Davide… montami.


 


Che deliziosa puttana che sei Gabriella, il tuo cornuto è fortunato ad averti !! Prima di montarti voglio leccarti la figa bagnata e tu Mario continua a succhiarmi l’uccello e preparalo per la figa di tua moglie.


 


Quattro ore dopo.


 



Grazie di tutto Davide, sei un vero amico. Spero ci si veda presto;


 


Grazie a voi Mario, è stata una serata spettacolare come sempre; mi dispiace solo non aver potuto penetrare il tuo culetto ma in effetti il mo cazzo è troppo grosso per un buchino vergine come il tuo; ho spiegato a tua moglie di iniziarti alla penetrazione con dei piccoli vibratori anali di taglie diverse, vedrai che entro una ventina di giorni, se farai quello che dice tua moglie, il tuo culo sarà pronto ad ospitare il mio cazzo grosso e caldo e duro. Ciao cornuto. Ah, dimenticavo… ti ho lasciato un regalino.


 


Un regalino ? Mmmmmmmm….. grazie amico mio !


 


Tesorooooooo? Dove sei ?? Se hai accompagnato Davide alla porta vieni qui portandomi un bicchiere di acqua;


 


Arrivo amore; Davide è appena andato via e mi ha detto di avermi lasciato un regalino, è quello che penso ?
Mmmmmm non lo so, dipende…


 


Eccoti l’acqua amore mio e questo bacio è perché ti amo da impazzire;


 


Grazie cucciolo cornuto, avevo proprio sete. Allora, tu che sorpresina vorresti avere e nel frattempo che mi rispondi spogliati tutto nudo.


 


Non saprei, subito avrei pensato ad una sua ricca e copiosa sborrata calda dentro di te ma se me lo chiedi potrebbe essere qualcos’altro…


 


Guardami bene bene… non noti niente di diverso rispetto al solito? Aspetta amore mi giro e mi metto a cagnolina così forse te ne accorgi;


 


Ma… amore mio !!! Che buco del culo sfondato che hai fammi guardare bene…. Mmmmmm Dio mio !!!!! Aspetta cucciola resta così ti prego voglio guardarlo ancora un pò colare di sborra prima di pulirti… che bello amore !!! Ti sei fatta sfondare il culo e poi te lo sei fatto riempire di sborra calda e densa. Troia in calore.


 


Si è stato bellissimo cornutino mio; Mi ha presa senza chiedere permesso, ha sputato sul mio buchino del culo e mi ha ficcato dentro quel cazzone gigante che si ritrova in mezzo alle cosce. Mi ha fatto male sai? Subito gli ho chiesto di smettere ma lui mi diceva che sono una puttana e mi comanda lui, mi diceva che tu sei un cornuto, frocetto impotente e che prima gli hai fatto un pompino con ingoio come fanno le vere puttane. Ha detto che la prossima volta ti ficcherà il cazzo in culo davanti a me per mostrarmi il tuo lato femminile da succhia cazzi. Mentre diceva queste cose faceva dentro e fuori col cazzo dal mio culo. E’ stata dura all’inizio, mi veniva da piangere perchè il dolore era davvero forte. Il tuo ridicolo cazzetto confronto al suo e tutta un altra cosa per cui anche se quando scopiamo mi penetri il culo  in realtà è come se fosse ancora vergine per quei calibri. Poi ha cominciato a piacermi invece, ho goduto come non mai. Sentivo la sua cappella nell’intestino, me l’ha messo dove nessun’altra prima di lui è mai arrivato. Nessuno dei miei amanti passati o presenti ha un cazzo come il suo; credo di amare il cazzo di Davide, mi fa sentire piena, appagata, soddisfatta, donna. Amo anche te amore mio, perché sei mio marito e perché quando scopo con qualcun altro e so che ti ci sei e o senti o guardi o partecipi io raggiungo vette di goduria e libidine che altrimenti non raggiungo. Ti amo tanto porco cornuto; mi è piaciuto moltissimo vederti succhiare il cazzo di Davide mentre io lo baciavo abbracciandolo, sembravi il nostro servito libidinoso e voglioso; ti è piaciuta la sua sborra, il suo sapore ? Prima di leccarla di nuovo ma questa volta dal culo rotto di tua moglie, rispondi alla mia domanda e poi dimmi cosa ti è piaciuto di più questa sera;


 


Bè… mi vergogno un pò a parlare del sapore della sborra dell’amante di mia moglie, tesoro…


 


Dai sciocchino, non ti devi vergognare io sono tua moglie e voglio sapere tutto quello che pensi e provi. Ti amo molto e non voglio svegliarmi un giorno e non conoscerti più. Dai amore mio, ti è piaciuta la sborra del mio capo ?


 


Hai ragione amore mio e ti amo anch’io; si, mi è piaciuta molto la sborra calda di Davide. Era la prima volta che l’assaggiavo e ho sempre pensato che avesse una consistenza viscida e un pò schifosa invece l’ho trovata calda, succulenta, piacevole alla lingua e sopratutto ho gradito sentire le scariche dentro la mia bocca; potevo percepire il godimento del tuo capo direttamente da dove nasceva, dal suo cazzo duro e grosso. Si è buona la sborra, mi piace; mi è piaciuto anche toccargli il cazzo davanti a te, inginocchiarmi e sottomettermi a lui in tua presenza. Ero molto eccitato, quando dopo mi avete lasciato in soggiorno ad ascoltarvi mi sono infilato la coda di cavallo nel culo sperando di allargarlo abbastanza per poter ricevere il cazzo grosso di Davide. Chissà quanto godi tu, amore mio, nel sentire le sue potenti e copiose scariche di sborra nella figa.
Si tesoro, bravo, mi ecciti quando mi parli così; vai avanti dai che se fai il bravo quando hai finito ti farò leccare questo piatto succulento, il mio culo rotto farcito con la sborra del mio capo; cosa ti è piaciuto di più questa sera?


 


Mi sono fatto due seghe, una sul divano di là in soggiorno mentre mi chiamavi chiedendomi aiuto perché ti stava mettendo il cazzo nel culo e ti faceva male, sentirti urlare, impotente, nelle mani del tuo capo con quel cazzo grosso mi ha spinto ad alzarmi e venire a spiarvi, non ve ne siete accorti perché in quel momento eravate girati; ho visto Davide in piedi con i suoi glutei sodi e queste palle che gli ballonzolavano sotto pronto a penetrarti il culo e tu che ti dimenavi per impedirglielo. Mi sono sborrato sulla pancia quando la sua cappella ti è entrata dentro il culo sfondandotelo. Hai urlato tanto amore mio, si vedeva che ti faceva male anche che godevi come che piace a te, da vera puttana che la dà gratis. La seconda quando ha iniziato a pomparti senza preoccuparsi di te, il mio cazzetto piccolo e moscio e tornato subito duro e allora sono entrato camminando a quattro zampe fino alle spalle di Davide e dalle caviglie ho iniziato a leccargli le gambe salendo lentamente. Quando sono arrivato al culo gli ho allargato le natiche e ho ficcato la mia lingua proprio sopra il suo buchino caldo. Ho goduto molto, mentre mia moglie veniva penetrata nel culo dal suo amante io dietro a lui a leccare il suo culetto come un maialino in calore. Non sai che bello, le sue pallone grosse e piene di sborra mi sbattevano in faccia quando usciva dal tuo culo. Le ho succhiate… ad un certo punto si è piantato dentro di te e ti ha tirato i capelli fino a farti urlare… è perchè io avevo i suoi coglioni in bocca e glieli tiravo come farebbe una torretta in calore che vuole il cazzo in culo. È stato bellissimo. Quando mi sono accorto che stava per sborrare le sue palle sono diventate ancora più dure e allora gliele ho massaggiate un pò con le mani, ho sborrato per la seconda volta e poi sono uscito per lasciarlo tutto a te, amore mio.


 


Ti amo cornuto maiale. Dai… te la sei meritata; succhiami fuori tutta la sborra che Davide mi ha scaricato dentro e puliscimi bene sia il culo che la figa che se farai un lavoro calmo e ben fatto faremo l’amore.


*******


Scrivo racconti su commissione personalizzati sulla prorpia moglie;
maxfoxcuck@gmail.com


 


 


 


 


 


 


 


 

Visualizzazioni: 11 204 Aggiunto: 3 anni fa Utente: