Ormai ci conoscevamo da qualche tempo. Io non ero particolarmente innamorato. Lei non so, sicuramente provava una certa attrazione. Lavoravamo insieme, in un call centre pieno di ragazzi e ragazze giovani nel quale inevitabilmente si creavano intrecci amorosi e tresche anche tra coloro che avevano una relazione stabile e duratura anche fuori dal posto di lavoro. Si usciva spesso insieme, eravamo un gruppo che nelle serate giuste arrivava a contare anche una quarantina di ragazzi. Quella sera si decise di andare tutti in compagni a in una birreria non lontano da casa mia. Inevitabilmente dopo la terza birra sono calate un po' le inibizioni e usciti dal locale per fumare una sigaretta, leggevo nei suoi occhi una voglia infinita di farsi baciare e così, più per inerzia che reale desiderio mio le ho messo la lingua in bocca. Rientrati nel locale abbiamo continuato a ridere e scherzare con tutti gli altri. E a bere. A fine serata dopo che quasi tutti si erano avviati verso casa, le ho chiesto se voleva salire da me visto che i miei genitori erano via qualche giorno e ovviamente lei ha accettato di buon grado. A casa, sul divano, abbiamo approfittato per proseguire il discorso di lingua iniziato fuori dal locale, poi mi ha slacciato i pantaloni, me li ha abbassati, si è inginocchiata a terra e me lo ha preso in bocca. Ha iniziato a pompare senza mai toccarmelo con le mani. Un lavoro sublime, che nessuna, nemmeno la mia ex fidanzata storica, di cui ero ancora pazzamente innamorato, mi aveva mai fatto così bene. Ha continuato nel suo meraviglioso lavoro senza mai stancarsi finchè, arrivato al limite di esploderle in bocca tutta la sborra del mondo, giusto per una questione di educazione, le ho detto: "Così ti vengo in bocca!". Non l'avessi mai fatto: di punto in bianco ha smesso di pomparmelo, mi guarda negli occhi, incazzata come non mai e mi dice: "Forse non è chiara una cosa. Quando inizio non voglio essere disturbata fino alla fine. Chiaro?". Al che si alza e va in bagno, lasciandomi sul divano come un ebete. Bene, non c'è stato verso di farla continuare quella sera. Ma dalla volta successiva me ne sono ben guardato dall'interromperla. Da lì in poi, tutte le volte che me lo prendeva in bocca, senza di dirle nulla la riempivo senza avvisarla e lei ha sempre gradito ingoiando tutto e restituendomi il cazzo più pulito di quando glielo avevo dato.
Visualizzazioni: 6 300 Aggiunto: 5 anni fa Utente: