Seguito di una storia di coppia. Invito i cortesi lettori a rileggere i primi due capitoli già presenti in questo sito.


xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


 


La nostra amicizia con Luca è durata per quattro anni. Poi lui per motivi di lavoro si è allontanato, ma insieme abbiamo realizzato diverse porcate, lei come promesso gli ha dato anche il culo, e lui l’ha fatta godere tantissimo. Abbiamo organizzato anche grazie a lui, delle gang, dove Paola a davvero distrutto quattro cazzi degni di tutto rispetto. Io in quella occasione sono quasi rimasto ad ammirare la troiaggine di mia moglie, e solo alla fine, lei ha preteso il mio cazzo in bocca, dove ha voluto che le riversassi tutta la sborra, che si era accumulata nelle mie palle. Poi il lavoro, e il fatto che mio padre non stava bene di cuore, e l’anno successivo ci ha lasciato, ha reso le nostre erotiche evasioni sempre più rare, inoltre avevamo preso in considerazione l’idea di un altro figlio. Purtroppo quando siamo andati a fare gli esami di controllo per mettere in cantiere questo progetto è emersa una sconcertante realtà. Lei dovrà subire asportazione l’utero per un tumore benigno, che le avrebbe poi potuto causare seri rischi, e il concepimento era assolutamente da escludere. Paola ha accusato il colpo. Per diversi giorni è rimasta in uno stato di assoluto mutismo, apatia e tanta tristezza. Poi lentamente con tutto l’amore, e l’affetto soprattutto di mia sorella che lavorava con lei ogni giorno, ha un poco superato la sua tristezza, anche se di giochi trasgressivi sembrava che non se ne parlasse più, mentre io ero sempre molto attento, a non ferire la sua sensibilità. Il sesso lo facevamo, lei godeva, ma dentro di me il desiderio di vederla ancora fra le braccia di un altro maschio, era sempre molto forte. Per un bel po’ di tempo siamo ridiventati una coppia assolutamente normale. Niente trasgressione, sesso normale anche se molto appagante. Sentivo che dovevo fare qualche cosa per ritornare ai nostri giochi erotici. Ne ho parlato con lei, che mi ha semplicemente risposto che non era ancora pronta riprendere quello che facevamo prima. Poi la svolta. Inaspettata e imprevista. Come ho detto ho una sorella di nome Silvia, da sempre grande amica di Paola. Lavorano insieme, e dopo la morte di mio padre, hanno preso a dirigere con ottimi risultati, lo studio da commercialisti. Silvia è uno schianto di femmina. Alta come Paola, ma bionda naturale, capelli che le arrivano alle spalle, un fisico mozza fiato, tenuto curatissimo, con estenuanti esercizi fisici, e sedute di massaggi, pilates e altre diavolerie che la rendono bella e molto desiderabile. Lei e Paola hanno la stessa età, ma lei non è sposata. Quasi nello stesso periodo di Paola, anche lei è rimasta incinta e ha partorito un bel maschietto di nome Carlo, che ha più o meno la stessa età di nostra figlia Giulia con cui ha un legame fortissimo. Non ha mai rivelato chi fosse il padre di Carlo, e mio padre ha accettato di buon grado, il fatto che lei, gli ha dato il suo cognome, questo lo rendeva molto orgoglioso di avere un nipote come Carlo. Mio nipote e mia figlia, sono cresciuti a pane e codici fiscali e ovviamente oggi hanno intrapreso gli studi finalizzati a raggiungere la laurea di ragionieri per poter affiancare le loro madri nella gestione dello studio. Proprio per questo motivo Paola e Silvia si sono recate insieme ad un convegno di approfondimento fiscale finalizzato a illustrare alcuni cambiamenti nel loro lavoro. Quando sono partite io ho augurato a Paola di divertirsi e lei mi ha sorriso dicendo che forse non c’era tanto da divertirsi in posti cosi noiosi. Dopo due giorni quando sono tronate ho notato nello sguardo di mia moglie un deciso cambiamento. Era di colpo sparita come per incanto la malinconia e il suo apatico distacco. Era tornata la sua aria allegra e lo sguardo trasgressivo. La sera nel letto mi ha scopato con impeto e vera passione come non succedeva da tempo. Era tornata la mia donna troia e vorace di cazzo che tanto mi era piaciuta. Sodisfatta la voglia di godere mi aspettavo un racconto dettagliato per scoprire cosa le avesse ridato tanto entusiasmo, ma lei mi ha sorriso e ha dichiarato di essere molto stanca e di avere voglia di dormire. Vi lascio pensare che notte ho passato ad immaginare tutti gli scenari possibile che le potevano essere accaduti per farla tornare così carica e vogliosa. Per tre giorni non ne ha fatto assolutamente parola. Ho chiesto a mia sorella se doveva raccontarmi quello che era successo. Lei mi ha guardato con un’aria molto preoccupata e seria.


«Come? Cosa succede? Non succede nulla! Perche mi fai questa domanda? Che problemi ci sono? Hai forse litigato con Paola o sei diventato geloso? Ti assicura che non abbiamo fatto nulla di male e in ogni caso non spetta a me raccontarti nulla. Lo sai che sono sua amica e quindi se vuoi sapere qualche cosa chiedi a lei.»


Ovvio con una simile risposta, le mie curiosità sono salite alle stelle, ma per scoprire cosa è successo adesso voglio che sia lei a proseguire la storia.


Paola


Mi chiamo Paola e chi sono lo sapete se avete letto quanto raccontato da Mario mio marito. Quello che non vi ha detto è come sono diventata la troia che sono oggi. Quando avevo quindici anni, ero già una bella ragazza alta e ben sviluppata con un bel seno già una terza abbondante che era oggetto del desiderio di molti occhi indiscreti. Io invece ero impaurita dal sesso perche non ne sapevo niente. Nulla di importante, perche qualche amorazzo l’avevo avuto, ma niente degno di nota. Sentir parlare di sesso le mie amiche, specie quelle più grandi, che raccontavano di seghe, scopate, inculate o bocchini, mi affascinava e intimoriva, per la mia assoluta inesperienza, e in più non avevo una vera amica a cui chiedere. Passare per una sfigata inesperta non mi andava di certo, quindi me ne stavo in disparte in attesa di tempi migliori. L’occasione, come avviene spesso in questi casi arrivò casualmente. Una sera, dopo essere tornata stanca morta da una festa di compleanno ho salutato i miei genitori e me ne sono andata a letto. Devo aver dormito per circa una oretta quando mi sono svegliata con una sete pazzesca. Esco dalla mia camera per andare in cucina a bere e passando davanti alla camera dei miei genitori sono incuriosita dalla luce rosa che filtra attraverso lo stipite della porta lasciata semi socchiusa. Butto lo sguardo dentro e vedo una cosa che ha di fatto cambiato tutta la mia vita. Mia madre Teresa distesa su mio padre Antonio mentre gli succhiava il cazzo! Un bel 69 in piena regola come non ne avevo mai visti! La cosa sconvolgente era che lei a due metri da me, divorava il cazzo di mio padre, che era di ottime dimensioni. Dopo un attimo di stupore mi sono messa guardare mia madre, ho cercato di imparare tutto quello che lei faceva. Ho capito subito che era un pompino in piena regola, perche mio padre ansimava e la esortava a succhiarlo più forte.


«Teresa, si succhia che ti sborro in bocca. Mi fai morire, sei una bocchinara stupenda! Ti dovevo schizzare in culo o in fica, ma tu sei una troia, e lo vuoi in bocca. Aahh…cazzo..NO! Che fai non smettere! Mi uccidi! Si succhia e bevi!»


 Vedevo mia madre giocare con quel palo in bocca a suo piacimento. Ho capito subito chi comandava il gioco, era lei che poteva succhiarlo, o leccarlo, ma in ogni caso era lei, che decideva quando farlo godere. Unico! Di colpo ho realizzato che succhiare un cazzo, adesso che stavo imparando come si faceva, mi eccitava tantissimo. Avevo le mutandine già fradicie, ho messo una mano dentro, e silenziosamente mi sono masturbata. Seguivo ogni mossa di mia madre. Con un dito in bocca simulavo tutto quello che lei faceva a mio padre, e come lo faceva impazzire e supplicare di farlo godere. Vedevo lui sollevare le gambe per agevolare la leccata del culo, e le palle grosse e piene. Era lei che lo faceva impazzire, mentre lui era costretto a smettere di leccare la sua fica, per godere come un porco. Poi lei ha messo una mano alla base del cazzo, e con le labbra serrate sulla punta, mentre, lo segava lo succhiava a morte, lui ha sborrato. Si è spostato di lato, è uscito da sotto di lei, si è sollevato di scatto, lei ha aperto la bocca, e con la punta sulle labbra, ha ricevuto in bocca dei fiotti di sborra densi e bianchi. Lui godeva, e lei lo ha spremuto fino all’ultima goccia, poi ha ingoiato tutto. Lui si è disteso supino, mentre lei ha ripulito il cazzo, che si stava ammosciando, poi ha fatto una cosa che non mi sarei aspettata: l’ha baciato in bocca, e lui ha risposto con passione a quel bacio, lungo e sensuale. Questo non lo aveva raccontato nessuna delle mie amiche, anzi alcune dicevano che i maschi prima di baciarle di nuovo gli facevano masticare un chewingum. Con la fica fradicia e in fiamme, me ne sono tornata a letto. Adesso sapevo come fare un pompino. L’unica cosa che non sapevo come era il sapore della sborra. Anche se era tutta teoria, non era più una cosa sconosciuta, dovevo solo metterla in pratica. Per diverse sere li ho spiati, ho assistito anche ad una inculata memorabile. Per non parlare delle scopate dove lui la sfondava e le dava della troia e lei ci godeva tanto, mentre io non capivo per quale motivo le piacesse sentirselo dire.  L’arrivo dell’estate e delle vacanze al mare erano per me un momento di puro piacere.


 Generalmente i miei genitori prendevano un appartamento al mare per tutto il mese di Agosto, assieme a Elisa, la mia nonna materna. Elisa era una donna stupenda. Sposata giovane con mio nonno, che era deceduto quando io avevo un anno, era appena oltre la soglia dei sessanta e li portava divinamente. Alta, snella, gambe lunghe e un bel culo a mandolino che lei evidenziava con indumenti attillati e tacchi alti. Forse il seno non era il massimo, appena una seconda piena, ma con un viso armonioso e labbra sensuali. Era simpatica, allegra e solare. I primi quindici giorni li avrei passati con lei, mentre i miei genitori ci avrebbero raggiunto dopo. Quando scendevo in spiaggia con lei notavo subito, che molte delle persone, in particolare i maschi adulti, mi osservavano con un certo interesse, e non perdevano l’occasione di ammirare il mio seno, che esplodeva sotto il costume, che faceva fatica a contenerlo. Anche il mio splendido culetto era oggetto di sguardi carichi di desiderio. Ne ero consapevole, e non perdevo l’occasione per mostrarlo, con pose ingenue ma ben studiate, e questo mi faceva scaldare la micia fra le gambe. Mi eccitava esibirmi in piegamenti che evidenziavano il mio culo, e mostravano il mio seno. Si, ero già una bella esibizionista un po’ troietta. Fra quelli che sbavavano, uno dei più simpatici era il nostro vicino di ombrellone, il signor Luigi. Amico, come sua moglie Adele della nonna, erano due simpatiche persone. La signora Adele amava, fare le passeggiate, e spesso ero io che l’accompagnavo, perche mi annoiavo a stare sempre sdraiata al sole. Il secondo giorno che ero appena partita a passeggio con la signora Adele, lei poco dopo incontra una sua cara amica che la prega di seguirla per andare in un negozio di intimo per acquistare dei costumi in svendita. Lei mi guarda, io le saluto e me ne torno verso il mio ombrellone, dove vedo che la nonna si sta allontanando. Incuriosita la seguo, vedo che si inoltra fra le cabine che servono per spogliarsi e mettere i costumi. La vedo entrare dentro la nostra che è la numero sette, subito seguita dal signor Luigi. Sempre più incuriosita, giro dietro e mi abbasso fra la cabina e il muro del magazzino dei bagnini. La mattina mettendo il costume, mi è caduto il sopra, e per raccoglierlo ho notato un piccolo foro fra una delle assi di legno. Sembrava una scheggiatura del legno, ma adesso capisco che poteva anche essere utile per dare una sbirciatina dentro per vedere chi si cambia, o come in questo caso che ci si nasconde. Appena mi abbasso e sbircio dentro mi trovo la nonna inginocchiata davanti a Luigi, che gli succhiava il cazzo. Un bel cazzo grosso, ma non troppo lungo. Lei lo ingoiava con una certa facilità e lo succhiava facendolo godere. Lei gemeva di piacere con la bocca piena mentre lui la incitava farlo venire.


 


«Brava succhialo! Come pompi bene, vorrei scoparti, ma oggi mia moglie torna presto dalla passeggiata, vuole andare a prendere il pesce. Mi fai impazzire se mi succhi anche le palle! Ti scopo in bocca! Tieni troia! Ingoialo tutto!»


 


Lo vedevo spingere quel palo in gola a mia nonna che li infilava con estrema maestria e anche se aveva le lacrime agli occhi non sembrava soffrire, ma anzi si masturbava con una mano e lo succhiava sempre più forte. Ero convinta che lui sarebbe schizzato a breve quando mi sento una mano davanti alla bocca e una presa forte che mi immobilizza. Una voce mi ha sussurrato all’orecchio.


«Come ti permetti di spiare dentro le cabine! Non si fanno queste cose! Adesso ti porto dai tuoi genitori e vediamo come finisce!» 


Mi solleva e mi trascina un po’ più lontano. Mi libera la bocca, lo riconosco è il nostro bagnino, anche lui amico della nonna. Rossa in viso e impaurita dalle conseguenze lo supplico.


«La supplico, non lo dica a mia nonna, sarebbe un casino, sono disposta ad accontentarla in qualche modo se non lo dice a nessuno.»


Lui si guarda in torno, nessuno ci ha visti e allora mi trascina dentro il loro magazzino. Mi fa sedere su una poltroncina, poi estrae un bel cazzo già duro e lo presenta alla mia bocca. Lo guardo estasiata, mi rendo conto che questo sarà il mio primo pompino, ma per un attimo resto immobile e lui mi sprona a succhiarlo.


«Allora che fai ci hai ripensato?»


Lo guardo e gli dico che va bene, ma non so come si fa non l’ho mai fatto. Lui sorride divertito, si siede al posto mio e mi fa inginocchiare fra le sue gambe. Mi trovo quel palo davanti alla faccia e mi sento bagnare le mutandine del costume.


«Va bene, ti insegno io come si fa. Mi stupisce che tua nonna cosi zoccola, abbia una nipote che non sa succhiare un cazzo. Allora immagina di leccare il ghiacciolo alla fragola, che ti piace tanto, quello che usi per far eccitare chi ti guarda, e segui i miei insegnamenti, diventerai la più brava succhia cazzi della spiaggia.»


Ciao, mai stato su raccontierotici.it ?


Vieni a trovarci nel Salotto "Buono" per scrittori di AmaPorn.
giovanna-per-voi-anche-su-raccontierotici-eu

Visualizzazioni: 1 627 Aggiunto: 2 anni fa Utente: