Mi chiamo Luigi, ho cinquantotto anni e sono sposato con Livia, che ne ha undici in meno. Sono alto un metro e settanta, leggermente in sovrappeso ed ho un bel principio di calvizie. Questa descrizione di me dovrebbe far capire che non sono affatto un adone, ma ho una certa simpatia: sono dolce e affettuoso, non troppo dotato sessualmente. Accontento quasi sempre mia moglie, facendola godere prima con mani e bocca e poi con una penetrazione che la porta all'apice del piacere, solo quando sta sopra di me.
Livia è una bella donna, nel fiore degli anni. Alta un metro e ottanta, mora, seno tondo e florido, una quarta piena che sfida la legge di gravità, ventre piatto, non ha mai partorito perché io sono sterile, culo tondo e sodo all'apice di gambe lunghe e ben tornite, bocca ampia e labbra carnose, molto sensuali. Quando ci siamo conosciuti, lei veniva da una brutta storia con un tizio manesco e violento: in pratica si è innamorata proprio per la mia dolcezza e la serenità che le instillato fin dal primo momento.
A letto è un vero portento. Brava con la bocca, fa delle pompe fantastiche; scopa con molta passione e lo prende nel culo con estrema disinvoltura. Ama vestire bene, con una certa eleganza ed ama anche esser sexy; spesso indossa autoreggenti e tacchi vertiginosi, tutte cose che il precedente compagno le imponeva con la forza e che lei, adesso, fa per me ben conscia del piacere che mi dà. Lavora come impiegata alle Poste e ha sempre mezza giornata libera. Io invece lavoro presso una ditta di contabilità aziendale. Nello studio siamo in tre, più il nostro capo che si chiama Carlo, un bel maschio non sposato, ma che riscuote molto successo con le donne; è un porco abbastanza rinomato, perché si scopa anche la giovane segretaria da poco assunta; una troietta appena sposata. Lavoro in questo settore da sei anni e, fino ad un mese fa, non era mai successo che Livia venisse nel mio ufficio. Una mattina mi sono accorto che la mia auto aveva la revisione scaduta da almeno venti giorni. Ho chiamato un amico meccanico e l’ho pregato di provvedere a metterla in regola. Lui ha acconsentito, ma quando ho lascito il veicolo presso la sua officina mi ha detto che sarebbe stata pronta nel pomeriggio e allora ho pregato Livia di passare a prenderla, dal momento che l’officina è a pochi passi dal suo posto di lavoro e di portarla presso il parcheggio del mio ufficio, cosa che lei ha fatto. Mentre mi stava consegnando le chiavi, è uscito Carlo dal suo ufficio e quando l’ha vista, ha fatto un gesto molto compiaciuto e si è avvicinato a noi. Ho fatto le presentazioni ed ho spiegato il motivo della sua presenza. Livia ha sorriso amabilmente e poi se n'è andata, mentre Carlo le scrutava il sedere con evidente cupidigia.



«Complimenti Luigi, hai una bella mogliettina».



Detto questo è tornato al suo lavoro, mentre io ho avvertito uno strano effetto dentro di me: un misto di gelosia e piacere nel constatare che Livia, come sempre, riscuote molto successo fra i maschi, che ne ammirano lo splendido fisico. Stranamente mi sono ritrovato con una violenta erezione. La sera, nel nostro letto, ho scopato mia moglie con impeto e passione facendola stupire per l'ardore profuso e, quando mi ha chiesto cosa mi avesse eccitato così tanto, le ho riferito che era stato il modo con cui Carlo le aveva osservato il culo, il suo commento e la evidente concupiscenza che gli si era stampata sul viso. Ho poi chiesto a Livia quale fosse l'impressione che lei ne aveva ricevuto nel vederlo, e lei, dopo qualche istante di riflessione, mi ha dato un bacio e, con un certo distacco, ha commentato che era un bel maschio. Ho riflettuto un poco sul suo commento e mi son sentito crescere di nuovo la gelosia ed il cazzo. Mi sono eccitato di nuovo immaginando loro due che scopano, e la cosa mi fa impazzire perché non mi era mai successo. Non era la prima volta che avevo notato il desiderio dipinto sul volto di altri maschi nell'ammirare la mia Livia, ma non mi era mai successo di eccitarmi; ora, invece, il pensiero di lei scopata da quel porco, che si dice sia anche molto dotato, mi sconvolge. Passano alcuni giorni e un lunedì mattina Carlo mi convoca nel suo ufficio.



«Caro Luigi, avrei una cortesia da chiederti, ma non vorrei che tu mi fraintendessi, poiché si tratta di una cosa molto delicata e vorrei riuscire a spiegare con calma la mia esigenza. Nel prossimo fine settimana, devo andare al sud al matrimonio di mia nipote e, poiché mia sorella, quando ero ragazzo una volta mi ha visto assieme ad un amico che mi succhiava il cazzo, lei pensa che io sia gay. Aggiungi pure il fatto che ho quaranta tre anni e non sono sposato, e il quadro è completo. Mi chiedevo se tu mi potessi prestare tua moglie per presenziare a questo matrimonio. Ho visto che è una bella donna, che ha una certa classe e che, sono certo, mi farà fare bella figura. Per vero avevo anche pensato ad una escort, ma mia sorella l’avrebbe capito subito e mi sarei sputtanato ancora più. E' ovvio che sarebbe tutto un fatto di scena, niente più. Sono disposto a pagare tutte le spese che questo evento le comporterebbe e, ti assicuro, che la cosa resterebbe solo fra di noi».


 


Lo guardo incredulo, mentre cerco di mettere a fuoco quello che mi sta chiedendo. Sento crescere una potente erezione che non sono capace di mascherare e che viene notata anche da lui, che però finge indifferenza.



«Devo chiedere a mia moglie se è disposta. Vieni questa sera a casa nostra a cena e ne parliamo».


Lui mi sciorina un bel sorriso e poi allarga le braccia.


«Ma quale cena a casa tua! Livia dovrebbe passare tutto il pomeriggio ad impazzire per preparare? Andiamo al ristorante ed offro io; non si discute».


Torno nel mio ufficio eccitato, ma anche stravolto da una simile eventualità. Chiamo Livia e, quando le racconto la cosa, per un attimo pensa stia scherzando, poi, quando le assicuro che è tutto vero, resta per un attimo in silenzio, e poi mi dice che ne parleremo a cena. Per tutta il resto della giornata sono distratto da quel pensiero e, alla fine, ho dovuto segarmi in bagno: ero completamente preso all'idea di loro due assieme. Si, mi eccitava tantissimo la possibilità che lui potesse tenerla fra le braccia e coccolarla. Mi rendo conto che l’idea di essere "cornuto" mi sconvolge e travolge! Mi eccita e spero che Livia non crei ostacoli alla realizzazione di questo progetto. Quando rientro a casa, la trovo che ha già fatto la doccia e si sta preparando per uscire con noi. Mi faccio una doccia veloce anch'io e, mentre mi vesto, vedo lei che indossa delle autoreggenti nere velatissime, una mini di pelle nera ed una camicetta bianca, quasi trasparente, che non cela l’intimo nero che indossa sotto; completa il tutto con stivaletti tacco dodici e rossetto che fa risaltare le sue splendide labbra. Noto che lei ha una certa aria compiaciuta nel rimirarsi allo specchio. Al ristorante è tutto un continuo di complimenti da parte di Carlo, che la mette al centro di tutte le sue attenzioni. Lei sembra gradire e lui le spiega, nel dettaglio, quale sarà il suo ruolo, mentre io osservo in silenzio e sono, dentro di me, compiaciuto del fatto che mia moglie possa decidere di accettare. Quando ci salutiamo, lui le chiede il numero di telefono per poterla contattare in settimana per provvedere agli acquisti necessari sia per il viaggio che per la cerimonia. Livia è molto entusiasta all’idea che potrà fare shopping a volontà e, a letto, la sento molto calda. Io sono anche troppo eccitato e vengo quasi subito, senza farla godere. Il mercoledì successivo escono insieme nel pomeriggio. Lui le compera tante cose carine e intriganti, compreso due completi intimi molto belli. La sera mi chiama dicendo che lui l’ha invitata a cena e rientrerà tardi. Resto sveglio ad immaginare loro assieme e mi faccio due seghe tremende, venendo tantissimo. Quando torna fingo di dormire, poi, quando lei si addormenta, vado in bagno e cerco, fra la biancheria sporca, i suoi slip e li trovo sporchi, intrisi di seme maschile e, per la prima volta, mi rendo conto che lei mi ha fatto cornuto; quindi, da bravo cornuto, mi tornano in mente le altre volte in cui lei è uscita a cena con le colleghe e al suo rientro non ho mai guardato la biancheria; son sicuro che non deve essere la prima volta che mi cornifica.
Il giorno successivo, di prima mattina, Carlo mi convoca nel suo ufficio e parliamo di lavoro, poi mi comunica quali saranno le mie mansioni nei prossimi giorni.



«Poiché dobbiamo fare tanta strada, con Livia abbiamo deciso che partiremo questo pomeriggio e saremo di ritorno lunedì in serata; quindi vorrei che ti occupassi tu di tutto il lavoro, mi fido di te. Per quanto riguarda Livia, dovresti astenerti da qualsiasi contatto: non vorrei che rovinassi la mia copertura, tanto, qualora dovessero esserci problemi, sarà lei a chiamarti. Spero che non avrai obbiezioni e, mi raccomando, fai molta attenzione con quegli ordini che partono il sabato».



Detto questo mi ha congedato ed io sono rimasto, per qualche minuto, seduto alla mia scrivania, cercando di riprendermi dalla forte emozione provata, nel sentire che, minimo per quattro notti, loro sarebbero stati assieme: trovavo quella situazione talmente conturbante che, al solo pensiero, quasi venivo senza toccarmi. Chiamo mia moglie e la sento molto euforica. Mi racconta che la sera precedente, con Carlo, ha avuto momenti indimenticabili e che, al rientro, mi racconterà tutto quello che faranno insieme. Mi sento cornuto come nessun altro al mondo. Non riesco a calmarmi e devo andare in bagno per segarmi e sborro copiosamente al pensiero di loro insieme. Dentro di me mi chiedo come ho fatto, sinora, a non provare quella stessa emozione di sentirmi cornuto e, alla fine, capisco che, probabilmente lei mi ha sempre cornificato, ma che io, non accorgendomi di niente, non ho mai pensato a quanto la cosa poteva eccitarmi, mentre adesso che so che Carlo la scoperà a morte, mi eccita e mi sconvolge tantissimo. Rientro e trovo la casa vuota. Per tutti i giorni della loro vacanza, li penso sempre a scopare e mi sego come un pazzo, immaginando come e quanto lei possa godere fra le braccia di Carlo. Torna il lunedì sera e li vedo appena giunti, che si salutano e si baciano in bocca, davanti casa nostra, incuranti di chi altri potesse vederli. Quando entra in casa, è euforica, allegra, e si prodiga in carezze e baci sulle mie guance. A letto le chiedo di raccontarmi tutto.


 


«Appena siamo partiti, mi ha subito messo una mano fra le cosce ed io ero già un lago. Ti devo confessare che, da tempo, mi sono accorta di aver predilezione per i maschi autoritari. Certo, quando ti ho conosciuto, venivo da una storia con un maschio violento e la tua dolcezza mi ha fatto innamorare, ma, col tempo, ho avvertito la mancanza della sensazione di essere dominata da un maschio possente, vigoroso e molto autoritario. Carlo rappresenta tutto questo e, avendolo provato, ne sono rimasta sconvolta al punto che, ora come ora, non ne posso farne a meno. Ho piacere ad essere dominata e scopata con irruenza, cosa che Carlo sa fare benissimo. Non siamo andati a nessun matrimonio: era tutta una scusa per potermi scopare per alcuni giorni in tutta libertà. Ci siamo diretti verso un Resort, dove lui aveva già prenotato una bella suite e lì mi ha montato come una vacca, facendomi godere come tu non sei mai riuscito a fare.
Comprendo che per te deve essere difficile da accettare, ed è per questo che non ti ho mai messo a parte del fatto che scopavo con altri anche prima di conoscere Carlo. Ho visto che ti sei eccitato al pensiero di avere le corna e allora mi sono lasciata andare con lui che ha davvero un cazzo fuori dal comune, una vera trave che mi ha sfondato in ogni buco. Adesso non voglio fare altro che assecondarlo; desidero essere la sua troia e, se tu farai il bravo, ti farò leccare la sborra che cola dai miei buchi e, a vedere quanto ti sei eccitato, direi che la cosa ti piace proprio tanto».



Effettivamente per tutto il tempo che lei mi ha raccontato come si sono svolti i fatti, ero in uno stato di estrema eccitazione, come non avevo mai provato.
Perciò ho accettato di avere accanto una moglie vacca e troia, che mi ha cornificato in tutti questi anni, senza mai farmene accorgere. Il giorno seguente, in ufficio, Carlo mi ha dato le ultime direttive, su come devo comportarmi con mia moglie.



«Avrai capito che uno come te non sarà mia in grado di soddisfare una femmina calda e porca come Livia. Non puoi non renderti conto che ti faccio un grosso piacere se sono io a scopartela, sempre che tu sia d’accordo e non ci poni limiti. Per quanto riguarda te, invece, dei limiti devi averne e li devi rispettare.
Inutile che ti dica che, da oggi, non la puoi più scopare. Non voglio che lei debba subire il fastidio del tuo cazzetto. Che piacere potresti darle rispetto agli oltre venti centimetri che le pianto dentro io? Invece, se sarai rispettoso e discreto, non escludo che ti possa fare assistere alla monta di Livia, quando vengo a casa tua».



Ho accettato tutte quelle condizioni, senza battere ciglio. Ero così contento ed eccitato che mi sarei segato davanti a lui. Da allora egli è divenuto un abituale frequentatore di casa allo scopo di donare a Livia la sua razione di cazzo e, spesso, quando li vedo entrare in casa abbracciati, come due piccioncini innamorati, ho una violenta erezione, che a loro non manca di cogliere e, di conseguenza, ne ridono divertiti.
«Carlo, guarda il cornuto: si è eccitato di nuovo. Chissà quante seghe si fa immaginando a quanto impegno metti nello scoparmi».
Lui mi guarda quasi con scherno e ride a sua volta divertito.



«Va bene cornutello, questa sera abbiamo deciso che vogliamo essere ripresi e fotografati mentre scopiamo e, quindi, da oggi ti nomino nostro fotografo ufficiale, se fai un bel lavoro, dopo ti do un premio».


Avverto dentro di me un piacere immenso nell’essere umiliato da un maschio cosi autoritario. Li guardo con ammirazione ed assecondo ogni loro desiderio. Mi sorprende sempre quando lo vedo montare la mia Livia, che se la gode come non mai e tutto questo mi rende infinitamente felice. Dopo averli accontentati come fotografo, ho ottenuto, in premio, di poter leccare sia Livia riempita da lui, che il suo meraviglio cazzo, che le ha donato tanto godimento. Adesso che finalmente sono cornuto e contento, la mia vita ha assunto una nuova dimensione, che mi soddisfa totalmente.


 

Visualizzazioni: 12 375 Aggiunto: 2 anni fa Utente: