsava contro le sue chiappe e lei lo sentiva. Si era posizionata in modo che la mia asta giacesse lungo la valle del suo culo e poi ha teso i muscoli di quei globi generosi, stringendo e stimolando il mio cazzo. Fu il mio turno di gemere.


Si girò, si sedette, mi avvolse le braccia intorno al collo e mi strinse a sé, il suo viso era a pochi centimetri dal mio. Sentivo il suo respiro sulle mie labbra, i suoi occhi mi pregavano di baciarla, e questa volta non ho esitato. Ho colmato il divario tra noi e le nostre labbra si sono scontrate. Ci siamo baciati e le nostre lingue si sono intrecciate in un’espressione profonda e potente della nostra lussuria reciproca. Lei gemette nella mia bocca e io gemetti di rimando. Ero in estasi.


Delicatamente interruppe il bacio, i miei respiri erano profondi e aspri e rivelarono pienamente le mie passioni. Ha sostenuto il mio sguardo per alcuni istanti, poi i suoi occhi hanno brillato con una premonizione di ciò che sarebbe successo dopo.


Quando parlò dopo, le sue parole erano poco più di un respiro sensuale. “Ora ti succhierò il cazzo.”


I miei occhi si spalancarono e le mie narici si dilatarono in attesa.


“Io succhierò il tuo enorme cazzo e tu verrai nella mia bocca.” Sospirò di nuovo.


La tensione sessuale mi aveva incollato la bocca e tutto quello che potevo fare era annuire alla mia disperata accettazione.


Con grazia è scivolata giù dal mio grembo e si è inginocchiata tra le mie ginocchia. Mentre afferrava la cintura dei miei pantaloncini, mi guardò chiedendo il permesso e io mi sciolsi sotto il suo sguardo. Ho sollevato i fianchi e lei mi ha fatto scivolare i pantaloncini giù per le gambe, gettandoli da un lato.


Ci fu un sussulto dall’estremità del tavolo e alzai lo sguardo per vedere Elisa e Viola sporgersi in avanti per vedere meglio.


“Oh cazzo, guarda che roba,” sussurrò Viola, “è enorme.”


Ero consapevole che Elisa stava per guardare la sua amica succhiarmelo, ma non me ne importava niente. Le mie passioni ribollivano e avevo bisogno di sfogo. Dubitavo che avrei potuto respingere questa ragazza, a prescindere da chi ci fosse lì a vederci.


Camilla si sporse in avanti, sentii il suo respiro sulla mia cappella. Ha afferrato la mia asta con entrambe le mani e mi ha munto provocando la formazione di una generosa goccia di liquido seminale. Mi baciò con le sue morbide labbra e solleticò la fonte con la lingua.


“Oh Gesù.” Gridai quando la punta del mio cazzo si collegò istantaneamente con ogni terminazione nervosa del mio corpo. Mi irrigidii quando fece scivolare le sue morbide labbra sulla mia circonferenza e gemetti mentre la sua lingua delicata esplorava la pelle liscia e la fessura della mia cappella.


Il mio cazzo doveva sapere del suo piscio, la mia pelle era intrisa della sua urina, ma questo non sembrò rallentarla. Inspirò profondamente, inalando quel profumo prima di allungare il collo e prendere metà della mia asta in bocca. Ringhiai mentre iniziavo istintivamente a scoparla, a scopare la delicata bocca morbida di questa bellissima ragazza. Ho sentito la mia punta urtare contro la parte posteriore della sua gola e lei ha avuto un leggero conato, ma non ha interrotto il ritmo.


Lentamente, deliberatamente, con forza, le ho scopato la bocca, le sue labbra carnose e morbide, le ho scopato la gola. Ha sbavato e sputato e la sua saliva mescolata con il suo piscio mi ha ricoperto il cazzo e le palle per creare una lubrificazione perfetta. Mentre la scopavo, ondate di beatitudine si incresparono dentro di me, potevo sentire la pressione crescere.


“Ci sono quasi.” Ho avvertito.


Non ha rallentato, la sua bocca morbida mi ha succhiato dolcemente, le sue mani morbide mi hanno accarezzato dolcemente. La mia venuta era imminente.


“Cami sto venendo. Ohhh. Cazzo! Sto v…” Ho urlato, mentre il mio cazzo esplodeva.


Getti di sperma denso e cremoso le schizzarono sulla lingua, le riempirono la bocca, riempirono i suoi sensi. Aprì la bocca, munse il mio cazzo e sostenne il mio sguardo mentre mi scaricavo dentro di lei. I suoi occhi ardevano di un’intensità lussuriosa ma c’era anche qualcos’altro, una soddisfazione, un appagamento, un trionfo.


Il suo aspetto era sensuale e confuso in egual misura. Eccomi qui, un uomo sulla quarantina che scopava la bocca di questa giovane ragazza. Per molti, questo sarebbe stato un abuso e sapevo che presto avrei provato sensi di colpa e rimpianto per quello che avevo fatto, ma non ho visto nulla di tutto ciò in lei. Elisa aveva lasciato intendere che le sue amiche erano interessate a me, ma c’è una bella differenza tra avere una cotta per il padre di un’amica e succhiargli il cazzo.


Ero perso nel momento, ma quell’improvvisa consapevolezza che Elisa aveva assistito a questo mi ha riempito di terrore. I miei occhi saettarono su di lei, ma non c’era nulla nel suo sguardo che mi spaventasse. Elisa e Viola avevano entrambe guardato, guardato Camilla pisciare su di me, guardato mentre la facevo venire, guardato me venire nella sua bocca ma non c’era paura o fastidio o disgusto. In realtà, proprio l’opposto, i loro sguardi tradivano le proprie passioni, i propri desideri, la propria lussuria, e vederli liberò parte della tensione dal mio petto.


Camilla ha continuato a baciare e succhiare il mio cazzo che si stava rapidamente sgonfiando e io mi sono reclinato un po’ per permetterglielo. Adoro avere il mio cazzo moscio nella bocca di una ragazza e lei è stata senza dubbio la migliore che avessi mai avuto. Ha continuato a leccarmi e succhiarmi, mungendo il mio cazzo per le ultime gocce di sperma. I suoi morbidi avambracci giacevano lungo le mie cosce fresche e umide di piscio, le sue mani mi massaggiavano delicatamente le palle, era come se mi stesse adorando e io mi sentivo un dio. E, mentre lo faceva, ho guardato verso Elisa e Viola, la mia faccia ha detto a Viola che lo avrebbe fatto presto, la sua faccia mi ha detto che era pronta.


Alla fine, aiutai Camilla a rimettersi in piedi barcollando e, mentre si alzava, mi rivolse un caldo sorriso fiducioso mentre si asciugava un filo di sperma dal lato delle labbra. Fanculo! So di aver provato a descrivere quanto fosse bella questa ragazza ma, mentre se ne stava lì, con indosso quel luccicante costume da bagno trasparente, la mia sborra sulle sue labbra e la mia sborra nella sua pancia, il mio cuore e il mio cazzo si unirono profondamente.


“Grazie per il pranzo delizioso.” Disse con un occhiolino e un sorriso.


Sorrisi debolmente in risposta.

Visualizzazioni: 5 736 Aggiunto: 1 anno fa Utente: