Il giorno dopo ero eccitata, ci svegliammo una nelle braccia dell'altra e ci baciammo e strusciammo, poi iniziammo una bella sessantanove rilassante e venimmo insieme, il suo succo era acre ma buono.
Facemmo colazione, poi pulimmo la casa, ogni tanto ci strusciavamo, poi pranzammo e andammo a prendere il sole, a un certo punto la zia mi disse se ero pronta e andammo nel fienile, mi spalmò la nutella sulla figa con gesti calmi e lenti e già mi stavo eccitando, poi arrivò il cane, iniziò a leccarmi mentre la zia mi baciava, venni subito e il cane leccò la nutella mista al mio succo.
Poi la zia si mise sdraiata gambe aperte e mi disse di mettermi a pecora e di leccarle la figa, obbedii, poi il cane mi prese e mi montò, mi riempiva bene, stavo godendo e la zia mi teneva la testa premuta contro la figa, la leccavo e succhiavo e lei venne, il cane ormai era gonfio dentro di me, iniziai a venire e poi il cane mi riempì la figa di sborra calda, come si sfilò mi sdraiai e la zia si mise a cavalcioni con la sua figa in faccia  e mi pisciò in bocca e io bevvi tutto, ero sconvolta.
Mia zia era un concentrato di sensualità e perversione, andammo in casa e mi lavò, mi aprì le labbra della figa e vi diresse un getto d'acqua per lavarla bene, ero diventata sensibilissima alle sue mani, i suoi tocchi mi eccitavano, poi andammo a  letto e iniziò a leccarmi la figa a succhiarmi, a mordermi il clitoride, iniziai a venire, ero rilassatissima, dopo essere venuta a lungo mi addormentai tra le braccia della zia.
Sarei rimasta sempre a letto tra le sue braccia, ma poi ci alzammo per cenare e per vedere la tivu, sempre abbracciate, poi mi inginocchiai a leccarle la figa e il cane arrivò subito per montarmi, era eccitante, il cane gonfio che mi pompava e la zia che mi veniva in bocca continuamente, venni ma il cane continuava a pomparmi, godevo tantissimo, venni ancora mentre la zia mi carezzava, finalmente il cane mi inondò di nuovo e poi se ne andò, rimasi in ginocchio con lo sperma del cane che mi colava ero senza forze, andammo ancora in doccia le carezze della zia mi facevano sempre godere, mi lavò e poi andammo a  dormire e dormii come un sasso, poi al risveglio baci carezze una sessantanove, venimmo insieme era bellissimo, fu una splendida vacanze rilassante in cui provai decine di orgasmi come mai provato prima.
Ma alla fine la vacanza finì e dovetti tornare a casa, salutai la zia e tornai in città ma mi mancava, ci telefonavamo spesso.............

Visualizzazioni: 17 711 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Incesti Zoofilia Lesbo
Tag: Incesto