Per commenti e richieste scrivete a Cantastoriedal28@gmail.com. Scritto in collaborazione con InchiostroEMente.


Quello che è successo a Pasqua tra mia madre e mio cugino, non mi va proprio giù. Devo ammettere che vedere la quinta rifatta di mia madre Amanda coperta di sperma mi ha creato un’eccitazione incredibile, ma mi ha anche dato fastidio dato che non era il mio di seme. 
È passato quasi un mese da allora, e so per certo che Lucas, mio cugino, si è ripreso miracolosamente dalla rottura con la sua ex. E questo grazie a mia madre. Nelle settimane dopo Pasqua si sono visti spesso, ma sempre a casa e sempre con me nei paraggi. So quindi per certo che non è successo altro tra di loro. 
La situazione però cambia una sera. In preda alla gelosia ho iniziato a controllare regolarmente il telefono di mia madre, scoprendo che negli ultimi giorni lei e mio cugino si sono scambiati alcuni messaggi abbastanza forti e alcune foto direi alquanto intime. Decido quindi di agire. È giovedì quando le dico che ho bisogno di parlarle seriamente. Lei non ha tempo (per me non ha tempo, fosse stato Lucas avrebbe mollato tutto!). Le propongo sabato pomeriggio. Questo weekend non ho la partita e so che lei di solito va a pescare in barca. 
A: Tesoro, il sabato sai che vado a pescare con tuo cugino. La settimana prossima sono più libera, una sera possiamo parlare come si deve.  
    Io: Da quando andare a pescare con Lucas è diventato più importante di tuo figlio?
Le chiedo. Dal mio tono traspare una certa rabbia. 
A: Non è più importante di te, ma devi anche capire che tuo cugino sta passando un periodo complicato…
Io: Oh beh lo capisco. Allora spera solo che io non stia passando un brutto periodo, altrimenti per aiutare Lucas, potresti perdere me. 
Esco di casa sbattendo la porta. Sono nero di rabbia. Predica l’importanza della famiglia, e poi quando è suo figlio che ha bisogno di parlarle passa in secondo piano. 
La mia scenata ha avuto l’effetto desiderato, così sabato pomeriggio la gita in barca sarà tra me e mia madre. 
Ricordate lo splendido paesaggio del fiume Suwannee? Le acque calme del fiume, gli alberi fitti proprio sugli argini e con le radici di alcuni di essi che si immergono nelle acque dolci del fiume. Immaginate di vedere tutto questo dal centro del fiume, seduti su una piccola barca bianca in un costume rosso a pantaloncino e con Amanda che indossa un bikini a stelle e strisce e il suo solito cappellino dell’U.S. ARMY e la lunga treccia nera che è adagiata in mezzo al solco abbronzato delle sue splendide mammelle. 
Siamo seduti su delle seggioline che abbiamo portato. Mia madre lancia l’amo e si siede in attesa, mentre io decido di iniziare a parlarle. 
    Io: Mamma, tu ami Lucas?
    A: E’ questa domanda da dove esce?
    Io: Avete un rapporto che va al di là del semplice zia e nipote. Non dirmi che non è così. 
    A: Siamo più vicino in questo periodo, ma …
    Io: Fargli una sega e farlo venire sulle tue tette… direi che siete qualcosa più che vicini. 
    A: MA COSA DICI?!?!?
Tiro fuori il cellulare e le mostro il video che ho fatto il giorno di Pasqua. Lei resta in silenzio con il rossore in volto che si nota nonostante la forte abbronzatura.
    A: Amore, io …
    Io: Lo ami?
A: Non è stato quello a spingerci a fare quello. Volevo aiutare tuo cugino e quello è ciò di cui aveva bisogno in quel momento. 
     Io: Quindi vuoi dirmi che non ti è piaciuto?
    A: No, non ho detto questo! Mi è piaciuto, ma non l’ho fatto perché amo tuo cugino. 
    Io: E se avessi bisogno io di una cosa del genere?
    A: Tu sei mio figlio, Charles. Con te è diverso. 
Resto in silenzio. 
    Io: Ah è diverso? 
A: Sì. Tu sei la persona più importante della mia vita! E il sesso tra me e te potrebbe rovinare la nostra famiglia, il nostro rapporto…
    Io: Oh beh, se è per questo anche se uscisse questo video sarebbe tutto rovinato. 
    A: Mi stai minacciando di farlo vedere a tuo padre e a mia sorella?
    Io: Pensi davvero che rovinerei la tua vita e la nostra famiglia così?! 
    A: A questo punto non lo so! Perché fai questo? Per gelosia?
Io: Perché ti amo, mamma! E ti amo non solo come madre, ma anche come donna. Ti desidero. Voglio starti vicino. Voglio baciarti. Voglio unirmi a te. Foglio fare l’amore con te, mamma!
    A: Tesoro… questo però non va affatto bene!
    Io: E perché mai?
    A: perché siamo madre e figlio!
Io: E quindi provare queste cose è sbagliato? Come fa ad essere sbagliato amare qualcuno? La società dice che è sbagliato. Può essere pericoloso fare figli tra consanguinei, ma io non ti sto proponendo questo. Ti sto dicendo di amarmi come figlio e come uomo. 
Mia madre ci riflette. Ma mentre sta per parlare, abbocca un pesce. Lei lo tira su. È grosso. Quando lo prende in mano si agita e le scivola dalle mani, finendole sul seno e poi in acqua. Il pezzo sopra del costume le si toglie liberando al cielo i suoi bellissimi capezzoli. Non posso fare a meno di guardarla e il desiderio si manifesta in me sotto forma di erezione. Lei lo nota da sotto il costume. Ora non sarò modesto con voi. Ho un gran bel cazzo, lungo il giusto ma molto largo. E la mamma lo ha appena potuto vedere. 
Mi avvicino a lei. Forzo la situazione. Mi avvicino al suo seno e inizio a succhiarle i capezzoli prima che possa coprirsi. Diventano subito durissimi. Succhio e accarezzo le mammelle di mia madre. 
    A: Sei scorretto! Ho sempre amato allattarti!
Evidentemente nella mente di mia mamma riaffiorano ricordi di quando ero piccolo, ma questa volta è diverso. Non sono più un neonato. Prendo la sua mano e la accompagno sul mio costume. La guido ad accarezzare il mio pacco. Ne tasta la consistenza, ma fa resistenza. 
Io: Se mi dici di fermarmi lo faccio! Dimmi che non mi ami e chiudiamo la questione per sempre!
A: Come posso non amare mio figlio, stupido!
Sorrido e riprendo a succhiarle i capezzoli. Le sue barriere sono ormai cadute e la sua mano ormai è entrata nel mio costume e mi accarezza l’asta. Il contatto pelle-pelle tra il mio pene e la mano di mia madre mi dona sensazioni incredibili. Slaccio del tutto il costume di Amanda, le abbasso gli slip. La bacio in bocca. Le nostre lingue si intrecciano per diversi minuti. Mi stacco.
    Io: Ti amo, mamma!
Mi abbasso piano piano e vado a leccarle la sua figa rasata e già bagnata. Sono in paradiso. Assaporo il dolce succo vaginale di mia madre, quella vagina da cui sono nato. 
    Io: So che quando sono nato ti ho fatto molto male. Ora permettimi di farti godere!
Le dico così e inizio un lavoro congiunto di lingua e dita che sfocia ben presto in un forte orgasmo. Sento le pareti della sua fica contrarsi intorno alla mia lingua che le esplora la sua cavità più intima e preziosa. 
    A: Amore di mamma, sei bravissimo. Ora tocca a me!
Mi fa alzare in piedi. Il cazzo mi esplode nel costume. Me lo toglie. Avvicina la faccia al mio pene. Annusa. 
    A: Che buon il profumo del mio bambino!
Giuro che potrei venire solo per il tono di voce con cui lo ha detto!
Mi bacia la cappella. Poi scende e bacia l’asta. Sussurra qualcosa ai testicoli che non riesco a sentire; e subito dopo li prende in bocca. Mi lecca le palle e poi sale. Inizia un magnifico pompino. Sono al limite; e lei, sapiente, se ne accorge. Si ferma prima di farmi venire. 
A: Tesoro, forse non lo sai, ma la mamma è in menopausa già da un anno. Forse troppo presto dato che ho ancora 50 anni, ma non posso più restare incinta. Voglio farti un regalo.  
Si alza, va nel retro della barca e sdraia per terra. Allarga le gambe e mi invita a entrare dentro di lei. 
Il mio sogno si avvera. La prima volta con mia mamma. 
Le sono subito sopra. Punto il cazzo sulla sua magnifica figa umida e piano piano entro in lei. Inizio a penetrarla lentamente gustandomi ogni attimo. Sento il calore delle sue pareti umide avvolgermi il membro durissimo. Aumento il ritmo, ma non duro molto. 
    Io: TI AMO, MAMMA!
    A: TI AMO, CHARLES!
E mentre ci professiamo il nostro amore proibito ed incestuoso, le riverso dentro il mio seme. Sei o sette fiotti potenti e abbondanti di sperma la invadono e in contemporanea lei ha un orgasmo. Non è stata la prestazione migliore per entrambi, ma le emozioni vissute sono uniche. Siamo uniti nel modo più intimo ed incredibile. 
Non è sesso, è amore. Un amore bellissimo, potente e travolgente. Un amore proibito. Un amore incestuoso. 


 


    

Visualizzazioni: 3 317 Aggiunto: 2 anni fa Utente: