Salutando la splendida Kos ci lasciammo alle spalle una pagina della nostra storia che non avremo mai dimenticato, un breve ma intenso periodo che vide cambiare del tutto la nostra vita di coppia, la nostra complicità e, alla fine, anche noi stessi.
Mentre Laura diventava giorno dopo giorno più sicura di se, più sensuale e disinibita che mai, io sapevo che certe cose non sarebbero mai state più come prima.
Sapevo che la sua voglia di sesso e di trasgressione adesso era inarginabile, sapevo che nulla l’avrebbe più fermata dal ricercare il piacere e la lussuria, sapevo che ora per lei il sentirsi ed essere liberamente porca era una condizione irrinunciabile.
Rodi era forse ancor più bella di Kos, con il suo pittoresco centro storico, il suo mix di costruzioni arabe ed europee, le sue acque turchesi e le sue rovine piene di storia e suggestione.
Il nostro appartamento era vicino a Lindos, un pittoresco paesino di tipiche casette bianche che, inerpicandosi sulla montagna, arrivavano fino al tempio di Afrodite, splendido e maestoso esempio della grande civiltà ellenica.
La nostra casetta faceva parte di in un complesso di piccoli appartamenti indipendenti che si affacciavano direttamente sulla meravigliosa baia di Lindos, una delle insenature più belle e caratteristiche di tutto il Mediterraneo.
Ogni casetta era attaccata ad un’altra formando piccole unità bifamiliari che condividevano un piccolo giardino dotato di tavolino per pranzare o cenare all’aperto ed una piccola ma assolutamente fantastica piscina. Appena arrivati conoscemmo subito i nostri vicini di casa, una giovane coppia di Genova. Lui, Marco, aveva 34 anni portati decisamente bene. Alto, castano, occhi verdi e bel sorriso esibiva un fisico ben strutturato ( anche se meno prestante del mio.. ) che lo rendeva decisamente piacente. Lei, Alessandra, era totalmente in antitesi a Laura. Bionda, occhi azzurri, capelli corti , un corpo snello e piuttosto androgino con un faccino da vero angelo. Non si poteva certo dire che fosse brutta, tutt’altro, era il classico tipo alla Kate Moss per capirci, bella ma niente a che vedere con la prorompente sensualità di Laura.
Dopo aver fatto la conoscenza dei nostri vicini andammo a goderci il nostro primo giorno di mare nella splendida Rodi.
Mentre andavamo verso la spiaggia ( inutile dire che la ‘divisa’ ufficiale della mia dolce compagna non era diversa da quella sfoggiata a Kos, quindi magliettina attillata e perizoma stringatissimo ) Laura mi disse:
– Che ne dici dei vicini?? Sembrano simpatici no?
– Si, mi sembrano due a posto
– Si, credo di si. e lei ti piace???
– Mmmm, si, carina, niente di che ma comunque è una bella ragazza
– A me pare molto bella…e anche lui!!
– Ahhhh ho capito, ti piace il tipetto eh???
– Non è niente male’…perché stasera non ceniamo tutti insieme???? Magari se oggi li troviamo in spiaggia potremmo proporgli una bella cenetta in giardino. Che dici??? Dai, cucino io!!
– Ok ok, perché no ma…cosa hai in mente???
– Non so…molto probabilmente farò un po’ la puttanella…ma non troppo…bé…vedremo…mica pensavi che qua a Rodi sarei tornata santarellina???
– No amore mio,non avevo dubbi…
Ed andammo così a goderci qualche oretta di assoluto relax balneare.
Dopo un po’, mentre io mi leggevo un buon libro e Laura era andata a farsi un bagnetto, vidi arrivare in spiaggia anche i nostri vicini che, dopo avermi salutato, chiesero:
– Diamo fastidio se ci mettiamo qua vicino a voi??
– No no, anzi ci fa molto piacere
– Ma la tua ragazza non c’è???
– Si si c’è eccome, ora è a farsi un bagno. Sentite, vi andrebbe di cenare insieme stasera?? Se vi va Laura si è proposta volontaria per preparare una bella cenetta.
– Si, magari, ci farebbe proprio piacere!!!
E mentre Alessandra pronunciava quelle parole vidi sul suo viso un repentino cambio di espressione. Il sorriso ( un po’ fintino ) che aveva stampato in faccia scomparve in un lampo lasciando spazio ad uno sguardo allibito e direi quasi scandalizzato.
Aveva infatti visto la mia ragazza che, in topless e con il suo micro periza bianco, veniva verso di noi facendo voltare mezza spiaggia. Laura appena vide i due amici si affrettò a raggiungere i teli e salutò calorosamente la coppia genovese che rispose al suo saluto in maniera forse un po’ impacciata per il comprensibile imbarazzo.
– Ve l’ha detto Davide di stasera??? Dai, ceniamo insieme ok???
– Ehmmmm si, certo, ci farebbe davvero molto piacere, ha detto Davide che vuoi cucinare tu ma guarda che ti aiuto volentieri!
Disse Alessandra visibilmente imbarazzata nel vedere Laura che stava davanti a loro due quasi totalmente nuda ma allo stesso tempo del tutto disinvolta
– No no no no, facciamo così, io cucino, Marco magari prepara il barbecue per cucinare il pesce e pensa alla tavola mentre tu potresti andare con Davide a fare la spesa. Lo sai, gli uomini quando fanno la spesa da soli comprano solo roba inutile e si dimenticano delle cose indispensabili, quindi ho bisogno che tu gli stia alle costole!!!
Presa così alla sprovvista Alessandra non seppe vedere l’insidiosa situazione e rispose:
– Ehhhhhhh va bene…ok…ma quando andiamo????
– Vediamo, sono le 15, magari ci godiamo un po’ di mare e poi verso le 17,30 andiamo a casa e tu e Davide partite a fare la spesa così da poter iniziare la cena prima che sia buio, ok??? Tanto io stamattina ho già comprato tutto quello che mi serviva per il primo visto che pensavo di prepararlo comunque per noi due. Vedrete, so fare sei sughetti fantastici!!!
Per tutto il pomeriggio, passato a crogiolarsi sulla sabbia e a chiacchierare con i nostri vicini, non mancai di notare come, ogni volta che Alessandra si distraeva un po’, Marco non mancava di mangiarsi con gli occhi la mia Laura che, se avevo capito bene, aveva programmato di giocare un po’ alla troietta con il nostro amico genovese, situazione che sinceramente mi eccitava da morire.
Non avevo ancora capito dove voleva andare a parare la mia fidanzatina e men che meno cosa aveva architettato la sua fantasia diabolica, così all’orario prestabilito andai a bussare alla porta di Marco e Alessandra per farmi accompagnare da quest’ultima a fare la spesa.
Lei uscì sorridente e venne con me verso l’auto mentre Marco, dopo averci salutato, andò da Laura armato di carbone e cubettini accendifuoco.
Non so Alessandra ma io avevo il solito macigno che mi bloccava la gola, sapevo che Laura era sola a casa con un uomo che se la mangiava con gli occhi e che probabilmente avrebbe trovato terreno fertile alle sue avances.
Mentre Alessandra sceglieva accuratamente il pesce mandai un sms alla mia ragazza con su scritto:
– Come va?? Stai facendo la brava ragazza???
Mentre premevo ‘invia’ mi assalì una vampata di calore e il cuore mi batteva come dopo aver fatto una lunga corsa, avevo paura della risposta, sapevo che Laura probabilmente aveva creato ad arte quella situazione.
Passai 2 o 3 minuti d’attesa infernale durante i quali immaginai Laura nelle situazioni più scabrose. Mi stavo letteralmente rodendo lo stomaco fin quando il solito jingle mi avvertì che avevo un nuovo messaggio. Guardai il display esterno dove, accanto all’icona dell’sms c’era il nome ‘Laura Cell.’.
Aprì il cellulare facendo attenzione che Alessandra non leggesse e, come ogni volta che c’era di mezzo la voglia di fare la porca di Laura, mi prese un mezzo collasso.
Il messaggio diceva:
– Marco è un po’ bamboccio ma però ha un cazzo da 10 e lode. Ciao amore.
Non sapevo se rispondere o no, o se vendicarmi provandoci con Alessandra.
Il messaggio di Laura mi aveva messo nella ormai consueta situazione mentale a metà tra la gelosia più feroce e l’eccitazione più irrefrenabile, La ragazza di Marco era ancora in fila al banco del pesce e guardandola bene mi accorsi che in effetti era proprio un bel bocconcino, molto diversa da Laura ma comunque niente male.
Se era vero quello che mi aveva detto Laura sapevo che prima o poi avrei cercato di far cadere nella mia tela anche la dolce ed ingenua Alessandra.
Dopo circa un’oretta finimmo di fare la spesa e prima di rientrare in auto mandai un sms a Laura avvertendola che stavamo tornando.
Che ragazzo premuroso che sono!!!
Dopo circa 10 minuti arrivò la risposta, un laconico e molto sbrigativo ‘grazie’ che la diceva lunga sul pomeriggio passato dalla mia giovane e porca fidanzata.
Alessandra era una tipa molto simpatica e solare, in netta dissonanza con il suo aspetto algido e severo, decisamente diversa da quanto poteva sembrare al primo impatto. Finora mi ero comportato da vero gentlemen, cosa mica poi così facile visto che sapevo che con molta probabilità il suo uomo si stava lavorando la mia Laura.
Arrivammo quindi al residence e lasciai Alessandra davanti alla porta. Mi disse che adesso aveva voglia di farsi una bella doccia e che poi sarebbe venuta a darci una mano per preparare la cena.
Ero quasi arrivato al mio appartamento e, mentre scendevo dall’auto vidi Marco uscire. Incrociai subito il suo sguardo e, urlandogli da lontano gli dissi,
– Marcoooo, l’hai già fatto il fuoco????
– Non ancora, vado a farmi una doccia e poi torno!!!
– Ma non l’avevi fatta prima la doccia???
– Ehmmmmmmm’si ma fa così caldo…
– Ok’.tutto bene????
– Si si…scappo a casa e poi torno…
– Ok, ciao
– Ciao’.
Avevo avuto la tentazione di fargli qualche domanda in più e metterlo in difficoltà ma ora volevo continuare il gioco iniziato da Laura e poi, sinceramente, avrei potuto usare la situazione a mio favore per arrivare ad Alessandra.
Entrai in casa e trovai Laura ancora ai fornelli. Era vestita con una magliettina aderente ed uno dei suoi perizoma più carini, il che rendeva la scena quanto mai insolita e allo stesso tempo eccitante.
La abbracciai cingendola da dietro e la baciai dolcemente sul collo. Lei rispose baciandomi con passione sulle labbra ma c’era qualcosa…mmm…come dire…qualcosa di strano nel suo bacio, così le dissi:
– Amore, c’è qualcosa di strano…
– Cosa cucciolone mio???
– Non so c’è qualcosa nel tuo bacio che definirei insolito…
– Ahhhh!!!! Ho capito, dev’essere il sapore della sborra di Marco…
– Ma che puttanella che sei!!! Allora ti sei proprio data da fare”
– Perché dall’sms non si capiva????
– Per un po’ ho pensato che tu stessi scherzando…
– E invece no…
– Sei proprio una porca!!! Ora mi racconti tutto!!!
– Mmmm, Ok, va bene, mentre qui cuoce andiamo sul divano e ti racconto’.
– Va bene, ok. andiamo…
Ci sedemmo e Laura iniziò il suo racconto:
Appena sei uscito di casa mi precipitai in camera per cambiarmi, diciamo per mettermi…come dire…più carina. Mi tolsi i pantaloncini che portavo e mi misi uno dei miei perizoma preferiti, quello che ho indosso adesso, nero con il davanti trasparente. Sopra, tassativamente senza reggiseno, misi una maglietta molto carina, semplice e allo stesso tempo provocante visto che era elasticizzata e metteva in risalto il mio seno.
Mi misi allora a preparare gli ingredienti per il sughetto. Pomodori, basilico, pepe nero, sale, olive nere, pinoli e pesce spada, tutti ingredienti che avevo già acquistato al market qui vicino la mattina prima di venire in spiaggia.
Dopo qualche minuto sentì bussare alla porta, era Marco. Mi aggiustai il perizoma e la maglietta, ero decisa a fare colpo e giocare a fare la troietta mi divertiva veramente molto’.
– E ti viene proprio naturale aggiungerei
– Zitto e lasciamo raccontare!!
– Va bene dai, vai avanti’.
Dicevo che Marco era appena arrivato alla porta e stava bussando. Gli dissi di entrare, avevo lasciato la porta aperta, volevo subito vedere la sua reazione nel vedermi cucinare in con una tenuta così succinta.
Marco entrò e sentì il suo ‘ciao Laura ‘ che gli si strozzava in gola. Oggi in spiaggia avevo notato che ogni volta che Alessandra lo perdeva di vista lui mi incollava gli occhi addosso e quindi già immaginavo la sua reazione. Inoltre, appena sentì che stava aprendo la porta, mi chinai in avanti fingendo di cercare qualcosa vicino ai fornelli, così da farmi trovare letteralmente piegata a 90 gradi con il culetto ben in vista.
Marco appoggio a terra il ‘necessaire’ per fare la brace e venne verso di me per salutarmi. Gli dissi:
– Ciao Marcooo!! Come va, tutto ok?? Un bacio..
Mi avvicinai a lui e, strusciandogli addossi le tette, lo salutai baciandolo affettuosamente sulle guance.
– Vedo che hai portato tutto l’occorrente per il barbecue. Senti, mica ti dispiacerebbe darmi magari una mano con il sughetto e con gli antipasti, tanto ancora è presto e magari il fuoco lo facciamo più tardi, ok??’
– Si si Laura, con piacere.
– Mica ti da fastidio se cucino così’ sai, ho la pessima abitudine di stare sempre poco vestita in casa ma se ti da fastidio mi metto qualcosa’.
– No no, figurati…anzi, devo proprio dirti che sei bellissima!!! E poi, vedere una donna ai fornelli semi nuda è per me un vero e proprio sogno erotico.
– Ok Marcuccio, sei gentilissimo, dai aiutami con il sugo, aspetta che te lo faccio assaggiare’
E così dicendo infilai un ditino nella pentola dove il sughetto cuoceva a fuoco lento e me lo portai alla bocca’
– Mmmmmm…buonissimo!!! Senti Marco, assaggia anche tu’
Mi avvicinai al giovane maritino e con delicatezza gli porsi il dito che avevo appena succhiato e gli feci assaggiare il delizioso sugo..
– Allora?? Com’è???
– Ottimo, veramente buono, però ancora manca un po’ di cottura’.
– Si, hai ragione, mamma mia che caldo a stare qui ai fornelli!!!! Sono sudata da morire, senti…mica ti scandalizzi se mi tolgo la maglietta??? E’ che mi fa caldo da morire e questa maglia è troppo attillata, e poi mi sembra che in spiaggia mi hai già guardata abbastanza a lungo e quindi vedermi in topless non sarà una novità…
– Ehhh ma che dici…no scusa ma io”
– Dai Marco, tranquillo!! Se non volessi essere osservata non mi metterei così…come dire…in libertà’ no???
– Bè si però
– Però nulla…aspetta che tolgo ‘sta maglia.
In un secondo mi tolsi la maglietta e rimasi li accanto a lui vestita solo di un succintissimo perizoma. Marco rimase fermo immobile nel suo stato di totale imbarazzo, cosa che sinceramente un po’ mi divertiva!!!
Allora gli dissi:
– Ma non mancava un po’ di sale secondo te???
– Ehm…non so…non mi sembrava’.
– Secondo me si!!! Ora ne aggiungo un po’ e ti faccio riassaggiare’
Presi un pizzico di sale e lo misi nella padella, mescolai con un cucchiaio e poi, sempre con il dito, presi un po’ di sughetto’
– Vieni Marco, assaggia adesso’.
Il tipo venne incontro per gustare l’ormai salatissimo condimento direttamente dal mio dito. Lo fermai e gli dissi:
– Eh no!!!! Ecco dov’è il problema!!!! Con il ditino non si capisce bene se è salato o meno, prova qui’…
E così dicendo mi spalmai il sughetto su di un capezzolo mentre guardavo la sua espressione incredula e’anche un po’ da bamboccione!!!
– Dai tesorino, assaggia pure…
Marco mi si avvicinò e con infinita delicatezza iniziò a leccarmi il capezzolo già duro. Devo dire che, a dispetto da quanto potevo attendermi, con la lingua ci sapeva fare eccome!!! Alternava veloci leccatine con la punta della lingua a fugaci morsettini e decise succhiate. E bravo Marco!!!
– Allora??’ Com’è???
– Mmmmm, non so, dovrei sentirlo meglio”
Ahhhhhhh…allora era tutta una commedia quella del bamboccione’…Mmmmmm’ma li trovo tutti io i porci o sono solo molto fortunata??? Chissà comunque risposi:
– Si, hai ragione, devi assaggiarlo meglio, magari prova su quest’altro capezzolo’.
Mi spalmai stavolta una quantità maggiore di sugo che fu prontamente leccata via dalla avida bocca del mio compagno di giochi di quel pomeriggio’
Eh si, era proprio bravo, e mentre mi leccava una tetta con le mani si dava decisamente da fare tastandomi un po’ tutto ma con garbo e senza indugiare troppo intorno alla mia micettina…che coglione!!!!
Capì che dovevo prendere un po’ di iniziativa se volevo divertirmi così gli dissi:
– Senti, facciamo un gioco che io a volte faccio con Davide???
– Ehm quale????
– Cuciniamo insieme ma nudi!!! Dai, ti va????
– Ma se tornano Davide e Alessandra??? Guarda che mia moglie è gelosa da morire’..
– Ma dai!!! Ne avranno per ameno un’ora…vabbè…tu fai come ti pare ma io ho voglia di stare nuda, certo che’…sei proprio un gran coglione!!!!
Colpito nell’orgoglio mi guardò e disse:
– Coglione dillo a tuo fratello!! Va bene, spogliamoci!!! Certo che sei proprio una puttanella’.
– Non solo coglione ma anche maleducato’…vabbè almeno spero che tu abbia un bel cazzo!!!
Mentre dicevo questa frase giocando sul suo orgoglio mi tolsi il perizoma mostrando la mia bella fichettina rasata. Marco esclamo un ‘ Wow!!! Che spettacolo’ decisamente sentito e, dopo essersi tolto la maglietta si calò pantaloni e mutande mettendo in mostra…un cazzo strepitoso!!!
Sarà stato si e no 25 centimetri, bello largo e nodoso, un vero cazzo da pornostar!!!! La natura, nella sua follia, aveva dotato ‘sto bamboccetto di un arnese da gran maestro del sesso!!!
– E bravo Marchino, che bel cazzo che hai…vieni qua!!!
Lo afferrai stringendogli l’uccello e tirandolo da vera padrona verso la zona fornelli…
– Lo sai Marchino che neanche io sono tanto sicura che il sugo sia giusto di sale?? Mmmm’assaggiamo’..
Presi con un cucchiaio un po’ di sugo e, dopo averci soffiato per renderlo solo un po’ tiepido, lo spalmai sul cazzo in gran tiro di Marco. Mi inginocchia e con la lingua leccai quell’uccello fantastico in tutta la sua lunghezza, provando con infinita goduria quel mix delizioso di sapore di cazzo+sughetto a base di pesce spada ( guarda te che coincidenza… )
Arrivata alla cappella mi esibì in un ingoio da 30 e lode, arrivando a infilarmi tutto quell’arnese in gola!! Mamma mia, sembrava di strozzare, ma l’eccitazione era troppa.
Continuai così a spompinarlo per qualche secondo ma sentivo che il ragazzo era…come dire…delicato e non volevo rovinarmi la cena con uno spuntino inatteso a base di sperma, quindi mi rimisi in piedi e gli dissi:
– Si, il sughetto è proprio buono e sul tuo cazzo ci sta proprio bene ma, secondo te, sta bene anche sulla mia fica???? Sai che ti dico…io mi siedo sul tavolo, allargo ben bene le cosce e ti lascio assaggiare, ok???
Proprio in quel momento mi arrivò il tuo sms al quale risposi come sai. Appoggiai il cellulare, mi misi a gambe aperte sul tavolo mentre guardavo Marco che aveva preso un bel cucchiaio di sugo e veniva verso di me. Soffiò amorevolmente sul caldo intingolo e poi, con un ditino, iniziò a spalmarmelo sulla fica ben depilata che quindi si prestava bene ad essere decorata con il gustoso condimento. Quella sensazione di calore sulla passerina era da orgasmo!!!
Iniziò quindi a lavorarmi con la lingua, incedibile ma vero a leccare era un campione e così gli dissi:
– Ma che lingua abile che hai, vediamo se sai essere riconoscente a chi ti offre una fica così bella da leccare, dai, leccami tutta.
Marco prese allora a percorrere con la lingua tutto il mio corpo mentre io rimanevo sdraiata sulla tavola un po’ come si dice succeda in Giappone dove in alcuni club esclusivi il cibo a base di pesce crudo viene servito su ragazze nude.
Marco era bravissimo, la sua lingua mi stava dando piacere in tutto il corpo, la sua bocca era smaniosa mi avermi tutta, di abusare di ogni centimetro della mia pelle. Mi girai allora a pancia in giù e lui continuò il suo magnifico lavoro. Mi iniziò a leccare dal collo facendomi vibrare di godimento mentre scendeva giù fino alle natiche, la sua lingua continuò il viaggio sul mio corpo arrivando fino al tallone per poi fermarsi sulla pianta dei piedi. Dopo aver giocato un po’ con questi iniziò la risalita e, aprendomi bene con le mani iniziò a leccarmi il culo in maniera sublime, affondando la lingua dentro al mio culetto voglioso.
Sapevo che il tempo a nostra disposizione non era poi molto e ricevetti il tuo sms dove mi avvertivi che stavate tornando.
Quella lingua mi aveva eccitata da morire così mi voltai, mi misi a sedere sulla tavola e dissi:
– Ti piacerebbe venirmi in bocca????
– Si, ti prego, fammi godere Laura
– Aspetta bella lingua, se vuoi godere dovrai fare una cosa.
– Dimmi tutto, farò qualsiasi cosa
– E’ molto semplice…adesso io aprirò bene le cosce”.
– Si”.
– E tu me lo ficcherai dentro tutto, lo voglio sentire tutto dentro una volta sola’..
– Cazzo si!!!
– Bene. Ora lentamente mettimelo dentro…pianissimo…lo voglio sentire centimetro per centimetro.
Quel cazzo maestoso mi entrò dentro come una lama rovente nel burro, avevo la fica bagnatissima e non vi so descrivere la goduria di sentirsi riempita da un uccello del genere, un uccello che ti fa sentire donna, quel genere di cazzo che bisognerebbe provare almeno una volta nella vita. Marco fu molto bravo e diligente, avevo paura che potesse rovinare il momento iniziando a scoparmi e invece fu rispettoso di quanto chiesto e mi mise l’uccello dentro una volta sola, fino in fondo, fino a farmi gemere come una troia. Dopo essermi goduta quel gioiello di carne lo spinsi indietro e mi gettai a terra pronta per fargli una pompa da premio Oscar.
Volevo che si ricordasse a lungo della mia bocca e avevo una voglia matta di assaggiare il suo sperma così iniziai a spompinarlo con incredibile trasporto e passione. Quasi godevo nel sentirmi quell’asta in bocca, quel cazzo maestoso era ora totalmente dipendente dalle mie labbra. Sentivo che stava per godere, la sua resistenza aimè era minima, e allora decisi di regalargli la goduria che meritava e inizia a leccargli le palle mentre lo segavo e lo guardavo fisso negli occhi.
Sentì il suo uccello che iniziava a pulsare e repentinamente lo presi in bocca e mi feci inondare dal suo seme, molto diverso dal tuo, forse meno buono ma…mamma mia..per poco non mi annegava!!!
Iniziammo a rivestirci e a ripreparare il sugo, ne era rimasto troppo poco, sapevamo che a breve tu e Alessandra sareste arrivati. Inutile dire che il sughetto che mangeremo stasera l’ho fatto mentre lui amorevolmente mi sditalava, ero così eccitata da quel sapore in bocca che anche io sono venuta nelle sue mani in men che non si dica.
Un paio di minuti prima che tu arrivassi Marco, cosciente del fatto che sapevamo entrambi maledettamente di sesso, ha deciso di andare a farsi una doccia e poi sei arrivato tu amore mio’.
– E quindi ti sei fatta scopare…che zoccola che sei Laura, giuro che non pensavo che tu potessi arrivare a tanto’.
– ma dai amore, lo sai che amo e amerò solo te e poi…guarda ti giuro…Marco ha un cazzo incredibile’.
– E me lo dici pure??? Che dovrei pensare la prossima volta che ti scoperò?? Che vorresti avere il suo uccello???
– Noooo’.che c’entra, lui ha solo un gran cazzo ma tu mi fai godere come nessun’altro, lo sai tesoro, non c’è bisogno che te lo dica ancora…
– E intanto…ti sei fatta scopare ben bene’
– Sinceramente no, e l’ho fatto anche per te!! Volevo solo provare la sensazione di avere quell’arnese strepitoso dentro di me, avrei avuto voglia di farmi sbattere, non ti voglio mentire, godevo da morire ma ho deciso di non farlo per te, per non tradirti senza il tuo permesso.
– Dovrei dire grazie????
– Non lo so…forse si e forse…se mi ami davvero…dovresti dirmi di scoparmelo di brutto!!!
– Ma sei scema???
– No, sono una donna innamorata del suo uomo ma vogliosa di essere un po’ zoccola’.
– Ahhhhh…ho capito…mmmm’.e tu mi ami vero???
– Si Davide da morire..
– Ok…e se ci provassi con Alessandra?? Il fatto che tu sia andata con Marco depone a mio favore e magari potrei sputtanarvi e far si che lei si vendichi’..
– Bè…come dirti di no…anche se’.
– Anche se????
– Anche se ci avevo già pensato e ho qualcosina in mente che potrebbe farci divertire davvero un bel po’



…continua…



Graditissimi commenti alla casella di posta cns1975@libero.it

Visualizzazioni: 2 875 Aggiunto: 2 anni fa Utente: