siamo una coppia sposata da 20 anni io ho 54 anni mi chiamo Nino alto 1,80 castano occhi chiari, mi mantengo bene un po di pancetta, mia moglie si chiama Claudia, e una mora di 48 anni, alta 1,70 una 3 di seno un corpo eccezzionale x la sua età. 


non è mai stata una donna disponibile a letto mai preso in bocca gli faceva schifo,il culo neanche a parlarne, solo fica e alla missionaria ero stanco ho provato in tutti i modi a farglielo capire il suo pensiero era solo di andare in chiesa come volontaria.


un giorno come tanti, sono tornato a casa prima dal lavoro a casa non cera nessuno così vado in chiesa entro dal oratorio sento delle voci provenire da una stanza mi avvicino non erano voci ma gemiti sbircio dentro cera mia moglie in mezzo a 4 immigrati che li stava spompinando con una foga mai vista si infilava l'intero cazzo nella bocca passava da un cazzo ad un altro, con una velocita impressionante mentre lei si masturbava con una mano nella fica, Haaaaa siiiiii vengoooooo finche non gli anno sborrato in bocca tutto lo sperma che lei a ingoiato, x poi ringraziarli, x me una cosa sunreale,vederla così a me neanche un bacio e in chiesa era una troia. così sono andato a casa ad aspettarla con una rabbia dentro xk era un tradimento ignobile nei miei confronti avevo ripreso con il telefonino delle immaggini. è tornata a casa, ciao mi a detto già qui, io gli ho risposto che avevo finito prima, scusa devo ancora preparare, gli dico non importa mangiamo un panino, preparato i panini ,abbiamo mangiato, gli ho detto che avavo voglia di un pompino lei mi a guardato, lo sai che quelle cose mi fanno schifo!!!! gli do uno schiaffo lei mi dice sei matto che ai , gli mostro il telefonino rimane basita senza dire una parola, domani vado dall'avvocato e chiedo il divorzio.  lei no ti prego non so dove andare  farò tutto quello che vuoi.... gli dico ci penserò stasera dormi nella stanzetta. 


il giorno dopo non sono andato al lavoro gli ho detto se vuoi rimanere dovrai essere la mia schiava, non dovrai rifiutare niente ti usero a mio piacere senza condizioni ho così ho te ne vai a te la scelta. 


lei  mi ha risposto accetto Nino gli ho mollato un ceffone io x te non sono Nino ma padrone ho signore, lei si padrone mi scusi,  è iniziata la giornata con il fare le pulizie di casa poi avevo voglia lo presa x i capelli e infilato il cazzo in bocca fino a venirgli dentro la bocca lei a mandato giù, io mangiavo sul tavolo lei x terra senza posate la sera lo fatta vestire, da puttana lo portata in una pizzeria era piena di vergogna il padrone era un mio amico con il quale ci avevo già parlato era quasi ora di chiusura non cera nessuno solo il personale saranno stati 5 persone gli dico di portare il conto mi dice la cifra io gli dico gli dispiace se paga questa puttana, lui non ce problema logicamente in natura lui ride chiude le serrande, la prende x un braccio la porta in cucina dove cerano degli estra comunitari la mettono in mezzo gli danno a succhiare i cazzi anche grandi, la ingozzavano lei aveva continui conati di vomito poi si è impalata su uno di loro mentre un altro gli stava entrando nel culo Haaaaaaaaaa Haaaaaaaaa basta mi sfondate cosi anno iniziato la monta era una cagna in calore, dal dolore è passata al godere siiiiiiiiiiiiiii siiiiiiiiiiii rompetemi i muscoli anali siiiiiii sono una puttana senza freni Haaaaaaaa finche non è venuta sul pavimento e loro ci anno sborrato sopra ai suoi umori che a leccato dal pavimento. poi sporca così come era lo portata a casa e lavata con il tubo in giardino era iniziata la sua nuova vita che anche io ne traevo godimento..


X CONTATTI HO CONSIGLI SCRIVI A      sa480.ralf_dom12@yahoo.com

Visualizzazioni: 12 261 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Tradimenti
Tag: Amatoriale