Durante uno dei miei tanti viaggi in macchina lungo la penisola mi fermai ad un distributore di benzina per fare il pieno. Nel ripartire notai sul bordo della corsia che riconduceva all'autostrada un ragazzo sulla trentina con un grosso zaino sulle spalle che chiedeva un passaggio. Accostai leggermente sulla destra, abbassai il finestrino e gli chiesi dove era diretto. Mi rispose che stava andando in Piemonte, proprio dove ero diretto io. Il suo aspetto mi ispirava fiducia, e quindi decisi di dargli un passaggio. Sistemammo il suo zaino nel bagagliaio e ci avviammo insieme lungo l’autostrada.
Ci presentammo ed iniziammo a chiacchierare come se fossimo stati amici di vecchia data. Andrea, così si chiamava il mio nuovo compagno di viaggio, mi disse che stava viaggiando per l’Italia per scattare fotografie per una rivista di turismo; aveva la barba non fatta, anche se non lunga, i capelli lunghi fino alle spalle lasciati sciolti che incorniciavano un viso ben fatto, con una mascella ben marcata, il naso aquilino e due occhi verdi molto vivaci ed intensi.
Mentre parlavamo di viaggi e di avventure, ad un tratto raccontai un episodio molto spassoso che mi era capitato qualche anno prima, ed Andrea si lasciò andare in una potente risata durante la quale inavvertitamente, almeno così mi parve sul momento, appoggiò la sua mano abbronzata sulla mia coscia destra. Dato che non accennava a spostare la mano dalla mia gamba, dopo qualche secondo, non potendo togliere le mani dal volante, mi voltai leggermente verso di lui con aria interrogativa. Andrea smise di ridere e ricambiò il mio sguardo con un’espressione complice, quasi a chiedermi il permesso di tenere la sua mano sopra la mia coscia.
Rimasi interdetto e diressi nuovamente lo sguardo alla strada. Andrea con fare furtivo fece scivolare la mano verso il mio inguine, e dato che c’era traffico, io ero impossibilitato a staccare le mani dal volante. Involontariamente non resistetti dall'allargare leggermente le gambe, dando così ad Andrea un debole segnale di approvazione al suo movimento in direzione del mio pacco. Con la coda dell’occhio notai inoltre che Andrea aveva appoggiato la sua mano destra sul suo grosso pacco chiuso nei jeans consumati.
Quando la sua mano sinistra arrivò a sfiorare attraverso i pantaloni la mia cappella avvertii come una scossa ed il mio corpo iniziò a reagire rigonfiandosi notevolmente. A quel segnale Andrea prese a massaggiarmi su e giù il pacco che andava aumentando di dimensioni. Sentii il mio cazzo rizzarsi per andare incontro alla mano di Andrea, che contemporaneamente aveva iniziato a massaggiarsi il pacco con l’altra mano.
A quel punto Andrea mi disse che non resisteva più e senza troppe esitazioni si abbassò la cerniera dei jeans. Immediatamente il suo cazzo, aiutato dai massaggi della sua mano, occupò lo spazio lasciato libero dalla cerniera aperta e fece capolino dalla fessura. Nonostante dovessi prestare attenzione alla guida notai l’asta del suo cazzo dalla pelle scura incurvata verso il basso, la cappella ancora nascosta dentro i pantaloni, rigonfiarsi sempre più, fino a quando l’erezione crescente non riuscì a liberarla dai pantaloni. Il cazzo di Andrea venne fuori in tutta la sua magnificenza, mostrando una grossa cappella ancora coperta dalla pelle del prepuzio. Con un movimento deciso della mano Andrea afferrò il suo cazzo e dapprima fece scorrere la pelle verso la punta della cappella in modo da estrarre dai pantaloni anche le sue due grosse palle pelose, per poi scappellarselo completamente.
A quella vista la mia eccitazione crebbe notevolmente con grande soddisfazione di Andrea il quale tutto subito aumentò la pressione della mano sul mio pacco. Quando reputò che fosse sufficientemente intensa, dato che io non potevo difendermi, non esitò ad abbassare la cerniera dei miei pantaloni. Continuò a far scivolare la sua mano dall'alto verso il basso nella fessura aperta fino a quando la mia erezione non vinse la costrizione esercitata dai pantaloni ed il mio cazzo nudo non sbucò fuori.
Ormai la situazione era irreversibile: il mio cazzo aveva preso il sopravvento su di me e mi fece vincere la timidezza iniziale. Non desideravo altro se non di sentire il pugno di Andrea stringersi intorno alla mia asta per far scorrere la pelle fino a scappellarmi completamente. Andrea non si fece attendere molto: afferrò il mio cazzo con una presa decisa, estrasse i miei testicoli dai pantaloni tirando il mio cazzo verso l’alto per poi lentamente far emergere la mia cappella turgida dal prepuzio già umido.
I nostri due cazzi duri, quello di Andrea sui 20 cm, il mio un pochino più piccolo, si trovavano ora nelle mani esperte di Andrea, il quale cominciò a segarli contemporaneamente con movimenti paralleli molto lenti, coprendo e scoprendo le nostre cappelle con i rispettivi prepuzi. La sua mano esercitava una pressione crescente piacevolissima quando passava in corrispondenza della base della mia cappella, come se volesse mungere il mio cazzo quasi fosse un capezzolo turgido. Con l’altra mano applicava movimenti analoghi al suo cazzo.
Avviata la doppia sega, dopo la fase preparatoria con movimenti molto lenti ma decisi, Andrea iniziò a variare il ritmo dei suoi movimenti, accelerandoli e rallentandoli alternativamente. In questo modo provocava sui nostri corpi un’alternanza di salita della libido ad una stasi, facendo salire il nostro piacere a gradini. In questo modo l’intensità del godimento ne risultò estremamente amplificato.
Improvvisamente, dopo qualche minuto di questo trattamento, Andrea lasciò la presa dei nostri cazzi per lasciarli liberi per qualche secondo; in questo modo provocò dapprima una salita del piacere per poi farlo scendere leggermente. Quando dopo qualche secondo avvertii nuovamente il contatto della sua mano sul mio cazzo, provai quasi una scossa all'interno del mio cazzo proveniente dai testicoli che cominciavano a pompare la sborra lungo l’asta. Andrea segò i nostri cazzi per circa un minuto a ritmo crescente per poi lasciarli riposare ancora per qualche secondo. Ripeté questa procedura di interrompere e riprendere la sega cinque o sei volte, fino a quando il mio ed il suo cazzo durante la fase di riposo non lasciarono andare, ormai all'apice del piacere e veramente vicini ad esplodere, qualche goccia di liquido. Durante questa ultima pausa contrassi volontariamente i muscoli alla base del cazzo come a voler trattenere l’eiaculazione, e notai che Andrea fece lo stesso. Dai nostri cazzi uscì ancora qualche goccia di liquido che colò lungo le nostre aste. Dopo circa due minuti di pausa che mi sembrarono eterni, sospesi tra l’attesa del piacere supremo che stava per esplodere, con i cazzi turgidi che non potevano fare a meno di pulsare sotto la pressione generata dai testicoli ormai in procinto di svuotarsi, Andrea afferrò per l’ultima volta i nostri cazzi a pugno chiuso, diede dieci colpi lenti ma molto decisi, provocando la tanto attesa esplosione. Da quel momento in avanti, ad ogni colpo delle mani di Andrea, per cinque o sei volte, fuoriuscirono dai nostri cazzi cremosi fiotti di sborra che andarono a decorare le nostre rispettive magliette.
Dopo le nostre immense sborrate, mentre continuavamo a viaggiare, Andrea mantenne la presa sui nostri cazzi che iniziarono lentamente ad afflosciarsi, mungendoli delicatamente per fare uscire la sborra fino all'ultima goccia.
Quando ci fummo rilassati egli ebbe la cortesia di ricompormi riponendo il mio cazzo umido ormai rilassato nei miei pantaloni; fece lo stesso con il suo e continuammo a viaggiare quasi come se niente fosse accaduto.
Visualizzazioni: 16 151 Aggiunto: 5 anni fa Utente: