Ho sempre pensato che la musica per me è come il sesso: mi dà simili sensazioni, mi sento sopraffatta dalle emozioni. Quella volta decisi di andare a quel concerto rock da sola, a godermi la mia band preferita. I miei occhi chiusi, i miei sensi più che ricettivi. Poi qualcosa mi spinse ad aprire gli occhi e guardare alla mia destra e in quel momento ti vidi: i nostri occhi si incatenarono, cominciammo a muoverci l'una verso l'altro. Qualcuno mi spinse, caddi, le tue mani raggiunsero le mie e mi tirarono su. Ancora quegli occhi, quegli occhi azzurri, così magnetici, così erotici. Ora c'era una canzone lenta, su cui danzammo insieme, persi nella musica. Il tuo tocco era pura elettricità sulla mia pelle sensibile. Era come se i nostri corpi si conoscessero l'un l'altro, cantavano una canzone che solo noi potevamo udire. Poi, sfiorando le mie labbra con le tue, mi dicesti: "Ti voglio, qui, ora." E io ti dissi: "Prendimi."
Visualizzazioni: 840 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Etero