Carolina è un personaggio eduardiano e fermarsi da lei col solo intento di bere una gazzosa è riduttivo: “Addu Popo” si respira la vera aria della napoletanità di una volta e l’esperienza ti permette di calarti nell’atmosfera partenopea.


 Racconto ispirato al celeberrimo chiosco napoletano di Carolina Guerra dove si gusta una limonata speciale, la limonata a cosce aperte, appunto. 


I personaggi e la trama del racconto sono inventati. Per tanto, ogni riferimento alla realtà, è puramente casuale.


Mimmo L scrittore hard production 


Parte prima 


 


 


Filomena, è una ragazza di vent’anni napoletana, alta all’incirca 1,75 bionda, fisico longilineo, di professione: cassiera in un supermercato.


Essa, dopo aver passato la notte di Halloween in un locale dallo stile horror, pensa bene di aspettare l’alba a casa di zia Carolina; “che dista poche centinaia di metri dalla location”, sorella maggiore di sua madre, sessantenne, capelli grigi, un donnone alto all’incirca un metro e novanta, 8^ di reggiseno, coscione enormi e ben tornite ed infine figa pelosissima, zitellona per principio.


Essa, nasconde un segreto, ovvero quello di essere bisex, segreto che rivela a sua nipote; la quale, essendo un po' brilla ed avendo lo stomaco pieno per aver mangiato e bevuto molto, chiede alla zia, una limonata che solo lei, sa preparare; in quanto di tradizione acquafrescaia.


Filomena: ciao zia, sono di ritorno dalla festa di Halloween; a dire il vero sono un po' stanca ed ho lo stomaco pesante; e, non me la sento di arrivare fino a casa, potrei stare qui finché fa giorno?


Zia Carolina: certo! Puoi stare qui, tutto il tempo che vuoi! Come è andata la festa, ti sei divertita?


Filomena: certo, zia! È stata una festa fantastica! Ho mangiato e bevuto molto; e di conseguenza, mi sento un po' brilla ed ho lo stomaco sovraccarico! Posso chiederti una gentilezza, zia!?


Zia Carolina: dimmi pure, gioia!


Filomena: mi potresti preparare una bella limonata; cosi, vedo se riesco a digerire un po'?


Zia Carolina: d’accordo! Ora, la tua zietta, ti prepara una bella limonata a cosce aperte, come quella Addu Popò!


“Filomena, essendo un po' ubriaca, prese alla lettera ciò che aveva asserito sua zia; e si bevve il bicchierone della limonata, stravaccata sulla poltrona, con le cosce oscenamente aperte, suscitando le attenzioni morbose della sorella di sua madre!”


Zia Carolina: né, nennè! Chest' è à limunat’ à cosc’ apert’ è zì Carulin’!


Filomena: grazie, zia! Me la gusterò veramente stravaccata sulla poltrona a cosce aperte! Sai, mi sento tutta accalurata!


Zia Carolina: che r’è, Filumè, tien’ ò calor’!?


Filomena: sì, zia a dire il vero, mi sento un po' eccitata! Appena vado a letto, penso che mi dovrò sparare un bel ditalino! Ho la patonza tutta bagnata! E, nel locale, non ho trovato uno straccio di maschietto disposto a soddisfarmi!


Zia Carolina: ah, sei eccitata!? 


Filomena: sì, zia! Molto! Se ci fosse qui un bel maschio, gli salterei addosso immediatamente!


Zia Carolina: aggiù capit’! Che ne diresti se ci pensa tua zia a soddisfare queste tue voglie, a spegnere i bollori di femmina accalurata che, hai dentro di te!? Ti giuro che resterà un segreto fra noi due! Tu, sì nà bella guagliona, tien è cosc’ bell’ è m’ piac’ assaie!


Filomena rimase un po' esterrefatta dalla proposta della zia ed esclamò: “che stai dicendo, zia! Forse stanotte, ti sei ubriacata al posto mio!? A me, piacciono i maschietti!”


Zia Carolina: no! Nun stong’ ‘mbriac’, Filumè! Tu, m’ piac’! T'aggia cunfidà nù segret’!


Filomena: dimmi pure, zia! Son qui per ascoltarti! Quale segreto, mi vuoi confidare!?


Zia Carolina: ehm, sin da quando ero adolescente, oltre ad essere attratta dai maschi, mi piacevano anche è femn’, un orientamento sessuale che, non sono mai riuscita a superare col tempo; insomma, sono bisex! Per questa ragione, non mi sono sposata, cosa che è diventata una questione di principio. Però, m’arraccuman’, Filumè, chistu segret’ nu l’ea dicer’ a nisciun’! Nun ò sap’ nemmen’ mamma toia!


Filomena: tranquilla, zia; sarò una tomba, tutto ciò che mi hai confidato, rimarrà dentro di me!


Zia Carolina: allora, amò, l’accetti la mia proposta!? 


Filomena: sinceramente, mi sento un po' in imbarazzo, ci son rimasta male; e poi, un rapporto saffico, non l’ho mai provato!


Zia Carolina: è jamm’ Filumè! Nu t’ mettr’ scuorn’! Non mi fare spazientire! Ti prometto che rimarrà un segreto fra noi due e poi, c’ stà semb’ a primma vot’!


Filomena: ok, ti accontento! 


Zia Carolina, dapprima prese a baciare in bocca la nipote per poi spogliarla lentamente della sua camicetta nera e minigonna in pelle di egual colore, iniziando a succhiarle i capezzoli con voluttà e passione amorevole!


Zia Carolina: è jamm’ Filumè, damm’ stà vucchell’ è fravl’, vas’m’ vas’m tott’!


(E dai, Filomena, dammi questa boccuccia di fragole, baciami, baciami tutta!).


Filomena: sì, zia! Ti bacio tutta! Oh! Sììì! Baciami e leccami il collo! Inizia a piacermi!


Zia Carolina: uhmmm, t’è piaciut’ à limunat’ a cosc’ apert’, eh!?


Filomena: sì, zietta, molto! Ho digerito tutto quello che, ho mangiato!


Zia Carolina: è mò, fall’ cù mè, à limunat’! sì! M’ piac’ assaie!


Filomena: oh, zia! È bello farsi succhiare i capezzoli da te! Ummmm! Ahhh!!! Sììì!! Continua! Che bello! La figa, cola di sbroda!


Zia Carolina: ahh! Sììì!! Accummeng’ à sburrà, à patac!?



Filomena: sì, à zì! Accummeng’ à sburrà! Ahhhh! Uhmmm!!!!! Sono arrivata già due volte!


Zia Carolina: è jamm’ bell’, nennè, jamm’ ‘ngopp’ ò liett’; che ti faccio una bella leccata!


Filomena: oh, sì! Ne ho proprio bisogno!


La camera da letto di zia Carolina, era situata al piano di sopra, vi era un lettone matrimoniale, apparecchiato con guanciali e lenzuola rosa; il donnone, vi  fece distendere la nipote, ovviamente a cosce spalancate, come una vitella, iniziando a leccarle tutto il basso ventre, per poi penetrare la sua lingua all’interno dell’apparato vaginale, dapprima giocherellando sul suo clito per poi fare il trionfale ingresso all’interno del cono uterino, facendola urlare di piacere e squirtare, come una lurida troietta!


Filomena: ahhhh!!!! Sìììììì!!!!! Ahhhhhhhh!!!!!! Uhhhhhhh!!!! Continua, continua a leccare quella dannata figa! Sburro, come una troia!!!! Ahhhh!!! Sììììììì!!! Ohhhh!!!!! Squirto, squirto, squirtooooooooooooooooooo!!!!!!!!!


Ma la Menina, si dimostrò ancor più insaziabile, tanto ingorda e insaziabile che pretese dalla zia una penetrazione con dildo!


Filomena: ascolta, zietta; nonostante, abbia squirtato come una lercia, ho ancora voglia; ma, voglia di cazzo!


Zia Carolina: certo che sei proprio insaziabile, nipote mia! Ok ora ti penetro con un bel margiale di gomma che, ogni tanto, utilizzo per masturbarmi da sola; oppure con Giuditta, la mia amica bizzoca della chiesa!


Filomena: ah! Tien à cumpagna bizoca! 


Zia Carolina: sì, è comm’ c’ piac’, ò margial!


Filomena: uhmm! La cosa mi eccita, parlami della bizzoca, mentre mi penetri, con quel margiale!


Zia Carolina: sì, sì, ti parlo della bizzoca Giuditta “detta Giudi, una donna di circa settant’anni, corpo ben fatto, capelli bianchi e V^ di reggiseno, è cosc’ bell’ paffutell è nà patacca chen’ è pil’ jang, comm’ à nev’! (una figa piena di peli bianchi come la neve).


Filomena: nonostante l’età, le piace fare ancora à zoccola!


Zia Carolina: sì, è ch’ zoccl’! però, viene solo con me! Perché, i maschietti “incluso un monaco arrapato”, l’hanno un po' delusa! È jamm’ bell’, Filumè, à do ù vuò, stu margial’!?


Filomena: ficcamelo un po' in figa; e poi, sverginami il culetto; sai, non l’ho mai preso.


Zia Carolina: ok, arap’ è cosc’, Filumè; che ti ficco questo cazzo di gomma! Fa fint’ cà song, nù bellu masculon! Cà po', t’ò ficc’ tutt’ rind ò cul! 


 


Filomena: à esposizion’, Carulì! Miett’m ò cazz’ rind’ à patacc’!


Zia Carolina, si tolse la vestaglia, si abbassò le mutande in pizzo nero, mostrando dapprima l’enorme figone contornato da folta boscaglia grigiastra, per poi legarsi al girovita quell’enorme dildo in gomma nero e ficcarlo tutto nella passera depilata e un po' strettina della nipote.


Filomena: sì, à zì m’ piac’ ò margial! Ahhh!! Sììì!! Ohhh!! Ficcalo tutto dentro la fregna! scopami, scopami tutta! Ahhhh! Stong’ sburran nata vot’! ahhhh!!! Sìììì!! Ohhhh!!! Adesso, rompimi il culo, zietta!


Zia Carolina: miett’ à pecurin’! che adesso, la zia t’ò romb’ ò cul’!


Filomena: sì, chianu, chianu! Ahhh!!! Ohhh!!! Sììììì!!! M’ fa mal’! 


Dopo aver sentito un po' di dolore ed essere fuoriuscito un po' di sangue causa allargamento anale, sangue che la zia provvedette a tamponare con dell’ovatta bagnata al disinfettante, la Menina, iniziò a godere, come una forsennata e l’urlo di dolore, si trasformò in urlo di piacere!


Filomena: ahhh!!! Comm’ m’ piac’! sì, sì! Continua, Carulì, continua, con quella verga! Ahhhh!!! Sìììì!!!! Sfondami tutta, sfunnm’ ò cul’ ohhh!!!


Zia Carolina: adesso, invertiamo i ruoli, desidero che la tua bella lingua caliente e biforcuta, delizi la mia fregna contornata di peli grigiastri, vogl’ sburrà pur’ ì!


Filomena: certo, volentieri; ormai, ci ho preso gusto! 


Zia Carolina: brava, quella nipote mia! Così, mi piaci! Adesso, la tua zietta, si stravacca sul lettone, cosc’ apert’, comm’ nà vacca svizzera, tu, iniziami a leccare i capezzoli, duri e turgidi, facendo roteare la lingua intorno all’areola mammaria; poi, scendi giù e inizia a leccarmi il ventrazzo grosso e grasso, passando per le grosse cosce ed infine, affondala nella fregna pelosa e bagnata fradicia.


Filomena: ai tuoi ordini, zietta!


Zia Carolina: ummm! Sì, così! Sulle tette! Sulle zizzaiole! T’piacc’n’ è zizzaiol’! ahhh! Succhiami i capezzoli! Sììì! Adesso, sul ventre, sul ventre! Ahh! È cosc’ lecc’m’ è cosc’! nella fregna, gioca il piripicchio, affonda dentro l’utero! Ahhhh!!! Sììì! Stong’ sburrann’ stong sburrann’ ahhhh! Sburr’, comm’ nà lorda schifosa!


Intanto, s’era fatto giorno inoltrato, il giorno del primo novembre e Menina, continuava a dormire, come un angioletto.


La zia che era solita alzarsi presto, l’andò a svegliare e le preparò, un’abbondante colazione a base di caffè, latte e sfogliatella napoletana.


Zia Carolina: Filumè, filumè!?


Filomena: che r’è à zì, teng’ suonn’!


Zia Carolina: scett’, Filumè, song’ è diec’ d’à matin’! t’ song’ priparat’ nà bella colazion’: c’ò latt’, cafè e nà sfogliatella napulitan!


Filomena: vabbuò à zì, mò m’aizz’!


Dopo aver fatto colazione, la zia le chiese se voleva fare un incontro a tre con la bizzoca Giuditta!


Filomena: adesso, cara zia, ti devo lasciare; devo tornare a casa, per cambiarmi e andare a pranzo, con le colleghe di lavoro.


Zia Carolina: va bene! Spero, ti sia stato tutto di tuo gradimento!


Filomena: è stato tutto fantasmagorico! Penso che verrò spesso a trovarti!


Zia Carolina: sarà un vero piacere per me, ammor’ mie! A proposito: ti andrebbe di conoscere la mia amica bizzoca Giuditta!? Magari, facimm’ nù bellu triangolo!


Filomena: certo, sono curiosa!


Zia Carolina: ok, allora, facciamo per la prossima settimana!?


Filomena: preferirei di domenica che non lavoro.


Zia Carolina: va bene! Allora, facciamo per il primo pomeriggio!?


Filomena: d’accordo!


Zia Carolina: prima che te ne vai, desidero che, mi dia un bacio alla francese!


Filomena: ummm! Bello, le lingue incestuose che si toccano!


Zia Carolina: si bell’ assaie, Filumè! M’arraccuman’ ò segret!


La Menina annuì in cenno d’approvazione.


E dopo il bacio appassionato, s’accommiatarono, dandosi appuntamento alla domenica successiva, con la bizzoca Giuditta.


Fine prima parte.


Nota dell’autore 


Carissimi lettori, carissime lettrici.


Vogliate scusarmi per la mediocre scrittura dialettale napoletana.


Spero che la storia, vi sia piaciuta e vi do appuntamento prossimamente per la seconda parte.


Mimmo L scrittore hard production  


 


 


 


 


 


 


  


 


 


 


  


 


 


   


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Visualizzazioni: 11 752 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Lesbo Confessioni