“Cinquantanove!” Gridai mentre toccavano il bordo della piscina, si sono voltate ed hanno dato una spinta di gambe verso l’altra sponda.


“L’ultimo. Andiamo!”


Ho visto Viola, Camilla ed Elisa spingere forte per l’ultima vasca. Tutt’e tre hanno nuotato con la grazia, la potenza e la velocità di un delfino, fianco a fianco, senza riconoscere che stavano effettivamente partecipando a una gara, pur continuando a nuotare come se lo fossero.


Mentre toccavano il traguardo, dichiarai l’ordine di arrivo in rapida successione: “Viola. Elisa. Camilla”.


Viola alzò le braccia in segno di vittoria mentre Camilla sbatteva le mani sull’acqua in un’esagerata dimostrazione di delusione.


“Non era comunque una gara.” Dichiarò indignata.


Aveva quasi ragione. Non era iniziata come una gara, solo una nuotata di prova, ma dopo cinquantacinque vasche, quando erano ancora testa a testa, era diventata rapidamente una cosa sola.


“Certo che no, Cami. Non lo è mai quando perdi, vero?” Dissi ridacchiando per il suo broncio.


Viola e Elisa risero abbondantemente mentre Camilla si spingeva verso l’estremità opposta della piscina, sbattendo le gambe e schizzandoci tutti e tre per vendetta.


Mi abbassai e aiutai le ragazze ancora ridacchianti a uscire dall’acqua mentre Camilla saliva la scala dall’altra parte. Si sono ritirate sui loro lettini e io sono andato al mio sul lato opposto della piscina. Ho preso il mio libro anche se non avevo intenzione di leggerlo. Ho ripiegato il libro sulle mie ginocchia e mi sono trascinato in attesa mentre guardavo Viola e Camilla, entrambe giovani donne straordinariamente belle, raccogliere i loro asciugamani.


La nostra danza era iniziata.


Avevano un aspetto molto diverso, ma entrambe trasudavano di un’energia sessuale e sensuale che era incredibilmente attraente.


Viola era di gran lunga la più magra delle due. Le sue lunghe gambe erano tonificate da anni di nuoto agonistico e aveva un delizioso spazio in cima alle cosce che accentuava la sua corporatura esile. La sua pancia era piatta da nuotatrice e questo ha portato la sua gabbia toracica ad essere prominente e la tette da adolescente a malapena sviluppate. La sua pelle era liscia e quasi bianca come la porcellana. I suoi lunghi capelli castani le ricadevano sotto le spalle e incorniciavano il suo viso giovanile, il broncio meraviglioso e i profondi occhi castani. Nonostante la sua evidente bellezza, aveva un aspetto leggermente fanciullesco, un viso a forma di mandorla, le sue labbra più carnose rispetto alla media ed il suo sedere piuttosto piatto.


Aveva una personalità che rasentava l’aggressività e l’avevo vista allontanare le persone. Era cresciuta in una casa con quattro fratelli, quindi sospettavo che avesse bisogno di quella capacità per sopravvivere. A scuola aveva una certa reputazione. Secondo le indiscrezioni, sarebbe stata lei la prima a perdere la verginità e quando era al liceo si diceva che avesse un debole per gli uomini più grandi e che avesse una relazione con uno degli insegnanti maschi. Ero ansioso di vedere se quelle voci erano vere.


Al contrario, Camilla sarebbe stata considerata formosa, non tonda, nessuna di loro poteva essere considerata abbondante, ma era sicuramente più prosperosa. Aveva occhi verdi, pelle liscia e olivastra e la sua mascella era graziosamente squadrata. Il suo naso era cosparso di lentiggini, aveva labbra carnose e morbide da baciare, seni pieni e sodi che si posavano alti e orgogliosi sul suo petto, un generoso sedere rotondo e una vita stretta. Sembrava che avesse un accenno di sudamericano da qualche parte nel suo patrimonio genetico.


Camilla aveva un equilibrio, un’eleganza e una freddezza che la facevano sembrare quasi distaccata e che si aggiungevano al suo fascino. Si comportava come se pensasse che tutti volessero scoparla e questo perché tutti quelli che l’hanno vista volevano scoparla. A scuola, dava l’idea che nessuno fosse abbastanza bravo, che fossero tutti in qualche modo al di sotto di lei e, per molti aspetti, aveva ragione.


Non era un caso che indossassero entrambi costumi molto simili. Il bikini di Camilla era verde, allacciato al centro con dei charms dorati sulle fasce intrecciate. Stile lussuoso per un prodotto Gucci. Esponeva la gloriosa valle dei suoi seni fin quasi ai bordi delle sue areole. I suoi slip erano alti sui fianchi ed erano stretti nei punti giusti, erano disegnati per mostrare la curva perfetta del suo culo e la splendida protuberanza della sua figa.


Quello di Viola era molto simile. I suoi minuscoli slip glicine del bikini erano tagliati alti e attillati, con la firma di Oysho sul retro, e il suo top abbinato le premeva a malapena le tette contro il petto con un fiocco.


Entrambi i loro completi sembravano costosi e questo perché lo erano. Erano troppo costosi perché li comprassero da sole e quindi glieli avevo regalati quando ognuna aveva compiuto diciotto anni. Dico “regalo”, ma quando un uomo compra a una giovane donna un bikini succinto da indossare mentre usano la sua piscina, è più una dichiarazione d’intenti che un regalo, e avevamo stabilito in anticipo quale fosse il mio intento.


Viola si stiracchiò e si passò le mani sopra la testa, spremendo l’acqua e raschiandosi i capelli scuri sulla nuca. La sua schiena arcuata e i suoi capelli stretti esageravano la sua forte forma atletica. Mi ha visto fissarla e ha sorriso calorosamente e si è voltata verso di me in modo che potessi vederla più facilmente. Con approvazione ricambiai il sorriso. Sollevò una gamba sul lettino e la asciugò con cura e deliberatamente. Partendo dalla caviglia, ha lisciato l’asciugamano lungo la sua pelle levigata finendo in alto sulla coscia con il bordo dell’asciugamano che le sfiorava la figa nel bikini. Mi voltò leggermente le spalle mentre si asciugava la pelle esposta delle natiche. Poi ripeté con l’altra gamba la stessa azione sensuale, solo più lenta, più deliberata, più erotica. Quando ebbe finito, sorrise di nuovo, si infilò gli occhiali da sole e scivolò dolcemente sul lettino. In un’ultima esibizione, ha fatto il gioco di mettersi comoda, scuotendo i capelli in modo che non le aderissero più al collo, aggiustandosi il costume da bagno in modo che si adattasse perfettamente al suo seno, aggiustando il cavallo delle mutandine in modo che non fosse più incastrato nella valle del suo culo. Ha sostenuto il mio sguardo mentre si sdraiava e incrociava le gambe alle caviglie, sapevamo entrambi che quello era lo spunto per guardare altrove.


Avevamo giocato a questo gioco molte volte e così, come un balletto ben provato, il mio sguardo si spostò su Camilla e quello fu il suo segnale.


La routine di asciugatura di Camilla era tanto erotica quanto quella di Viola. Stava completamente frontale con le gambe leggermente divaricate e sosteneva il mio sguardo. Ha mantenuto la posa per alcuni secondi per assicurarsi di avere tutta la mia attenzione prima di usare l’asciugamano per lisciarsi e asciugarsi. Ha iniziato con i suoi seni, abbassando le coppe fino ai bordi delle sue aureole prima di riempire quei morbidi giri di bellezza. Abbassò la cintura delle mutandine lungo i fianchi fino a nascondere la figa alla vista prima di passare alla pancia e alle gambe affusolate. Ogni colpo, ogni tocco ha attirato l’intensità del mio sguardo e, durante tutto il processo, ha sorriso in modo invitante, osservando ogni mia mossa.


Sapevano entrambe che stavo guardando, sapevano entrambe che mi eccitava avere i loro giovani corpi slanciati così vicini, questa era la danza ben provata che abbiamo eseguito tante volte e conoscevano bene la loro parte.


Avevamo questo accordo, un accordo do ut des reciprocamente vantaggioso, ma non detto, stava bene a tutti. Sapevano che mi piaceva guardare, sapevano che mi piacevano i loro spettacoli e sapevano che più tardi mi sarei divertito a pensare a loro. Sospettavo che apprezzassero l’eccitazione di mettersi in mostra davanti a un uomo più anziano, ma sapevo anche che non era quello il vantaggio principale per loro.


Ero nato e cresciuto nello stesso quartiere popolare di Viola e Camilla. Ma i miei genitori non erano il tipo di persone da lasciarmi intrappolare nella morsa della povertà che sembrava tenere tutti gli altri intorno a noi, e sono riusciti a farmi andare all’università dove ho conseguito una buona laurea in matematica.


Ero entrato in una società cittadina come analista di investimenti e per dieci anni ho fatto bene ai loro affari, ed anche ai miei. E quando dico bene, intendo molto bene, il bonus del mio ultimo anno era a sei cifre. Poi, in brevissima successione mia moglie Greta è morta, i miei genitori si sono ammalati e io mi sono stancato di Milano e così mi sono trasferito fuori città.


Ho comprato una cascina fatiscente alla periferia di Segrate, ho venduto la maggior parte del terreno e ho costruito una casa imponente. Avrò avuto circa trentacinque anni quando ci siamo trasferiti ed Elisa circa dieci.


Elisa amava Segrate, l’aria pulita, lo spazio aperto, la casa e la piscina, ma per me era importante che non crescesse viziata dai miei soldi. Quindi da quella giovane età, l’ho fatta lavorare per i suoi privilegi, niente di troppo impegnativo, solo alcune faccende leggere, ma abbastanza da farle sapere che devi lavorare per le cose che vuoi. Mi sono anche assicurato che andasse nelle scuole pubbliche, ed è lì che ha incontrato Viola e Camilla.


A quel tempo, tutt’e tre stavano nuotando a livello agonistico e quando hanno saputo che avevo una piscina hanno implorato Elisa di lasciargliela usare e io ero fin troppo felice di accettare. È stato un ottimo modo per lei di incontrare nuovi amici ed era ovvio dal primo incontro che Viola e Camilla erano ragazze popolari a scuola e ora, attraverso la loro amicizia, lo era anche Elisa.


In quei primi giorni, lo scambio era diverso, io mi prendevo cura di loro e loro si prendevano cura di Elisa e, di conseguenza, Elisa ebbe un’adolescenza fantastica. Aveva grandi amici, aveva la libertà del paesino, ma avevo chiarito a Camilla e Viola che avrebbero dovuto tenerla fuori dai guai e, per quanto ne sapevo, era così.


Per Viola e Camilla, era qualcosa di più che poter usare la piscina, hanno potuto provare i lussi che i miei soldi permettevano. Entrambe provenivano da case popolari in quartieri disagiati di Milano. Venivano da famiglie solide, buone famiglie davvero, simili alla mia quando ero giovane, ma erano circondate da droga, criminalità e squallore e sapevo che lo odiavano.


Viola ha avuto una vita particolarmente dura. Suo padre era morto quando lei era giovane e sua madre aveva lottato per allevare quattro ragazzi turbolenti e una ragazza. La sua vita familiare doveva essere caotica e non strutturata e sembrava permanentemente ombrosa, le ci volle un’eternità per rilassarsi intorno a me.


Invece Camilla era molto diversa e ha rapidamente adottato lo stile di vita consentito dalla mia ricchezza. Si è sempre sentita superiore agli altri bambini della zona e qui, a casa mia, nella mia piscina, ha finto che questa fosse la vita in cui era nata e che fosse la signora del maniero. Quel nervosismo iniziale di incontrare qualcuno di nuovo svanì molto rapidamente e lei si pavoneggiava intorno alla piscina con la sicurezza di qualcuno che sapeva di essere nel posto a cui apparteneva.


Quello che avevano in comune, però, era che entrambe si resero presto conto che più erano carine con me, più mi piaceva la loro compagnia e più mi piaceva la loro compagnia, più spesso sarebbero state invitate. Nel corso degli anni, quella gentilezza, quella cordialità, si è trasformata in un piccolo flirt ed è così che è iniziata la nostra intricata danza. Per Camilla in particolare era un flirt naturale, ogni uomo che passava del tempo con lei si sarebbe sentito allo stesso modo. Quando ti parlava, scuoteva i capelli, teneva il contatto visivo più a lungo di quanto ritenuto appropriato e rideva e ridacchiava in modo contagioso, anche alle mie terribili battute di papà. Per Viola era stato meno facile, ma sapeva quanto fosse attraente, conosceva il potere del suo fascino femminile e sapeva come usarlo per ottenere ciò che voleva.


Ed è per questo che ogni fine settimana, quasi tutte le sere e tutti i giorni durante le vacanze trascorrevano il loro tempo a casa mia, usando la mia piscina, mangiando il mio cibo e bevendo i miei alcolici, e dopo, dovevano tornare nei palazzi fatiscenti in cui entrambe vivevano.


Mentre ricordavo malinconicamente, i miei occhi si spostarono sulla mia bellissima Elisa. Era davvero la figlia di sua madre ed era diventata una bellissima donna e mi ricordava moltissimo l’aspetto di sua madre alla stessa età. Era una rosa nel pieno della sua bellezza. Capelli color rame leggermente ondulati che portava sciolti e fluttuanti sulle spalle. La sua pelle pallida sfumata con una punta di rosa la faceva sembrare permanentemente arrossata. Il suo corpo era sodo quanto gli altri, i suoi seni simili a mezze arance erano alti sul petto e, per quanto carina fosse Camilla, Elisa era ancora più carina.


Quando ha iniziato ad asciugarsi, mi sono ritrovato a guardare dall’altra parte. Naturalmente, non c’era alcun indizio che il gioco fatto con Camilla e Viola si sarebbe mai esteso ad Elisa ma, mentre i miei occhi si spostavano naturalmente su di lei, lei mi fece un sorriso d’intesa ma affettuoso. Ha alzato un sopracciglio interrogativo e in risposta, ho alzato le spalle e ho fatto un cenno verso le altre ragazze come per dire “è così che va”, lei ha annuito in risposta riconoscendo segretamente l’accordo.


Elisa sapeva tutto del gioco a cui giocavamo Viola, Camilla ed io e aveva dato abbastanza segni che non ci odiava per questo. In effetti, era vero il contrario e lei sembrava incoraggiarlo attivamente ad ogni turno. Le invitava a casa nostra ogni volta che se ne presentava l’opportunità e una volta che se ne erano andate parlava apertamente di quanto fossero attraenti entrambe. Sembrava che stesse cercando di avvicinarci di più per spingermi a vederle come qualcosa di più che semplici sue amiche, e non ho fatto nulla per dissuaderla.


Anche se in realtà non avevamo mai parlato delle dinamiche della nostra danza, tutti capivamo le aspettative. Sapevamo tutti che quando avessero compiuto diciotto anni, una volta donne, le cose sarebbero potute andare oltre a semplici sguardi furtivi e flirt adolescenziali. Era successo qualche mese fa e mentre questo aveva aumentato il livello del flirt di un paio di tacche, però nient’altro era cambiato.


Ma il cambiamento era decisamente in vista ed Elisa è stata il catalizzatore di quel cambiamento.


Tutt’e tre avevano terminato le lezioni a giugno. Viola e Camilla avevano ottenuto un lavoretto estivo ma, nel giro di poco, Elisa si sarebbe trasferita per studiare all’università, e questo avrebbe cambiato tutto. All’improvviso non ci sarebbe stato motivo per loro di essere qui, nessuna Elisa con cui stare, nessuna scusa per restare e flirtare con suo padre di mezza età e quindi, se tutto questo non doveva finire, qualcosa doveva cambiare, e rapidamente.


Al lavoro ero abituato ad analizzare rischi e ricompense e questa situazione non era diversa. Se non avessimo fatto nulla, il rischio ovvio era che tutto questo sarebbe finito e avrei perso la mia fonte di eccitazione e fantasia e invece avrei dovuto fare affidamento sulla masturbazione con i porno su internet. Per le ragazze, a parte quando Elisa fosse tornata dall’università, perderebbero i privilegi della piscina e trascorrerebbero il resto delle serate e dei fine settimana nei loro appartamenti fatiscenti con i problemi delle loro famiglie. Non credo che nessuno di noi sarebbe contento di questo scenario.


D’altra parte, con un po’ di gentile spintarella e un po’ di nutrimento, forse questa relazione potrebbe sbocciare e diventeremmo qualcosa di più di semplici partner civettuole in un ballo a bordo piscina. Ovviamente, questo significava che io facevo la prima mossa e questo rischiava di esporre la mia inclinazione per le giovani donne e la vergogna che ne sarebbe derivata. Un equilibrio complesso che mi teneva in forte indecisione ed ansia.


Ci stavo rimuginando da un paio di giorni e mi è venuta l’idea di segnalare le mie intenzioni comprando loro dei nuovo bikini, passando da sexy a decisamente spinti. Sembrava un approccio all’escalation a basso rischio, uno che mi dava una plausibile via di fuga se avessero reagito male. Voglio dire, potrei sempre fingere sorpresa e shock. “Oh, mi dispiace”, potrei dire, “non mi ero reso conto che mostrava i tuoi capezzoli quando li ho visti su internet”.


Così quella notte, dopo che Elisa era andata nella sua stanza, ho acceso il mio computer e ho cercato i bikini più sexy che potessi trovare. C’era una vasta gamma e mentre navigavo su alcuni siti incredibilmente erotici, ho iniziato a reagire mentre immaginavo come sarebbero state le ragazze indossandoli.


Dopo un po’ ho capito che avrei dovuto alleviare il mio bisogno crescente e prendermi cura del mio cazzo quasi dolorosamente gonfio. Mentre le giovani e attraenti donne sui siti di biancheria intima avevano fatto vibrare piacevolmente la mia libido, per sfogarla necessitavo di qualcosa in più. Io ho un gusto piuttosto esotico nel porno. Ho effettuato l’accesso a un sito settoriale, solo in abbonamento, specializzato in donne che si pisciano addosso a vicenda, che frequento piuttosto spesso, più di quanto vorrei ammettere.


Stavo distrattamente dando piacere al mio cazzo, sfogliando tra i siti di costumi da bagno e il piscio porno lesbico e quindi non ho sentito Elisa fino a quando non mi è stata quasi addosso. Appena in tempo, sono riuscito a nascondere il cazzo ma non sono riuscito a chiudere la pagina delle bellezze in bikini prima che lei entrasse.


“Ciao papà.” Disse allegramente.


“Ciao Elisa.” Risposi piuttosto nervosamente.


Attratta dal mare luminoso e dalla sabbia, si avvicinò allo schermo per vedere meglio. “Oooo Papà, cosa stai guardando?”


Non so cosa pensasse che stessi facendo, organizzando una vacanza o magari comprandole un regalo, ma non appena si è accorta di cosa stavo guardando, è calato un silenzio imbarazzato.


“Io ehm… io…” Borbottai mentre i miei occhi lampeggiavano tra lo schermo principale pieno di bellezze seminude e la scheda in alto di VIPissy, sperando oltre ogni speranza che non lo guardasse. Volevo disperatamente chiuderlo, ma sapevo che non c’era modo di farlo senza che apparisse sullo schermo e rivelasse il mio sporco segreto.


Lentamente i dubbi svanirono mentre si rendeva conto di cosa stavo facendo.


“Stai cercando un nuovo bikini per Camilla e Viola?”


“Ehm, sì.” Risposi, sottolineando la mia sorpresa che avesse indovinato e sperando che potesse soddisfare la sua curiosità e lasciarla andare.


Ho maledetto la mia sfortuna quando è successo l’esatto contrario e il suo interesse è aumentato e si è avvicinata per vedere meglio.


“Quali pensi di acquistare?” Chiese mentre scorreva la pagina.


“Ehm, questo per Viola”, dissi, mentre cliccavo sull’immagine di una minuscola cosa nera fatta di spago, “e questo blu per Camilla.”


“Mmm, davvero?” Rifletté.


“Cosa, non sei d’accordo?”


“No, non proprio,” disse mentre prendeva il mouse dalle mie mani e tornava alla cosa filamentosa nera, “guarda la modella ha un paio di tette enormi, ecco perché le sta così bene, e questa” fece clic su quello blu, “il blu non funzionerebbe proprio con il colore della pelle di Camilla.”


“Ehm, ok, cosa sceglieresti allora?”


“Beh, non questi, non starebbero comode con questi.”


“Non pensavo proprio alla comodità.” Risi, cercando di fare una battuta per nascondere il mio imbarazzo.


“So che non era quello lo scopo,” ammise categoricamente, come se questa fosse la conversazione più naturale del mondo, “ma loro devono sentirsi bene e questi non sono adatti, non per quelle due. Voglio dire, guardali, sono costumi da quindici euro ciascuno, riesci davvero a vederle mettersi a proprio agio in bikini economici dopo quello a cui sono abituate?”


Mi ha spinto di lato in modo sprezzante, ha fatto scivolare la sedia davanti al computer e ha iniziato a scorrere le varie immagini.


“Guarda, questo sarebbe molto meglio per Camilla.” Ha cliccato sull’immagine di una modella che indossa un bikini color rosa e azzurro all’uncinetto.


“Sì, è carino, ma non proprio quello che stavo cercando,” dissi, la delusione nella mia voce era evidente.


“Veramente?”


Ha ingrandito l’immagine e improvvisamente mi sono reso conto di quanto trapelasse dal materiale a maglia larga. “Camilla ha i capezzoli davvero scuri, si faranno vedere benissimo attraverso questo top, e” ha fatto scorrere fino alla parte inferiore dell’immagine e ha ingrandito la figa della modella, “questo slip non nasconde molto”.


Ha cliccato su un’altra immagine ed è apparsa una foto di una ragazza alta e magra con indosso un microkini color crema. Immaginare le ragazze in questi costumi mi provocò subito una forte erezione.


“E questo, questo è molto meglio per Viola. Vedi com’è stretto il tessuto, Viola ha uno spazio piuttosto ampio tra la parte superiore delle cosce, e questa sottile striscia di materiale probabilmente non lo riempirà. Sarà in grado solo di coprire la sua vagina ma non molto altro.”


Sentire mia figlia parlare in questo modo ha avuto un effetto inaspettatamente potente. Lo shock di essere stato quasi scoperto aveva rimpicciolito il mio ardore e il mio cazzo, ma il modo candido in cui discuteva dei loro sessi era incredibilmente erotico e sentii il mio corpo rispondere.


Tuttavia non si è fermata qui e ha continuato a sfogliare le altre immagini.


“Oh mio Dio, le persone osano davvero uscire indossando questi, guarda quello, puoi vedere quasi tutto.” Disse, mentre una delle fotografie più estreme si apriva sullo schermo.


“Non credo sia così, piccola, immagino che questi siano pensati per essere indossati in camera da letto.”


“Mmmm.” Mormorò sprezzante, praticamente ignorando la mia presenza.


Si stabilì in un ritmo costante, facendo clic su un’immagine, scansionando la modella che lo indossava e valutando se si sarebbe adattata o meno a Viola o Camilla, quindi aprendo una nuova scheda o chiudendola. E a volte si guardava dall’alto in basso come se immaginasse di indossare ciò che era sullo schermo.


All’improvviso ha smesso di fare clic e mi ha rivolto uno sguardo serio. “Papà, perché non lasci fare a me, lasciami scegliere. Così sarà una sorpresa anche per te.”


“Cosa? Vuoi scegliere i loro abiti per me?” Ho farfugliato.


“Sì, perché no, pensavo fosse quello che ti stavo aiutando a fare comunque. E ho scelto quelli di Gucci. Ti piacciono, vero?”


“Beh sì, ma…” La mia voce si spense.


“Niente ma allora, è deciso. Lascia fare a me e li ordinerò.” Disse mentre mi dava un ultimo colpo, spingendomi via dallo schermo.


