Il pacco è arrivato due giorni dopo. Avevo promesso ad Elisa che avrei aspettato che tornasse a casa prima di aprirlo ma, come un prima di Natale, ero impaziente.


Ci ho girato intorno, l’ho raccolto, mi sono meravigliato di quanto pesasse poco il pacco nonostante il peso dell’aspettativa che ci avevo messo sopra, l’ho stretto cercando di immaginare cosa ci fosse dentro. Stavo rigirando il pacco tra le mani valutando se danneggiare ‘accidentalmente’ l’involucro quando Elisa è entrata dalla porta.


“È quello?” mi chiese, mentre me lo strappava di mano.


“Credo di si.”


Se lo rigirò tra le mani ispezionandolo. “Non l’hai aperto, vero?”


“No. Ti avevo promesso che non l’avrei fatto, vero?”


“Grazie papà, voglio che sia una sorpresa.”


Ho alzato le spalle imbronciato accettando.


“Dai papà, sai che l’attesa renderà tutto migliore.”


“Sì, supponiamo di sì. Quando saranno qui la prossima volta, domani?”


“Sì, ma solo per un paio d’ore, quindi dovrai aspettare fino a sabato, allora saranno qui tutto il giorno.”


“Cosa! Cazzo! No Elisa, per favore.” Supplicai debolmente.


Ma si è limitata a ridere della mia impazienza mentre mi prendeva il pacco e scompariva di sopra.


“Le cose migliori arrivano a chi sa aspettare.” Disse sfacciatamente, mentre girava l’angolo.


Andai nel mio studio di pessimo umore e mi versai un whisky come consolazione. Dopo circa un’ora mi ero addolcito un po’ ed il mio terzo whisky mi aveva fatto vibrare piacevolmente quando il mio telefono squillò con un messaggio.


“Wow papà, sono fantastici.”


“Fantastico.” Risposi, la mia ira raggiunse l’apice per il ricordo di ciò che avrei già potuto vedere.


“Non vedo l’ora che tu veda che aspetto hanno.”


“Neanche io.”


“Dico sul serio, non vedo l’ora.”


Il mio cuore sussultò all’accenno di un’anteprima.


“Va bene? A cosa stai pensando?”


“Vai in piscina, arrivo in pochi minuti. Puoi dirmi se ti piace e se lo tengo.”


Se dicessi che non ero eccitato dall’idea, sarebbe una bugia, ma c’erano anche molte altre emozioni nel mix. Ansia, una buona dose di paura, senso di colpa per aver spinto mia figlia a cercare quei costumi. Ma nessuna di quelle emozioni contrastanti era abbastanza potente da impedirmi di prendere il mio whisky e andare in piscina.


Ero lì da circa cinque minuti.


“Sei pronto papà, sei in piscina?”


Ho bevuto un ultimo sorso di whisky prima di gridare di rimando: “Sono qui.”


È uscita a bordo piscina avvolta nell’accappatoio bianco che le avevo comprato e mi ha rivolto un ampio sorriso.


“Sei pronto papà?”


Nonostante tutta la sua spavalderia, conoscevo la mia abbastanza bene da vedere il nervosismo nei suoi occhi e sentire la paura nella sua voce. Stava per mostrarsi in un abbigliamento sexy come non mai, un brivido di eccitazione mi percorse la schiena.


“Sono nato pronto, piccola.” Dissi alla fine con un sorriso e una sicurezza che la situazione non meritava.


Si sfilò l’abito dalle spalle e lo lasciò cadere ai suoi piedi.


Fanculo!


Avevo passato giorni a immaginare come sarebbero state le ragazze. Passato giorni a fantasticare su cosa avrebbero mostrato, su quanto sarebbero state meravigliose, su cosa sarebbe successo dopo e dove avrebbe potuto portare ma, per quanto spettacolari e vivide fossero quelle immagini immaginate, non erano niente in confronto alla cosa reale.


Il costume da bagno intero con spalle scoperte era quasi completamente trasparente, nient’altro che puro materiale pregiato, così delicato, così bello, così trasparente. Nella luce della sera, i cristalli luccicavano, con l’effetto di mettere a fuoco la realtà. Tonalità tenui e toni di rosso, oro e ambra le conferivano un’aura simile a una specie di dea e, quando la mia bocca si spalancò, lei gettò indietro i capelli in modo che nulla mi rovinasse la vista.


I cristalli erano disposti in un’esplosione di stelle centrata appena sopra il suo sesso, irradiando il loro calore sensuale attraverso il suo corpo. Sottili fili di cristalli erano strettamente intrecciati nel materiale trasparente. Sembravano accarezzarsi attraverso di lei, attraverso il suo addome, la sua pancia, il suo petto, i suoi seni. Quasi come tendini sensuali che collegano tutto il suo essere e lo collegano alla sua figa.


Ho colto tutto, completamente. La sua bellezza, la sua sensualità, il suo nervosismo, la sua vulnerabilità, la sua magnificenza, la sua giovinezza.


“Beh, dì qualcosa.” Supplicò, aspettando la mia risposta.


Scossi la testa lentamente, incredulo, la bocca ancora spalancata.


“Solo… solo…. cazzo…” Sussurrai debolmente, non ancora in grado di formulare un pensiero coerente per non parlare di una frase sensata.


Lentamente si è girata in modo che potessi gustare tutto. Le sue tette strette da adolescente, i suoi capezzoli appuntiti, il suo ventre piatto, i suoi fianchi morbidamente arrotondati e il suo sedere gloriosamente arrotondato. Poi si voltò verso di me ed i miei occhi si concentrarono sulla sua figa. 


La sua vulva era così liscia, solo una semplice piega deliziosa nella sua pelle impeccabile, le sue labbra interne appena visibili sotto. Mi sentivo la bocca secca mentre guardavo la fica di mia figlia e istintivamente mi leccai le labbra.


Quando ha parlato dopo, la sua voce era venata di umorismo, cercando di scherzare su questo per allentare un po’ la tensione. “Oh papà, a cosa stavi pensando?” Mi chiese.


I miei occhi andarono nei suoi supplicandola di interrompere questo gioco, o almeno di prenderlo più lentamente in modo che potessi acclimatarmi, ma allo stesso tempo rivelarono la profondità delle mie passioni.


La mia reazione sembrava incoraggiarla e all’improvviso stava camminando verso di me con un impeto e una sicurezza che non c’erano un momento fa. È venuta e si è avvicinata così tanto che potevo sentire il suo calore.


“Una buona scelta papà? Ti piace?”


I miei occhi sono andati sul bellissimo viso angelico di mia figlia, i suoi occhi brillavano di eccitazione ma c’era anche una calma, una calma che io di certo non provavo. Lentamente il mio sguardo si abbassò, il suo collo arrossato, i suoi piccoli seni, i suoi capezzoli rosei e rigidi, il suo ombelico teso, la sua figa perfetta, osservai tutto. L’ho gustata tutta.


Mia figlia era così vicina che potevo sentire la sua presenza, sentire il suo respiro, sentire il suo profumo. Così vicina, mostrandosi, volendo che la guardassi, volendo che la vedessi per la bellissima giovane donna che era.


“Allora papà, cosa ne pensi?”


Trattenne il respiro in attesa della mia risposta.


“Bello!” Sussurrai. “Semplicemente bello.”


“Grazie papà.”


L’ho guardata avidamente e lei a sua volta mi ha guardato, valutando attentamente ogni mia reazione. Il nostro studio silenzioso l’uno dell’altro è stato interrotto solo dai nostri profondi respiri lussuriosi.


Mi prese la mano e la mise sul suo fianco e la tenne lì.


“Tocca com’è liscio.”


Lentamente ho accarezzato il materiale liscio come il raso, dall’alto della sua cassa toracica, al fondo del suo osso iliaco, poi lei si è girata lentamente, la mia mano scivolava sulla sua schiena, le sue costole, fermandosi sul suo ombelico.


“Papà, hai sentito com’è vellutato?”


Le sue parole hanno innescato qualcosa di involontario e i miei occhi sono caduti a fissare la sua giovane figa.


“Così lisc…” Sussurrai sognante.


Ridacchiò, diminuendo ulteriormente la tensione che si era accumulata negli ultimi minuti.


“Ehi sfacciato, stavo parlando del costume da bagno.”


Mi pizzicò il mento e sollevò il mio viso verso il suo.


Le sue sopracciglia si sollevarono interrogativamente. “Allora papà, lo tengo?”


Ogni fibra paterna del mio essere urlava: “Dì di no. Per favore, abbi la forza di dire di no.” Ma non l’ho fatto.


“Sì.” Dissi mentre annuivo. “Se lo vuoi, è tuo. Ti sta benissimo.”


Sorrise, si sporse verso di me e mi baciò. Non un bacio a bocca aperta, ma le sue labbra sulle mie rimasero premute a lungo.


Mentre interrompeva il bacio, appoggiò la sua guancia contro la mia, potevo sentire il suo respiro sul mio orecchio. Sussurrò: “Grazie papà, non te ne pentirai.”


Detto questo, si girò sui talloni e scomparve in casa lasciandomi la sensazione che il mio cuore stesse per esplodere.


Ci è voluta un’eternità prima che arrivasse il fine settimana e venerdì sera ero più teso della molla di un orologio. Avevo passato gli ultimi due giorni a oscillare come un pendolo tra l’ebollizione della lussuria all’idea che avrei potuto vedere le ragazze con i loro nuovi vestiti, e un padre pieno di rimorso che sapeva che l’attuale direzione del viaggio avrebbe portato a una situazione molto rischiosa.


Il mio cazzo era stato così duro quella sera che ho pensato che potesse davvero esplodere e sono rimasto rigido per un’ora dopo che Elisa se n’era andata. Ogni volta che immaginavo che aspetto avesse, il mio cazzo sussultava in segno di approvazione.


Non mi masturbavo da due giorni e questo era raro per me data la stimolazione che ricevevo dall’avere intorno le ragazze. Avevo provato a farmi venire, o almeno iniziato, ma ogni volta che afferravo il mio cazzo l’immagine di Elisa che si mostrava, l’immagine di quell’accappatoio che cadeva sul pavimento, l’immagine di lei che si pavoneggiava verso di me, si faceva strada nella mia fantasia. Ho fatto tutto il possibile per cercare di immaginare le altre due ragazze, ma, per quanto ci provassi, non potevo, era sempre Elisa ad apparire nella mia testa.


Ero consapevole di non poter contare su mia figlia che presto sarebbe andata via a studiare, che avrei dovuto investire sul futuro e pensare più alle sue amiche, ma quello che c’è tra noi è sempre stato più forte.


Ero anche rimasto lontano dal mio computer, ogni volta che mi avvicinavo mi ritrovavo a tornare al sito dove avevamo comprato i costumi da bagno e poi su alcuni dei miei ritrovi virtuali più esotici. Sapevo che se non fossi rimasto distante, non sarei stato in grado di resistere alla tentazione di tirare fuori l’uccello. Era particolarmente importante che non mi costringessi a venire quel giorno, era venerdì, e venerdì è la vigilia di sabato e volevo che le mie palle fossero piene.


Mi ero appena sistemato sul divano e non vedevo l’ora di guardare qualcosa in tv quando ho sentito Elisa scendere le scale.


“Vuoi unirti a me?” Ho chiesto senza guardare.


“Cosa stai guardando?”


“Non sono ancora sicuro, ma puoi aiutarmi…”


L’ho guardata e ho perso la voce. Era in fondo alle scale con indosso lo stesso accappatoio di due sere fa. Sapevo cosa c’era sotto.


Le rivolsi uno sguardo interrogativo. “Elisa, cosa stai facendo?”


“Ci sono un paio di cose che dobbiamo sistemare per domani.”


“Tipo cosa?”


Si slegò la cintura, si strinse nelle spalle e lasciò che l’abito le scivolasse via dalla schiena mostrando il suo corpo glorioso, seminudo e luccicante.


“Quindi, per prima cosa, devi abituarti a vedermi vestita così. Non possiamo permetterci che tu ti congeli e ti agiti come l’altra sera. Dobbiamo mantenerlo il più normale e naturale possibile.”


Ho fatto del mio meglio per rallentare il battito del mio cuore. 


“Va bene.” Riuscii a dire.


Ha camminato verso di me con un’andatura da passerella, i piedi incrociati davanti a lei, i fianchi che oscillavano in modo sensuale. Si fermò a pochi passi da me, si girò sul posto e finì con le mani sui fianchi.


Quando poi parlò, la sua voce esigeva obbedienza, sembrava quasi una maestra. “Quindi guarda bene e abituati.”


Ho represso il desiderio di gemere ad alta voce e ho annuito mentre esaminavo il suo corpo stretto da adolescente.


La sua stessa eccitazione era chiaramente visibile mentre i suoi capezzoli si tendevano contro il materiale fine del costume. Il mio sguardo si abbassò sul suo perfetto giovane sesso e questa volta non riuscii a trattenere il mio gemito.


Delusa scosse la testa e mi pizzicò il mento, sollevandomi il viso contro il suo.


“Papà, papà,” mi rimproverò, “non puoi gemere così quando ci vedi e non puoi passare tutto il giorno a fissare le nostre fiche.”


“Elisa! Ti prego! Non usare quella parola.” La supplicai.


“Ti offende?” Ha chiesto.


“No, no, non è quello, è…”


“Ti eccita?”


“Sì.” Ammisi con riluttanza.


“Okay papà,” continuò con la sua migliore voce da maestra della scuola, “non devi passare tutto il giorno a gemere e a fissare le nostre fighe. Se lo fai, le farai sentire a disagio e abbiamo bisogno che loro siano rilassate perché possa filare liscio. Lo capisci?”


“Sì.” Risposi, cercando di nascondere al meglio le mie passioni.


“Sei sicuro? Siamo a posto?”


“Si, lo prometto.”


Un sorriso comparì all’angolo delle sue labbra e i suoi occhi si strinsero mentre strascicava: “Allora papà, solo così so che capisci, cosa hai appena promesso di fare?”


Sorrisi di rimando e come uno scolaretto birichino dissi: “Ho promesso di non passare tutto il giorno a fissare le loro fiche.”


Il suo sorriso esplose in una smorfia e in un attacco di risatine e lei mi scompigliò scherzosamente i capelli.


“Bravo ragazzo,” disse mentre si lasciava cadere sul divano accanto a me, “c’è ancora speranza per te.”


Fece un respiro profondo prima di parlare.


“E questo ci porta alla seconda cosa per cui ho bisogno del tuo aiuto.”


“Cos’altro bimba?”


“Ho bisogno di sapere cosa ti piace.”


“Cosa intendi?”


Inclinò la testa verso l’iPad.


“Voglio che tu mi mostri cosa ti piace, cosa vuoi che Viola e Camilla facciano per te. So che sei perverso papà, ho visto alcuni dei video che ti piacciono, quindi immagino che vada oltre il semplice sesso.”


“Il sesso andrebbe bene, però.” Dissi, cercando di scherzare su quello che stava per succedere.


“Papà, è praticamente un dato di fatto a questo punto, entrambe hanno una cotta per te e ce l’hanno da anni, hanno solo bisogno di aiuto per fare la prima mossa. Sto parlando delle tue fantasie. Cosa ti eccita davvero. Io voglio vedere cosa guarderesti quando ti senti davvero stravagante”.


Ho deglutito. “Elisa, non sono sicuro di poterlo fare.”


“Perché?”


“Beh… io… non sono sicuro. Non so se voglio che tu conosca tutto quel lato di me. C’è molto più di quanto abbiamo fatto insieme, sai?”


Roteò gli occhi sprezzante. “Papà, riesci a vedere le mie tette?”


I miei occhi caddero sul suo petto e deglutii facendo un cenno del capo.


Per enfatizzare il suo punto di vista, prese a coppa i suoi piccoli seni e li spinse verso di me. “Riesci a vedere i miei capezzoli?”


Ho annuito di nuovo.


“Vedi quanto sono duri? Diventano duri solo quando fa freddo o io sono eccitata e non fa freddo qui papà, vero?”


Di nuovo nient’altro che uno stupido scuotimento della testa.


“E prima, hai visto bene la mia figa? Puoi immaginarti quanto sia bagnata in questo momento?”


Deglutii con riluttanza. “Sì”.


“Bene, allora, dimmi di nuovo quanto sei nervoso all’idea di condividere con me. Dimmi come, quello che ti sto chiedendo di fare sia più difficile di quello che sto progettando adesso: condividere mio padre con le mie amiche.”


Non avevo più argomenti, sono stato battuto e con riluttanza ho preso l’iPad. Sembrava soddisfatta di se stessa e si rannicchiò vicino, appoggiando con soddisfazione la testa sulla mia spalla e la sua mano sulla mia coscia. Ho fatto clic sulla mia cartella dei preferiti e me ne sono pentito all’istante poiché i titoli autoesplicativi hanno rivelato le profondità della mia depravazione.


Quando parlò in seguito, la sua voce era sfumata con un accenno di eccitazione. Per lei, questo è stato molto più di una semplice gita esplorativa. Stava per guardare un porno con suo padre e potevo dire che era eccitata dall’idea.


“Quindi quale vuoi mostrarmi per prima?” Chiese.


“Nessuno.” Risposi un po’ imbronciato.


Sbuffò esasperata. “Ok, quale mi mostrerai per primo?”


Ho scansionato di nuovo i titoli, cercando disperatamente un video con giochi di piscio lesbico soft-core; non ce n’era uno. Con rassegnazione ho cliccato sul primo della lista.


Non ci è voluto molto prima che le due giovani donne sullo schermo si pisciassero l’una sui corpi nudi dell’altra. Il mio cuore batteva forte e i miei respiri erano profondi e aspri, con la testa di Elisa premuta così vicino al mio petto che sapevo che poteva sentirlo.


“Allora cosa ti piace di questo papà?” Sussurrò, la sua stessa eccitazione evidente nel tremolio della sua voce.


“Beh… è… sono… lesbiche e beh, si stanno pisciando addosso.”


“Mmmm, ok,” rifletté, “ma ci sono un sacco di video di piscio lesbico. Come mai questo si è fatto strada tra i tuoi preferiti.”


Deglutii ed esitai di nuovo mentre lottavo per rivelare l’esatta natura delle mie perversioni.


Diede alla mia coscia una stretta rassicurante.


“Dai papà, puoi dirmi qualsiasi cosa.” 


Ho fatto un respiro profondo.


“Mi piace l’attrice alta, adoro quanto sia magra, quanto siano piccole le sue tette e quanto sia liscia la sua figa.”


“Quanto è giovane?”


“Sì,” sussurrai in risposta, la mia voce appena udibile, “non è così giovane come sembra, questi video sono legali, ma sì, mi piace quanto sembra giovane.”


“Sembra a malapena maggiorenne. Cosa ne pensi, sui diciotto anni?”


Annuii in risposta.


“La mia stessa età allora?”


Annuii di nuovo, rifiutandomi di ammettere a me stesso le implicazioni di quello che aveva appena detto.


“E penso che mi assomigli un po’, vero papà?” sussurrò Elisa.


“Sì” Sussurrai di rimando.


“Cos’altro ti piace di questo video?”


“Mi piace come possono pisciare in modo naturale.”


“Cosa intendi?”


“In alcuni video, puoi vedere che lo fanno forzatamente, dà l’impressione che si stiano costringendo a fare qualcosa che non gli piace. Rovina un po’ tutto”.


“Wow! Sei molto attento ai dettagli.”


Riuscii a tossire una piccola risata. “Sono sempre stato ossessionato dai dettagli, lo sai. E in queste cose i dettagli contano.”


Annuì saggiamente, apparentemente prendendo appunti mentali mentre parlavamo.


“Fammi vedere cos’altro ti piace.”


Elisa non era scappata urlando disgustata che suo padre era uno schifoso pervertito e quindi stavo già iniziando a sentirmi un po’ più a mio agio con quello che stavamo facendo. In effetti, era più che sentirsi a proprio agio. La quasi nudità di Elisa, il suo calore, la sua volontà di parlare così apertamente dei miei capricci, stavano insieme iniziando ad avere un effetto profondo ed ero davvero entusiasta di vedere la sua reazione al video successivo.


“Sono un po’ più prosperose del video precedente?” Elisa ha sottolineato quando è iniziato e le ragazze sono apparse per la prima volta.


“Sì, in effetti.”


“Ti piace anche quello, le tette grosse?”


“Non proprio”, ho ammesso, “ma non è il loro aspetto che mi eccita così tanto per questo video.”


“Quindi cos’è?”


“Ti mostrerò.”


Ho fatto scorrere in avanti fino al segno dei trenta minuti e ho premuto play.


“Un sessantanove lesbo?” Chiese. “Bello, ma sembra un po’ troppo classico per i tuoi gusti?”


“Guarda.”


Le due donne sullo schermo erano in un appassionato sessantanove, le lingue affondate l’una nella fica dell’altra, i volti coperti l’uno dall’umidità dell’altra, il trucco sbavato, i capelli bagnati. Poi, senza interrompere il ritmo, cominciarono a pisciarsi in faccia ed in bocca.


Il basso gemito gutturale che proveniva da Elisa mi colse completamente di sorpresa.


“Oh cazzo! Quanto è porco!”


“Lo so,” Ringhiai di rimando.


Abbiamo guardato per qualche altro secondo e poi mi sono spostato per scegliere un altro video.


“No papà,” disse Elisa così dolcemente, quasi sognante, “lascialo continuare per un po’.”


Nessuno di noi disse altro mentre guardavamo in silenzio mentre le due lesbiche ricoperte di piscio si mangiavano la fica a vicenda con gusto, ingoiando quello che potevano, sputando il resto.


Ero profondamente consapevole di quanto fosse duro il mio cazzo. A questo punto, normalmente sarei solo nella mia stanza, cazzo in mano, sul punto di venire. Invece, stavo guardando un porno lesbico sul divano con il corpo seminudo di mia figlia adolescente premuto contro il mio. Ero anche consapevole di quanto fosse eccitata Elisa, potevo sentire i suoi respiri profondi mentre si accoccolava a me. Tutto questo ha versato benzina sul fuoco della mia lussuria che stava bruciando ferocemente.


Improvvisamente e con grazia Elisa è scivolata via da me e si è alzata, ho subito perso il suo calore. Attraversò trotterellando la stanza e tornò con un leggero plaid. Me lo gettò in grembo, si arrampicò sotto di esso e si rannicchiò di nuovo al mio fianco, avvolgendo il suo braccio attorno al mio.


“Ricomincia questa scena papà.” Sussurrò, stringendomi il braccio.


Ho fatto scorrere indietro e ho premuto play e il suo respiro si è bloccato mentre le due attrici si intrecciavano in uno stretto sessantanove.


Abbiamo guardato insieme mentre la scena si svolgeva di nuovo. Mi è piaciuta la produzione di questa serie di video, non c’era musica, nessun gemito falso ed esagerato che rovina così tanti video, dava un senso di realismo e significava che si potevano sentire i veri suoni del sesso. Lingue umide schiaffeggiarono contro fiche bagnate, piccoli brividi e gemiti mentre si sfregavano a vicenda, respiri profondi mentre ondate di beatitudine ed eccitazione si increspavano attraverso di loro.


Poi, all’improvviso, mi resi conto che lo schermo non era l’unica fonte dei suoni di eccitazione. Ho abbassato lo sguardo su Elisa e ho potuto vedere piccoli movimenti rapidi sotto il plaid ed ho capito subito che si stava masturbando. Tornai allo schermo, ma non riuscii a trattenermi dal rubare sguardi indiscreti mentre il suo respiro si faceva più profondo e la velocità e la potenza dei suoi movimenti aumentavano.


Quando le attrici hanno ricominciato a pisciare, lei ha gemuto sottovoce: “Oh cazzo, guarda che roba.”


L’ho sentita tesa e mi ha stretto forte il braccio mentre un grido strozzato si faceva strada tra le sue labbra, “Mhhhh, cazzo”. Gridò mentre il suo orgasmo la squarciava.


Si è aggrappata a me mentre il potere della sua liberazione si schiantava dentro di lei. I suoi piccoli singhiozzanti respiri strozzati corrispondevano al tempismo dei suoi brividi orgasmici. Poi sollevò il viso verso il mio in modo da essere a pochi centimetri di distanza, i suoi occhi si girarono all’indietro e si morse il labbro inferiore per sopprimere altri suoni. Stava ancora emettendo piccoli suoni piagnucolosi mentre lo tsunami del suo orgasmo si trasformava in onde più dolci che lambivano il suo nucleo, e attraverso i suoi occhi, mi meravigliai della sua bellissima anima. Guardare quelle pozze di lussuria mentre il suo orgasmo si placava era forse la cosa più erotica che avessi mai visto e il mio cuore quasi scoppiava per un misto di passione e amore.


Aprì gli occhi e si concentrò sui miei e mi rivolse un debole sorriso di scuse. Nel suo bagliore post-orgasmico, sembrava più adorabile che mai ed era tutto quello che potevo fare per non baciare le sue labbra piene e imbronciate, ma non l’ho fatto. Mi sono accontentato di abbracciarla vicino a me per farle sapere che stavamo bene, e lei si è addolcita accettando il mio abbraccio.


Ci siamo tenuti vicini per qualche istante prima che lei sussurrasse.


“Scusa papà. Solo che non potevo farne a meno.”


“Non essere sciocca,” dissi, stringendola a sé, “è una cosa naturale da fare quando siamo eccitati.”


“Sei venuto?” Lei chiese.


“No.”


“Perché?”


“Non ne sono sicuro.”


Fece un cenno verso l’iPad. “Metti qualcos’altro per noi.”


Sapevo esattamente il video che volevo riprodurre e ho cercato The Taste of Panties. Vedeva coinvolte due bellissime giovani donne con un sacco di pisciate e leccate di mutandine.


Non appena è iniziata la scena di apertura, ho visto la copertina muoversi mentre faceva scivolare le mani tra le gambe. Nemmeno io avevo bisogno di molto incoraggiamento e la mia mano scivolò nei pantaloncini. Ero già bagnato, la piega della mia coscia era scivolosa con il mio liquido pre seminale.


La ragazza sullo schermo si è sdraiata su un divano, si è sollevata la gonna e ha iniziato a gocciolare piscio attraverso le mutandine di pizzo bianco mentre la sua amica la guardava. Questo è stato il nostro spunto per iniziare.


I miei pantaloncini erano abbastanza larghi e sottili da potermi masturbare facilmente senza toglierli, quindi è quello che ho fatto. Alternando carezze e strette, ho iniziato a dare piacere al mio cazzo mentre Elisa ha fatto lo stesso con la sua figa. La carica erotica, sensuale e perversa accumulata fino a questo punto era come una fornace ruggente, non sarei durato a lungo.


Sullo schermo, la seconda ragazza stava ora baciando la fica della sua amica attraverso le mutandine zuppe di piscio mentre la prima continuava a pisciare.


“È uno dei tuoi preferiti papà, è per questo che l’hai messo adesso?”


“Sì.” Ammisi candidamente.


“È questo che vuoi che le ragazze facciano per te, pisciarsi le mutandine mentre le guardi?”


“Sì.” Ringhiai in risposta.


“Poi baciare le fiche dell’altra?” Ha continuato.


“Cazzo sì!”


“Papà, sto venendo” Sussurrò.


“Anche io.”


“Sborriamo insieme.” Implorò.


I nostri orgasmi ci hanno colpito entrambi all’unisono e il mio cazzo è esploso con una forza che pensavo potesse davvero romperlo e il mio schizzare è andato avanti più a lungo ed è stato più potente di quanto pensassi fosse possibile. Due giorni di astinenza, uniti all’erotismo di guardare il porno con la mia splendida giovane figlia, significavano che c’era molto da rilasciare. Cinque o sei potenti getti di sperma mi coprirono l’addome, la coscia e la mano.


Quando il potere iniziale dei nostri orgasmi si diradò, ci fondemmo senza parlare l’uno contro l’altro mentre riprendevamo fiato. Siamo rimasti lì per minuti, contenti di ciò che avevamo appena fatto senza parlarne davvero, contenti di condividere solo il momento. Ma mentre il mio ardore moriva, mentre lo sperma si inzuppava nei miei pantaloni e diventava scomodo, fui costretto a riconoscere che c’era qualcosa di diverso tra noi.


“Eli?”


“Sì papà?”


“Di cosa si tratta?”


“Sto cercando di farti scopare dalle mie amiche.”


“Mhh, ok, carino, ma intendevo tra noi?”


“Allora…” disse prima che la sua voce si spegnesse nel nulla.


“Vai piccola, puoi dirmi qualsiasi cosa.” Le ripetei, mentre le davo un abbraccio rassicurante.


Quando parlò di nuovo, la sua voce era densa di malinconia. “Prima che la mamma morisse, mi ha detto che, quando fossi stata abbastanza grande, avrei dovuto badare a te.”


“Non credo che avrebbe voluto dire questo però, vero?”


Lei scosse leggermente la testa. “No, ma non è qui per chiedere, vero?”


“No, non c’è piccola.”


“Quindi sta a noi interpretare cosa intendeva allora? Voglio dire, in questo momento la tua vita è piuttosto ordinata, non hai bisogno di molto, hai tutto quello che vuoi. Il nostro rapporto è diventato una cosa unica e meravigliosa, ma ben presto non ci sarò più io qui a darti quello che non ti può più dare la mamma. L’unica alternativa è che le mie amiche facciano un po’ di sesso bollente con te, e penso che sia qualcosa in cui credo di poter essere d’aiuto.”


“Forse, forse.” Borbottai malinconicamente.


“Comunque papà, non ti è piaciuto?”


“Sì, molto. Guardare questi video con te è stata probabilmente una delle esperienze più erotiche della mia vita.”


Questo sembrò alleggerire un po’ l’umore e lei si voltò verso di me con un mezzo sorriso che si stava formando.


“Bene, allora cosa ti turba?”


“Mi sembra tu mi stia tenendo a distanza. Siamo andati ben oltre in altre occasioni e, sebbene mi sia piaciuto molto, mi sembra strano limitarci.”


“Papà, anche a me è mancato fare di più, ma quando sarò lontano da casa sarà anche peggio, quindi meglio se ci iniziamo ad abituare, vero?”


“Mmm, forse.” Ho riflettuto di nuovo.


“E tu devi concentrarti su Viola e Camilla se non vuoi ridurti a farti soltanto seghe come questa sera. Lo prometti?”


“Vedremo signorina, ma tu rimani sempre la mia piccola, ok?”


“Okay papà.” Disse, mentre si rannicchiava soddisfatta contro il mio petto felice.


“Papà, un’altra cosa.”


“Sì piccola, che cosa c’è?”


“Ricorda quello che ho detto riguardo a domani, dobbiamo procedere con cautela. Per favore, non mandare tutto all’aria.”


“Ricordo signorina,” dissi in pieno stile scolaretto birichino, “non mi è permesso passare tutto il giorno a fissare le vostre fighe.”


Entrambi abbiamo riso forte mentre condividevamo un ultimo abbraccio.


 

Visualizzazioni: 7 607 Aggiunto: 1 anno fa Utente: