‌La ex acidella si era ormai calata nella sua nuova dimensione di bella donna sensuale ,si accorse presto che c'erano molti maschietti pronti a fare valere false per poterla scopare. Ma non era suo carattere essere troia come lo ero io ho la mia "fidanzata" non che non gli piacesse far sesso,ma non ne era così ossessionata come noi due. Ogni volta che ci vedevamo i nostri discorsi cadevano su cazzi fighe pompini ecc.ecc. lei ci chiamava le due linfomani è da una parte e vero . Mentre lei era molto più selettiva scopava solo quando gli girava è se qualche giorno restava a becco anzi a figa asciutta non si preoccupava . Un giorno mi dice che aveva deciso di intraprendere la carriera di escort io conoscendola rimasi basita quello magari si addiceva a me non ha lei . Comincio a tempestarlo di domande è mi confessa ché è in ristrettezze economiche e da tre mesi cioè da quando suo marito è tornato al suo paese che in casa sua non entra un centesimo è sta consumando ciò che aveva da parte e non sta trovando lavoro. Mi ricordo che l'ultima volta che sono stata al sex shop un paio di giorni prima invece del commesso gay c'era la proprietaria è mi diceva che il ragazzo si era trasferito in Spagna con il fidanzato è lei cercava un/una commesso/a quindi la carico in macchina è andiamo al negozio dove incontriamo la proprietaria è conferma che cerca un dipendente è la assume in prova inizia il giorno dopo. Una sera mio marito mi dice che le aveva telefonato la sorella dal paese perché il figlio di lei doveva venire nella città dove abitavano noi per un paio di settimane se lo potevamo ospitare è lui gli ha dato disponibilità . Io un diciottenne brufoloso in giro per casa non lo volevo dove cazzo andavo a scopare con gli amanti in quei quindici giorni ma ormai era così. La mattina del suo arrivo mi alzo presto per andare all'aeroporto a ritirarlo ero indecisa su un look supertroia oppure brava massaia infine decido per una via di mezzo tacco grosso non altissimo normali calze gonna stretta sopra il ginocchio con piccolo spacco posteriore body con ampia scollatura e giacca nera . Arrivo all'aereoporto poco prima dell'arrivo del suo aereo lo vedo arrivare e spero che sia lui alto biondo occhi azzurri come il mare fisico atletico però faccia da bambino con qualche peletto ostentato con orgoglio . Si avvicina a me e mi dice ciao zia io sarei tentata di saltargli addosso mi trattengo è lo saluto pure io. Andiamo al parcheggio è saliamo in macchina prima di salire mi tolgo la giacca è cerco di far salire verso sopra la gonna mentre mi siedo lui si accomoda al mio fianco è mentre torniamo a casa lui toglie lo sguardo dalle mie cosce solo per posarlo sulla scollatura arriviamo a casa. Io vado avanti sculettando ormai o capito che gli interesso. Saliamo a casa è incontriamo la ex acidella che stava per andare al lavoro in abiti succinti come era richiesto dalla sua principale, la guarda mentre cammina è mi dice che è bellissima io gli è la presento lui diventa rosso in faccia e comincia a balbettare lei lo guarda è gli dice se è così timido che cazzo ci fa con una come me si mette a ridere è senza aspettare risposta scappa via. Lui mi guarda è mi chiede che volesse dire io dico niente . Entriamo dentro gli preparo il caffè poi lo porto in giro per fargliela vedere è spiegargli le regole . Va a farsi la doccia ed io non riesco a non spiarlo noto che a una verga non indifferente ed era in erezione si fa una sega volevo entrare però non volevo affrettare le cose mentre lui si fa la doccia io mi cambio per cominciare le pulizie . Con addosso una canotta XL è niente altro , dalle asole per le braccia spuntavano le tette è se mi abbassavo copriva a malapena metà chiappe . Naturalmente facevo di tutto per farlo arrapare è saltarmi addosso ma lo vedevo che soffriva ma faceva di tutto per trattenersi andammo avanti così tutta la mattinata era in ebollizione,pranziamo è lui va nella camera che gli avevo assegnato . Lavo i piatti è decido di farmi la doccia mentre mi asciugavo i piedi piegata a pecorina lui apre la porta (la chiavatura non funzionava bene ed alcune volte non chiudeva, lo so che voi porcellini penserete che io lo abbia fatto apposta ma in questo caso non ci avevo pensato minimamente) è vede in primo piano le mie chiappe con le cosce leggermente aperte a mostrare la figa chiude la porta di colpo e scappa nella sua stanza bofonchiando scusa . Io con calma mi finisco di asciugare indosso il reggicalze le calze un corpetto con le tette in bella vista mi trucco metto le scarpe con tacco alto avevo deciso che il suo cazzo doveva diventare mio. Indosso un babydooll trasparentissimo è mi avvio verso la sua stanza busso gli dico che dobbiamo parlare, viene ad aprire con indosso una maglietta ed un paio di pantaloncini era bellissimo sembrava una statua greca naturalmente rosso in faccia . Dentro i pantaloncini si notava un rigonfiamento mentre mi guarda con la bava alla bocca gli abbasso i pantaloncini e scopro la verga in piena erezione lentamente mi abbasso è comincio a leccare il prepuzio con movimenti della lingua lenti e circolari bagnandolo con la saliva, lui non sapeva cosa fare ,ad un certo punto di colpo ingoio il suo cazzo non senza difficoltà viste le dimensioni portandomi la sua cappella in gola è le sue palle a toccare le mie labbra lui supereccitato non impiega molto a venirmi in bocca con un abbondante quantitativo di sborra che io naturalmente non spreco, ingoiandolo fino all'ultima goccia. Però la cosa mi preoccupa è arrivato subito se continua così io con il cazzo che godo. Lo faccio abbassare è gli spingo la testa fra le mie cosce obbligandolo quasi a leccare ha movimenti impacciati mi dice che è vergine è la prima volta che vede di presenza una donna nuda. Io mi infoio più di quanto ero sapendo questo. Sarò la sua nave scuola gli faccio aprire le grandi labbra con le dita e li chiedo di leccare delicatamente il clitoride mentre con le dita mi massaggia il resto comincio a colare dalla figa lo sdraio sul letto è gli salgo sopra a smorza candela gli porto le mani sulle mie chiappe e gli dico di stringerle ed accompagnare il mio movimento era bellissimo sentire la sua grossa verga dentro me ,mi sdraio ed apro le cosce lui sale su di me e comincia a pompare mentre io raggiungo il primo orgasmo mi mette a pecorina è mi prende da dietro nella figa e toglie il suo meraviglioso cazzo solo quando che dopo un tempo che sembrava che non finisse mai io ho un'altro orgasmo . Lui ha ancora un pezzo di marmo fra le gambe ed ancora non è venuto per la seconda volta allora corro a prendere un lubrificante e gli do il culo FANTASTICO mi inserisce la sua verga nel culo inizialmente con timore poi a mano a mano con sempre più forza tanto da darmi la sensazione di ritrovarmelo in gola tanto della forza che metteva. Finalmente viene riempendo il mio culo di sperma caldo . Mi inserisco un plug in culo a tenerlo dentro (mi piace la sensazione). Ricominciamo si vedeva che era un giovane pieno di forza sembrava che non si stancasse mai è venuto almeno cinque volte prima che cominciasse a dare segni di stanchezza ed io godevo da morire sono venuta talmente tanto che non avevo più respiro è mi sentivo sconquassata. Quando finiamo mi accoccolo fra le sue braccia è mi dice che è stato bellissimo però adesso non aveva coraggio di guardare suo zio in faccia . Io mi mi metto va ridere è gli dico che tuo zio lo sa che io ti avrei violentato se non volevi. Mi fa mio zio sa di essere cornuto? Risposta sì. Cambia discorso è mi dice che è stato bellissimo non immaginava che fosse così bello scopare una donna. E mentre dice questo sento qualcosa che cresceva fra le mie chiappe gli dico no non farlo ma mi ritrovo con il suo cazzo duro conficcato in culo. Si ricomincia finiamo che non mi reggevo in piedi non avevo mai scopato con un uomo che riusciva a durare tanto . Sento suonare la porta vado a vedere chi era nuda non ricordando che ero tutta imbrattata di sperma come apro la porta vedo la ex acidella che come mi vede allunga il dito e prendere un po' di sborra che avevo in faccia e portarla in bocca assapora ed esclama buona . Mi ero completamente dimenticato che l'avevo invitato a pranzo ,la faccio entrare è vado in bagno a darmi una pulita è c'era lui che faceva la stessa cosa è cercava di incularmi di nuovo gli dico no che devo preparare da mangiare oltre che era arrivata l'ospite,lui si preoccupa che è nudo è per ritornare nella stanza dove ci sono i vestiti deve passare davanti a lei lo prendo dal cazzo così lo portodavanti a lei lui di nuovo rosso in faccia e con il cazzo in ritirata balbetta qualcosa lei in risposta sì denuda pure lei così si accomodano in salone a parlare mentre io preparavo da mangiare pranziamo completamente nudi.

Visualizzazioni: 4 463 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Confessioni