Stavo affrontando un dilemma, l’idea che Elisa mi aiutasse a vestire le due ragazze mi ha davvero eccitato e volevo davvero lasciar correre. Ma non potevo alzarmi in piedi senza permettere ad Elisa di vedere l’erezione che mi tendeva i pantaloni, ma quello che mi spaventava più di ogni altra cosa era l’idea che potesse cliccare sulla linguetta in cima allo schermo e scoprire la vera natura della mia perversione.


Elisa ha percepito la mia esitazione e mi ha lanciato uno sguardo interrogativo. Ho dato un’occhiata al rigonfiamento nel mio inguine e i suoi occhi hanno seguito i miei.


“Padre!” Esclamò fintamente scioccata, le mani che si stringevano sulle guance. “Ti è venuto duro?”


Prima che potessi rispondere scoppiò a ridere.


“Sarei rimasta scioccata se non avessi avuto un’erezione, visto quello di cui abbiamo appena parlato.”


Le ho fatto un debole sorriso per farle sapere che ero grato per la sua comprensione, ma avevo ancora il problema della scheda VIPissy.


“Ok, ti ​​lascio scegliere a due condizioni.”


“Quali condizioni?”


“Per prima cosa voglio mantenere un certo controllo, quindi voglio avere l’ultima parola su quali acquistare. Puoi sceglierne tre per ciascuna di loro e poi io sceglierò tra quei tre.”


“Ok, va bene.” Disse con un cenno del capo. “E la seconda?”


“Devi chiudere gli occhi per trenta secondi.”


“Cosa? Perché?”


“Lo fai e basta, d’accordo?”


All’improvviso realizzò, i suoi occhi si accesero e tornò a guardare lo schermo.


“È così che puoi chiudere questa scheda?” Disse, mentre faceva clic sulla scheda che speravo non avesse visto.


Deglutii quando apparve l’immagine di una donna bionda. Era sdraiata sulla schiena mentre un’altra donna le pisciava sulle tette.


“Elisa, Elisa! Chiudila!” Esclamai, cercando di mantenere quanta più autorità possibile.


Non lo fece abbastanza velocemente per i miei gusti, quindi afferrai il mouse per riprendere il controllo. È stata troppo veloce e l’ha spostato prima che potessi raggiungerla.


“Papà, non farti prendere dal panico, stai tranquillo. Sapevo cosa avevi aperto prima che mi sedessi. E, ad essere onesti, ho perso il conto del numero di volte in cui sono andata a usare il computer o il tuo iPad e sono stata accolta con un’immagine come questa.”


“Oh dio no.” Gemetti. “Pensavo di essere stato più attento di così, mi dispiace tanto.”


“Papà, va tutto bene, davvero non è un problema.”


“Non ci credo, come potrebbe non esserlo.”


“Papà,” disse lei con una voce così calma che quasi mi scioccò, “tutti abbiamo i nostri capricci. Non sono certo gelosa per il nostro rapporto. Finché è con adulti consenzienti, non ci vedo niente di male. E tu?”


Ero incredulo che nella sua delicata innocenza potesse pensare così.


“Sei sicura? Non sei disgustata dal fatto che il tuo vecchio sia un pervertito?”


La sua risatina sciolse gran parte della tensione. “No papà, non sono affatto disgustata.” Ridacchiò, scuotendo la testa.


Io annuii e sorrisi, ancora una volta sorpreso ma grato per la sua comprensione. Il mio cuore si illuminò di amore e sollievo.


“Grazie.” Sussurrai.


Si voltò di nuovo verso lo schermo. “Allora… vuoi ancora che chiuda questa scheda o…” esitò un momento “potrei semplicemente premere play?”


Il mio cuore sussultò all’idea che mi avrebbe permesso di guardare questo video mentre eravamo insieme. Ha portato l’idea di accettazione e partecipazione a un livello del tutto inaspettato ma, per quanto intrigante e attraente potesse essere, non sono stato abbastanza coraggioso.


“No tesoro, spegnilo e basta, per favore.”


“Sei sicuro?”


“Sì, sono sicuro.” Dissi, cercando di nascondere i miei pensieri contrastanti.


Il suo sguardo era serio. “Vuoi vedere un po’ di quello nella vita reale,” fece un cenno verso l’immagine sullo schermo, “dalle mie amiche?”


In circostanze normali avrei mentito mordendomi la lingua, ma data l’onestà e l’accettazione che ci eravamo appena scambiati, non sembrava la cosa giusta da fare.


“Sì.” Dissi. Ho cercato di sembrare sicuro di me, ma le mie viscere si stavano agitando e temevo che tutto potesse andare a rotoli molto rapidamente.


“Mmm,” rifletté, “con me che andrò presto all’università, la tua unica alternativa per certi giochi sarà probabilmente con Camilla e Viola, quindi dobbiamo muoverci velocemente sai.”


Ero sbalordito e la mia mascella penzolava, senza controllo. Mi aiuterebbe davvero a realizzare la mia fantasia di far pisciare Viola e Camilla per me?


La mia testa vacillò all’idea e non ebbi altra risposta da mormorare, se non un a malapena coerente “Sì… ehm… ok.”


Diede un’ultima occhiata alla pagina web e poi chiuse la scheda prima di indicare la porta dell’ufficio. “Ok, vattene allora papà, ti farò un fischio quando avrò selezionato le tue opzioni.”


Mentre mi alzavo dalla sedia, ero abbastanza sicuro che stesse controllando il mio pacco, ma feci del mio meglio per ignorare i suoi sguardi furtivi.


Mi sono versato un whisky mentre aspettavo che mi richiamasse e ho riflettuto su quello che era appena successo. Ero ancora arrabbiato con me stesso per essere stato così negligente da permettere ad Elisa di vedere quel lato segreto di me ma, allo stesso tempo, ero contento che fosse uscito. E, mentre ora le possibilità di realizzare le mie fantasie erano molto più alte con l’aiuto di Elisa, è stato molto strano accettare l’aiuto di mia figlia per un’operazione così depravata. E cosa voleva dire ‘quando andrò all’università le tue uniche opzioni sono…’, intendeva forse che se non fosse andata all’università ci sarebbero state altre opzioni? Sarebbe stata lei a deliziarmi con giochi bagnati lesbo? O si riferiva semplicemente al nostro rapporto?


Era passata un’eternità ed ero alla mia seconda erezione prima che mi richiamasse.


“Ok papà, sono pronta, puoi entrare ora.” Disse attraverso la porta.


Il mio cuore saltò un paio di battiti e all’improvviso ero entusiasta di vedere la sua lista dei candidati. Mi sono seduto accanto a lei mentre si dimenava eccitata sulla sedia preparandosi a mostrarmi cosa aveva trovato.


“Adesso ti mostrerò prima due opzioni per ciascuna di loro.” Disse.


“Va bene.”


“Questo l’hai già visto, ma mi piace molto per Camilla”, ha detto mentre mostrava il set all’uncinetto, “da lontano sembra normale e classico, ma da vicino non nasconde quasi nulla. Le vedrai facilmente i capezzoli scuri attraverso l’ampia maglia e, per quanto riguarda lo slip,” fece scorrere fino alla fine della foto, “la maggior parte della sua figa sarebbe visibile. Cosa ne pensi?”


Non ero ancora del tutto a mio agio e deglutii per il candore della conversazione. Ho studiato attentamente l’immagine e Elisa aveva ragione, mentre l’angolazione dell’immagine non rivelava molto della figa della modella, era chiaro che da qualsiasi posizione normale non si sarebbe nascosta molto.


“Bello, mi piace molto”, dissi alla fine.


“Ok, bene, questa è la seconda opzione che ho trovato per Cami.”


Il secondo bikini era costituito da minuscoli triangoli di tessuto tenuti insieme da stringhe che coprivano i capezzoli e la figa della modella ma poco altro.


“È più simile a quello a cui stavo pensando.” Ammisi.


“Lo so, ma non credo che questo sia così rivelatore come il set all’uncinetto. I suoi capezzoli sono nascosti e anche la sua figa. So che gran parte del suo corpo sarebbe in mostra ma… beh… io solo non sono sicura che sia bello come l’altro. Comunque, tienili a mente, voglio mostrartene un paio che ho trovato per Viola.”


Detto questo, aprì un’altra scheda che mostrava una modella che indossava una minuscola cosa bianca.


“Mi è piaciuto questo, vedi come sono carini i piccoli triangoli sulle sue piccole tette, penso che starebbe benissimo su Viola, ma la cosa migliore sono le mutandine. Questa si chiama forma a goccia, vedi com’è più sottile la parte superiore rispetto a quella inferiore, è un’ottima forma per il suo spazio tra le cosce ed è regolabile.Il cavallo scorre lungo le stringhe in modo da poterlo rendere più spesso o più sottile a seconda di quanto vuoi mostrare, penso che se lo facesse scivolare tutto il dentro, i bordi della sua figa sarebbero sicuramente esposti.”


Ho preso fiato mentre riflettevo su quello che stava dicendo, un’ora fa l’idea che avrei potuto parlare a mia figlia dei capezzoli e dei sessi delle sue amiche mi avrebbe scioccato ma eccoci qui, a considerare quale di questi avrebbe mostrato di più.


“Ma penso che preferirai questo per Viola.”


Fece clic su un’altra scheda e mostrò l’immagine di una giovane donna che indossava un bikini celeste fatto di rete quasi trasparente. Rimasi senza fiato quando lo vidi e mi sporsi in avanti per controllare se i miei occhi mi stavano ingannando, ma no, non lo erano, questo era un bikini quasi completamente trasparente con tutto visibile attraverso il tessuto a rete trasparente.


“Cazzo, davvero?” Gemetti.


Elisa rise. “Immaginavo che ti sarebbe piaciuto questo.”


“Fottutamente fantastico, pensi che lo indosserà davvero?” Chiesi, continuando a fissare intensamente l’immagine sullo schermo mentre immaginavo quanto sarebbe stata bene Viola in questo.


“Oh, penso di sì,” rispose Elisa ridendo, “lei sa cosa c’è in gioco qui e, beh, dopo tutto stiamo parlando di Viola.”


Sbuffai una risata in risposta.


Gli occhi di Elisa si strinsero un po’ mentre considerava la sua prossima mossa.


“Ma questi in realtà non sono quelli che penso dovresti comprare.” Disse con la voce impastata dall’anticipazione.


“No perché?” Chiesi un po’ deluso.


“Perché penso che questi altri ti sembreranno migliori,” dichiarò mentre passava sopra un’altra scheda, “ma sono costosi, quindi devi fare un respiro profondo.”


Fece clic su un’altra scheda e mostrò una foto di tre donne che indossavano bikini che erano in qualche modo ancora più trasparenti di quello celeste che aveva appena mostrato. Il materiale era una maglia molto trasparente, color carne e sembrava avere un curioso luccichio. C’erano tre modelli tutti realizzati con lo stesso materiale, un pezzo unico, un due pezzi standard e uno senza spalline.


“Wow, come li hai scovati?” Sussultai.


“Perseveranza, immagino che ti piacciano?” Disse, contenta che le sue scelte avessero avuto l’effetto desiderato.


“Cazzo sì,” ansimai ancora incapace di comprendere appieno quello che stavo vedendo, “di cosa, di cosa sono fatti?”


“Beh, è ​​una specie di fine pizzo trasparente ma è ricoperto di cristalli Swarovski, forse sono fin troppo spinti, ma credo vadano bene, vero?”


“Sì, sì, sono i costumi da bagno più sexy che abbia mai visto. Quindi quanto costano?”


“Quattrocento euro a pezzo”


Ho emesso un fischio sommesso. “Wow, è costoso.”


“Non per te papà e comunque credo che ne valga la pena, vero?”


Le ho fatto un sorriso d’intesa, mi chiamava papà solo quando voleva qualcosa, quindi chiaramente li voleva, e saperlo me li faceva desiderare ancora di più.


“Direi che va bene piccola, sperperiamo i soldi. Quali pensi che dovremmo comprare?”


Passò il mouse sopra il due pezzi. “Penso che questo starebbe meglio su Viola.”


Poi spostò il puntatore sopra quello intero. “E penso che questo starebbe meglio su Cami.”


Quindi è arrivò col mouse sopra il pezzo senza spalline e poi prese fiato. “E penso che questo mi andrebbe bene.”


Le sue parole mi hanno colpito come un pugno, ero sbalordito, stordito, ammutolito e senza parole. Fissai lo schermo incapace di muovermi per quella che sembrò un’eternità. Non avevo problemi a immaginare Viola e Camilla indossare i bikini trasparenti e il mio cazzo ne era contento, ma l’idea che la mia bella Elisa potesse voler indossare lo stesso mi aveva messo in uno stato di shock. Tra noi c’era ben di più, ma questo significava che potrebbe portarlo anche fuori da casa.


“A cosa stai pensando papà?”


“Io… io… io… non lo so.” Balbettai, lottando ancora per sbloccare la mente.


“Me lo farai avere però, vero?”


“Io… io… forse.” Borbottai.


“Papà, dai, sii onesto. Se lo prendono loro, dovrei anch’io. Sono stanca di essere quella vestita come una vecchia signora. Voglio essere come le mie amiche, è importante per una ragazza della mia età, sai.”


Anche se il mio cervello era confuso, sapevo che questo non aveva niente a che fare con l’accordo, questo era puro ricatto emotivo.


“E…” continuò, “immagina come starei con quello.”


Immaginare come sarebbe stata mia figlia con quello aumentava ancor di più la mia eccitazione, ma non riuscivo a togliermi l’idea che potesse apparire in quel modo davanti ad altri ragazzi. Ho cercato di pensare che fosse solo da usare in piscina a casa, ma anche in quel caso le sue amiche potrebbero farsi domande su di noi. Non è comune che una ragazza vesta in quel modo davanti al padre.


“Elisa, non possiamo… non va bene. Se immaginassero…”


“Papà, secondo me è importante. Pensaci, Viola e Camilla saranno molto più disposte a indossarli se l’indosso anch’io.”


Certo, aveva ragione, ma continuavo a scuotere la testa sperando di poter dire ‘no’, ma proprio mentre la parola si stava formando, lo era anche l’immagine di lei che lo indossava e questo mi fece esitare.


Elisa ha percepito il mio conflitto. “Ti dico una cosa, non decidiamo ora. Ordinerò tutti e tre e possiamo decidere quando arrivano.”


Avevo razionalizzato che non ci stavamo ancora impegnando in nulla, ma nel mio cuore sapevo che questo era un passo molto significativo in una direzione molto inaspettata e annuii stupidamente in segno di accordo mentre li aggiungeva al carrello.

Visualizzazioni: 9 267 Aggiunto: 1 anno fa Utente: