Squillo
A 18 anni studiavo per la maturità, i miei genitori erano in vacanza, una sera mio fratello invitò dei suoi amici, iniziarono a bere, poi a fumare, a me l'odore delle canne a cui non ero abituata mi diede un senso di torpore, era caldo e avevo una vestaglietta senza nulla addosso, mio fratello e i suoi amici stavano vedendo un film porno, diedi un'occhata anche io.
Bevvi anche un paio di whisky, tra l'odore delle canne, il whisky e il porno a un certo punto mi spogliai nuda e dissi ai tre ragazzi, secondo voi non sono meglio io del porno.
Mi presero in braccio e mi portarono in camera da letto, i loro cazzi durissimi, non ero vergine ma non avevo mai fatto sesso di gruppo, fu un'esperienza esaltante, dapprima mi scoparonoa  turno, riuscii a provare un orgasmo, poi iniziai a ciucciare i loro cazzi e mi misi a pecora, ciucciare e prendere un cazzo  ìn figa era un piacere, peccato che venivano presto, comunque mi divertii.
Qualche giorno dopo incontrai un professore della mia scuola, mi offrì un caffè e parlammo della maturità, io ci tenevo ad avere dei buoni voti, il vecchio porco nonmi toglieva gli occhi di dosso, d'altronde sapevo di essere bella, 170 cm, occhi azzurri bionda naturale, sembravo russa.
Mi disse che sua moglie era in vacanza, e voleva mostrarmi un libro molto interessante, avevo capito le sue intenzioni, ma accettai, entrammo e ci sedemmo sul divano, io avevo un gonna corta e una camicetta, accavallai le gambe, il porco aveva gli occhi fuori dalle orbite, a un certo punto gli dissi che mi avevano rubato il portafoglio e se potesse prestarmi dei soldi, lui mi disse di si e mi diede 200 euro, decisi di ringraziarlo a mio modo, mi spogliai rimanendo nuda, a momenti gli veniva un infarto, mi inginocchiai e gli tirai fuori il cazzo iniziando a spompinarlo, dopo un pò  venne bello duro, se la cavava, iniziai a cavalcarlo, e a godere, venni un paio di volte, ci sapeva fare none ra grosso e durissimo ma resisteva bene, venni ancora e poi mi inginocchiai e succhiai bene, dopo alcuni minuti venne e io bevvi con piacere la sua sborra.
Gli dissi che avevo bisogno di soldi e che se voleva poteva presentarmi dei suoi amici, dopo un paio di giorni mi telefonò un altro professore, mi invitò a casa sua, gli chiesi 250 euro, accettò, ci spogliammo nudi e andammo in camera da letto, era più giovane e più dotato, mi tirò su le gambe e iniziò a scoparmi, cavolo ci sapeva fare, stavo godendo e venendo come una porca, ero tutta bagnata, poi mi girò capii che voleva incularmi e gli dissi per il culo voglio altri 500 euro, si alzò li prese me li diede e mi inculò, all'inizio mi fece male ma poi provai molto piacere, poi mi venne nel culo.
Alla fine mi feci un bidè e lo salutai, dopo alcuni giorni un altro mi telefonò, avevo alzato la tariffa a 500 euro, alla fine calcolai che prima della maturità avevo guadagnato quasi duemila euro, poi uscii con il massimo dei voti alla facciadi quei secchioni dei mie compagni.
Dopo la maturità salutai i miei genitori e andai  vivere da sola, avevo come clienti 4 professori che mi davano in totale 2000 euro mese e poi siccome il sesso i piaceva contavo di ampliarela mia clientela.

Visualizzazioni: 5 129 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Incesti