Dopo la videochiamata con mio figlio che aveva in casa il cucciolo e la moglie, con a cena un'amica dell'età di Tonia, poco più grande e molto molto sexy, cazzo se mi fischiava il cazzo per quella ragazzetta, che però anche lei era già madre, separata ma bona come mai...


Passarono nemmeno 2 ore, meno si, il cellulare trilla, lo tengo basso in caso di messaggi e mia moglie non senta...
Oh Frà dimmi; che succede...il respiro si fa più pesante...Pà puoi venire quì?
Certo chicco ma che è successo?
Niente, niente...solo un paio di drink e ste due si son scaldate a schifo...hanno iniziato a baciarsi, toccarsi...ora sono in bagno a rinfrescarsi, ma ti dico che mi hanno messo in mezzo e mi toccavano tutto, i bimbi dormono di là, che cazzo devo fare?
Tonia è più porca di questa sua amica...
Ho detto tra me e me...chi chiamo se non mio padre, che resta tra 4 mura, almeno le sbattiamo come porche...
Tu Gina e io mia moglie..digli a mamma che mi si è rotto qualcosa e lasciala là, mandami un sms se parti e sei solo...


Sveva quando si trattava di Francesco non obbiettava nessuna decisione che prendevo, basta che correvo dal suo bimbo a risolvere i problemi del mezzo imbranato ahah(si fa x dire)...


Mi disse solo; Va a vedere che succede...
Mi misi le infradito nere, tolsi apposta i boxer e mi infilai una camicia bianca sotto i pantaloncini corti, così uscii...
Frà....l'sms...sto arrivando...2/4/4 e 5 6 7 minuti...arrivò la risposta...
MINCHIA PA'....sono assatanate...sarà complice la mezza cannetta d'erba...
Sono andate in bagno e in camera da letto nostra e hanno iniziato a provarsi vestiti succinti e dirmi...Così che dici, senza niente sotto e vai andare...mi scoppia la minchia Pà...
Ahah, risposi ad un semaforo...è lì che devi farle bollire, commentale con fuoco, accendile, ma non troppo, metti pepe ma senza farle capire, fai in modo che si eccitino...
Ok minchia che tipo sei pà...
Suonai al portone...mi aprì subito o quasi...
Feci i due piani e mi trovai davanti Tonia...Una camicetta aperta e una minigonna mozza fiato con tacchi a spillo vertiginosi che rimase un'attimo scontertata...le feci l'occhiolino..e lei volpe capì subito dai miei cenni che mi aveva chiamato lui incasinato sul cosa fare...


Oh fece finta lui...Pà, che fai quà...sorrisi e dissi;
Non posso passare a trovarvi? Si si, solo che...siamo un po su di giri...
Gina aveva un Top, una 3 di seno, ma un corpo perfetto e quel classico culetto da ragazza tutta sexy a cui sfonderesti anche l'anima...


Siediti ti faccio un caffè disse Tonia...noi continuiamo con la tequila e gazzosa...mah dissi io..fate voi...
Una cannetta girò dalla mia parte, la presi e feci due tre tirate come ai miei tempi, mi guardarono tutti e 3 ma io fumai tranquillo...fumarono anche loro...due bicchierini due tiri e le ragazze sotto un mio...
Ma come siete sexy voi due...ripartirono sorridendo a fare la sfilata, allora mi metto comodo dissi Gina?
Non molto Ray, non credo che starai comodo, abbiamo il fuoco dentro stasera vero Tony...
Mia nuora mi butto uno sguardo che dir fuoco era poco, sò cosa pensava, eravamo lì, sui braceri e lei poteva chiavarmi davanti a Frà senza colpo ferire...la troia stava mettendo in pentola il suo essere più puttanesco che aveva...
Gina ci guardò, e dalle loro confidenze capì, ma capì credo molto meglio quando sparirono ancora a cambiarsi dicendo; Vediamo se reggete, vieni Tony, ammazziamoli...e risero, Frà mi disse, che ne dici, non sapevo come l'avresti presa Pà...ma sono da scopare ste due, senza pietà...anche insieme sul lettone, tanto i bambini dormono di brutto e non si svegliano nemmeno a cannonate...
Lo guardai e dissi, è quello che vuoi Frà? Sei sicuro?
Ci pensò e ingenuamente rispose, si io non mi vergogno poi Tonia non ha pudore, non si vergogna di te, l'hai già vista mezza nuda...
Sorrisi e dissi per iniziare a scaldare il dopo, si si e che bel fighino...lui sorrise e disse; Già, bell'aquisto eh...
La porta si aprì...feci un bicchierino anch'io, uno Frà e appoggiammo la canna ora mai finita nel posacenere...
E che dovevi vedere...
Gina con le sue gambe kilometriche aveva messo degli stivali neri, tacco 12 sopra il ginocchio, e una minigonna che nulla aveva a che fare con le gonne...sopra aveva un foulard credo, bianco, messo su a mò di pareo che faceva vedere tutto il seno, quelle areole marron capezzoli duri che sembravano spilli e lo sguardo da puttanella tutta truccata d'azzuro e labbra con lucida labbra che splendevano, restò lì davanti a noi, poi girammo lo sguardo su Tonia, in gonna anche lei, forse due dita più lunga, ma sempre mini era, calzava dei sandali a schiava, legati su tutto il polpaccio(sapeva quanto mi eccitavano quei suoi sandali) e sopra solo una mini magliettina tagliata appena sotto il seno, che duro anche il suo alzava la magliettina...un mezzo centimetro e sarebbero stati a vista, ma il bello era quello, il vedo non vedo che la troietta sapeva misurare...
Frà riempì i bicchierini, più tequila che limonata sta volta, era così...le donne bevvero subito tutto d'un colpo, poi le sentimmo dire...wowww che botta ragà...
Gina fece una sfilata, sculettando, guardava me e Frà con occhi di chi sta esplodendo, con una carica erotica da metter fuoco alla stanza, Frà le disse;
Se continui a guardarmi così ti metto le mani addosso, lei rise...saresti capace?
Lui ci pensò e disse chiamandomi x nome; Se a Ray non dispiace Tonia...e lei lui...
Tonia si incendiò e rispose;
Chissà che non scopi meglio Papà, a sentirmi chiamare papà da lei la mano scese sui calzoni e toccandomi il cazzo dissi spudoratamente, Senti come mi dispiace tanto, vieni, toccalo...
Gina si avvicinò a Frà e lo baciò, iniziando a toccarle la minchia dura sopra i boxer, così com'era vestito...
Lo tirò fuori e disse; Tonia che bel cazzo fatto bene a tuo marito, risero, io baciavo Tonia, la sentivo mia, calda come non mai, sapevo che aveva raggiunto il suo scopo, scoparmi davanti a lui, aprire una nuova fase...
I due accanto si stavano mangiando, fino che non ci spostammo nella camera degli ospiti dove con tutta la fretta dei giovani su di giri si iniziarono a spogliare...
Frà era sopra di lei che senza già la gonna era rimasta il tanga trasparente, la palpava da tutte le parti e lei rideva eccitata, Tonia da bastarda mi disse...dai Ray mettile la lingua in bocca, falle sentire il maschio maturo, Frà rise e disse si parteeeee...
Presi la testa di Gina e lei aprì la bocca x baciarmi, ma non la baciai, le sospirai all'orecchio...Ma quanto sei troia bambola?
Sentimmo tutti certo e lei rispose, tanto Ray non sai quanto...la bacia e le spostai il tanga mettendole due dita senza preavviso nella fighetta ora mai fracida...mi guardò sgranando gli occhi solo per pronunciare un...
Wowww bastardo fai piano...mmmm che porco...


A dopo le dissi dopo averla sditalinata un po quanto bastava a scaldargliela a quel coglione di mio figlio...
Si mise sopra e baciandosi si iniziarono a sentire i lamenti di goduria dei due...
LECCAMI Ray leccami da fare schifo disse Tonia...Frà si girò a guardarla e le dise...cazzo amò sei presa bene...e lei...mmmm senti che spalle ha papy...
Le divaricai le gambe, e iniziai ciò che a lei mandava in brodo di giuggiole...la lingua...
Gemeva, ansimava, Tonia era in estasi, continuava a dire...si siii che lingua che lingua ragààà
Frà si girò e disse...almeno hai trovato chi le piace leccare...Oh giààà e come lecca tuo padre amore mio, come lecca...dai scopala a quella vacca che sennò sborra senza toccarla...è vero Gina?
Quanto sei troia, quanto...
Troppo amore le rispose Gina, troppo, dopo scopiamo io e te
Frà si dava da fare, ma l'età era quella, e l'esperienza anche...
Iniziò a scoparla piano, lentamente perchè le ragazze presero a baciarsi, a succhiarsi le lingue e noi le osservavamo eccitati, dissi poi...
Dai puttanelle mettetevi a pecora che vogliamo scoparvi...Gina e Tonia si girarono...e Frà non aspettò a puntarle il cazzo in mezzo alle labbra della figa nemmeno un'attimo...Spinse ed entro facilmente in Gina che ad ogni colpo lasciava andare uno dei suoi ohh ohh mi piace, eccomeee...
Io continuavo ad assaggiare la figa di mia nuora, a leccarla come mai, le lappavo le labbra da sotto a sopra facendo diventare a punta la lingua solo in prossimità del clitoride...
Tonia era in estasi, quasi non respirava, Gina si girò e disse...sei viva amore? Sembri su marte...
Tonia emise un fragile; Non puoi capire Gina, davvero non puoi capire cosa si prova con l'esperienza di Ray...che lingua...mamma mia vorrei morire così...
Frà accennò un... Amò ti sta spaccando eh...e rise, poi carico a pallettoni disse...vieni quì troia che ti spacco la figa, Gina rise dicendo...son tutta tua baby...
Allora lui iniziò a sbatterla dicendole tutte le cose più porche che si potevano sentire...
Lei lo incitava dicendole...dai dai che non mi fai niente, sbattimiii impegnati daiii, fammi godereee porco porcooo...


Io salii sopra Tonia che mi accolse con un abbraccio talmente caldo che sembrava mi amasse da sempre, stava confondendo l'amore con il sesso, ma mi piaceva, mi piaceva eccome quel suo misto di porca e di bambina innamorata...
La abbracciai con la stessa enfasi di rimando e mentre quei due grugnivano di tutto io le dissi in sordina...mi sei mancata sai, mi sei mancata tanto bambina...
Mi baciò, mi baciò calorosamente e mi disse...
Prendimi Ray, prendemi come non mi hai mai presa ti prego...
Le appoggiai il cazzo alla fighetta e la baciai, entrai piano, la baciavo ed entravo, quando fui quasi tutto dentro le dissi all'orecchio...
Tu non sai cosa provo amore..amore mio...
Si fece avanti e scopandomi mi guardò negli occhi mettendo quel velo di lacrime di gioia tra me e lei...mi accavallò le gambe dietro e muoveva il bacino per sentirmi tutto dentro, era il ritratto della goduria, ma calma, ferma, come se alcool e fumello non fossero in lei e fosse rientrata nella realtà, la dolce realtà di sapere che mi stava chiavando, che aveva aperto un tabù che non si sarebbe mai più richiuso ...
Poi al mio cenno e lei capì, seguimmo gli altri in parole poco dolci, forse per far sentire al pirla quanto le stavo scopando la moglie e quanto le piacesse il cazzo del padre...
Dai Tonia...digli come ti piace il cazzo di Papy a Francesco...ti piace eh puttana...
Frà si girò di scatto e fu come se aspettasse un'altra risposta, ma udì solo...
Oh si...oh siiii che mi piace, eccome, sentimi sentimi come sono bagnata, sembro una vacca, la tua puttana Ray...scopami, fammi squirtare...Gina guarda come mi pompa sto porcoooo, guarda Gina guardaaa...come abusa d'una giovane troietta...
Frà ebbe una reazione inversa, iniziò a dirmi...
Spaccala Pà...spaccala sta puttana, guarda come fa schifo sul cazzo, guarda come se lo gode...puttana, ti piace eh...le ragazze si baciarono di nuovo, ancora mugolando di piacere, finchè Frà preso da l'orgasmo non sborrò nella figa di Gina che urlava...riempimi tutta, cosììì cosììì bella calda...uhh quanta quantaaaa...
Io aspettai qualche minuto poi pompai talmente forte Tonia che urlò...vengo papyyy, cazzo che bellooo, daiii daiiii sbattimiii spaccami Ray fammi male daiiii...
Scaricai dentro Tonia una quantità di sborra incredibile, che meraviglia...poi estratto la minchia da lei, senza destar sospetti con gli altri girai il cazzo su Gina dicendole, cosa fai puttana, me lo lasci sporco?
Gina si avvicinò e lo imbocco con vigore, mentre Tonia sfiorandomi con lo sguardo si avvicinò a Frà e le disse...vieni tesoro, fammi sentire il mio uomo che sa come prendermi...così Frà iniziò a scoparla in culo, cosa che feci anch'io con la troietta di Gina...
Alle puttanelle piaque e iniziarono a toccarsi il clitoride dicendo fra loro...mmm mi piacciono ste porcate ogni tanto, ci vorrebbe Carla con Piero e saremmo al completo...
una luce negli occhi di Frà si accese e io notandolo le dissi...
Bella sorca tua sorella, non te la sbatteresti...
Lui inculando Gina si fermò e disse...scusa Pà sai...
E mamma dove la metti, hanno tutti e due dei seni che scoparle le tettone sarebbe solo crema a gogò...
Le dissì...ah si eh...mamma te la sbatteresti sporcaccione? Già, non sai quante volte vi ho spiato e lo spiata, certi rasponi pà...è sempre stata la mia musa mamma...
Anche se tu ti sbatti Carla da sempre, lei non credo che sappia, ma anche sapesse, lei anzi le da piacere saper che siamo liberi tutti noi di scoparci e senza saper o far finta farlo...credo...
Il mugolio delle ragazze ci portò al da fare...e essendosi sgrillettate x quel poco tempo che io e Frà ci scambiammo due battute stavano x godere...
Gina urlo...cazzo che bello è prenderlo in culo Tonia, ma quanto, quantooo e che cazzo ha il papy...dicendo papy anche lei mi esplose il cazzo e tirandole i capelli le dissi...senti senti come ti apre il culo papy puttanaaa sei puttana lo sai, ehh...si siii lo so daiii daiiii vengooooo...
Frà sborro nel culo di Tonia che guardandomi di sottecchi diceva al marito...mi uccidi Frà, che bellooo dai, sborra amore sborraaaaa....ci accasciammo nel lettone tutti e quattro prima di ridere, baciarci tutti e capire che serate così si dovevano rifare assolutamente...

Visualizzazioni: 6 467 Aggiunto: 1 anno fa Utente: