Zia Carolina, Filomena e la bizzoca è santa Lucia 


Come promesso, la domenica successiva alla spadellata, zia Carolina, organizza l’incontro a tre fra lei, sua nipote Filomena e Giuditta, vecchia amica ex catechista e attuale bizzoca “pia donna" della chiesa di santa Lucia, chiesa frequentata da entrambe.


Giuditta detta Giudi, nonostante i suoi settant’anni suonati, è una donna molto caliente, alta all’incirca 1,65, V^ di reggiseno, figa ancor pelosa, capelli bianchi e un corpo ancora desiderabile.


Lei, dopo varie delusioni amorose e sessuali fra le quali, vi è anche una relazione con un monaco arrapato, decide di cambiare completamente orientamento e gusti sessuali, passando a desiderare ed amare una persona del suo stesso sesso; questa persona, è Carolina; la quale, soddisfa ed appaga tutte le sue voglie perverse e proibite.


Nella controra, prima di andare alla messa vespertina, le tre balde donne, si diedero appuntamento a casa di zia Carolina.


Zia Carolina: cara Donna Giuditta, ti presento mia nipote Filomena ess’ è à figlia è sorama Carmela, nà bella guagliona fresca, fresca! 


Donna Giuditta: piacere, Giuditta, ex catechista e attuale bizzoca d’à chies’ è santa Lucia!


Filomena: sono molto lieta di conoscervi, Donna Giuditta! Debbo dire che, nonostante l’età, siete una donna ancora piacente e desiderabile.


Donna Giuditta: ti ringrazio del complimento! Anche tu, sei una bellissima ragazza, tutta da esplorare!


Zia Carolina: primm’ è pazzià, pigliamm’c’ nù bellu cafè e ci mangiamo una bella sfogliatella preparata con le mie stesse mani!


Intanto, Filomena osservava le cosce ben fatte di Donna Giuditta; la quale, indossava una gonna corta al punto giusto, calze autoreggenti e una camicetta trasparente bianca! 


Donna Giuditta: che c’è Filomena, vedo che stai osservando le mie cosce, ti piacciono?


Filomena: avete delle cosce stupende, Donna Giuditta!


Zia Carolina: né Filumè, è vist’ c’ belli cosc’ ch’ ten’ ‘Onna Giuditta!?


Filomena: sì, à zì, ten’ proprie do belli cosc’ paffutell’, paffutell’!


Zia Carolina: jamm’ bell’, b’vimmc ò cafè, è magnam’c sta bella sfugliatell’ è po', c’ ni jamm’ ‘ngopp’ ò liet’ e c’ facimm’ nà bella scupat’ tott’ è tre! Oi né!


Dopo essersi sorbite il caffè alla napoletana “come tradizione comanda” e mangiata la sfogliatella casereccia preparata dalle sapienti mani di zia Carolina, MILF & Girl, si accomodarono al piano di sopra; dove la zia vogliosa, aveva preparato per l’occasione il lettone, con lenzuola in seta e guanciali rosso fuoco! 


Zia Carolina: ecco la mia camera da letto, apparecchiata di rosso, come la nostra passione; è jamm’ bell’ Onna Giudì! Accumieng a fa ò spugliarell’, facimm’l’ arrapà buon a sta guagliona!


Donna Giuditta: né Filumè, accumieng’  à guardà comm’ ‘Onna Giuditta “detta Giudi à catechista, te fa ò spugliarell’ alla napoletana! Né, t’ facc’ pur’ à moss’! Né nennè, guard’ è zizze, welà! Sono arrivate le zizzaiole! Sì, io e tua zia Carolina, siamo le tue zizzaiole!


Filomena: ù maronna mia, che corpo stupendo che avete, ‘onna Giudì! M' stat’ facenn’’mfonn’ rind’ è mutand’! Ahh! Sìì! Mò aarap’ è cosc’ e m’ spar’ nù bell’ dital’! Sì un bel ditalino a quattro dita! Ora mi ficco le dita nelle mutandine! Ahhhh! ‘onna Giudì! Mi sembrate Angela Luce! Ahhh! 


Mentre la Menina si stava sditalinando come una dannata guardando lo spettacolo di Donna Giuditta degno dei migliori locali notturni, zia Carolina, si preparava per recitare la parte de: “ò masculon’”, spogliandosi dinanzi allo specchio dell’armadio, dandosi una grattatina al figone ed infine legandosi il sex-toy nero al girovita, per poi scoparsi entrambe nipote e bizzoca!


Donna Giuditta: ch’ r’è, Filumè, t’ staie arrapann’!?


Filomena: sì, ‘Onna Giudì, mi state facendo arrapare, come una lurida! Mi sento la troietta del quartiere!  ho già sbrodato una volta!


Donna Giuditta: tranquilla, nènnè, mò t’ facc’ nà bella leccat’ è fregn’!


Filomena: sì, ‘Onna Giudì, vi prego, leccatemela, questa dannata fregna! Facitm' sburrà, come Dio comanda!


Donna Giuditta: sì, sì, arrivo subito! Anzi, facciamo un bel lesbo-sessantanove; così, godiamo entrambe!


Filomena: molto volentieri; ve la lecco con ardore, Donna Giuditta!


Filomena: ahh! Sìì!! Ficcate dentro quella lingua donna Giuditta! Ahhh!! Sìì! Mi sento una lercia troia-maiala! Ahhh! Stong' sburrann’ ‘natà vot’! Ahhh!! Uhhh!!! ‘Onna Giudì! Stong' squirtann’ sburr’ a funtanell’! Ahhhh!!! Siiii!! Sburr' comm’ à nà puttan’! Ohhhhh!!! 


Donna Giuditta: sì, anch’io sbrodo, come una puttana, ahhh!! Continua Filomè, continua! Ahhh! Sìì!! Adesso! Ecco, sìììì!!! 


Intanto, la zia vogliosa che guardava, segandosi col dildo: “ né guagliò, vi siete divertite!? Avete sburrato, comm’ doie puttan’?


Adesso, fate sbrodare pure me, pigliat’ ‘mocc’ stu cazz’ è gomm’! E succhiatelo, come un vero palo di carne! Né, c’ m’ttimm pur’ nù poc’ è panna ‘ngopp à capocchie’!


Filomena: agli ordini, zia! Anche Donna Giuditta annuì in cenno d’approvazione!


Dopo che glie lo ebbero succhiato e leccato a dovere ingoiando tutta la panna, zia Carolina, , ordinò alle due scrofe di  pecorinizzarsi, ficcandogli quell’enorme margiale nei rispettivi sfinteri “quello di Filomena, sverginato dalla zia maschiaccio”!


Zia Carolina: è jamm’ bell’, zoccole, mettevi a pecora che, vi scopo entrambe!


Filomena: sìì! Che bello, tutto in culo! Ahh! Sììì!! Sfondamelo tutto!


Donna Giuditta: anche a me, Carulì, anche a me! Tutto dentro, ahhhhh!! Ummm!! Tutt' rind’ ò cul’! Sburr', comm’ nà zoccola! Ahhhh!!! Ohhhh!! Maronn' r’ò Carmn! Ahhhhh!!! 


Zia Carolina: io sburro, comm’ nù masculon’! Ohhhhh!!! Che bella scupat!


Dopo essersi spompate alla grande, zia Carolina propose un brindisi finale indovinate come?


Con la limonata a cosce aperte!


Zia Carolina: ragazze, dopo questa bella lesbo scopata, voglio proporre un brindisi alla nuova arrivata! Prego, Donna Giuditta!


Finale 


 Donna Giuditta: Santa Lucia, santa Lucia, prduon tutt’ è peccat mie! 


San Giusepp’, sand’Ann’ è Marie, mettit’ ‘mbrisc l’anema mia! 


Zia Carolina:Nun ge sta a ser’,Nun ge sta a matin’, senz’ a Limunat’ a cosc’ apert’ è zi Carulin 


Sta Filumen’ è na guagliona fresc’ è bell’, abballam’ stà bella tarantell’!


E il pomeriggio di fuoco, si concluse con una bella tarantella napoletana.


Fine 


“Vincenzina Scordamazzo interpretata da Angela Luce ed Enrico Maria Salerno”. Sigla finale 


I personaggi e la trama del racconto 


sono inventati e pertanto, ogni riferimento alla realtà, è puramente casuale.


Citazioni 


Angela Luce, attrice e cantante 


Enrico Maria Salerno, attore 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Visualizzazioni: 12 925 Aggiunto: 1 anno fa Utente: