Elisa stava per uscire dalla fase adolescenziale ed una notte era andata a dormire per la prima volta da Janine sua compagna di scuola con cui lei ha instaurato un buon rapporto fin dai primi giorni di scuola. Janine era al quanto anno di liceo ed era già maggiorenne avendo perduto, per vari motivi, due anni scolastici. La compagna di classe era nuova essendo figlia di dirigente bancario che ogni tre anni, per il suo delicato incarico, era obbligato a cambiare sede e città.


La madre era di origini francesi e le avevano dato il nome della nonna materna.


L’amica di Elisa di nome Janine è bionda, estremamente carina e molto matura fisicamente, e fin da quando si è presentata in aula nessuno è rimasto indifferente, soprattutto lei che subito l’ha notata spaesata nel chiacchierava con gli amici che la salutavano al rientro dalle vacanze estive. 


Elisa è rimasta incantata da Janine nonostante la sua attrazione per gli uomini.


Con quella ragazza c’è stata fin da subito una notevole simpatia ed affinità a pelle.


Al termine della chiacchierata con i compagni di classe che la abbracciano e baciavano sulle guance, interrotta dall’ingresso in aula dell’insegnante, Elisa l’ha invitata ad uscire nel primo pomeriggio per farle conoscere la città e fare così un giro di orientamento e primo adattamento.


Le due ragazze si sono incontrate alle 17 e si sono presentate tutte messe in tiro per far colpo una sull’altra.


Insieme hanno passato un bel pomeriggio che si è protratto alla serata incontrando amici e girando con loro per bar finendo per fare l'una del mattino.


Poiché la casa di Elisa era distante, a Janine non è sembrato opportuno che la compagna di classe facesse un percorso notturno da sola vestita e truccata in modo molto attraente ed anche sexy.


Dopo una telefonata ai genitori, Janine l’ha invitata a dormire a casa sua.


Quando sono andate a letto la sorpresa di Elisa è stata grande nel vedere la sua amica spogliarsi completamente davanti a lei prima di andare a letto. Vedendo che Elisa la guardava confusa e probabilmente con espressione da stupida, Janine le ha chiesto cosa non andasse in lei.


Elisa le ha spiegato che non era abituata a dormire nuda perché le dava un po' fastidio e che non era abituata a vedere altre ragazze nude andare a letto nude soprattutto perché stavano per dormire nello stesso letto e stare a contatto anche di pelle.


Eppure in cuor suo a Elisa questa prospettiva non dispiaceva e quando stava per indossare il pigiama, Janine le ha fatto capire che per lei ci sarebbero state difficoltà a sentire il contatto con il tessuto e pertanto le ha chiesto di non indossarlo.


Pochi secondi dopo Janine si è sdraiata accanto a lei, toccandole di sfuggita le tette generose.


Le due ragazze hanno subito preso sonno e la notte è trascorsa normalmente, tranne quando Elisa si è svegliata accorgendosi che aveva dormito con una mano sulla mammella destra dell’amica distesa accanto a lei.


In quell’istante si è subito allontanata velocemente e l’ha guardata dormire bella com'era nella sua nudità che da addormentata era più perfetta che da sveglia. avrebbe voluto toccarla ma si è trattenuta non sapendo cosa dirle se si fosse svegliata.


Pochi minuti dopo, gli occhi di Janine si sono aperti e si è levata dal letto spudoratamente nuda parlando piano a Elisa e poi vestendosi per affrontare la giornata.


Anche Elisa si è vestita ed entrambe con vestiti differenti sono andate a scuola dove Elisa è stata circondata dai maschi di tutto l’Istituto attratti dal vestito non certo comune per seguire le lezioni.


Nel pomeriggio le due ragazze hanno studiato insieme a casa di Janine che in meno di 24 ore era diventata una delle sue amiche preferite.


La giornata per Elisa è andata bene e siccome non voleva davvero andar via, ed i genitori di Janine erano andati fuori, di comune accordo le due hanno deciso di passare una seconda notte insieme.


Era la seconda sera insieme e dopo cena non avevano voglia di andare a dormire non essendo stanche. Invece di uscire le due hanno preferito accendere la TV e Janine ha iniziato a fare zapping fino a fermarsi su un pezzo di porno ed ha chiesto divertita a Elisa se lo volesse guardare. La risposta è stata positiva poiché per Elisa, ma forse anche per Janine, era la prima volta poiché Elisa non aveva mai visto altro che film erotici e vederne uno porno ha pensato potesse essere istruttivo.


È stato allora che Janine come la sera prima si è denudata ed anche Elisa si è spogliata ma ha lasciato addosso qualcosa, poi le due si sono infilate nelle lenzuola una accanto all’altra.


Elisa ha tenuto indosso le mutandine ed un reggiseno abbastanza scollato ma abbastanza ampio da coprire completamente le sue tette non certo modeste.


Elisa si è divertita fin dall'inizio del film nel vedere un uomo abbastanza dotato che offriva il suo cazzo come regalo a una donna rossa di capelli, formosa e non molto dopo ha provato delle sensazioni nella zona della sua figa ancora giovane e poco usata. Senza davvero pensare a quello che stava facendo, lei ha portato la mano alla mutandina ed ha notato che era bagnata.


Un po' imbarazzata ingenuamente lo ha detto a Janine la quale le ha spiegato che era normale e che avrebbe fatto meglio a toglierla per lasciarla asciugare prima che la macchia aumentasse.


Dicendo a sé stessa che probabilmente Janine aveva ragione, ma un po' vergognandosi, ha fatto scivolare la mutandina lungo le gambe e le ha levate per buttarle in fondo alla stanza lontane dal letto.


Esposto all'aria aperta il suo piccolo clitoride era ora più umido che mai e sentiva l'impulso di accarezzarlo sempre di più, di strofinarlo e cominciava a sentire un tocco irresistibile verso la sua amica.


In quel momento Janine l’ha guardata e l’ha trovata con due dita nella sua fighetta ed ha sentito il suono di risucchio dovuto alle dita che andavano e venivano.


Janine le ha chiesto cosa stesse facendo. Janine le ha risposto che si stava masturbando ed è sembrata sorpresa quando le ha confessato che non ci aveva mai provato.


In realtà lo aveva fatto ma aveva vergogna a dirlo a Janine.


Senza chiedere l’opinione di Elisa, Janine ha preso la mano dell’amica e l’ha fatta scivolare lungo le gambe per raggiungere finalmente il clitoride e, guidata da lei, con il proprio dito, Elisa, ha iniziato ad accarezzarsi, prima lentamente, poi sempre più velocemente. Una sensazione travolgente è sorta in lei facendole provare un piacere che non aveva mai provato prima e, senza pensarci molto, ha baciato appassionatamente la sua amica stesa al suo fianco.


Janine all'inizio sembrava sorpresa ed Elisa temeva che il gesto sconsiderato avrebbe scatenato una repulsione da parte sua, ma Janine presto ha ricambiato


Il bacio di Janine era infinitamente più tenero e la loro saliva si è mischiata mentre le loro lingue si accarezzavano e giocavano fuori dalle labbra.


Senza smettere di baciarla, Janine ha staccato la mano dalla figa per iniziare ad accarezzare quella di Elisa per poi inserire due dita nella piccola fessura gocciolante e iniziare ad andare e venire come aveva fatto per lei.


Senza pensare a quello che stava facendo, la mano di Elisa è andata a sua volta sul piccolo clitoride di Janine per accarezzarlo.


Elisa ha capito subito che era ciò che si aspettava quando ha dato il primo bacio a cui ora ne stanno seguendo altri molto più languidi.


Le due sono così rimaste per lunghi minuti a baciarsi e ad accarezzarsi a lungo, le fighe si bagnavano sempre di più ed entrambe hanno pensato che quella in cui avevano le dita, invece di essere dell’altra, potesse essere la propria.


Janine si è fermata solo il tempo necessario per toglierle il top che stava iniziando a impedirle seriamente di eccitarsi mentre le massaggiava la mammella sinistra con la mano libera.


Elisa le ha offerto entrambe le tette e Janine avrebbe potuto farle qualsiasi cosa. Sicuramente Elisa l’avrebbe lasciata fare magari anche supplicandola di andare oltre.


Dopo un po', però, Janine ha smesso di baciarla e si è ritratta dalle intimità di Elisa la quale stava per protestare quando l’ha vista chinarsi per affondare il viso nella vagina della compagna di classe.


La felicità è stata raggiunta da Elisa quando Janine ha iniziato a leccarle il clitoride e succhiare il succo d'amore. È stato un puro piacere, nessuno avrebbe potuto farle un regalo migliore.


Elisa ha lanciato delle piccole grida di piacere che hanno incoraggiato Janine a penetrarla più a fondo con la sua lingua portandola vicina all'orgasmo di cui tanti sue amiche deflorate le avevano parlato ma di cui lei non aveva idea.


Pochi secondi dopo, finalmente Elisa lo raggiunto anche lei con un ultimo grido di piacere e poi è come svenuta ma solo addormentata.


Non si è svegliata fino al giorno dopo trovandosi tra le braccia di Janine ma questa volta non ho fatto nulla per allontanarsi.


Quando la sua amica si è svegliata le ha sorriso e l’ha baciata teneramente.


Non vedendo alcun motivo per vestirsi, abbiamo trascorso la giornata completamente nude impegnandosi in piccoli giochi sessuali.


Janine ed ed Elis hanno vissuto fino all’estate seguente frequentandosi molto assiduamente e dormendo sempre insieme felici e pienamente soddisfatte sessualmente. Quella notte è stata una rivelazione per Elisa poiché è avvenuta una rivelazione del suo corpo e della sua latente omosessualità di cui in seguito non ha rimpianto nulla.


Al ritorno a casa Elisa ha solamente parlato dei compiti e dello studio fatto a casa e niente di più.

CIao. Hai mai provato a pubblicare sul nostro "salottino" esclusivo, per soli scrittori? Prova, Giovanna Esse.
raccontierotici.eu

Visualizzazioni: 2 142 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Lesbo
Tag: Sarde