arriva la fatidica sera. passo a prenderla, ed andiamo verso casa, a pochissima distanza dal posto
di lavoro suo. vive con la mamma separata, la quale è via per le feste, siamo soli tiriamo a sorte per la cena, ed alla fine si va con una semplice pizza, per avere piu' tempo possibile. ci raccontiamo ancora di piu'....la stuzzico fin dove ritengo possibile. per giocare, bisogna andare oltre, le dico. le pizze le ordino io ma non dal solito che ti conosce, la faccio arrivare da un posto vicino a me, in 10 minuti arriva lostesso. e tu, andrai ad aprire, con addosso solo l'intimo, come da una doccia appena finita. lei è stuzzicata sul vivo, rifiuta poi ne parla, poi rifiuta e poi... intanto la pizza oramai arriva tramite chi dico io. pare convinta, io accendo latv e lei va in doccia. esce con l'accappatoio, ma sotto nuda. " mi sembra di conoscerti da sempre e profondamente" quindi continua " non ti scandalizzi se mi metto a mio agio??"
e perchè mai ? a me fa solo piacere esseri d'aiuto, .beviamo in attesa della pizza. il campanello suona, Erika è agitata... è rimasta nuda in accappatoio. i soldi sono strategicamente lontani, su una mensola. sale l'ascensore, lei non si muove. non parlo e faccio per alzarmi io.
mi prende e mi strattona, andando a passo veloce verso l'uscio di casa, apre e saluta il giovane. prende le scatole, le poggia su una mensola e si gira, con l'accappatoio aperto. si è convinta!! poi dice al ragazzo di entrare ,mentre prende il danaro.. ovviamente il ragazzo entra solo 2 passi..Erika ritorna con i soldi. solo con i soldi. si è spogliata completamente. paga il giovane, attende che lui cerchi il resto e poi gli dice di tenerlo come mancia, e gli da un bacio sulla guancia. lui, con un rigonfio sui pantaloni, se ne va... ora saltiamo la storia del mangiare,..
laviamo i piatti, e poi lei, sempre nuda, si butta sul divano. su di me...
mi chiede se in tutta questa fantastica storia io la veda con gli occhi da uomo o da donna. le spiego che nel parlare mi calo nella parte femminile, ma certo che l'uomo in me non è insensibile. è tardi, si deve rientrare. mentre viaggio ripenso a tutto. e decido che non passerò piu' da lei per un po' di tempo... e così sarà, senza che lei mi contanti... /continua )
Visualizzazioni: 706 Aggiunto: 3 anni fa Utente: