Daniela e Martino: madre e figlio 7


 



Martino riuscì a contattare la fidanzata solo il giorno seguente e lei gli disse di non preoccuparsi, che aveva scherzato sul cazzo di suo zio.


Lui non le credette perché sapeva che, lo zio aveva avuto storie con altre donne anche giovani, per cui, aveva il serio timore che Michela gli venisse portata via.


Michela gli nascondeva un segreto riguardante suo nonno con cui, aveva rapporti da anni perché adorava il suo cazzo di ventitrè centimetri a riposo.


Lei adorava fare sesso con suo nonno che la riempiva tutta col suo cazzo. Inoltre, loro facevano giochini con le zucchine, vale a dire, che con una zucchina veniva riempito il buco di Michela non riempito dal cazzo del nonno.


Michela era perversa più di quanto il fidanzato sapesse. 


Infatti, le era venuto in mente di fare sesso insieme al nonno e allo zio, ma non sapeva come dirlo loro.


Michela per tenersi buono Martino


gli propose di conoscere sua sorella e di fare sesso a tre. Sua sorella era ancora più bella e carnale di lei e sperava che Martino si prendesse una sbandata per lei.


La sorella si chiamava Giulia aveva una quinta di reggiseno, culo a mandolino, gambe lunghe e affusolate e una passera avida di cazzo ancora più della sorella.


Giulia aveva intravisto Martino da lontano quando una volta aveva riportato a casa la sorella e ne era rimasta impressionata e avrebbe voluto tanto vederlo da vicino.


Lei chiese a Michela di farglielo conoscere e rimase sorpresa che quest’ultima non le facesse problemi.


La sera, le sorelle erano a casa ad aspettare Martino con mise da urlo, minigonne, calze a rete, tacchi e mini top che a malapena coprivano i loro seni.


Martino strabuzzò gli occhi nel vedere tutto quel ben di dio e si chiese come sarebbe stato fare l’amore con entrambe,


I tre andarono a prendere un aperitivo con Martino che si sentiva a disagio, in quanto, gran parte degli uomini del locale, avevano gli occhi incollati alle due sorelle.


Loro facevano finta di nulla e cercavano a più non posso il contatto fisico


con Martino, che se lo sentiva duro, da quando le aveva viste.


Lui propose loro di andare a casa sua, dove sarebbero stati in pace e soli.


Le sorelle approvarono, guardandosi negli occhi, pregustando quello che sarebbe successo.


A casa, Martino che non voleva saltarle subito addosso subito addosso, diede loro da bere un analcolico. Le fece parlare specie Giulia che non conosceva e che era una ragazza intelligente che studiava fisica all’università ed era prossima alla laurea.


Giulia con la sorella faceva dei discorsi a doppio senso, attendendo che Martino almeno le baciasse, ma siccome lui non si decideva, lo fecero loro.


Martino dapprima restò sorpreso, ma poi prese a palpeggiare Giulia, la fece svestire e prese a leccargli la fica mentre la sorella gli faceva un pompino memorabile.


Nel frattempo, Giulia si toccava il clitoride e gemeva ad alto volume e disse che voleva il suo cazzo nella fica cosicchè la sorella dovette smettere il pompino e Martino penetrò Giulia in un solo colpo e poi andava, avanti e indietro in quella fica ancora più meravigliosa di quella della sorella.


Michela baciava in bocca Giulia e le succhiava i capezzoli e Martino domandò se avessero ancora dei rapporti tra loro e risposero di sì ed anche con la loro madre.


La madre, all’insaputa del padre, aveva una fidanzata, con cui, avevano avuto rapporti anche loro.


Martino era strabiliato, ma godeva così tanto che non volle approfondire. Michela pensò di andare a prendere lo strap-on per poter inculare la sorella mentre Martino le pompava la fica.


Giulia approvò non aveva mai fatto una doppia così, ma solo con la zucchina e constatò che il cazzo dello strap -on era più simile ad un cazzo vero rispetto ad una zucchina.


Martino sborrò dentro Giulia che così venne anche lei.


Michela andò a leccare la sborra che mise anche sulle tette della sorella che leccava


mentre Martino era semplicemente estasiato dalla porcaggine della sua fidanzata.


La fece mettere a pecorina e la inculò con lo strap -on e dapprima lei gridò poi gemette dal piacere. Nel frattempo, il cazzo di Martino si era rianimato grazie al pompino di Giulia perciò Martino la scostò si levò lo strap on e prese a inculare la fidanzata col suo cazzo che gemeva sempre più dal piacere fino a che lei venne, seguito da lui che gli sborrò negli intestini.


Nel frattempo, Giulia si era masturbata guardandoli e anche grazie alle leccate di Michela, visto che, aveva posto la sua fica davanti alla faccia di quest’ultima.


Martino le guardava, si menava il cazzo, cazzo che si riprese e lo mise in bocca a Michela che cercava di leccarlo, sennò quando allargava la bocca, pensava Martino a scopargliela.


Tutto procedeva nel migliore dei modi finchè in casa non vennero la madre con i cognati che per un po’ guardarono cosa stava succedendo e si eccitarono talmente che si rinchiusero in camera a fare sesso senza disturbare Martino e le ragazze che presi dai loro giochi non si erano accorti di nulla.


In realtà, il cognato che era rimasto molto colpito da Michela, lo rimase ancora di più da Giulia, tant’è che gli era venuta una mega erezione istantanea.


Mega erezione che aveva soddisfatto ampiamente sua moglie e sua sorella, ma il cognato non vedeva l’ora di avere sotto le mani Michela e sua sorella, sempre che, le due fossero disponibili.


Lui pensava di sì, visto che, le aveva viste con Martino.


Insomma, i rapporti incestuosi si allargavano ancora di più.


 

Visualizzazioni: 7 502 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Incesti Trio