Le giornate passano lente e al mattino vado a fare la spesa e al pomeriggio cerco di non uscire visto il caldo. Un pomeriggio sento una discussione a voce alta, sembra un litigio, sono le mie vicine. Esco sul pianerottolo e mi avvicino e sento cosa dicono. Stanno litigando e una sorella dice all'altra che è una puttana, che ha visto quello che facevamo, l'altra risponde dicendole che se arrivava più tardi mi avrebbe scopato ma visto che sei una santarellina non ha potuto togliersi la voglia ma che cercherà di farlo al più presto. Io rientro in casa e rido del litigio. Qualche giorno dopo sto aspettando l'ascensore per andare a casa quando arriva Chiara come mi vede arrossisce io la saluto lei mi risponde con un fil di voce, prendiamo l'ascensore, ed io dico "non per fare il ficcanaso ma l'altro giorno ho sentito che litigavate" lei mi risponde "si" io "non dovete litigare tua sorella è molto buona" lei mi risponde "buona si ma deve darsi una regolata con gli uomini" io "perchè non ti è piaciuto il suo modo di ringraziare?" lei mi guarda, il suo viso è rosso fuoco ed io continuo "forse volevi partecipare" arriviamo al piano usciamo e lei senza guardarmi mi saluta ed entra in casa. Entro anche io mi metto a mio agio, ossia nudo e metto a posto la spesa. Passa un'oretta e sento suonare il campanello, metto dei pantaloncini corti ed apro è di nuovo lei, chiedo se ha bisogno di qualcosa e mi dice che mi deve parlare, la faccio entrare, la faccio accomodare, ha una maglietta molto leggera e si vedono bene i suoi seni e una gonnellina che copre giusto fino alle cosce. Ci sediamo e le chiedo cosa vuole lei dice "ha ragione ho visto tutto quello che ha fatto con mia sorella" ed io "lo so e ti è piaciuto" lei mi guarda dicendomi "io non l'ho mai fatto" io rispondo "non importa hai sempre tempo per imparare" lei "mi vergogno penso che solo le puttane fanno quello" io "non è vero per farlo non bisogna essere puttane basta sapere che puoi far godere e che ti può far godere" lei "io non ho nessuno che mi insegna" io "nessuno insegna niente, hai visto cosa ha fatto tua sorella, impara da quello" lei "le posso chiedere un favore?" io "certo chiedi" lei "non vorrei che pensasse male" io la accarezzo per farle capire che non la giudico e dico "dai chiedi" lei "quel giorno ho visto che era nudo potrebbe rifarlo" io rido e mi alzo, tiro giù i pantaloncini e il mio cazzo è già quasi pronto "se lo vuoi toccare fai pure" lei lo guarda e con la mano lo accarezza, ora è duro, fa scorre la mano su tutta la lunghezza, io la esorto a toccare anche le palle, lei con l'altra mano le accarezza, mi sta facendo una sega. Dopo un po' di massaggio la esorto ad assaggiarlo ma lei rifiuta, ora ha preso il ritmo e mi sta facendo un bel segone, allora le dico "andiamo sul divano così ti massaggio anche io" le risponde "no non voglio essere toccata" io le dico "ti avverto tra un po' godo, lei sembra non capisca e continua infatti dopo un po' le sborro in faccia, lei lascia il cazzo e dice "che schifo" ha tutta la faccia piena di sborra io le passo un asciugamano per pulirsi e mi dice "mia sorella ha ingoiato questa schifezza" io "si" si pulisce, resto nudo davanti a lei con il cazzo ormai molle mi guarda e dice "se il sesso è questo perchè piace" io "perchè godere e far godere un'altra persona sono stimolanti" lei "boh non capisco" io "facciamo una cosa parlane con tua sorella e senti la sua versione poi ne riparliamo". Esce e torna casa sua, io mi lavo e mi rimetto in libertà. Passano i giorni ed una sera suonano il campanello apro ed è Elena ci salutiamo e mi spiega che Chiara le ha detto cosa ha fatto con me e comunque ha le idee confuse" io "cosa ci posso fare" lei "una soluzione c'è io e te scopiamo e lei guarda" resto a guardarla stupefatto non so cosa dire lei continua "organizziamo un giorno tu vieni da noi ed io farò tutto quello che fa una puttana e lei guarda" io non riesco a rispondere poi lei "allora che ne dici" io dico "se sta bene a voi" lei "da quel giorno ho solo voglia di farmi sbattere da te" io "ok ma sei sicura di quello che fai" lei "si tanto mentre lo faccio io le insegno a fare almeno pompini" io "va bene" lei "allora tieniti libero che organizzo" poi mentre sta uscendo torna indietro e dice "non posso lasciarti così eccitato" mi abbassa i pantaloni e una volta messasi in ginocchio mi fa un pompino e mi fa godere poi apre e se ne va. Nella prossima puntata vi svelerò il mistero se la sorella ha imparato. 

Visualizzazioni: 16 918 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Incesti