E' proprio vero che nella vita tutto può succedere ... ma una cosa così, non pensavo proprio...
Oltre ad una ventennale amicizia, a legare me Rebecca, (la mia compagna) con Salvo e Anna, è anche una sfrenata passione per il sesso. Passione che condividiamo spesso e volentieri. Tutto sommato siamo due coppie per bene, nulla di che. Ma, di tanto in tanto ci concediamo una scopatina a quattro tra amici. Proprio come lo scorso week end ... Solo che le cose, involontariamente hanno preso una piega del tutto inaspettata. Il programma era sempre lo stesso. Pizza e poi a casa nostra a darci dentro. Di solito, visto che io e Rebecca non abbiamo figli, mentre Salvo e Anna sì, (una ragazza di 19 anni e un ragazzo di 21) "certe cose" le facciamo sempre da noi. Sapete com'è, non è educativo che i figli scoprano che a mamma e papà piace fare certe cose.Per questo la location ideale è sempre stata casa nostra. Ma sabato sera, Salvo se ne salta fuori dicendo che dobbiamo assolutamente andare a casa loro, poiché ha una sorpresa per noi. Nemmeno Anna ne sapeva niente, e alla fine, è venuto fuori che la sorpresa consisteva in un po' d'erba che il mio amico aveva acquistato per rendere la serata ancora più folle. Okay! Abbiamo accettato l'invito e la sua idea, e così alle undici di sera eravamo tutti e quattro stravaccati in soggiorno a bere un buon bianco e a fumarci quella canna. I ragazzi, a sentire Anna, sarebbero tornati tardi, e così avevamo tutto il tempo per divertici, sballarci e poi far sparire ogni traccia della nostra spassosa serata. Già! Era tutto calcolato, meno il fatto di quanto potesse essere forte, l'erba che stavamo fumando ... Allo scoccare della mezzanotte eravamo completamente fuori. Nelle nostre teste non c'era più un solo briciolo di buon senso. L'uso della ragione in noi era totalmente svanito. Di solito, le nostre orgette son sempre molto equilibrate se così si può dire. Della serie, ci si inizia a scopare con il proprio partner, giusto per riscaldarci, e poi ci si scambia, e la cosa finisce lì. Sabato scorso invece, siamo andati oltre, molto oltre. Mi sono ritrovato a scopare la mia compagna in tandem con il mio amico, in una doppia penetrazione, ma non solo. Rebecca e Anna si sono abbandonate a saffici piaceri, e anche io e Salvo, abbiamo in un certo senso sperimentato l'altra sponda del sesso. Mai avrei detto di ritrovarmi a sodomizzare il mio miglior amico, e contemporaneamente fargli un sega. Eravamo proprio fuori. Completamente fuori. Abbiamo riempito di sperma i capelli biondi di Anna. Per tre volte mi sono ritrovato in bocca il cazzo del mio migliore amico. Abbiamo penetrato Rebecca con la bottiglia di vino, e quando il vino è finito, abbiamo urinato nei calici per poi brindare con la nostra stessa pipì, ridendo gridando, sbraitando ogni genere di oscenità. Ma tutto questo è nulla. Nulla in confronto a ciò che sarebbe successo da lì a poco ... Alle una in punto di notte, Caterina, per tutti Katy, la figlia 19enne di Salvo e Anna entrò nel salotto di casa sua, e quando si è ritrovata quella scena di fronte agli occhi, per prima cosa ha cacciato un grido. Come biasimarla, era una scena che nessuna figlia immagina di vedere. Salvo, suo padre se ne stava a sessantanove sopra Rebecca, con il cazzo infilato in bocca alla mia dolce metà. Anna sua moglie, la mamma di Katy, aveva incrociato le sue cosce con quelle di Rebecca, e si stava dando da fare per strusciare al meglio la sua fica su quella della mia signora, ed io, dietro a Salvo lo tenevo per i fianchi inculandomelo vogliosamente. Capite da voi, che una scena del genere ad una figlia, fa prendere un colpo. Comunque, dopo quel grido la ragazza incominciò a sbraitare istericamente -Ma siete impazziti!!!- gridava. -Vi ha dato di volta il cervello!!! Siete dei schifosi pervertiti!!!!! Mi fate schifo!!!! Non so perché, ma dopo esserci sciolti dalla posizione in cui eravamo, lì, sul tappeto del salotto, sono stato io per primo ad avvicinarmi alla ragazza, e lei, furiosa, come se il tutto fosse sta colpa mia ha iniziato a colpirmi con delle sberle. Svelto le ho afferrato i polsi, portandole le braccia dietro alla schiena come se fossi un poliziotto nell'atto di arrestarla. -Che fai tesoro?- ha esclamato suo padre venendoci incontro. Parlava con sua figlia come un padre affettuoso, e, contemporaneamente rideva come un deficiente da tanto era sballato. E mentre loro due, uno di fronte all'altro discutevano, il mio sguardo è caduto sul perfetto giovane seno di Katy. La maglietta attillata che aveva addosso ne valorizzava le forme, e quella frase mi uscì spontaneamente di bocca. -Che belle tette ha tua figlia! Perché non diamo un occhiata?- ho esclamato divertito. A pensarci bene è colpa mia se quella già perversa notte, ha avuto uno sfocio di totale depravazione. Forse, avrei dovuto lasciare andare la ragazza, ma invece, completamente fuori di me, ho insistito con il padre, e in un niente ero diventato io il regista di quel lascivo gioco. -Su Salvo! Sollevale la maglietta!- ho esclamato come se fosse un ordine, e Salvo all'istante ha eseguito, e quella rossa maglietta non si è limitato solo a sollevargliela, ma bensì, con un colpo secco gliel'ha strappata di dosso. -AHIAAAA!!!- ha gridato Katy. Un secondo dopo era a seno nudo di fronte a noi. Nel frattempo, anche Rebecca e Anna si sono avvicinate. Katy, con gli occhi lucidi dal pianto, confusa e disperata è ritrovata in mezzo a noi come un agnellino indifeso circondato da quattro lupi famelici. Noi sghignazzavamo eccitati e lei piangeva. -Mamma, papà, ma che cosa sta succedendo?- singhiozzava tremando come un pulcino. -Dai toccatele le tette!- continuavo a suggerire io, e Salvo, Anna e Rebecca cominciarono a darsi da fare, palpeggiando l'indifesa ragazza, sussurrando ogni genere di oscenità. Forse se avessi detto basta la cosa sarebbe finita lì ... ma invece me ne sono uscito con un'altra. -E ora, guardiamole la fighetta!- ho sussurrato ridendo divertito. Salvo, il mio amico e padre di Katy, si è messo in ginocchio e in un niente ha abbassato alla figlia jeans e mutandine. Alla vista di quel corpo perfetto e quel pube nero e lucido, ho perso la testa, ed eccitato ho mollato la presa ai polsi di Katy. La ragazza, venti centimetri più bassa di me, ha cercato di fuggire, ma in un attimo è stata bloccata dal padre, da Rebecca e dalla madre. L'abbiamo circondata, in mezzo a noi quattro l'abbiamo stretta. Le nostre mani, le nostre lingue hanno incominciato a scorrere sulla sua candida pelle... e tutto questo era solo l'inizio. (Carissimi amici lettori e lettrici, la prima parte di questo mio racconto termina qui . Vi ricordo che le mie storie sono pura fantasia, scritte con il solo scopo di stuzzicare voi, amici lettori. Detto questo, aspetto un vostro parere. La storia vi ha scandalizzato ed è meglio che non ci sia un seguito? Oppure volete sapere come va a finire la nottata? A voi la parola!)
Visualizzazioni: 27 509 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Incesti