Rientrai, avevo avuto la sensazione che Roberto volesse dirmi qualcosa sulla soglia della porta, ma non ne ero certo. Provavo un minimo di indolenzimento al culo, ma il ricordo del perché era piacevole. A casa mi misi comodo, indossai il pigiama, mi tolsi lo smalto dalle unghie e andai in salotto a guardare un po’ di tv, la mano andò a sfiorare il buco del culo lo sentivo leggermente gonfio e pulsante, lo massaggiai un po’ …prima di andare a dormire feci un bidet freddo e dopo poco la sensazione di gonfiore era diminuito.


“Una serata così non riuscirò a ripeterla” pensai, uscire en femme, quella tecnica del tucking, mai sentita prima, mi permetteva di indossare anche abiti aderenti, i seni che ballano anche solo camminando, sentire gli occhi degli uomini addosso, i tacchi che ti rendono sexy, tutte sensazioni che mi fecero invidiare le donne. Mentre cercavo di rivivere le sensazioni della serata mi addormentai.


La domenica mi svegliò lo squillo del cellulare, guardai l’ora erano le 10, per me era tardi abituato com’ero ad alzarmi alle 7 durante la settimana e mai oltre le 8 nei giorni di festa. Era Anna mi disse che avrebbe preso il treno delle 12, arrivo previsto alle 16. 


Andai a prenderla alla stazione, tornando mi raccontò un po’ dei problemi della madre e forse sarebbe dovuta tornare perché doveva fare degli accertamenti in ospedale e solo lei poteva restare la notte.


Tornammo a casa, Anna disfece il bagaglio e fece una doccia, io andai in salotto e ripresi la lettura del libro, mi raggiunse in accappatoio, si raggomitolò accanto a me “allora come sei stato senza di me?” chiese.


“Bene, grazie mi sono divertito un mondo” dissi sorridendo, “bene” disse “mi fa piacere però adesso ci divertiremo insieme” si alzò e lasciò cadere l’accappatoio. Facemmo l’amore come estrema passione, per la seconda volta in pochi giorni mi regalò il suo culo tondo e morbido, ne godei come un matto e contemporaneamente la invidiai. 


Facemmo la doccia insieme come facevamo un tempo, io insaponavo e poi sciacquavo lei e lei lo faceva a me …indugiai nell’insaponare la figa e il culo ….lei mi sorrise maliziosa e disse “ah si eh!!” finito il mio turno lei iniziò ad insaponare me ….il petto, la pancia e arrivò lì, indugiò sul mio cazzo …più che insaponare era una lenta sega….reagì immediatamente e divenne duro in un attimo ….lei si abbassò …pensai ad un pompino …invece con una mano teneva il cazzo contro la mia pancia e con l’altra passò sotto lo scroto, insaponò il perineo e arrivò al culo a mano aperta…..ebbi un sussulto ….se ne accorse ma non disse niente, si alzò si mise alle mie spalle e ricominciò a insaponare la schiena ….scese di nuovo fino al culo insinuò la mano …questa volta sentivo le sue dita che passavano sul buco insaponato…rallentò il movimento e massaggio il buco, sapendo che era un po’ aperto mi irrigidii un attimo temendo che riconoscesse che….non era dissimile dal suo, “ mmmm” mugolò mentre con l’altra mano  impugnava il cazzo duro, non so cosa mi prese ma d’istinto spinsi un po’ il culo verso il dito poggiato sul buco ….in un attimo scivolò dentro ….”oh!!! si!! “ disse e muoveva leggermente il dito, io fermo ma sempre con il culo che spingeva leggermente non dissi nulla mi appoggiai alla parte della doccia e mi rilassai. Lei giocò ancora un poco con un dito poi lo fece uscire lentamente ….non mi mossi ….era un chiaro invito…non si fece pregare e sentii due dita appoggiate al culo anche questa volta non ci fu quasi nessuna resistenza…”ahh siiii” disse lei e andò a fondo con entrambe le dita, provai a girare la testa e sussurrai “ ma che stai facendo?” e lei “ quello che tu hai fatto a me poco fa, ti piace vestire da donna e le donne fanno anche questo …..lo prendono in culo” e sorrise ……tolse le dita e montò letteralmente sul mio cazzo saltandomi in braccio, facemmo sesso, perché era sesso, così in piedi nella doccia con lei avvinghiata al mio collo, le gambe intorno alla mia vita e saltava sul mio cazzo mentre l’acqua tiepida ci bagnava come una dolce pioggia.


Uscimmo dalla doccia stremati ma felici …..restammo in accappatoio e ci preparammo una cenetta, guardammo un po’ di tv e andammo a dormire presto ….il lunedì si tornava al lavoro.


Non si fece più nessun cenno a quanto accaduto nella doccia, anzi per una settimana non avemmo neanche rapporti perché fu per entrambi una settimana di duro lavoro e a lei capitò anche di dover fare più volte lo straordinario e arrivavamo a casa quasi allo stesso orario, verso le 19,30, non organizzammo neanche nulla con i nostri soliti amici anche se Giulia chiamò varie volte.


Il martedì della settimana successiva  a cena Anna era un po’ su di giri, avevamo bevuto un po’ di vino e scherzavamo un pò, sparecchiammo ….lei mi venne vicino e sussurrò con una voce carica di significato “ vado a farmi una doccia, perché non ti vai a preparare anche tu?” e mi fece l’occhiolino “ scegli quello che vuoi” e si allontanò senza aspettare la mia risposta. La seguii in camera, lei entrò in bagno ed io aprii il guardaroba, guardai nei cassetti scelsi una lingerie completa, coordinato, tutto bianco andai nell’altro bagno e mi  preparai con la sola lingerie e i tacchi. 


Tornai in camera, lei era lì sul letto a seno nudo e con un mini perizoma nero trasparente, reggicalze, calze a rete e tacchi tutto nero, era una 50enne splendida, mi guardò e “ma non ti sei truccata” disse rivolgendosi al femminile “vieni ti trucco io” si alzò mi prese per mano e mi portò in bagno ….mentre mi truccava, il seno mi toccava in continuazione, mi piaceva, e piaceva anche a lei …i capezzoli erano diritti e duri.


Tornammo in camera, mi spinse sul letto e si mise cavalcioni “oggi comando io” disse sorridendo….ci baciammo appassionatamente, lei iniziò a baciarmi il collo, il torace si soffermò a succhiare i miei capezzoli poi scese leccandomi tutto, scese,  scese …..mmmm simulò un morso al mio cazzo che era uscito dal perizoma e attendeva impaziente la sua bocca….senza toccarlo lo imboccò mentre mi accarezzava le cosce fasciate dalle calze…..sentivo la sua lingua roteare sulla mia cappella…..”ecco ho copiato da lei” pensai …..mi fece allargare le gambe e si accoccolò al centro continuando un pompino meraviglioso, alternava pompate vigorose a leccate dell’asta …con una mano tenne il cazzo in su e lentamente lo segava e con la lingua scese a dare attenzione alle palle ….era fantastica, non ricordavo un suo pompino fatto con tanta voluttuosità ….leccava le palle e le succhiava una alla volta, lasciò il mio cazzo e spinse con le mani le mie gambe verso l’alto…..l’aiutai tirandomele un po’…lei scese a leccare con la lingua piatta e bagnatissima il perineo, sembrava un pennello …..mi piaceva…..continuava a spingere le gambe ….e ogni volta aveva a disposizione una altro piccolo lembo di perineo a disposizione e sul quale si accaniva allungando la leccata….ma lì vicino c’era il mio buco…..”oddio” pensai “se ne accorgerà che è stato violato” ne ero certo, era chiaro anche solo a vederlo e lei lo stava guardando, tornò a leccare le palle e l’asta mi guardò, sorrise, e tornò a scendere leccando e succhiando …mi spinse decisamente le gambe e io le afferrai con entrambe le mani….avevo il perineo e il buco in bella mostra, lo sapevo ma non me ne importava nulla……era bellissimo sentire quella lingua …..saettò una prima volta sul mio buco….ebbi un sussulto…una seconda volta….strinsi il buco …..ma lo rilassai subito dopo….non mi ribellavo non dicevo nulla e si sentì autorizzata ….la terza volta ci rimase più a lungo titillando il buco con la punta e roteando intorno… istintivamente tirai più su le gambe, avevo le ginocchia al petto, …per lei fu un segnale…leccò con la lingua a spatola passando più volte sul buco….si fermò e sentii chiaramente la punta della lingua che tentava di insinuarsi nel mio culo…..mi uscì un mugolio di piacere…continuò un bel po’ …io tenevo le gambe al petto…..lei leccava il buco e con la mano mi segava….stu-pe-ndo!!!!!


La mia testa era ormai andata mi stavo godendo quella lingua quando si fermò…..risalì verso di me, io lasciai andare le gambe, arrivò al mio orecchio e disse “ora tocca a me” si alzò e, letteralmente, si sedette sul mio viso offrendomi la figa e il culo….ero annebbiato da tutto questo non l’aveva mai fatto….non mi feci pregare e iniziai una leccata che avrebbe ricordato a lungo, si allungò e iniziammo un 69 da favola …sentivo le sue mani accarezzarmi le cosce mentre succhiava il mio cazzo ormai duro come il marmo, io affondavo la lingua nella figa, nel culo …succhiavo il clitoride, le infilai due dita nel culo ormai bagnatissimo …..lei girò la testa stringendo sempre il cazzo, mi guardò “porco” disse e riprese a succhiare.


Si staccò da me, si posizionò a pecora sul letto, poggiò il viso sul letto e disse “leccami così” mi tuffai tra le sue chiappe leccando come un cane, succhiavo e leccavo ….leccavo e succhiavo …spinsi due dita nel culo ormai fradicio di saliva….quasi le risucchiò….provai con tre dita…..entrarono ….dopo pochi minuti …si staccò da mio viso, si girò e mi sussurrò “ora tocca a te” e battè il palmo della mano sul letto dove era lei prima….era chiaro il suo invito, tentennai, mi sorrise battè di nuovo la mano e cedetti mi sistemai appoggiato sulle mani e sulle ginocchia….ma lei mi voleva con il culo all’insù, spinse dolcemente sulla schiena e mi fece abbassare fino ad appoggiare il viso sul letto…..mi sentivo dominato da Anna e mi piaceva….iniziò a leccarmi dal solco delle chiappe mentre “mungeva” (è il termine giusto) il mio cazzo, scese con la lingua a spatola……arrivò…..saltò il buco e continuò leccando il perineo e le palle, tirò indietro il cazzo e lo leccò poi tornò alle palle, il perineo e con la lingua a spatola arrivò al buco lo leccò con passione, roteava la lingua, insinuava la punta, sentivo la saliva che colava, poi eccolo….un dito……scivolò dentro facilmente, lo mosse dolcemente dentro e fuori più volte…..poi le dita furono due ……leggera pressione e le sentìì dentro di me……”mmmmm che culo che hai” disse, “senti come è morbido”….”proviamo tre dita che ne dici?”……biascicai “si”….ecco si bagna ancora di più le dita e con pressione continua le fa sparire dentro il mio culo…..mi muovo un po’ “siiii bravo spingi un po’….che bello ….sei bravissimo” e continuava a entrare e uscire mentre mungeva il cazzo, dopo aver giocato con il mio culo ….si sdraiò aprì le gambe e disse “scopami” le saltai letteralmente addosso, il cazzo duro come il marmo …..la penetrai in un colpo solo….era un lago ….la scopai con una foga mai provata….lei gemeva e incitava “ siiii cosìììììì dai più forte!!!!!” ……la inondai in pochi minuti e cosa magnifica lei venne insieme a me ……non era mai capitato.


Mi lasciai andare sdraiato accanto a lei, ansimavamo entrambi ….lei si girò verso di me “ è stato bellissimo, grazie” ……”grazie? di cosa?” chiesi, sorrise “ vado a fare la doccia…..da sola” e andò in bagno.


Andai a fare la doccia anch’io …..”non era possibile che non si fosse accorta che il mio culo era …..stato aperto”, “perché non ha detto nulla? Ci ha giocato volentieri senza nessuna sorpresa….come mai?” con questi interrogativi nella mente mi avviai verso il bagno.


foxguendalinacompany.business.blog

Visualizzazioni: 3 050 Aggiunto: 1 anno fa Utente: