Giorni fa incontro Antonio al parcheggio e ci scambio come al solito qualche parola. Antonio è un po' il tuttofare del comprensorio. E' un uomo grosso, sgraziato, dall'andatura ondeggiante. All'inizio prima di parlarci ho pensato che fosse ritardato, ma poi no, del tutto normale, anzi, nonostante la poca cultura generale, sicuramente non è stupido per niente. Ma resta il fatto che per come si veste, si muove e per come è, non sembra certo uno che piace alle donne.  Infatti mai visto con una donna. Ho sempre pensato che fosse un frequentatore almeno settimanale di puttane, probabilmente le negre che il giorno stazionano sulla via che costeggia i campi e ti chiamano offrendo "culo e bocchino vieni costa poco".


Così passa Silvia, la bellissima moglie di Francesco e gli occhi di entrambi seguono il suo andare, perché è veramente bella. Castana, capelli lunghi lisci, occhi verdi, alta, fisico da modella ma, da quando ha avuto un bambino, anche due belle tette. Avrà 33-35 anni. Come il marito, anche lui un bel ragazzo. Lui assicuratore lei hostess.


Quando è abbastanza lontana da non sentirmi dico: "gran bella fica..." e Antonio, annuisce, sorride, e dice "gran bella troia..." 
Il discorso mi interessa. "Dici?"


"Dico ..." fa lui. 
"Gira voce? " chiedo. 


E lui, serafico: " ah non lo so... io me la scopo quando mi pare..."


Sinceramente penso che sia una cazzata, ma è strano, Antonio non mi ha mai dato la sensazione del millantatore. Però non abbiamo mai accennato al sesso. Quindi lo stuzzico. "Ma...  veramente? no... non ci posso credere... mi stai prendendo per il culo..." dico ridendo.
E lui: "ma figurati... sul serio... mica dico cazzate io..."


"Mi sembrava tutta lavoro e maritino... come ci sei riuscito... dai racconta..."


Lui prende il telefono e ci traffica un momento con le sue ditone: "toh... guarda..." Mette lo schermo verso di me e c'è una foto di Silvia, inequivocabilmente Silvia, nuda, in ginocchio, presa dall'alto con lei che lecca una enorme cappella. 
In un primo momento non capivo se era un effetto ottico ma il cazzo sembrava veramente sproporzionato rispetto al visino della bella Silvia.


Poi scorre e c'è sempre lei che cerca, non riuscendoci, di avvolgere la cappellona con la bocca. Poi una che presumo lei, i suoi capelli, le sue fattezze, a pecorina sul letto, con quel cazzo che le dilata la vagina.  Ancora lei, la stessa donna, tirata per i capelli indietro e quel cazzo inguainato fino in fondo. 


E ancora, sempre in quella posizione, ma stavolta lo ha nel culo. Cazzo. E' un braccio, quel cazzo. 


Il pensiero della dolce Silvia impalata su quella nerchia mi fa arrivare una scossa al pisello che inizia a indurirsi. 


Poi, un flash: "ma sei tu quello che se la sta... ingroppando?" Cioè sto parlando con uno che sta sputtanando la vicina con nonchalanche... non credo sia il caso di essere delicato.
"eh si...mica ho le foto degli altri..."


"Beh allora complimenti doppi "dico io..." perché te la sei fatta ma anche per quella bestia che ti ritrovi... " rido.


"A certi ha dato la bellezza. A altri i soldi. A alcuni l'intelligenza... a me ha dato la minchia... "


"eh beh... meno male che ti ha dato anche la voglia di fica... pensa se ti faceva frocio..."


"ahhahahhh" si fa una risata. "ah io a chi lo vuole glielo do... come ti credi che ci sono arrivato a lei?"


"in che senso?"


"nel senso che il marito è ricchione e per farmi la moglie glielo devo dare pure a lui... "


Mado' che storia... sono sempre più intrigato.... chi lo avrebbe mai detto, sotto il naso e non mi ero accorto di nulla. Francesco frocio? no... mai pensato. SIlvia troia che si fa scopare da Antonio! mai ci avrei pensato. 


"no dai raccontami... cazzo... "


"guarda non ti sto a dire come è successo perché è lunga ma a lui piace vedere la moglie scopare con altri, stare lì a guardare e lei mentre si fa trombare lo insulta... gli dice parolacce, cornuto, frocio, fichetta, leccacazzi... lui fa quello che dice lei, servizievole... e lei lo fa ciucciare il cazzo e me lo ha fatto anche inculare... ma era tutta una scena perché lui aveva già il culo rotto... sono entrato dentro senza problemi..."


"va beh ma come hai fatto a entrarci in confidenza..."


"sai, annunci su internet... loro non sapevano che ero io e io nemmeno, anche se lei mi pareva somigliasse... lui aveva visto le foto della mia dotazione e ha cominciato a dirmi che era per la moglie che lui guardava e basta... allora io gli ho detto che io avevo gli occhi ma la bestia no e quando c'era un buco non stava a scegliere quindi nessun problema ... se gli piaceva poteva giocarci e se no... andava benissimo la moglie..."


"e così vi siete riconosciuti?"


"quando ha visto che ero io per un po' ha smesso di rispondere... ma poi alla fine mi ha richiamato e mi ha detto che forse era meglio essere vicini di casa... così già ci conoscevamo..."


"ma quando?"


"un paio di anni fa...."


Negli ultimi due anni Silvia aveva avuto il figlio, che ora aveva qualche mese.  Un dubbio. Erano anni che ci provavano, dicevano, senza riuscirci.
"gliel'hai ingravidata? " 


"quasi sicuramente... lui non la scopa mai... ma magari si è fatta mettere incinta da qualcun altro... vai a sapere le donne... a me non frega un cazzo... 


"Dai raccontami come funziona..."


"Quando lei ha voglia dice a lui di chiamarmi, lui mi manda un messaggio su whatsapp tipo sei libero domani sera? io rispondo si o no... a volta me la tiro... "(antonio che se la tira per scoparsi Silvia è la fine del mondo...) 


"Poi vado a casa loro e lei è già in camera da letto, lui fa l'ospite, mi offre un caffè, un liquore... e poi mi dice che lei aspetta... io vado, entro, chiudo la porta... lui entra dopo...quando già me la sto a chiavare...


"e lui? "


"lui sta dietro... si fa una sega, io manco lo guardo... poi è lei che decide... delle volte lo lascia lì come un cane e altre lo fa partecipare un po'... io nemmeno lo tocco... cioè... lo tocco solo con il cazzo. Lei me lo fa duro e poi glielo do a lui. Tipo io mi bacio con lei e lui me lo ciuccia... una bocca è una bocca... e un culo è un culo... certe volte lo fa anche vestire da femmina puttana, con le calze e il reggicalze, ha il culo depilato sembra una bella fica... in penombra"


Mi viene in mente Hegel: "di notte, tutte le vacche sono bigie" ma anche "in carestia, ogni buco è galleria", che non è di Hegel, ma in fondo dicono la stessa cosa. 


Vorrei raccontarvi tanti particolari di questo rapporto, ma Antonio è così, spiccio. Però non posso fare a meno di pensare alla mia mogliettina alle prese con quel cazzo.  Le raccontavo, tempo fa, di un amico dei tempi delle partite a calcetto, che aveva un cazzo che moscio gli arrivava al ginocchio, che se era seduto e se lo tirava sulla pancia faceva capolino dal terzo bottone apero della camicia... un cazzo che ti ci poteva prendere a schiaffi, da moscio. Una proboscide, hai presente? E lei: "mi piacerebbe essere presa a schiaffi da un pisello fino a che non si indurisce..."

E ora, come non pensare al cannone di carne di Antonio?  Quanta ineffabile frenesia erotica sta in quello sguardo di assoluta adorazione stupefatta al disvelamento dell'oggetto del suo deisderio? Voglio vedere la sottomissione, la resa, l'abbandono, di fronte a quell'arma.


Per cui può darsi che Antonio, lo sgraziato e rozzo Antonio, avrà un'altra giovane e bella vicina da slargare in ogni buco. Potenza della nerchia.

Visualizzazioni: 19 041 Aggiunto: 1 anno fa Utente: