Io avevo già avuto un po' di storie intricate di sesso di gruppo, a tre, in tre... ma la mia fidanzata di allora non ne voleva sentir parlare. Ma non è che insistessi molto, perché stavo anche con una grandissima zoccola, detto con tutto il mio amore e rispetto per le zoccole. Bellissima fra l'altro, piena di soldi.Con lei un paio di volte a settimana facevamo delle "chiuse" dalle 3 del pomeriggo a notte tarda, bevendo, mangiando, drogandoci il giusto, scopando come ricci, non facendoci mancare fantasie, porno, storie, e quando capitava, una sua amica di passaggio.


Insomma... non la sto a fare troppo lunga, ma, o la va o la spacca: ho confessato tutto alla mia "ufficiale" che all'inizio si è incazzata come una vipera, e poi ha iniziato a essere curiosa di conoscere quest'altra donna, con la quale c'era solo sesso.


Abbiamo organizzato un incontro. La mia amica, chiamiamola Manuela, portò un suo toy boy, un ragazzo di ventanni molto carino e educato. Insomma cena e varie chiacchiere, poi mettiamo un video porno, ma l'atmosfera non si scaldava. Senonché Manuela iniziò a fare sesso con il ragazzo, che non ricordo nemmeno più come si chiamasse. Io e Elena, la mia fidanzata, poi moglie, ora ex, a guardare. Dopo un po' abbiamo iniziato anche noi.


Siamo finiti a fare sesso ognuno con il rispettivo partner, su un letto matrimoniale. Dopodiché fu Elena a dirmi: voglio vederti fare sesso con lei. E la Manu era ben contenta, che il ragazzino la scopava, si, ma non come le piaceva, cioè duramente. E Elena scopriì che la eccitava moltissimo vedermi scopare l'altra donna. 


Mi venne il desiderio di farle assaggiare la fica. Lei aveva sempre detto che l'idea le faceva schifo. Ma la presi e la misi vicino, così quando tiravo fuori il cazzo glielo potessi mettere in bocca. E non si fece nessuno scrupolo. Lo ciucciava con avidità. E quindi cominciai questo su e giù: nella fica di Manu, bagnatissima, e poi nella bocca di Elena, che ripuliva. Più volte. E le dicevo, ti piace cazzo e fica insieme? ti piace succhiare troia? E lei aveva perso la testa e succhiava con avidità.


Allora le presi la testa e la spinsi sulla fica di Manu, che aprì le gambe al massimo, ben felice di sverginare quella bocca. Elena non si fece problema, si mise a lappare come un cagnolino. Così io dietro la scopavo e lei in ginocchio fra le gambe di Manu la leccava.


Fino a quando Manu si alzò e se la mise sotto, salendole sul viso e strofinandole la fica aperta su bocca, naso e lingua, protesa, tenendola per capelli. Più dominata di così...


La Manu le venne in bocca e lei veniva mentre la scopavo e la riempivo, quasi in contemporanea.


Tutti stanchi, quasi per andar via, ma il ragazzo, che era venuto all'inizio un po' precocemente, facendo innervosire Manu, aveva ancora voglia e se ne stava lì con il cazzo duro. Era timido però e non prendeva iniziative. 


E così Manu disse a Elena: ci pensi tu?
Lei mi guarda, perché non sapeva come l'avrei presa, ma io: prego... se vuoi.
E lei con un sorriso lo fece scopare e poi togliere alla fine, prendendo la schizzata sulle tette e sul viso. Uno spettacolo, vedere la timida fidanzatina che aveva avuto il battesimo del cazzo e della fica, in una serata.


Cavolo. Serata perfetta. Aveva ragione Manu. Infatti Elena l'ho sposata.

Visualizzazioni: 7 359 Aggiunto: 1 anno fa Utente: