Mentre facevamo il giro in moto rimuginavo come farla pagare all'acidona mi viene in mente uno dei miei "amici" a cui lo data una volta ma la vorrebbe ancora. Si vanta che qualsiasi donna che è entrata nel suo mirino gliel'ha data voglio proporgli una sfida. Nel pomeriggio il mio cornuto va a giocare a calcio  con i suoi amici,io ne approfitto per andare a prendere il caffè nel bar che normalmente frequenta il mio amichetto, come mi vede entrare si precitipa al banco per offrirmi il caffè. Io comincio, parlando del più e meno, a sfotterlo che si vanta che fotte a questa è a quella ma non è vero che ci sono donne che non gliela darebbero mai. Lui punto sul vivo mi propone una sfida io gli indico una donna che secondo me gli resisterebbe è lui entro una settimana si deve far fare un pompino da questa donna . Come posta mi dice che è disposto a seguire ogni mio ordine per una settimana ma se vince lui vuole un pompino ogni mattina ed il mio culo tutte le sere per una settimana. Io accetto dicendogli che se riesce invece di una settimana lo facciamo per un mese così lo carico per bene a me non dispiace a un cazzo non indifferente . Quando gli faccio il nome si mette a ridere è mi dice che sarà facile, perché le donne represse come lei non aspettano altro che l'occasione per esplodere  a differenza di quelle come me che quando hanno voglia se la tolgono si possono permettersi di fare una cernita tanto sanno che possono avere tutti i cazzi che vogliono. Mi deve fornire come prova la foto di lei con un cazzo in bocca. La mattina successiva lo vedo gironzolare vicino al mio palazzo è cerca l'approccio dopo un paio d'ore lo vedo che l'aiuta a portare le buste della spesa penso che si sta dando da fare.  Passano cinque giorni che non lo vedo più la mattina noto la sua macchina parcheggiata dietro del palazzo mentre faccio jogging ,penso devo preparare il culetto . A mezzogiorno mi arriva una foto con lei che ciuccia un cazzo dopo un po' suonano alla porta è il mio amico che viene ad avvertirmi che dalla mattina successiva verrà a riscuotere il debito che ho con lui è mi dice che ha anche un video mentre se la scopa che l'indomani me lo porta così lo guardiamo insieme. Io felice come una pasqua gli do un anticipo del debito facendogli un pompino lì sulla porta però il suo cazzo era un po' stanco aveva da poco soddisfatto  vent'anni di arretrati dell'acidella. La mattina successiva lui arriva puntuale come un' esattore delle tasse gli stavo per sbottonare i pantaloni ma mi ferma è mi dice prima guardiamo il video poi ti farai scopare. Metto il CD nel lettore è per la prima volta la vedo non completamente coperta a poco a poco si spoglia è noto che non è proprio da buttare anzi per l'età si conservava abbastanza bene all'inizio era un po' ritrosetta ad aprire le cosce ma dopo che ha assaggiato il cazzo nella figa un paio di volte cominciava a mugolare come una cagna in calore. Lui giocava ogni tanto lo toglieva tipo che volesse smettere ma lei lo pregava di metterlo di nuovo dentro,invece di ficcarlo direttamente gli sfiorava le labbra con la cappella poi faceva per farlo entrare è metteva solo la cappella lei cominciava a fremere sembrava sul punto di esplodere comincia a pompare ma non continuamente lo faceva a scatti come se volesse sfondare la figa  ,ad un certo punto la fa sdraiare sul letto a pancia in su con la testa che pendeva fuori dal materasso lui si mette in piedi davanti a lei e  comincia a scopargli la bocca con violenza fino a che non gli innonda la faccia di sperma poi la tira dai capelli è l'obbliga a mettersi a pecorina,gli lecca il culo e violentamente gli ficca la verga in culo senza nessun riguardo in modo di fargli il più possibile male, grida dal dolore ,lui gli chiede  vuoi che smetta è lei risponde noooo continua e bellissimo lui gli dice di gridare che è una grande troia rotta in culo e ciuccia cazzi è lei lo fa prima di venire la fa inginocchiare davanti a lui è con bocca aperta di leccargli la cappella  mentre lui si sega ad un certo punto un fiotto di sborra gli si riversa in bocca la fa sdraiare è ricomincia a martellargli la figa con il suo cazzo lei fra un mugugno ed un'altro riesce a dire solo siiii che bello. Io nel frattempo sentivo un calore che mi saliva in corpo lui mi mette la mano fra le cosce e comincia a massaggiarmi il clitoride con delicatezza,Finito il video scopiamo gli chiedo di fare esattamente come nel video lui è felice di accontentarmi il godimento era ad alti livelli quando si muoveva a scatti sembrava che volesse sfondare la parete della figa più menava più mi veniva voglia. Presi un dildo bello grosso è mentre mi sfondava il culo gli chiesi di mettermelo in figa così maturai l'idea di una gang bang . Gli chiesi sé era possibile organizarla lui annuì. Dopo che va via uscendo incontro la troia sulle scale  è noto cammina con le gambe leggermente aperte penso chissà come le brucia il buco del culo ,comincio a canticchiare: nooooo è bellissimo ,lei mi guarda interdetta io da grande bastarda gli dico che c'è che ti guardi lo so quanto sei troia, ciuccia cazzi ,rotta in culo,lei con tono arrabbiato mi fa come ti permetti io sono integerrima la troia sei tu .Allora  gli mostro la foto dove ciuccia il cazzo ,sbianca ,le dico io forse lo sono conclamata ma tu sei molto peggio di me che lo fai ma vuoi passare per la virtuosa che può giudicare tutti è tutto è che sono in possesso del video dove scopa come una troia è vorrei renderlo pubblico. A quel punto si inginocchia piangendo e pregandomi di non farlo. Con voce perentoria che non ammette repliche gli ordino di alzarmi la gonna e di leccarmi la fighetta cosa che esegue immediatamente non senza ansia eravamo sul pianerottolo,ansimando gli dico stasera dopo che tuo marito va a letto vieni da me (sapendo che il marito andava a letto con le galline) . Come rientra il mio cornuto dal lavoro torno a guardare il video con lui. Mi dice,mentre lo spompino, però la troietta fisicamente non è male ad occhio così svestita dovrebbe avere sui 46 -47 anni vestita come era sua abitudine ne dimostrava almeno 60 è secondo me se si sarebbe curata ne dimostrava ancora di meno. Verso le dieci arriva lei mi dice che per sicurezza a raddoppiato la dose di sonnifero di suo marito. La faccio sedere prendo il CD e glielo consegno rassicurandola che è l'unica copia è non ho intenzione di ricattarla è cancellerò pure la foto perché il mio unico obbiettivo  era dimostrarle che qualsiasi donna poteva diventare una troia se presa nel modo giusto . Lei seduta al tavolo comincia a raccontarci la tragedia della sua vita innanzitutto suo marito era molto più grande di lei è prima di sposarlo non lo aveva mai visto lo aveva imposto suo padre ,all'epoca esistevano ancora i matrimoni combinati, lei aveva 44 anni è lui 67 , è si era sposata a 18 anni appena compiuti. A letto non è stato mai un granché è con il passare del tempo è peggiorato fino a diventare completamente impotente mentre lei si rifugiava nella religione e se provava a contraddirlo la picchiava. Non provava un cazzo almeno da quindici anni è l'unico che aveva provato era quello del marito già mini dotato quindi non aveva mai provato i piaceri della carne fino al giorno prima . Il mio cornuto ribolliva dalla rabbia dal momento che a saputo che la picchiava lui odia chi usa la violenza su chi è più debole soprattutto se è una donna. Ma adesso era intenzionata a recuperare il più possibile,mi metto a ridere e gli chiedo se avesse avuto piacere di scopare con mio marito lei annuisce ,le dico che io esco a fare una passeggiata. Ma mio marito non ne vuole sapere lo costringo quasi. Lei mi chiede se  fosse possibile che restassi lì anche io perché la leccata del mattino gli era rimasta in gola è voleva continuare.passammo una serata di fuoco anche se il cazzo di mio marito non era enorme aveva imparato ad usarlo in maniera sublime . La mattina successiva accompagno la troietta a fare shopping innanzitutto la ho portata dal parrucchiere a ringiovanire il taglio il suo era affetto forse a mia nonna, poi dall'estetista dove dopo una cura del viso mani piedi gli ho fatto fare un'epilazione completa del corpo lei volle che rimanesse un piccolo triangolino di peli sul pube poi negozio d'abbigliamento di un carissimo amico ben dotato dove mentre sceglieva un vestiti gli presentai il cazzo del propietario, lei senza scomporsi minimamente prima baciò sulla cappella è poi inghiottì tipo idrovora lui eccitatissimo avrebbe voluto di più ma l'arrivo della moglie è di altri clienti portò a più miti consigli. Comprò un paio di mini una gonna che arrivava al ginocchio con cerniera davanti che apriva in ambedue i sensi per tutta la  lunghezza. Mentre giravamo per trovare un negozio d'intimo ci imbattiamo in un sex shop che non conoscevo seminascosto in un androne ci guardiamo in faccia ed entriamo ci accoglie un bel ragazzo alto magro una faccia d'angelo sicuramente con un pacco non indifferente. Gentilissimo io già lo immaginavo sotto di me che pompava il suo cazzo dentro me. Ci spiega i vari articoli ed il loro uso con gesti che lasciavano poco all'immaginazione quando mima un pompino gli faccio una domanda :se è gay alla sua risposta affermativa mi scappa un cazzo! mi guarda e gli dico che già mi stavo facendo le seghe mentali con lui sopra di me si mette ha ridere  e mi dice che gli dispiace ma non mi può aiutare.  Comunque compriamo delle autoreggenti bellissime con la riga due gonnelline che potevano si è no il clitoride dei perizoma risicatissimi con un apertura anteriore con in mezzo una fila di perline ed stivali  che fra zeppe e tacchi a spillo erano almeno 14centimetri è tante altre cose. Dopo aver speso una piccola fortuna siamo tornate a casa dove c'era suo marito che ci eravamo completamente dimenticato incazzato nero come scendiamo dalla macchina veloce è contente ci molla due scapaccioni da farci girare la testa proprio mentre arrivava mio marito che scende dalla macchina come un uragano e comincia a prenderlo a schiaffi ed a pugni per fermarlo prima che lo ammazzasse c'è ne voluto. Li portiamo dentro è mentre calmiamo il mio cornutello è rianimiamo lo stronzo. Come si riprende mio marito lo prende dal collo mi sembrava che volesse strozzarlo è gli fa a muso duro che se si permette di toccarci di nuovo lo fa a pezzettini e distribuisce i suoi pezzi in tutta la città  se gli sta bene da ora in poi sua moglie fa quello che cazzo le pare altrimenti si può fare le valige è togliere l'incomodo questo con un tono degno del miglior film di mafiosi. Dopo un paio di ore era con le valige che caricava la macchina. Lei nel frattempo si era messa alcuni dei vestiti che avevamo comprato niente di esagerato la gonna con la cerniera un paio di collant velati neri scarpe con tacco da sei camicetta rossa è giacca nera con la pettinatura che si era fatta era bellissima aveva 14 anni più di me ma sembrava una trentenne  . Molti dei nostri vicini che non l'avevano mai degnata di uno sguardo si giravano a guardarla è non gli staccavano gli occhi da addosso

Visualizzazioni: 3 930 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Confessioni