Quando la mia amica Adele mi chiese il favore di uscire con lei per una serata a quattro, guardandola negli occhi capii subito che aveva intenzioni scoperecce: finsi di accettare controvoglia, ma era tanto tempo che non scopavo anche io. Tre rum e pera e due vodka lemon per ciascuna avrebbero reso entrambe allegre e disinibite più del solito.


Erano due gemelli, Antonio e Renato, del tutto simili fra loro se non per un neo sotto l’occhio destro di uno dei due: chi di loro piacesse a Adele non l’avevo ancora capito, complice anche l’alcool in corpo. 


Ci portarono a casa loro, Adele aveva già la lingua in bocca con uno dei gemelli e si stava dando un gran da fare, quando ebbe improvvisamente dei conati di vomito e corse in bagno. 


Del tutto indifferenti, i due si spogliarono, e altrettanto feci io. 


Vidi che avevano tutti e due delle belle mazze, ma uno ce l’aveva un po’ più grosso: non li distingueva solo il neo a quanto pareva.


“Portatemi un metro per favore!” dissi maliziosamente. Renato lo aveva 5 cm più lungo e un po’ più spesso di diametro.


“Okay, tu in culo non me lo metti” gli intimai ridendo.


Con la testa leggera e del tutto priva di freni inibitori, cominciai a smanettarli un pochino, e poiché ho sempre adorato mettere il condom agli uomini, mi feci consegnare i preservativi e glieli infilai personalmente; ma dopo un po’ notai che si stavano smollando, nonostante ci stessi mettendo tutta la mia abilità. 


Erano imbarazzati, avevano un sorriso nervoso, capii che il problema erano proprio i profilattici.


“Vabbé ho capito, si fa senza, ma non venite dentro che qui nessuno vuole diventare presto genitore” dissi loro: ormai avevo troppa voglia per fermarmi.


Sputai sui loro cazzi molta saliva e li segai ben bene, succhiando qua e là con passione: come previsto furono di nuovo in tiro in un batter d’occhio.


Fedeli alle disposizioni, Antonio mi prese dietro, a Renato invece la fica.


Restammo sul pavimento, stesi di fianco, ma Antonio mi impalò subito con forza, e feci un salto tipo grillo.


“Ehi vacci piano, non sono mica così larga lì”.


Evidentemente non era pratico, allora lo guidai dolcemente nel mio sfintere; Renato giocò col suo cazzo un po’ sul clitoride, facendomi sussultare, e poi mi penetrò con maggiore delicatezza rispetto al fratello. 


Per la prima volta in vita mia venivo presa in contemporanea, mi sentivo come centrifugata, riempita da questi due cazzoni in tutti e due i miei buchi, mentre Adele vomitava anche l’anima sul gabinetto. 


Mentre stantuffavano senza sosta, le loro lingue cominciarono a stuzzicare il mio collo, da entrambi i lati: fu molto piacevole, e dopo pochi minuti sentii Antonio che eiaculava, mordicchiandomi una spalla. 


Quando finì di svuotarsi fu il turno di Renato, che mi prese in braccio sempre col cazzo dentro, mi adagiò ai bordi del letto e diede ancora qualche colpo ben assistito, prima di sborrarmi sulla pancia e sui peli della fica. In quel momento entrò Adele, ancora ubriachissima.


“Ecco lo sapevo, sei la solita puttana, neanche ci volevi venire e te li sei fatti entrambi!”. L’alcool la rendeva furiosa, aveva gli occhi lucidi e barcollava. 


Si mise sopra di me come per picchiarmi, cercai di prenderla con dolcezza.


“Tesoro, io non c'entro, hanno fatto tutto loro, dai perdonami” le dissi accarezzandole i capelli e il viso.


Calmatasi d’improvviso, si coricò sul mio ventre e cominciò a leccare la sborra riversa sul mio corpo, sulla fica e sul culo: leccando leccando, schizzai in bocca l’orgasmo che ancora non avevo avuto, che Adele trangugiò indifferente assieme allo sperma dei gemelli. 


Non aveva mai avuto tendenze lesbiche, ma gli effetti dell’alcool l’avevano ipnotizzata, come in trance: ancora oggi, quando le rammento l’episodio, Adele nega sia mai avvenuto.


La visione eccitò i fratelli, che tornarono arrapati e pronti a fare la festa a Adele: questa volta il culo toccò a Renato, che la impalò senza tanti complimenti.


Adele cacciò un urlo tremendo, mentre Antonio le metteva il cazzo in fica. 


Gli effetti dell’ubriacatura cominciavano a farsi sentire anche sul mio corpo, incapace di rialzarmi, potevo solo intravedere da uno specchio lontano questo strano mostro a due teste, quattro palle e due cazzi, che riempiva Adele inginocchiata su di me. 


Renato le teneva la testa sul mio sesso, e sborrò caldi fiotti sulla schiena e il collo della mia amica, qualche schizzo le arrivò fino ai capelli; si ripulì la cappella con una mano e la ripassò sulla faccia e le labbra di Adele, che si ribellava invano, mentre Antonio le veniva dentro, incurante delle mancate precauzioni.


Finita la scopata, ci riposammo tutti sul letto: io e Adele, svegliateci prima, complottammo uno scherzetto per vendicarci.


Dopo averli ridestati, li facemmo mettere schiena contro schiena, legando loro le braccia dietro con le federe dei cuscini: erano alla nostra mercé.


Prima leccammo bene i loro attrezzi fino ai coglioni per farli rizzare di nuovo, ci volle un po’ di tempo perché erano esausti; cominciammo a cavalcarli con foga, potevo vedere gli occhi socchiusi e lo sguardo rapito di Adele che scopava Antonio, mentre io chiavavo Renato, che in fondo dei due era quello che mi era piaciuto di più. 


Andavo avanti e dietro con ritmo sempre più forsennato, mentre Adele sfoggiava le sue arti amatorie ruotando il bacino con le gambe ben serrate: venimmo urlando, gemendo e mugolando di infinito piacere, e loro con noi. 


Finito l’amplesso, ci alzammo in piedi e con le fighe impiastricciate di sperma ci strusciammo sui loro visi schifati, evidentemente non avevano mai assaggiato il loro liquido appiccicoso. 


Furono costretti a infilare le lingue dentro la fessura delle nostre fighe sborrate, sporche dei nostri umori e dei resti delle scopate precedenti.


Ci rivestimmo e li lasciammo ancora legati, con le facce stravolte e insudiciate.


“Così la prossima volta imparate ad usare i preservativi” dissi io.


“Ciao segaioli” aggiunse acida Adele: era ufficiale, l’alcool la rendeva davvero irriconoscibile.


Ce ne andammo ridendo, con una gran voglia di far pipì. 


L’indomani saremmo corse a cercare una farmacia a prendere la pillola contraccettiva.

Visualizzazioni: 5 442 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Scambio di Coppia