Arrivato all'età di 14 anni, ebbi un'altra bella esperienza che impresse ancor più in me, come se fosse necessario, l’amore per i Clisteri.


Ricordo di aver conosciuto Maria, la figlia di una vicina di casa di 2 anni più grande di me. I suoi erano dei farmacisti ed erano in negozio tutti i giorni sino alle 20 e delle volte anche alla domenica. Cosi, di tanto in tanto, andavo da lei a fare i miei compiti e a tenerle compagnia. Maria era una ragazza di campagna, vestita sempre con grembiuli sgargianti, che non valorizzavano le sue rotondità. Un po’ grassoccia, ma non troppo, con due guance rosse e un seno prorompente, aveva nel suo di dietro il pezzo forte. Un sedere da favola.


Un pomeriggio le ho chiesto se potessi andare in bagno e alla sua risposta affermativa, trovai una sorpresa…sopra la cassettiera in bagno troneggiava una splendida pera da 540 ml rossa ancora umida. Tornando chiesi a Maria se qualcuno in famiglia stesse male e lei mi disse che era lei che soffriva di costipazione e che la usava quando si sentiva gonfia. Lo diceva con un misto di vergogna e di piacere. A questo punto le confessai il mio amore per i clisteri, e lei mi chiese se ne volessi prendere uno. Ovviamente accettai con grande eccitazione.


Maria partì a preparare la soluzione e con mia gioia vidi che usava la camomilla come a casa mia.
La casa si impregnò immediatamente del profumo intenso di camomilla, ed io, a sentire quell’inebriante fragranza, cominciai ad accarezzare il mio sesso fasciato nei miei pantaloni, che diventò duro come la pietra.
Maria tornata con l’occorrente, visto il rigonfiamento dei miei pantaloni, sorrise e arrossii, dicendomi che dovevo stendermi sul divano di pelle che aveva preparato ricoprendolo con un telo spugna di color arancione intenso. Mi tolsi i pantaloni e le mutandine e il mio sesso sbocciò in tutta la sua lunghezza e durezza. Senza vergogna mi stesi a pancia sotto mentre Maria riempiva la grande pera.
Pose le sue mani tra le mie natiche per allargarle e mise una goccia di olio di oliva spingendo leggermente il dito indice in me. Appena lubrificato, introdusse la pera e con mia sorpresa la lasciò cosi senza iniettarmi il prodotto e si alzò dicendo di aspettarla in quella posizione e di non muovermi altrimenti sarebbe caduta la pera.
Tornò con un aggeggio strano come una specie di grande tappo nero fatto a uovo. Mi disse….”visto che ti piacciono i clisteri, e il tuo pene ne è l’evidenza, ho deciso di farti godere dandotene un quantità abbondante e questo oggetto ti aiuterà e ritenerlo.”…le dissi “va bene….ma cosa è?” rispose…”è un tappo di gomma che mamma usa su di me quando mi da’ dei clisteri veramente abbondanti.


“Essendo di origine alsaziana, per lei i clisteri sotto i quattro litri non servono a nulla”…”Quattro litri?!!!!” risposi. “Si quattro litri…minimo” mi disse…”essendo di scuola farmaceutica tedesca, mi ha insegnato sin da piccola a subire clisteri copiosi. Ha cominciato con le perette, poi le pere sempre più grosse e dall’età di 8 anni con un boccale di vetro che conteneva quantità ragguardevoli di liquido. Quello che è in camera sua è di dieci litri…riscaldato da una serpentina elettrica a bassa tensione per mantenere la temperatura. Poi se vuoi te lo faccio vedere. Io, ho cominciato con un litro, poi un litro e mezzo, poi due litri ed ora sopporto senza problemi tre e a volte quasi quattro litri anche per venti minuti.”


A queste affermazioni, rabbrividii.. le dissi “scusa Maria, ma quanto hai previsto per me oggi”…Rispose “non ti preoccupare con te oggi partiremo da quattro pere intere e poi vediamo quanto sei capace di avanzare nella ritenzione. Se sarai bravo e prenderai tutta la bacinella di tre litri, ti prometto che il coso lì tra le tue gambe riceverà un bel regalo”…
“Tre litri, le dissi…non ho mai subito tanto in vita mia….ma, visto che mi sfidi, farò del mio meglio per sopportarlo. Unica cosa che ti chiedo, di avere una grossa pera di pulizia e lasciarmi andare a scaricare i miei intestini prima della sontuosa somministrazione” Maria mi disse “ va bene.. sono d’accordo, tanto ho fatto almeno quattro litri di infuso, cosi ne resterà per il dopo”. Schiacciò la pera che aveva lasciato in me è subito un getto di acqua molto calda si irradiò in me…feci un gemito e le dissi che l’acqua era molto calda. Lei mi disse “lo so.. lo so…ma ti farà sopportare meglio la quantità importante che poi dovrai ricevere…”


Svuotata la pera, mi avviai in bagno, dove uscì quasi solo acqua pulita, visto che il giorno prima mi ero praticato un clistere di pulizia di due litri. Ovviamente non dissi a Maria del clistere per paura che mi infliggesse più prodotto di quanto pattuito. Ripulito e profumato ritrovai Maria pronta, ma, con mia sorpresa, non con la pera tra le mani ma con il boccale in vetro di sua madre. Accidenti quanto era grosso…finiva con un ugello sul basso del vaso al quale era attaccato un tubo lunghissimo di gomme rossa che terminava con una cannula in bacalite nera grossa come quelle che usava mia mamma per le pere vaginali. Il liquido era giallo paglierino e riempiva il vaso a meno della metà. Maria mi disse.. “visto che hai accettato una grande quantità di liquido e che non sappiamo quanto sarai capace di assorbirne, ho aggiunto quello che rimaneva nella pentola e adesso è di poco oltre i quattro litri…diciamo quattro litri e mezzo”….spaventato ma eccitato dalla sfida non dissi niente.


Mi riappoggiai sul ventre, ma lei mi disse…”meglio che ti metti sulla schiena cosi potrò aiutarti nel massaggiare la tua pancia per entrare il prodotto più a fondo nel tuo intestino.” Annui….mi girai sulla schiena e, il mio pene che si era nel frattempo riacceso di piacere, divenne preda degli sguardi di Maria. Maria sorrise e mi disse “guarda, guarda…dalla tua punta spuntano delle goccioline di liquido viscoso…non ti sei già dato piacere andando in bagno” risposi di no, ma che era naturale che in quello stato di eccitazione ci fossero delle fuoriuscite di liquido.
Maria mi chiese di portare le gambe al petto per introdurre la cannula che entrò benissimo senza bisogno di essere lubrificata.


“Adesso stai attento….t’inietterò lentamente il liquido, come hai visto, ho messo il boccale basso cosi da non provocare troppa pressione. Se sei come me, i primi due litri li assorbirai in men che non si dica…poi ci fermeremo un attimo e ti massaggerò in senso antiorario il ventre , cosi da spingere il contenuto dei tuoi intestini verso l’alto. Poi riprenderemo con un po’ più di pressione, altrimenti il rischio è che tu crei un flusso di ritorno nel boccale che sarebbe oltre che disgustoso anche deleterio perché dovremmo ricominciare tutto da capo, pulendo tutto con la candeggina.


Ai tre litri vedremo come sarai e se saprai continuare…va bene”. Le dissi” si va bene Maria ma fai attenzione che non esca la cannula”.. ”Non ti preoccupare, la terrò inserita bene io….”


In qual momento aprì il rubinetto e il liquido cominciò dolcemente a invadere il mio ventre…. Aveva ragione i primi due litri entrarono in meno di due minuti, anzi le chiesi di non fermarsi e continuare a massaggiare con la mano destra mentre con la sinistra teneva ben salda la cannula in me. Ai tre litri la pregai di fermarsi, i brividi e gli spasmi cominciavano a essere insistenti. Ci fermammo non più di un minuto, poi riprendemmo e Maria a questo punto per distrarmi dai lancinanti dolori cominciò ad accarezzare il mio membro che sembrava dovesse scoppiare….


Concentrato su queste carezze arrivai con mia sorpresa ai quattro litri Maria fermò il flusso dicendomi che ero stato grande e che bastava cosi. Il mio ventre era cosi gonfio che da sdraiato non vedevo più il mio membro che era tra le sapienti mani di Maria. Mentre Maria stava per togliermi la cannula, la bloccai con mano e le domandai quanto ne restasse. Maria rispose poco più di mezzo litro. Le dissi….continuiamo. Sbalordita Maria aprì la chiavetta e alzò il vaso in modo da accelerare questa ultima infusione che si rivelò più dura del previsto. Finita l’ultima goccia, Maria tolse in una frazione di secondo la cannula e inserì il tappo nel mio ano. In quel momento diede due colpi decisi al mio uccello che schizzo tutto il seme su di me e sul telo che ricopriva il divano…


Gonfio come un otre mi lascia scivolare per terra, la mia pancia era cosi dura che non potevo alzarmi dal divano. A quattro zampe sono riuscito ad arrivare indenne in bagno e a sedermi sul water dove tolsi il tappo e rilasciai il contenuto che ci mise un bel venti minuti a uscire.


Quando tornai Maria aveva già tutto ripulito e vedendomi mi prese il viso tra le sue mani e mi baciò di un bacio profondo e mi disse. “Sono stupita e fiera di te. Hai vinto. Non immaginavo tu potessi farcela… è pur vero che sei abituato e ami i clisteri, ma più di quattro litri e mezzo non li tengo neanche io. Solo mia madre e credo mio padre riescono in questa impresa…. Hai diritto a un regalo supplementare.. sapendo però che io sono vergine e quel fiore non posso e voglio dartelo” .
Le dissi” Maria come ricompensa mi hai già premiato con il tuo abile gioco di mani. Quello che vorrei è fare qualche cosa che ti ricordi di me.. rispettando la tua verginità. Lascio a te propormi un tuo desiderio”


Maria sorridendo mi rispose”.. anche io vorrei ricordarmi di questo momento.. ho pensato a un enorme regalo per te, vista la tua bravura e anche che mi piaci da un po’. Io sono vergine anche nel mio di dietro…e mi piacerebbe donartelo come ricompensa e mio piacere, se sei d’accordo.” Quasi svenivo…non avevo mai immaginato che si potesse fare…io prendere il suo bel culo con il mio cazzone rigido…incredibile. L’abbracciai e le diedi un bacio sulla bocca. Le bisbigliai all’orecchio che sarebbe stato il più grande dei regali… Maria mi disse..” bene allora facciamolo, io sono già pulita, visto che mi sono fatta una pera prima che tu arrivassi…adesso devi prima ben lubrificare il mio forellino. Fai adagio ti prego perché’ il tuo coso li ha delle belle dimensioni e non vorrei mi facessi male…d’accordo?”


La baciai e la tranquillizzai, mettemmo la spugna per terra e mentre anche lei si spogliò sino a restare nudia, ci sdraiammo sul fianco destro entrambi, io dietro di lei. Cominciai da dietro ad accarezzare i suoi seni e titillare i capezzoli mentre la baciavo dolcemente sul collo. Feci scorrere le mia mani sul suo ventre e poi le carezzai l’esterno della sua vagina, gonfia e palpitante. Trovai il suo bottoncino e cominciai a sollecitarlo con la punta delle dita della mano destra mentre con la sinistra le palpavo i seni e scendevo lungo la schiena sino alle sue natiche. Era in trans…se avessi voluto avrei potuto approfittare del suo stato per prenderle la verginità tanto protetta.


Lei gemeva e godeva. Si contorceva sul piacere e io senza alcuna penetrazione la portai al suo primo e vibrate orgasmo. Mi fermai per un instante, la baciai sulla bocca e respirando dolcemente la rilassai sino all’assalto successivo. Fu lei a prendere il mio pene durissimo e avvicinarlo al suo forellino posteriore. Con una crema di vaselina, prima lubrificò il suo sfintere sino a inserirsene un paio di dita e a dilatarlo il più possibile, poi spostò la mano ancora sporca di vaselina sul mio glande e lo avvicinò puntandolo contro il suo buchino e con voce rotta dal piacere mi disse “ è tuo, fai piano e dammi piacere”…


Con un movimento dolce ma deciso la penetrai leggermente. Vidi cedere senza problemi il suo sfintere, probabilmente già allenato dalle cannule di clistere che ha ampliamente utilizzato nel tempo. Poi con delicatezza affondai il mio membro nel suo sedere e attesi che si rilassasse, senza muovermi. Il suo fu un urlo tra la gioia e la sorpresa. Ripresi i miei massaggi ai seni e al clitoride senza muoversi… Fu lei per prima a muovere delicatamente il suo bacino avanti e indietro, con me che da spettatore tenevo il mio palo fermo e rigido. In pochi istanti venne per la seconda volta, questa volta con contrazioni anali che sentivo distintamente. Ferreo resistevo al mio orgasmo, era troppo bello vederla godere, vibrare, contorcersi, urlare… cosi lasci che anche questa volta si rimettesse dal suo orgasmo continuando ad accarezzarla e a sussurrarle parole dolci e spinte nell’orecchio.


Restammo cosi per una decina di minuti. Poi Maria mi disse” adesso voglio che venga dentro di me anche tu… voglio un tuo clistere di sperma.. ma aspetta che si venga insieme…” le dissi che per me andava bene…e che ero pronto per farla volare ancora una volta. Questa volta presi io l’iniziativa. Con dolcezza sollevai il suo bacino sino a metterla alla pecorina e cominciai una movimento ondulatorio dolce ma costante. Maria non ce la faceva più. Con mia sorpresa dalla sua vagina uscivano liquidi a profusione, come se stesse facendo pipi. Più acceleravo il mio movimento più i liquidi aumentavano sino a un suo urlo strozzato che mi indicava il suo terzo orgasmo, più lungo degli altri. In quel momento esatto esplosi in lei come non avevo mai fatto e sentii il suo sfintere chiudersi sul mio pene e quasi succhiare le ultime gocce del mio seme.


Cademmo a terra, io su di lei, distrutti ma soddisfatti dei nostri piaceri.
Maria piangeva dal piacere. Mai aveva provato cosi tanti orgasmi insieme e aveva scoperto la sua predisposizione all’amore anale. Da quel momento ci vedemmo almeno 2 volte a settimana, scambiandoci clisteri di tutti i tipi e dimensioni oltre a ripetere la sodomia per Maria.

....al prossimo racconto. 

Visualizzazioni: 10 892 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Prime Esperienze
Tag: Amatoriale