Mi chiamo Luca, a 18 anni i miei genitori si sono separati, mia mamma una donna piacevole sui 50 anni un pò in carne, mio padre architetto affermato.
Lui si era innamorato della sua segretaria, un clichè già visto, ma mi ricordo che quando mi invitarono a cena mi trovai davanti una donna giovane e molto bella, alta, bionda, curve al posto giusto, altro che segretaria sembrava una modella.
Mia mamma cadde in depressione, non usciva più, tornavo a casa da scuola e dovevo prepararmi il pranzo, era sempre seminuda, con le sue tettone in bella vista.
Un pomeriggio pensando a lei mi stavo segando, non mi accorsi che lei era entrata in camera mia, io godevo e dicevo oh mamma come ti scoperei, mi disse facendomi saltare ma davvero ti seghi per me?
Io non sapevo cosa dire, il cazzo era durissimo, lei si avvicinò e vedendolo così grosso arrossì, poi si inginocchiò e iniziò a farmi un pompino, io mi diedi uno schiaffo per capire se stessi sognando, poi mi abbandonai al piacere, lo faceva sparire tutto nella sua bocca, le dissi mamma vengo e mi scaricai nella sua bocca, ingoiò tutto con piacere, mmm sai di buono mi disse.
Ora vado a riposarmi a letto e si girò sculettando dirigendosi in camera, rimasi qualche istante fermo ancora sconvolto da quel che era successo, poi mi spogliai nudo e mi avvicinai alla sua camera, era completamente nuda distesa sul letto, sembrava dormisse, mi avvicinai, la sua figa depilata e carnosa mi invogliava, mi avvicinai e iniziai a leccarla, prima piano ma poi con sempre maggior foga, a un tratto mi prese la testa e la spinse ancora più dentro, a momenti soffocavo, poi si inarcò tutta e venne con forza, sentivo il suo sapore nella mia bocca, non resistetti e iniziai a penetrarla, il cazzo era tornato in forma, la cappella rossa e gonfia, a fatica ma entrai in lei e iniziai a stantuffarla con forza, lei godeva, le succhiavo le tettone e la sentivo godere, iniziò a venire, stava squirtando, lunghi sospiri e poi sentivo il suo liquido caldo colare, la  misi a pecora e iniziai a scoparla ancora più veloce, a un certo punto urlò il suo piacere, e cadde bocconi sul letto, inumidii il suo ano e la penetrai lentamente, lei non fece resistenza e dopo poco le fui dentro, le palle sbattevano sulle sue chiappe, poi venni dentro di lei.
Iniziò un periodo piacevole, andavo a scuola, tornavo e trovavo pronto da mangiare, studiavo e poi verso le 16 iniziavamo a scopare, di solito un bel pompino e poi  una lunga scopata, le venivo sempre nel culo, lei era rifiorita, rideva, scherzava, solo che non voleva uscissi con gli amici, insomma era gelosa di me e dovevo scoparla ogni giorno.
Passarono alcuni anni di questo piacevole menage, mi ero iscritto ad architettura e studiavo con profitto, ormai mi mancava solo la tesi poi mio padre e la mia matrigna ebbero un incidente d'auto, lei miracolosamente si salvò ma lui morì, al funerale quella bellissima donna era distrutta,  camminava a fatica e grosse occhiaie contornavano i suoi occhi, nonostante mia madre non volesse le feci le mie condoglianze e lei mi disse che le ricordavo molto mio padre e di andare a trovarla.
Un giorno invece di recarmi all'università decisi di andare da lei, in questi anni spesso ci eravamo visti insieme a mio padre, quindi sapevo benissimo dove abitava, suonai il citofono e mi disse di salire, era passato un mese dal funerale e si era ripresa molto bene, aveva una gonna non troppo corta e una camicetta, il reggiseno tratteneva un seno florido e sodo, mi aveva sempre arrapato, parlammo dei miei studi, diceva che avrei potuto collaborare nello studio di mio padre che per ora era affidato solo al socio, poi mi disse che avevo la stessa corporatura di mio padre e che se volevo potevo provare alcuni suoi vestiti, accettai, andammo in camera da letto, mi spogliai e rimasi in mutande e canottiera, lei si sdraiò sul letto, nel farlo la gonna salì di parecchio e vedevo le sue gambe lunghe e affusolate, iniziai a provarmi dei completi, lei mi diceva di girarmi e farle vedere come stavo, si sedette sul letto e la gonna era diventata una minigonna, poi si toccò i capelli dicendo che aveva caldo e si slacciò la camicetta, tolse il reggiseno dicendo che le dava fastidio, vedevo i capezzoli attraverso la camicetta, ebbi un'erezione, nonostante i pantaloni lei se ne accorse, mi slacciò i pantaloni e rimasi in mutande, me le abbassò e vide la mia splendida erezione, lo prese in bocca e nel mentre si tolse la camicetta, poi passò il mio cazzo sulle sue tette e lo immerse in esse, poi lo iniziò a succhiare, io intanto le carezzavo la testa, dopo un pò lo tolsi e le dissi ti voglio, ci spogliammo nudi, mi fece sdraiare e si infilò il cazzo nella figa già bagnata ed iniziò a cavalcarmi, era splendida i lunghi capelli, i seni sodi, continuò a cavalcarmi e poi ebbe un orgasmo fortissimo, il suo liquido colava sulle mie palle copiosamente, poi si gettò sul letto ma io non le diedi tregua, iniziai a scoparla velocemente con forza, le alzai le splendide gambe per entrare sempre più dentro di lei, le toccavo l'utero, continuava a venire, non riusciva a fermarsi, tutta rossa, mugolava e a un certo punto ebbe un altro orgasmo potente, mi morse la spalla, lasciandomi i segni, alla fine venni con forza dentro di lei.
Rimanemmo abbracciati, ei mi baciava, mi carezzava, mi confessò che negli ultimi tempi pur amando moltissimo mio padre si ea infatuata di me e ora voleva vivere il nostro amore alla luce del sole, mi disse che alla fine aveva solo dieci anni più di me e  che sessualmente era attivissima e pronta a fare mille giochi sessuali con me, disse che non aveva mai goduto così.......la fine alla prossima puntata.

Visualizzazioni: 8 186 Aggiunto: 2 anni fa Utente:
Categorie: Incesti
Tag: Incesto