Ciao, sono sempre Laura. Snella, seconda di seno con capezzoli belli reattivi, fighetta stretta e culo da favola. Vi ricordate di me? 
Oggi voglio raccontarvi un episodio avvenuto un po’ di anni fa. Ai tempi ero single e avevo una gran voglia di divertirmi. Vi confesso che a me non piace essere insultata gratuitamente ma, parlando con masterAce e altri miei “amici”, posso di certo dire di essere nel mio animo una troietta golosa di cazzi. 


Per farvi capire … dovete sapere che la mia dedizione al cazzo è talmente profonda da portarmi ad avere una storia clandestina con Claudio 5 anni più grande di me. Marito e padre, occhi azzurri, capelli castani un po’ stempiati e un gran bel fisico atletico. Non pensate ad un cazzo mostruoso. Il suo amico peloso, forse fin troppo per i miei gusti, è assolutamente nella norma. Eppure, prenderlo in bocca ancora moscio e sentirlo crescere, stimolato dalla mia lingua, mi fa mi fa bagnare al solo pensiero. 
La storia con Claudio è nata per uno dei più classici motivi: la moglie gliela dava sì e no quattro volte all’anno. Lo conosco dai tempi della scuola e mi ha sempre trovato una bella donna. Accetto subito la sua proposta di essere amanti. Un figaccione così che chiede solo di scopare non me lo farei scappare per niente al mondo. 
All’inizio si faceva molte remore a tradire la moglie, ma alla fine è sempre lui a cercarmi, anche tutti i giorni in una sola settimana. Mi piace questa storia, nessun impegno e la mia sete di sperma è sempre abbondantemente saziata. 
Un giorno, finito l’orario di lavoro, mi viene a prendere in macchina e andiamo in un campo isolato in uno dei paesi vicini, lontano da occhi indiscreti. Ho aspettato tutto il giorno di poter succhiare il suo cazzo. Lo bramo più di qualsiasi altra cosa. Appena ferma la macchina, non perdo tempo. Mentre gli infilo la lingua in bocca, slaccio i pantaloni e glielo tiro fuori. 


«Il mio amichetto pelosetto».


E’ ancora abbastanza moscio, come piace a me. Abbasso la testa sul suo cavallo e glielo prendo per bene in bocca. I peli mi danno un po’ fastidio, soprattutto quando li sento girare sulla lingua. Ma sapete … la voglia di cazzo vince sempre su tutto.  Lo accarezzo con la lingua e lo sento piano piano crescere dentro la mia bocca calda e golosa. 
Suona il telefono. E’ sua moglie. 
Lui mi fa segno di stare in silenzio e di fermarmi. Non mi va! Nella mia testa c’è solo un pensiero: SUCCHIARE IL SUO CAZZO!!! 
La moglie al telefono chiede a Claudio di sbrigare delle commissioni prima di tornare a casa. Il poveretto si trova in una situazione impegnativa: da un lato l’amata moglie che non dove scoprire dove si trova il suo cazzo in questo momento, dall’altra ci sono io che, da brava stronza pompinara, non ho la minima intenzione di togliere il suo pisello dalla mia gola. 
Io faccio di tutto. Delle goccioline di sudore scendono dalla sua stempiatura, mentre io tolgo il cazzo dalla bocca e, mentre con la mano sinistra lo sego, con la lingua lecco e succhio avidamente le sue belle palle pelose. 
Claudio risponde a monosillabi. Io ritorno al suo bel cazzo duro. Lecco la cappella, la succhio. 


«Sì, amor…».


La “e” finale esce con un ansimo. Colpa mia che ho spinto di forza tutta l’asta nella mia gola. 


    «Tutto a posto?» chiede la moglie. 
    «Sì sì!» risponde lui telegrafico. 


    «Sei una stronzetta!» mi dice, quasi senza voce.


Io sorrido e continuo a succhiarlo. 


    «Con chi parli?» chiede lei al telefono. 


Quanto cazzo urla questa al telefono! 


    «Con nessuno amore!». 
    «Mi sembra di sentire qualcuno parlare!» incalza lei. 
    «No no, amore. Ho appena salutato un collega. Io sto per uscire da lavoro.».


Io godo come una vera zoccoletta. L’idea di lei che potrebbe scoprirlo mi eccita da morire. Sono tutta bagnata e come un’ossessa mi godo quel cazzo in bocca. 
Si salutano e chiudono la chiamata. 


    «Sei proprio una gran stronza, ma come succhi tu…». 


Io rispondo con un affondo sul cazzo. Lui libero dalla voce della moglie si gode il pompino e inizia a infilarmi due dita nella figa bagnatissima. Non abbiamo più troppo tempo, lei sa che lui sta partendo da lavoro. 
Aumenta il ritmo del ditalino e mi penetra con le dita con una gran foga. Vuole farmela pagare per averlo messo in difficoltà con la moglie. 
Io di conseguenza aumento gli affondi del cazzo. Quando è al limite alzo gli occhi, vedo la sua faccia sudata. Sento gli schizzi che mi inondano la bocca. Buona! Calda e cromosa! Amo lo sperma caldo in bocca! 
Ingoio tutto e con la lingua ripulisco tutta l’asta. Io ho avuto un breve orgasmo, ma la mia ricompensa di oggi è la cremina del suo pisello. 
Ci ricomponiamo e mi riporta a casa. 
Non vedo l’ora che mi riempia la figa con quel suo bel cazzo peloso!


Che ne dite? Si capisce che sono una troietta golosa di cazzo?  
   

Visualizzazioni: 1 863 Aggiunto: 3 anni fa Utente: