Me ne andai e tornai quindici minuti dopo con un piattino contenente una fetta di pane burro e marmellata ed un uovo all'occhio di bue, lo posai sul tappeto, vicino alla gamba dell'armadio. Poi presi una sedia e mi sedetti di fronte a lei a debita distanza.


«Hmm. Niente utensili, quindi credo di doverlo mangiare con le mani, o qualcosa del genere.»


Sapevo che di solito mangiava cereali, quindi in realtà era un modo per creare un certo distacco e calarmi meglio nel personaggio.


Ha iniziato mangiando il pane, passando poi all'albume dell'uovo strappandolo con le dita, non era troppo caldo, l'avevo lasciato anche raffreddare un po' prima di portarglielo. Di tanto in tanto la guardavo mentre mangiava. Stavo davvero lavorando sull'inespressività. Da un lato, lo apprezzava come parte del personaggio. D'altra parte, era leggermente intimidatorio. Ma una parte di lei apprezzava il fatto che ci stessi provando.


Quando è rimasto solo il tuorlo, non era sicura di come volesse mangiarlo. Iniziò un tentativo di chinarsi abbastanza da lasciarlo scivolare nella sua bocca dal piatto, ma non era proprio comodo. C'era davvero solo un'opzione rimasta.


Teneva il piatto il più vicino possibile, ma abbassava il viso per aspirare il tuorlo come un aspirapolvere. Così ha rotto il tuorlo, risucchiandone la maggior parte. Il resto lo leccò finché il piatto non fu pulito.


Nell'ultima leccata, si ricordò che la stavo guardando. All'improvviso si sentì un po' imbarazzata per la sua esibizione. Provò una sfumatura di vergogna, ma era anche stuzzicata. Quella volta distolse lo sguardo sinceramente, mentre posava il piatto sul tappeto e lo spingeva via, indicando che aveva finito.


Lo tenne nel suo raggio d'azione in modo da poter vedere che mi avvicinassi per prenderlo. Rimasi lì, incuriosito, quindi lei mi guardò con ammirazione. Poi presi il piatto e diedi un lungo, lento colpo con la lingua mentre la fissavo.


«Dio mio. Non posso credere che l'abbia appena fatto. È così ... mhm» Un formicolio caldo interruppe il suo pensiero. Distolse rapidamente lo sguardo, di nuovo.


Lasciai la stanza e lei si premette contro il lato dell'armadio.


«Io.... mi sono eccitata per quello.» L'idea la sconcertò. Non aveva mai avuto un desiderio di sottomissione o umiliazione, ma stava veramente iniziando ad eccitarsi per le cose inquietanti che stavo facendo.


Ha ripescato nella sua testa le fantasie del passato, individuando quelle che potevano qualificarsi come tali in cui lei assumeva un ruolo da dominata, e poi si è resa conto che quelle poche mi coinvolgevano sempre.


«Oh Dio. Ecco perché volevo farlo.» Il suo cuore iniziò a battere più velocemente man mano che le diventava sempre più chiaro.


«Gli ho anche detto chiaramente che volevo che facesse quel che voleva con me. Come ho fatto a non rendermente contro mentre lo dicevo?»


La stanza le sembrò improvvisamente più piccola quando divenne consapevole di essere legata e indifesa nella sua stanza.


«Calmati. Ti farà uscire se glielo dici. Bene. Stai bene. Devi solo dirglielo la prossima volta che entra.»


Dal momento che non poteva fare molto altro che pensare, i suoi pensieri andarono fin troppo facilmente alla curiosità riguardo a cosa sarei stato disposto a farle. Quali cose volevo farle segretamente.


Sapeva che ero attratto da lei, in una certa misura, e probabilmente ci avrebbe scommesso che mi masturbassi pensando a lei, ma immaginando cosa?


Ricordò una sua fantasia in cui io mi intrufolavo nella sua stanza, mentre lei dormiva nuda, mi infilavo sotto le coperte dai piedi del letto e le praticavo sesso orale.
In un'altra fantasia, lei era la "sorellastra" ammanettata, ed io giocavo con lei per ore, stuzzicandola fino all'orlo dell'orgasmo, ma non lasciandola mai arrivare ferocemente fino alla fine.
Cominciò a sentire quel familiare caldo formicolio. Ha avuto anche fantasie più "normali" su di me. Situazioni di affetto reciproco. E anche alcune in cui lei era più al comando, come con me che faccio un pisolino sul divano e lei che mi fa un pompino subdolo.


Cominciò inconsciamente, a strofinarsi lentamente le cosce insieme nel debole tentativo di massaggiarsi il clitoride. Quando ha notato le sue azioni, ha scosso la testa per scacciare i pensieri.


«Smettila di pensarci. Non porterà niente di buono. Non puoi nemmeno....»


Guardò le sue mani e poi il suo inguine per controllare.


«Ok, tecnicamente puoi farcela... Smettila di pensarci.»


Dopo alcune ore, sentì di nuovo il bisogno di fare pipì.


«Oh no. Dovrei chiamarlo in modo da poterla fare ora, o dovrei aspettare che sia più urgente, così non verrà così presto la prossima volta? E ho fame.»


Decise di aspettare ancora un po'.


"Devo fare pipì", gridò.


Dopo un minuto andai sulla soglia, con in mano un rotolo di carta igienica, e la fissai, immobile.


Sentì di nuovo quel senso di intimidazione e distolse lo sguardo.


«Almeno ha portato la carta igienica.»


Raccolsi il secchio e mi avvicinai a lei, lo posai, mi girai e poi mi sedetti sulla sedia.


«Che cosa? Cosa sta facendo?»


Mi sedetti e la fissai.


«Mi guarderà? Vuole guardarmi fare pipì? Questo è... io non...».


Si appoggiò all'armadio e contemplò la sua situazione e non giunse a conclusioni chiare, finché la sua vescica non decise di intervenire.


Non voleva pisciarsi addosso e rovinare il tappeto.


"Credo di farla, allora."


"Non è la prima volta che ti vedo pisciare, ricordi quella volta per strada?" Le dissi per sbloccarla.


Il suo cuore iniziò a battere forte mentre manovrava se stessa ed il secchio in una posizione in cui il suo fianco era rivolto verso di me. Spinse con esitazione i lati alternati dei pantaloncini e della biancheria intima, a poco a poco, finché non furono alle sue ginocchia, e si librò sopra il secchio. Ha avuto più problemi a rilassarsi questa volta, non c'erano i fumi dell'alcol nel suo corpo come quando mi chiese di coprirla dalla vista mentre la faceva per strada. Quando finalmente si è liberata dalle inibizioni, ha stretto gli occhi al suono della sua urina che cadeva ed echeggiava nel secchio.


Quando fu vuota, aprì gli occhi e guardò timidamente nella mia direzione, desiderando la carta igienica. Mi stavo massaggiando lentamente l'inguine attraverso i pantaloncini.


«Oh Dio. È... eccitato.» Pensò. "Io... ho finito" disse.


Avvolsi la carta igienica alcune volte attorno alle dita di una mano, la strappai e posai il rotolo sul pavimento. Tolsi le dita e mi alzai per andare verso di lei.


Si aspettava che gliela consegnassi, ma invece mi avvicinai dietro di lei. Istintivamente iniziò ad allontanare il culo da me, ma si riprese prima di lasciare che la sua figa passasse oltre il bordo del secchio. Il suo cuore batteva ancora più veloce mentre la mia mano si muoveva verso di lei.


Chiuse di nuovo gli occhi, in attesa, e poi sussultò al contatto. Sentì il blocco di carta tamponarla due volte, poi l'allontanai un momento prima di tornare, ripiegata, e poi la sfregai parecchie altre volte. Le sue ginocchia minacciavano di cedere sotto di lei e il suo corpo pulsava di calde ondate di elettricità statica.


Tornai indietro dove poteva vedermi, e lei si lasciò cadere per sedersi e appoggiarsi all'armadio.


Allontanai il secchio, poi in un lampo le afferrai i pantaloncini e le mutandine e glieli strappai giù per le gambe e per i piedi, facendole emettere un breve grido di sorpresa.


Alzò le gambe per nascondere l'inguine alla vista e mi fissò per vedere cosa avrei fatto dopo. Dopo un momento, uscii portando i suoi vestiti ed il secchio. Svoltai a destra nel bagno e smaltii la sua urina, ancora una volta. Poco tempo dopo, passai sulla soglia dirigendomi verso il soggiorno, portando ancora i suoi vestiti.


Dopo forse altri quindici minuti, sono tornato con un piatto, che ho appoggiato sulla sedia. Non aveva una buona visuale, ma poteva intravedere che c'era un altro uovo. E dal profumo che emanava ne aveva conferma, mentre mi avvicinavo a lei.


Cercò inutilmente di premersi ulteriormente contro il pannello di legno per evitare che le mie mani la raggiungessero. Le afferrai i fianchi e li feci oscillare verso l'esterno, poi mi appoggiai di peso sul suo sedere.


L'avevo incastrata tra le mie gambe per tenerla saldamente in posizione e le avevo afferrato con una mano il retro della maglietta.


"Co-cosa stai facendo?" chiese nervosamente, ma non risposi.


Prima che potesse rendersi conto di cosa stavo facendo, avevo tagliato la parte superiore di un braccio della sua maglietta dal collo alla manica.


"Ehi" esclamò.


Poi la girai per fare lo stesso dall'altra parte. Dopodiché, le tagliai la maglietta lungo la schiena, e poi all'improvviso gliela tolsi completamente di dosso, lasciandola indossare solo il reggiseno, finché anche quello non fu tagliato via. Avvicinò le ginocchia per coprirsi con le gambe mentre sedeva tremante.


Le gettai la maglietta ed il reggiseno fuori dalla stanza, mentre andavo a prendere il piatto. Usando il coltello, affettai l'uovo e, una volta finito finito, leccai la lama e la misi da parte.


Mi avvicinai di nuovo a lei tenendo una striscia di albume fritto per un'estremità, facendo penzolare il resto sopra il suo livello della testa e attesi.


«Vuole che lo mangi come un cane che riceve un regalo, a quanto pare.» I suoi pensieri erano quasi udibili in mezzo ai nostri silenzi.


Aveva una mezza intenzione di rifiutare, ma era molto affamata, così girò il viso verso l'alto e aprì la bocca. Feci cadere la striscia di uovo nella sua bocca, e lei lo masticò e lo ingoiò. Preparai un'altra striscia, e lei ripeté, provando un crescente imbarazzo mentre la sua figa diventava più bagnata.


Una volta che tutto il bianco era stato consumato, raccolsi di nuovo il coltello e pugnalai delicatamente verso il basso al centro del piatto. Leccai la punta della lama, la misi da parte e posai il piatto davanti a lei, ma troppo lontano perché lei potesse raggiungerlo con le mani. Mentre mi rialzavo, tirai fuori le sue mutandine dalla tasca dei pantaloncini e le portai al naso per annusare, e poi mi sedetti sulla sedia, fissandola.


Se avesse cercato di avvicinare il piatto con il piede, si sarebbe completamente esposta nella mia direzione. La sua unica altra opzione era inginocchiarsi e leccare il tuorlo rotto con la lingua e le labbra, e così fece.


Dopo averne consumato circa la metà, si alzò un po' per respirare, e mi guardò.


Con suo grande stupore, una mia mano era scesa suoi pantaloncini leggermente abbassati, e ovviamente mi stavo masturbando. I suoi occhi sfrecciavano avanti e indietro tra me e l'uovo, incapace di decidere se volesse o meno guardarmi.


Alla fine, si abbassò di nuovo per finire di leccare il tuorlo colante, e poteva sentire il mio respiro diventare rapido con occasionali leggeri sussulti. Alzò lo sguardo per vedere la mia faccia contorta mentre raggiungevo l'orgasmo.


Dopo alcuni apparenti colpi finali dopo l'orgasmo, con sua ulteriore sorpresa, estrassi le sue mutandine dalla mano. Le guardai per un momento e poi gliele lanciai. Sussultò quando le colpirono il viso e caddero, lasciando dietro di sé una piccola macchia di umidità sopra un lato del labbro superiore. Presi il piatto e me ne andai. Lei si raggomitolò contro l'armadio e fissò le sue mutandine sporche di sperma.


La sua mente era praticamente vuota con una riluttanza a riconoscere che avevo appena eiaculato nelle sue mutandine usate, gliele avevo gettate in faccia, lasciando un po' del mio sperma su di lei, ed il fatto che sentiva un grande bisogno di iniziare a strofinarsi furiosamente il clitoride.


Quando alla fine permise ad alcuni pensieri di entrare, ricordò alcune volte in cui avevo inconsapevolmente fatto qualcosa che l'aveva un po' eccitata. Non sapeva se fosse più dovuto a quello che stavo facendo, o al fatto che si rifiutava di toccarsi, ma non si era mai sentita più eccitata di quanto non si fosse sentita in quel momento.


Prese le mutandine e pensò di ispezionarle lei stessa. Una parte di lei voleva vedere da vicino com'era il mio sperma. Una parte di lei voleva annusarlo, ma lo gettò via debolmente. Poi ricordò il punto sopra il labbro. Il mio sperma era sulla sua faccia. Vicino alla sua bocca. Lo asciugò con il dito, fissando con aria assente, si fermò un momento e poi si leccò la punta del dito.


Si costrinse a rimanere il più immobile possibile, per timore che la realtà la invadesse.


Apparentemente si era assopita, perché si svegliò di soprassalto da qualcosa che le colpì il viso. Quando aprì gli occhi per vedermi lanciarle addosso goccioline d'acqua. Dalla bottiglia d'acqua che tenevo in mano, immaginò che fossi venuto a farla bere, e dato che non gliela stavo porgendo, pensò che avrebbe prenderla mentre la versavo nella sua bocca.


Si inginocchiò, ma rimase seduta sui talloni, e nascose i seni, come meglio poteva, dietro le braccia dritte incrociate ai polsi. Io mi avvicinai, tenendo pronta la bottiglia inclinata, ma mettendo il mio inguine quasi a toccare il lato della sua bocca.


Non ci era mai stata così vicina prima. Lei mi guardò accidentalmente per una frazione di secondo prima di distogliere lo sguardo, ma presto puntò gli occhi sul collo della bottiglia, cercando disperatamente di evitare di guardarmi negli occhi.


Aprì la bocca, pronta a ricevere un po' di rinfresco tanto necessario, ed io ne versai con cura un po' da un palmo di distanza sopra di lei. Dovette sistemarsi leggermente per evitare che l'acqua le andasse di traverso, ma la ingoiò, poi aprì la bocca con apprensione per averne ancora.


Invece di versare, ne presi un po' in bocca, la tenni e mossi la testa sopra la sua. Sospettava dove stessi andando a parare e istintivamente chiuse la bocca e mosse un po' indietro la testa. Provò un leggero livello di disgusto, ma quel caldo formicolio era tornato, ed era ancora decisamente assetata, quindi si spostò lentamente in posizione vicino al mio inguine e osservò con riluttanza le mie labbra.


Le separai quel tanto che basta per far cadere una sottile pioggerellina, dapprima mancando la sua bocca aperta e colpendole il labbro superiore. Sussultò per gli schizzi, ma si posizionò per riceverla correttamente. Dato che arrivava molto più lenta rispetto alla bottiglia, ha dovuto mantenere quella posizione più a lungo e, con la coda dell'occhio, ha notato che la parte anteriore dei miei pantaloncini iniziava a tendersi.


È diventato evidente che non indossavo biancheria intima e, poiché stavo mantenendo la posizione, si è trovata di fronte alla scelta di rimanere per prendere l'acqua o di muoversi per evitare di premere contro la mia erezione invadente.


Si allontanò il più possibile mentre continuava a prendere l'acqua, ma presto il tessuto dei miei pantaloncini le sfiorò il viso. La mia erezione premeva leggermente sulla sua guancia, e più a lungo rimaneva, più poteva sentire il mio calore arrivare su di lei.


Un brivido la percorse, poi si allontanò, chiudendo la bocca, decidendo di accontentarsi di quanta acqua aveva già bevuto. L'acqua si mescolò alla mia saliva, si rese conto, e poi deglutì esitante. Si appoggiò all'armadio, a significare che aveva finito, ma poi mi accovacciai ed inclinai la bocca della bottiglia verso le sue labbra, offrendole di dissetarsi da sola. Dopo un momento, ha accettato e si è dissetata veramente.


Guardai l'orologio, che lei non aveva a disposizione, e poi me ne andai. Alzò lo sguardo verso le tapparelle per vedere quanta luce ci fosse. Fuori sembrava cominciare a far buio, il che significava che la stanza sarebbe diventata più fresca. Sarebbe stata una notte fredda se avesse dovuto dormire nuda. Pensò se chiedermi o meno una coperta. Sicuramente voleva, ma non voleva chiedermi nulla. Le sembrava già molto dovermi chiamare quando aveva bisogno di fare pipì, che, ovviamente, sarebbe successo fra non molto, con l'acqua che aveva appena bevuto. Sentiva già un'urgenza, ma poteva ancora resistere.


Improvvisamente le sue viscere iniziarono a muoversi leggermente. Ci volle un secondo, ma si rese conto di cosa si trattava.


«Oh no.» Una piccola scossa percorse una breve distanza attraverso di lei, e poi sparì, come un presagio di terrore.


Non sapeva come avrebbe gestito la cosa, per non parlare di come l'avrei fatto io. L'ultima volta che era andata in bagno era non molto tempo prima di guardare il film, e tutto ciò che aveva mangiato erano due uova, quindi forse non sarebbe stato così impellente come temeva. Decise di non pensarci.


Dopo quelle che pensava fossero state alcune ore, la sua vescica era vicina al limite.


"Devo fare pipì", gridò, ed io arrivai un momento dopo, portando il secchio.


Le sue viscere sentivano un maggiore senso di urgenza, ma non capiva se sarebbe stato un problema, per il momento. Le posai il secchio vicino e lei si mosse con cautela. Poi feci il giro di fronte a lei e mi accovacciai.


«Cosa sta facendo ora?» Evitò di guardarmi, decidendo di concentrarsi sul suo compito, ma poi le afferrai il mento e le tirai il viso verso il mio. I suoi occhi sbarrati per la sorpresa mi fissarono finché la vescica non si liberò un attimo dopo, facendola uscire dalla trance.


Lei girò il viso, ma lo tirai indietro con più forza. Distolse gli occhi, ma le voltai la testa, cercando di tenerli su di me. Si rese conto dell'inutilità e quindi fissò il mio sguardo, poi la mia presa si alleggerì.


«Oh Dio.» Un'altra scossa iniziò a muoversi dentro di lei. Come una bolla che si faceva spazio. Il suono della sua urina che schizzava non era abbastanza forte da attutire il rumore dell'aria che usciva. Poteva sentire il suo viso arrossire per l'imbarazzo, ma la mia espressione non cambiò.


«È possibile che non l'abbia sentito?»


Aveva previsto il peggio, ma quando finalmente si era svuotata, sembrava che non ci sarebbe stato più niente da aspettarsi. E speriamo niente di inaspettato.


Questa volta non si eccitava così tanto quando la asciugavo tamponando, ma il mio tocco le mandava comunque un'onda attraverso il corpo, e un leggero lamento le sfuggì dalla gola. Tornò alla sua posizione di riposo e portai via il secchio, andando a ripulirlo.

Visualizzazioni: 1 470 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Tag: Pissing