Continua da 1- la Segretaria - Una coppia rumorosa
Dedicato a Francesca, la mia ex assistente: ho sconvolto la sua vita, e lei ha lasciato un segno nella mia.
I giorni seguenti furono complicati. C’era dell’imbarazzo tra noi ma nessuno dei due ne parlava. Il lavoro però ci costringeva ad un nuovo viaggio insieme: tre giorni interi, io e lei.
Il tempo in macchina passò parlando degli impegni che ci aspettavano ma la sera a cena fu terribile. Da soli nel piccolo ristorante della gasthaus in tirolo, eravamo piombati in un lungo silenzio.
Fu lei a romperlo, evidentemente cercando di farsi coraggio.
- Sai, a Roma è stato molto bello. E so che non possiamo stare insieme… ma non riesco a dimenticare quella sera…
Mi uscì una delle mie solite battute del cavolo
- beh, magari stasera quelli della camera accanto ci daranno dentro…
Rise.
- No… dai, non scherzare. Ti ho già raccontato di come gli uomini mi fanno sentire bloccata. Tu invece… ecco…
- Non sono come tu mi immagini. Sei una brava ragazza, io faccio male a quelle come te
Rimase un attimo in silenzio
- E se non volessi più essere una brava ragazza?
- Sicura di quello che dici?
- Si….
Non so cosa mi prese. Il suo comportamento così remissivo mi fece venire voglia di dominarla, di annullarla e possedere il suo corpo e la sua mente.
- In camera mia, tra 30 minuti.
E senza aspettare una sua risposta o cercare di cogliere una sua reazione mi alzai e tornai in stanza.
Il tempo passò e lei non era arrivata.
Pensai di aver fatto una seconda cazzata enorme.
Poi invece bussò.
Entrò in camera senza dire una parola, evidentemente tesissima.
Mi sedetti sul letto e lei cercò di fare altrettanto ma io la fermai.
Non ti ho detto di sederti, vero?
- no…. Sussultò.
- vediamo quanto sei brava a fare la cattiva ragazza, allora. Spogliati.
Rimase ferma a guardarmi, pietrificata.
La bocca leggermente aperta.
- Allora? Se vuoi che un uomo ti desideri devi saperlo eccitare, ragazzina.

Iniziò a slacciarsi la camicia, un bottone alla volta.
La posò ordinatamente sulla sedia.
Si sfilò facilmente le scarpe, poi mi guardò negli occhi.
- Brava, così mi piaci. Ora la gonna.
La slacciò e la lasciò cadere per terra rimanendo in autoreggenti e un bellissimo completo intimo in pizzo chiaro, leggermente trasparente.
Le braccia distese lungo i fianchi, le mani che le tremavano vistosamente.

- Mi tolsi anche io scarpe e camicia, mentre mi guardava.
-Il reggiseno.
Lo sfilò lentamente, coprendosi poi il seno con un braccio.
- Togli quel braccio. Ti voglio vedere bene.
Lo fece, abbassando gli occhi
- Ti piace che io ti guardi così?
- Si… ma… mi vergogno…
- Di cosa ti vergogni? Sai che tra poco ti scoperò?
- Si…
- E?
- Lo voglio….
- Girati e togliti le mutande
Si voltò lentamente e si sfilò gli slip, piegandosi in avanti e mostrandomi un culo ben fatto. Era davvero una bella ragazza. Poi si voltò di nuovo, coprendosi ancora il sesso con una mano e il seno con l’altra.
- non ti ho detto di girarti. Voltati di nuovo.

Mentre era in quella posizione, con solo le autoreggenti indosso, mi spogliai completamente.
mi avvicinai a lei e mi appoggiai con il corpo nudo sul suo.
Ebbe un fremito mentre il mio cazzo già in tiro si appoggiava tra le sue natiche.
Allungò una mano per toccarlo mentre girò la testa cercando la mia bocca.
Ci baciammo. Le lingue si incrociarono mentre una mano si insinuava tra i suoi capelli e l’altra le prendeva il seno.
La tirai fino al letto dove la feci sedere.
- Ora masturbati per me.

Rimase nuovamente impietrita
- Voglio vederti godere. Allarga bene le gambe ed inizia a toccarti
Era tutta rossa in volto e non riusciva a guardarmi mentre apriva le gambe e una mano iniziava a massaggiare le grandi labbra.
Mi misi dietro di lei, la mia mano sulla sua.
La baciai sul collo, fino ad arrivare vicino all’orecchio per sussurrarle quanto fosse eccitante mentre si toccava e quanto volevo vederla godere.

Guidai una delle sue dita dentro la figa fradicia. Poi due
- Oddio… ahhhhh….. furono le sue uniche parole.
La mia mano lasciò la sua che ormai andava dentro e fuori senza il mio aiuto.
- Continua così. Brava… ti piace, vero?
Rispose di si con un filo di voce, strozzato da un gemito di evidente piacere.

Intanto mi ero spostato di fianco a lei, il mio cazzo in tiro vicino alla sua bocca. Capì cosa volevo.
- Non l’ho mai fatto… non mi piace…
- Ti piacerà, invece. Dai, succhiamelo!
Le presi la testa e la forzai ad avvicinarsi. Una prima leggera resistenza. Poi aprì la bocca e mi lasciò entrare.
Le diedi io il ritmo, coordinato con quello della sua mano che entrava ed usciva dalle sue gambe.
La fermai perché non volevo venire così presto. Se era vero che non le piaceva, era piuttosto brava. Ci metteva impegno.
Mi spostai davanti a lei
- Vuoi che ti scopi ora?
- Si…
- Si cosa…
- Si, ti prego… facciamo l’amore… ho voglia…
-No bambina, tu mi devi chiedere di scoparti
Rimase un attimo in silenzio
- Scopami… ho voglia… adesso prendo la pillola…
Lo disse a bassa voce. Senza guardarmi.
Appoggiai la cappella all’entrata della sua figa e spinsi leggermente. Non dimenticherò mai la sua espressione, mentre quasi piangeva.
Le scivolai dentro con una lentezza esasperante mentre respirava molto velocemente, cose se avesse appena fatto una corsa.
Iniziai a pomparla.
Le mie mani stringevano il suo seno.
La sua bocca aperta mentre godeva ad alta voce.
Venne in maniera brutale, contorcendosi e tremando.
Le sue unghie si infilarono nella mia schiena, graffiandomi.
Stava quasi urlando, con tutti i muscoli tesi, chiedendomi di fermarmi.
Non la ascoltai, continuando a muovermi dentro di lei finchè non la riempii con il mio seme caldo.
Solo allora mi abbandonai sopra di lei, con il fiato corto, il mio cazzo ancora piantato dentro il suo corpo.
La sua mano iniziò ad accarezzarmi i capelli molto dolcemente.
Mi stava abbracciando.
Ci baciammo.
Ti piace fare la cattiva ragazza?
- Si… non avevo mai… goduto…è stato così intenso…
- Non è stato nulla. Se deciderai di continuare sarà sempre peggio
Facevo il duro, per vedere dove sarebbe arrivata.
- Farò tutto quello che vuoi
- Tutto? Sei sicura? Non hai idea di quello che succederà
Abbassò ancora gli occhi
- Si… io…. Tutto ciò che mi chiederai…
- Va bene. Ora fatti una doccia. Stanotte dormiamo insieme. Mi aspetto di sentire la tua bocca sul mio cazzo domani mattina.

Non rispose, ma andò a lavarsi. Poi entrò nel letto nuda e venne ad abbracciarmi.
La mattina dopo quando ci svegliammo rimase un po’ a guardarmi, poi spostò le lenzuola e iniziò a segarmi lentamente.
La sua testa scese tra le mie gambe e cominciò a leccarmelo.
Se lo fece sparire in bocca e continuò a salire e scendere lungo l’asta finchè non le venni in gola.
Le mie mani sulla testa non la lasciarono rialzare.
Ingoiò tutto.
- sei stata brava
- farò tutto quello che mi chiederai… davvero….

Ci vestimmo e andammo al lavoro. Si comportò molto bene, come se nulla fosse.
Tornati in albergo la riportai in camera. La baciai e la accarezzai molto delicatamente. Mi sdraiai sopra di lei e, ancora vestito, la scopai. Con molta dolcezza, stavolta.
Continuò ad accarezzarmi il volto mentre le entravo dentro. Fu bello venire di nuovo in quel corpo caldo ed accogliente.

Non ricordo quante volte successe ancora durante quel viaggio, ma furono tante.
(continua...)
Visualizzazioni: 3 697 Aggiunto: 5 anni fa Utente:
Categorie: Etero Masturbazioni