La mattina seguente mi alzai dal divano letto, decisi di fare una passeggiata sul lungo mare, mi accesi una sigaretta, mi sentivo cosí vuoto... forse non avrei dovuto permettere che Luca si scopasse la mia fidanzata umiliandomi in quel modo.

Era in utile mettersi a fare tante seghe mentali, il dado ormai era tratto, la cosa si sarebbe potuta chiudere con ieri notte, solo una folle fantasia casualmente realizzata.
Prima di tornare all'appartamento comprai la colazione, la comprai anche per Luca nel caso fosse ancora in appartamento, imporovvisamente mi erano tornati pensieri malsani, avrei avuto voglia di vederlo a letto con Sofia.

Andó esattamente cosí, entrando in camera con il sacchetto di brioches in mano vidi i loro corpi aggrovigliati sul letto, stavano ancora dormendo, le lenzuola erano bagnate dal sudore di entrambi, per terra c'erano appoggiati tre sacchettini di preservativi aperti.
I due si svegliarono lentamente e mi videro, io non sapevo cosa fare...

"Vi ho voluto portare la colazione a letto!"

"Ma che amore che sei!"
Mi disse Sofia con un tono dolcissimo, ero tornato il folle di ieri notte, godevo nel vedere quei due dopo una notte focosa insieme.

Dopo che Sofia e Luca si alzarono con calma dal letto ci sedemmo tutti assieme nel tavolo del salotto per ber il caffè che feci per tutti. Luca con il suo sorrisetto innocente e allo stesso tempo beffardo si scusó con me per avermi cacciato via dalla camera in quel modo, disse che Sofia le aveva raccontato le mie fantasie e che si era lasciato prendere dall'euforia del momento.
Io lo ringraziai per le scuse e gli dissi che non c'era nessun problema.

Prima che andasse via dall'appartamento gli dissi "ti sono molto grato di aver soddisfatto Sofia in quel modo ieri sera, in un modo che probabilmente non riuscirei mai realizzare"
Sofia scoppió a ridere, luca mi fece l'occhiolino, mi strinse la mano e diede un bacio in bocca a Sofia, ci saremmo sicuramente rivisti.

Da allora piú nessun dubbio, desideravo che Sofia e Luca si rivedessero, mi eccitai tantissimo a sentire raccontare Sofia di come Luca le avesse mostrato il suo enorme pene (qualche settimana piú tardi lo avremmo misurato confrontandolo col mio, 20 cm abbondanti contro i miei miseri 12,5, ma questo lo racconteró un'altra volta...) la sera prima sulla spiaggia e di come l'avesse poi buttata nel nostro letto per scoparsela... era cosí contenta, fremeva dall'idea di rivederlo.

Altro non potevo fare che lasciarmi andare da questa situazione, di lí in poi sarei sempre stato pronto a far godere Sofia in quel modo.
La sera facemmo sesso, ero particolarmente ansioso, per l'eccitazione venni dopo pochissimo, ci abbracciammo e lei mi disse sull'orecchio sussurrando: "è stato dolcissomo fare sesso con te ma se vuoi farmi divertire davvero per questa vacanza meglio che lasci fare a Luca, gli ho giá scritto, tu potrai assistere"
Accosentii, dopodichè le smalmai la crema dopo sole sul suo bellissimo corpo abbronzato massagiandole bene gambe seno e culo.... di lí in poi quello sarebbe stato il maggiore contatto fisico con Sofia, si sarebbe negata per tutta la vacanza e avevamo ancora 7 giorni davanti.
Visualizzazioni: 2 295 Aggiunto: 3 anni fa Utente: