Roberta mi telefona e mi dice che il giorno dopo ho un'appuntamento con la proprietaria e di comportarmi bene. Arrivo alle 16 all'appuntamento, una villa sulla collina torinese, immersa nel verde mi aprono il portoncino e fatte le scale mi aprono il portone di casa, una cameriera filippina mi accoglie dicendomi di seguirla, l'abbigliamento è abbastanza significativo, grembiule che contiene a mala pena il seno e nient'altro, sotto una gonna cortissima dove si intravede da dietro il culo. Arriviamo in un salone molto grande, arredato con mobili antichi, su un divano è seduta una signora che avrà la mia età, molto bella, una quarta di seno, due belle gambe, vestito attillato che mette in mostra le sue curve, si alza e mi saluta presentandosi come Liliana, io rispondo e poi mi fa segno di sedermi. Comincia dicendomi "quindi lei è un mio nuovo inquilino, come si trova nella casa" io rispondo che mi trovo bene e sono contento di fare la sua conoscenza, lei "sia Alessandra che Roberta mi hanno parlato molto bene di lei" io "grazie troppo buone e comunque è un piacere averle come amministratrici" lei "sono contenta di quello che mi dice, anche perchè mi hanno detto che siete diventati amici intimi" io non so cosa rispondere lei vedendomi in imbarazzo continua "tranquillo so qualcosa ma non tutto, ma d'altronde conoscendo l'indole di Roberta non si poteva far scappare un bell'uomo come lei" sono in imbarazzo, meno male che arriva la cameriera a chiedermi se voglio qualcosa da bere, io sto per rispondere ma Liliana anticipa la mia risposta "Lella porta due birre" e guardandomi mi dice "gradisce altro" io rispondo "no" ma questa ultima affermazione mi da un senso di doppio senso, anche perchè mentre la dice a cavalla le gambe mettendo in mostra una bella coscia. Arrivano le birre e beviamo, poi lei parte dicendomi "Roberta mi ha detto che ha fatto un accordo con lei" io "ma dipende di cosa parla" lei "parlo di pagamento di affitto" io "si c'è un accordo sono stato obbligato" lei "addirittura obbligato, se ha accettato ci sono anche delle convenienze" io bevo e non rispondo lei continua "le mie amministratrici mi hanno detto che ha virtù nascoste e alcune meno" io "dipende da cosa intende per nascoste" mentre parlo con lei il mio cazzo comincia a dar segni di vita lei "mi hanno detto che usa bene la lingua prima, poi usa un'altro organo per completare il lavoro" io "insomma faccio del mio meglio" lei mi guarda e ridendo mi dice "mi tira fuori la lingua" io la guardo stupito e obbedisco lei "una bella fonte di piacere mi dicono" "faccio quello che posso" intanto ormai ho il cazzo duro e lei se ne accorta infatti mi dice "deve farle male" indicando li in mezzo le gambe, non so cosa rispondere lei mi fa segno di alzarmi e dice "si spogli così lenisce il dolore. Mi risiedo e tolgo scarpe e calze, poi mi alzo e tolgo la maglietta, poi slaccio i pantaloni e li faccio scivolare sulle gambe, una volta a terra li sposto, sono in boxer, ora si vede la mia erezione, me li sfilo e resto nudo, lei osserva e mi fa segno di avvicinarmi e guardandolo dice "questa è la fonte del piacere di Roberta" rispondo annuendo lei chiama la cameriera, io sono ancora più in imbarazzo, arriva mi guarda poi Liliana gli dice "che ne pensi" lei risponde "bisogna provare, per me è normale" Liliana mi guarda e mi dice "io non mi faccio scopare da uno che vedo per la prima volta, ora le spiego come funziona" mentre parla la cameriera si avvicina e comincia a segarmi, poi si inchina e assaggia la cappella. Liliana continua "ora andrete i n camera e dovrai far godere lei, io guarderò tutto e non è detto che se lo spettacolo mi piace intervenga anche io" la cameriera smette di leccare mi prende il cazzo e mi trascina viia come un cagnolino al guinzaglio, la signora ci segue facendo apprezzamenti sul mio culo. Arrivati in camera, grande con letto rotondo e con uno specchio sopra, mi lascia il cazzo e si tira via prima il grembiule e poi la gonnellina, e molto abbondante, non grassa, mi spinge sul letto, mentre la signora si siede su una poltrona, comincia a succhiarmi il cazzo, molto brava, nel frattempo si gira e mi mette la figa davanti, comincio a leccarla ma è bagnatissima, infatti dopo poco, pur avendo il cazzo inn bocca comincia ad ansimare, io continuo, lei smette di leccare, ha un orgasmo fantastico, mi riempe la faccia, e dice "padrona è fantastico ho già goduto" io continuo e guardo verso la signora che ci guarda compiaciuta. Si alza e dice "padrona voglio scoparlo" lei fa segno positivo con la testa, si gira e se lo infila dentro, comincia la cavalcata, io intanto le lecco i capezzoli duri e ritti, gode tanto, ora tocca a me le dico "guarda che godo" lei "si riempimi" io vengo e lei ha un altro orgasmo. Siamo distesi uno affianco all'altra, ci guardiamo, si avvicina la signora e dice "allora ti è piaciuto" lei "si signora". La cameriera si alza e va in bagno, io dallo specchio vedo la signora che mi osserva poi rompe il silenzio dicendo "e brava Roberta stavolta non mi mentiva" io la guardo e dicono "quando vuole è anche suo" lei mi dice "tranquillo tra poco", nel frattempo è tornata la cameriera è salita sul letto e la signora le dice "hai ancora voglia di scoparlo?" lei risponde "si signora" io intanto dico che devo andare a gabinetto, la cameriera mi dice "mi raccomando non lavarlo che lo pulisco io" vado faccio una bella pisciata e torno. Sorpresa la signora si è tolto il vestito ed indossa solo l'intimo, reggiseno a balconcino e perizoma, bel culo. Mi fanno stendere la cameriera comincia baciandomi il cazzo, mentre Liliana sale sul letto e comincia ad accarezzarmi il petto, io allungo la mano per accarezzare le cosce ma lei dice "niente carezze, ti dico io cosa devi fare" mentre dice questo, senza togliere il perizoma, sento il profumo di una bella figa, già umida, lecco la stoffa, mentre mi sta facendo uno stupendo pompino, cazzo duro, la signora si alza e dice "dai che lo vuoi nel culo" la cameriera risponde togliendosi il cazzo dalla bocca "signora ma specialmente qua sotto è grosso non è che mi fa male" rispondo io "tranquilla entrerò piano e ti darò il tempo di abituarti" la cameriera si alza e si mette a pecora, io guardo il bel culo che ha e prima gli sputo sopra poi infilo un dito, poi un altro, poi il terzo, lei comincia a godere ed ansimare, vedo Liliana al suo fianco sfilarsi il perizoma, allarga la gambe e si posiziona a portata della lingua della cameriera che comincia a leccare, vedo una bella figa, con un ciuffetto di peli sopra il clitoride, ma la signora interrompe la mia osservazione dicendo "invece di guardare la mia figa inculala" io mi alzo appoggio il cazzo all"ano e faccio pressione, cede subito, poi piano lo infilo, arrivo fino in fondo la signora dice "ti fa male" lei "all'inizio si ora sento solo un bel tronco dentro" Liliana rivolgendosi a me dice "vai all'ora sfonda questa troia e pensa quando lo farai a me" comincio a sfondarla, la prendo per i fianchi e la monto mentre lei lecca la figa, ora godono tutte e due, una col culo e l'altra dalla figa. Sto per arrivare e l'avverto, la cameriera mi dice "voglio bere tutto" dico che sto per venire, lei toglie la faccia dalla figa e si gira prendendolo in bocca giusto in tempo, vengo, guardo la signora e mi dice "bravo" siamo sfiniti, la signora si riveste e mentre va vie dice "lavatevi e tu pulisci e rifai il letto, mentre con te devo parlare" ci alziamo e andiamo in bagno insieme, urina e bidet, che mi fa lei dicendo che è per ringraziarmi di non averle fatto male ma di averla fatta godere. Sono davanti alla signora "allora aveva ragione Roberta sei una grande puttana e la prossima volta mi dovrai servire per bene poi parleremo di contratto, perchè non ti lascio nelle sue mani, se ti vorrà scopare dovrà pagare, quindi fino a che non ci troviamo non dovrai soddisfare nessuna delle due" io rispondo "come vuole" la saluto e mee ne vado. La prossima storia deve ancora avvenire sto ancora aspettando la convocazione. 

Visualizzazioni: 6 842 Aggiunto: 1 anno fa Utente:
Categorie: Sesso di gruppo
Tag: Cougar