tornai a casa, la mamma mi aspettava per pranzare, poi voleva fare l'amore, ci spogliammo e iniziai a scoparla, ma pensavo sempre alla mia matrigna, il cazzo non era bello duro, mamma se ne accorse e io le dissi che ero stanco per lo studio, comunque continuai a scoparla e la feci venire un paio di volte, poi venni dentro di lei e mi addormentai, dopo qualche ora mi svegliai mentre mia mamma mi stava facendo un pompino, ero quasi infastidito, poi iniziò a cavalcarmi, il cazzo era tornato duro, ma quel giorno ero venuto tanto e non riuscivo a venire, andò avanti almeno un ora venendo più volte, sentivo il suo succo colarmi sulle palle, poi però si accorse del rossore sulla spalla dove la mia matrigna mi aveva morso, le dissi che mi aveva punto una zanzara, poi dopo aver goduto ancora finalmente si addormentò.
Il giorno dopo mi svegliai e mi recai direttamente dalla mia matrigna, citofonai e salii, lei era in accappatoio, bellissima, biondissima, entrai, aprì l'accappatoio e si mostrò nel suo splendore, si sedette sul divanoe io mi inginocchiai e iniziai a succhiarle la figa, era già bagnata, leccavo e succhiavo, prima le labbra, poi il clitoride, poi le infilavo le dita, dopo poco iniziò a venire, aveva un sapore squisito, poi iniziammo una sessantanove, con lei il cazzo era durissimo, dopo averla fatta venire un paio di volte, le tirai su le gambe e iniziai a sbatterla con forza fino in fondo, la sentivo urlare di piacere, continuava a dire ah che cazzo che hai, ahh mi scoppiano le tempie, ahh le palle che sbattono, era nell'eccitazione più profonda, mai visto nulla di simile, era un lago, continuava a venire e godere sotto i colpi del mio cazzo, mi diceva ah che toro ma tu non vieni mai, dopo un' ora le sborrrai dentro, non finivo più, rimanemmo abbracciati con il mio cazzo dentro di lei, poi andammo a fare una doccia e dopo tornammo a letto, iniziò a succhiarmi il cazzo sembrava assatanata, nelle pause mi diceva che mi amava che dovevo essere tutto suo, che non poteva vivere senza di me, poi iniziò a cavalcarmi con forza, saliva e scendeva e tremava tutta, sentivo che mi colava sulle palle, poi di colpo se lo infilò nel culo, ah che palo che hai e a fatica saliva e scendeva, il suo culo stretto mi eccitava, iniziai a ficcarle le dita nella figa, era un brodo, sentivo il mio cazzo nel suo culo e con le dita lo toccavo, urlava di piacere, alla fine la feci girare e a pecora le sborrai in culo.
Poi tornai a casa, mi mamma mi aspettava pranzai ma poi ero stanco, le dissi che avevo sono e dormii tutto il pomeriggio, poi la sera le dissi che probabilmente avevo un pò di febbre, iniziò comunque a succhiarmi il cazzo, che non voleva saperne di diventare duro, dopo mezz'ora era abbastanza duro e iniziò a cavalcarmi, ma vedeva che ero distratto. comunque venne un paio di volte, io non riuscii a venire e alla fine si addormentò.
La mattina dopo mi recai di nuovo dalla mia matrigna, anche qeusta volta era in accappatoio, mi fece sedere per un caffè e mi disse che voleva che io vivessi con lei, anche a me sarebbe piaciuto ma non sapevo come la avrebbe presa mamma, comunque dopo una bella leccata di figa iniziai a scoparla, aveva delle tette stupende, sode, la misi a pecora, che bel culetto, la scopavo e le stringevo le tette, il cazzo era durissimo, la feci venire più volte e poi la inculai con forza e dopo poco la riempii di sborra, poi andammo a lavarci, uscendo dalla doccia nudi sentimmo suonare il campanello, lei mise l'accappatoio e aprì senza guardare, cazzo era mia madre, come una furia entrò in casa e disse sapevo di trovarti qui, sei come tuo padre poi si rivolse alla mia matrigna, mi hai portato via mio marito ma non mi porterai via mio figlio e le tirò uno schiaffo, poi si spinsero ma mia madre era più pesante le diede una forte spinta e la mia matrigna cadde, picchiando la testa sullo spigolo del tavolino, un rivolo di sangue, mi chinai, vidi con orrore che era morta, mia madre sul divano piangeva, chiamai la polizia che arrivò e la arrestarono, io ero distrutto.        


 

Visualizzazioni: 5 120 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Incesti