Mia madre è sempre stata un po', come dire, imprevedibile, a volte perfino stronza, soprattutto con me, perché nonostante sia una donna riservata, composta e molto legata a noi, non ha mai rinunciato alla sua vanità.


È ancora oggi una bella donna, mio padre ne è orgoglioso, nonostante l'età e qualche ruga in viso ha un corpo da fare invidia a molte giovani.


Molti anni fa, un mio cugino si era palesemente invaghito di lei. Succede. Anch'io del resto mi ero invaghito di sua madre più tardi, però io mi limitavo a desiderarla nella mia testa, anche perché mia zia non mi avrebbe mai permesso nessun tipo di audacia in questo senso. Mia madre invece... reagiva diversamente.


Questo mio cugino è più grande di me, all'epoca la differenza di età si notava, quando io ero appena un ragazzino lui era già maggiorenne, mia madre, per


giunta, è più piccola di mia zia quindi per lui rappresentava la zia giovane e sexy da conquistare.


Come ho scritto all'inizio, mia madre è sempre stata imprevedibile e a volte persino stronza, sì, proprio stronza fu una sera.


Avevamo deciso di dormire da mia nonna e all'occasione anche cenare, visto che mio padre era fuori città per lavoro mia madre non se la sentiva di dormire da sola a casa.


Coincidenza quella sera, anche mio cugino si trovava lì.


A tavola la conversazione non tardò a farsi un po' fastidiosa per i miei gusti, certo non volgare, però fu un continuo di risate e controbattute su apprezzamenti che lui le faceva, tanto che persino mia nonna rimase un po' imbarazzata.


Era evidente che lui si sentiva a proprio agio, mio padre non c'era e quindi aveva campo libero.


La cosa che mi infastidiva di più però era la partecipazione di mia madre, che non cercava minimamente di cambiare discorso, anzi, sembrava proprio presa da tutti quei complimenti che riceveva.


Io ascoltavo in silenzio, ogni tanto la fissavo per richiamare la sua attenzione ma lei manco mi guardava, anzi agiva come se non ci fossi.


Mio cugino continuava con le battute, si era spinto addirittura a dire che se fosse stato suo marito, insieme  avrebbero fatto altri figli.


È strano anche per me mettere per iscritto queste cose, nella mia famiglia non c'è mai stato questo tipo di umorismo, sinceramente non so nemmeno come siano


potuti arrivare a quel livello quella sera, soprattutto davanti a mia nonna.


Ricordo anche che quella sera, la mia simpatica mamma indossava un perizoma che fuoriusciva dai suoi jeans, era in bellavista, io stesso riuscivo a vederlo, questa cosa avrà fatto impazzire, giustamente, mio cugino.


Insomma, non lo biasimo, se fossi stato al suo posto sicuramente mi sarei comportato allo stesso modo.


Quella sera tutto finì lì, non ci furono altri particolari imbarazzanti ma, il mio modo di vedere mia madre cambiò completamente.


Capii per la prima volta come mia madre, oltre a essere la mia famiglia, la mia protezione, il mio bene, poteva anche rivelarsi l'incubo di un abbandono.


Oggi, ripensandoci , sono quasi sicuro che quella sera si è perfino bagnata, magari se si fosse trovata in un contesto diverso si sarebbe anche lasciata andare un po' di più.


Chi lo sa.


Ricordare queste cose oggi mi fa eccitare tantissimo, mi piace pensare che mia madre, anche solo per una volta, avrebbe fatto qualche sciocchezza in preda all'eccitazione.


CIao. Hai mai provato a pubblicare sul nostro "salottino" esclusivo, per soli scrittori? Prova, Giovanna Esse.
raccontierotici.eu

Visualizzazioni: 16 955 Aggiunto: 2 anni fa Utente: