La storia che vi vado a raccontare, risale agli anni 90 circa, i campi Rom ci son sempre stati in giro per i quartieri delle nostre citta', e specie a Milano, negli anni novanta, ci fu il pienone di questi zingari, come li chiamavamo al tempo, che con le loro Roulotte e le loro macchine, si accampavano nelle zone piu nascoste e isolate per dar vita a una vera e propria 'cittadina di immigrati'. In quel periodo, d'estate specialmente quando faceva troppo caldo per dormire, e il sonno spariva a causa dell'afa, ero solita fare lunghe uscite notturne, per passeggiare nelle zone vicine adiacenti, e distanti del mio quartiere di residenza. Fu proprio durante una di queste passeggiate notturne, che mi sono per caso e senza volerlo, imbattuta nel campo Rom che ribattezzai 'Sterpaglia' proprio perche' era disteso su uno spiazzo di molti metri quadri d'erba incolta e arbusti, e immezzo a tutto, vi erano delle Roulotte sparse con tanto di auto adiacenti, di solito di marca Mercedes, ma potevano essere anche altre marche conosciute. Riuscii a contare solo poche Roulotte prima che venissi spaventata, da un ragazzo dietro di me, che mi fece sobbalzare e mi procuro' un bello spavento, dato non avevo notato la sua presenza nei paraggi, e mi era apparso dietro, come un fantasma. Poco piu alto di me, indossava dei vestiti maleodoranti, una maglietta sudicia che un tempo doveva esser stata bianca, senza maniche, e dei calzoncini corti sportivi anche quelli abbastanza sudici. L'odore che emanava tipico di chi si lava poco o nulla, mi fece apparire il ragazzo ancora piu odioso. Dato il mio aspetto androgino, il tizio penso' fossi una ragazza ovviamente, e mi chiese che ci facessi li a quell'ora, in un italiano abbastanza chiaro. Appena ho aperto bocca, per giustificarmi, il ragazzo sudicio, mi chiese se fossi Trans. Dopo aver tentato di spiegargli ci ero, il ragazzo allungo' le mani per tastarmi il petto in cerca di eventuali tette che ovviamente non avevo. Lo allontanai con una spinta infastidita, e gli dissi che me ne sarei andata subito, ma il tizio maleodorante mi blocco' la strada, dicendo che dato ero li, potevo soddisfarlo e scopare con lui, aveva voglia di scopare. Non mi sono mai tirata indietro in situazioni simili, puttana com'ero, ogni occasione era ben vista per una sborrata colossale, ma dato il caldo e lo spavento ancora che avevo addosso, rifiutai declinando gentilmente, ma il ragazzo non era deciso ad un rifiuto e continuava a sbarrarmi la strada. Lo pregai nuovamente di lasciarmi passare, ma senza successo. Mi guardai intorno, era notte fonda, eravamo in una zona poco battuta da auto di passaggio, e anche avessi gridato aiuto nessuno mi avrebbe sentita. Pensai velocemente alla faccenda, era chiaro che quell'ammasso di sporcizia vivente, non mi avrebbe mollata prima di averlo fatto svuotare a dovere.

Mi riguardai nuovamente intorno con lo sguardo, mentre il ragazzo spazientito, continuava a farmi pressione per scoparmi.Eravamo solo noi due li al momento pensai, e se la voce del ragazzo non si abbassava, presto oltre a lui, sarebbero arrivati altri a dargli man forte, risultato? sarei stata violentata dal branco senza possibilita' di scelta alcuna. Dovevo decidere in fretta, meglio accontentarlo e poi andarmene, che esser vittima di un eventuale stupro di gruppo mi dissi, gli dissi che avrei scopato con lui, e il ragazzo sembro' calmarsi, ma aggiunsi che non avrei accettato ne baci in bocca, ne rapporti senza protezione, e a prova di cio', estrassi dallo zainetto che portavo in spalla, un preservativo ancora imbustato. Il ragazzo disse che era Ok, e tirandomi per un braccio, cerco' di portarmi verso una delle Roulotte che avevo appena visto poco prima da lontano. Piu mi avvicinavo al campo, piu mi appariva strano e sinistro, tutto era silenzio, e il ragazzo mi minaccio' di non fiatare o mi avrebbe pestata. Non avevo paura delle sua ridicole minacce, sapevo difendermi, nonostante fosse poco piu alto di me, non era un colosso, ne robusto, io ero minuta e magrolina, ma avevo ottimi nervi, e forza a sufficienza per un eventuale scazzottata. mi scostai i lunghi capelli da un lato del viso, e lo seguii fino alla porta del suo Camper.
Aprii la porta, e mi fece cenno di entrare alla svelta, pensai di trovarci la sua famiglia o qualcuno dei suoi familiari, magari fratelli, invece entrati nel Camper, lo trovai vuoto. All'interno vi erano tutti i comfort di un normale Camper da viaggio, cucinino, lavabo,un tavolino per quattro persone apparecchiato con bicchieri mezzi vuoti di credo fosse stata o birra o vino bianco. Un posto letto abbastanza comodo e stranamente pulito nonostante l'odore puzzolente che aleggiava li dentro, lo faceva contrastare con il resto. Il ragazzo si denudo' in tutta fretta, liberandosi della maglietta sudicia, e dei calzoncini corti, non aveva mutande sotto, e mi obbilgo' di spogliarmi in fretta. Il fatto di essere continuamente messa di fretta mi infastidiva non poco. Lo guardai nudo, non era alla fine un brutto maschio, se solo si fosse lavato, avrebbe ottenuto un'aspetto piu decente, era magro ben fatto un cazzo che gia' in tiro era di medie dimenzioni, capelli corti neri gli avrei dato circa diciotto, vent'anni non di piu.
Scoprii poi ne aveva solo diciassette, evidentemente i Rom maturano prima di aspetto che noi italiani. L'idea di aver scopato con un ragazzino non mi era affatto piacita, ma questo accadde piu tardi. Il ragazzo mi trascino' sul letto con lui per un braccio, nudi entrambi, io con addosso solo le calze autoreggenti a rete, lui nudo del tutto, ci buttammo sul letto rigido e puzzolente, che certo non metteva voglia, l'odore era insopportabile, e faticavo a respirare, ma ormai ero li e tirarmi indietro ora, avrebbe portato solo guai. Cercando di sforzarmi a non pensare al suo odore e aspetto sudicio, gli presi in pugno il cazzo duro, e me lo portai alle labbra, aveva un fetore osceno, fossimo stati immezzo ad un campo di letame, non avrei sentito differenza di odori. Chiusi gli occhi, scostai nuovamente da un lato i lunghi capelli, e lo presi in bocca iniziando a succhiarlo meglio che potevo, sperando e pregando non mi prendessi qualche malattia.
Il ragazzo godeva e sembrava compiaciuto del lavoretto di bocca che gli stavo facendo, tanto che mi scarico' in gola dopo poco, un bel fiotto di sperma caldo che mi ordino' di mandar giu... non era nei patti, ma obbedi' e ingoiai tutto. Vevo fatto il richiamo per l'antitetanica, ma non sapevo se sarebbe servito ad evitarmi malattie di altro tipo. Il ragazzo mi fece sdraiare su un fianco, il letto era per due persone, ma non si stava molto comodi a dire il vero, da dietro di me, mi alzo' una gamba con la sua mano sporca, e cerco' senza riuscirci, di infilarmelo dentro. Inizio' ad innervosirsi, e a darmi la colpa, cercai di calmarlo, e di collaborare come potevo per non farlo agitare. Non capivo il motivo di tanta fretta e tanto nervosismo, alla fine ero li ed avevo obbedito ai suoi desideri, perche' incazzarsi tanto. Ci riprovo' e aiutato anche da me, riuscii a penetrarmi facendomi anche un po male, cosa che lo fece sghignazzare, mentre io mi sarei volentieri alzata e lo avrei mandato a fare in culo, ma desistetti.
Il sudicio come lo avevo ormai ribattezzato, mi penetro' ancora con violenza, facendomi nuovamente male, e sghignazzo' ancora, lo pregai di far piano che mi faceva male, mi disse di star zitta mi diede della puttana, e mi disse di scopare e farlo godere. Non ero certo nelle condizioni adatte per godermi quella scopata improvvisata, ma cercai di rilassarmi e partecipare il piu possibile. Chiusi gli occhi, dimenticai il lezzo che ci circondava, e iniziai a godere davvero ad ogni suo colpo e ad ogni spinta. Il ragazzo sapeva scopare davvero bene, e lo stava dimostrando. Mi sfondo' il culo con il suo cazzo sporco e io godevo come una cagna insultata continuamente da lui dietro di me, che mi stringeva la gamba alzata quasi a farmi male, e mi spingeva il suo cazzo fino allo stomaco palle comprese. Venne nuovamente inaffiandomi il culo di sborra calda e minacciandomi di ingravidarmi. Era impossibile mi ingravidasse dato non ero femmina, ma la cosa sembrava eccitarlo e lo assecondai dicendo di mettermi incinta, e che avrei voluto dei figli da lui. Sborrai anch'io senza accorgermene, alla fine mi era anche piaciuto, inutile negarlo.
Continuando ad insultarmi dicendomi Troia Puttana schifosa, il ragazzo si svuoto' per bene prima di lasciarmi la gamba, e uscire dal mio culo ormai slargato, respingendomi come schifato. Se c'era qualcuna che doveva schifarsi li dentro, ero io non certo lui. Mi disse di andarmene alla svelta con tono minaccioso, nemmeno mi diede il tempo di rivestirmi, e dovetti farlo una volta fuori, lontana dal campo, mi feci un pezzo di camminata tra le Roulotte e auto nuda completamente. Poi trovato lo spiazzo dove mi aveva sorpreso il Sudicio, mi son rivestita con le natiche ancora doloranti per il brusco trattamento ricevuto poco prima.
Inutile dire che dopo tornai a casa di filata senza proseguire oltre la mia passeggiata notturna. Per quella notte, ne avevo avute abbastanza. Appena rientrata, la prima cosa che feci, fu disinfettarmi da testa a piedi per evitare possibili malattie, feci sciaqui in bocca con aceto e mi disinfettai da testa a piedi dopo una bella doccia rinfrescante. Dorrmi bene dopo quella disinfestazione e non mi scegliai fino al mattino dopo. Tutta quella faccenda mi era piaciuta poco, nonostante avessi goduto come la vaccona che ero mentre il sudicio mi sfondava il culo insultandomi continuamente. Io son sempre stata testarda di natura, e volevo andare infondo alla faccenda, quella mattina di sole caldo, messi un paio di shorts e una t-shirt scollacciata, poco truccata e con dietro una boccetta di deodorante e sterilizzante per il corpo e mani, tornai al campo Rom, decisa a parlare con qualcuno della famiglia del ragazzo per raccontare che ero stata stuprata dal figlio.
Non so cosa mi aspettassi da quel gesto, ma era piu una cosa istintiva, di vendetta per il trattamento ricevuto. Arrivata sul posto, il campo Rom Sterpaglia, appariva di tutt'altro aspetto che la notte precedente. Se mi era sembrato piu un camposanto la notte, con la luce del sole assumeva tutt'altre sembienze, panni stesi su corde e gente che entrava e usciva dalle Roulotte parlando straniero, mi faceva sembrare il posto un normale campo di zingari con la loro vita di sempre. Cercai di individuare in tutto quel vespaio di gente il Camper del ragazzo della notte precedente, e mi parve di averlo individuato, benche' non ne fossi certa, di notte i particolari specie in zone buie, sfuggono. Mi avviai verso il posto, e cercai di fermare una donna coperta di stracci sudici e sporchi che aveva un aspetto da donna anziana, e cercai di dirle chi ero, e cosa mi era successo quella notte in quel Camper da dove lei stessa era appena uscita. La donna che era gia' prevenuta nei miei confronti, inizio' a sbraitare a voce alta che ero "nu trans di mierda" e che che cazzo ero venuto a fare li immezzo "stu trans de mierda..." parol che ripeteva ogni tre urli.
Cercai di spiegarle che non ero trans, e che ero stata stuprata da uno dei loro ragazzi, la donna si volto' e urlando chiamo' a raccolta altri uomini del posto, ne arrivarono quattro, sui trenta trentacinque anni circa a vederli cosi', che mi chiesero che cazzo volessi da loro. Sempre educatamente, cercai di ripetere che ero stata violentata da uno dei ragazzi che ora non vedevo li intorno. La donna continuava ad urlare ed insultarmi, mentre i quattro uomini mi minacciarono se non me ne andassi subito, prove non ne avevo, e prima di accusare qualcuno, dovevo dare prove. Confermai che il Camper dov'ero stata trascinata dal ragazzo ero quello dove ci trovavamo, ma non potendo identificare il ragazzo, dovetti battere in ritirata dietro insulti di ogni genere e parolacce unite a minacce. Gente molto cordiale e amichevole quella mi dissi tra me. Arrivai sullo spiazzo che il sole batteva e scaldava un po troppo a quell'ora presto del mattino, mi voltai un'ultima volta verso quel campo che non avrei mai piu visitato, mentre la vecchia ancora urlava insulti verso di me, feci spallucce e mi voltai verso la strada per uscire dal posto, ma come la sera prima il sudicio mi aveva spaventata apparendo all'improvviso, altrettanto inaspettata fu il materializzarsi di tre dei quattro uomini del campo con cui avevo appena parlato, o meglio ricevuto minacce.
Come avessero fatto ad arrivare li prima di me senza che li avessi visti, resta un mistero. Forse esisteva una stradina alternativa che non conoscevo. Sta di fatto che i tre mi sbarrarono la strada e in un italiano maccaronico, tipico di chi non parla bene la nostra lingua, mi minacciarono nuovamente..."Trans tu adesso paghi... venuto qui a accusare noi di stupri... tu paghi.." Dissi che non ero trans, e che ero stata io a subire violenza non loro, che dovevano educare meglio i loro figli e che... non finii la frase perche' due di loro, mi bloccarono le braccia, cercai di divincolarmi senza riuscirci, erano ben piazzati non certo come il sudicio che era magrolino e a cui potevo tener testa. Questi erano poi in tre contro una sola.
Pensai volessero pestarmi per l'accusa che avevo rivolto al loro ragazzo, invece fui trascinata a forza verso una Roulotte li a pochi passi che non avevo mai notato nemmeno la notte precedente, da notare che del sudicio, il ragazzo che mi aveva stuprata, non avevo piu visto ombra, ne sapevo che fine gli avessero fatto fare. Trascinata a forza dentro quella Roulotte, lontana dalle altre giu nel campo, i tre chiusero la porta, facendomi capire le loro intenzioni... la violenza che avevo scampato la notte prima favorendo il ragazzo, la stavo per subire adesso li seduta stante. Tornare in quel posto si era rivelata una pessima mossa. Bloccata per entrambe le braccia dai due uomini, il terzo mi strappo' di dosso t-shirt e shorts con la gentilezza di un lottatore di Wrestling, e una volta denudato pure lui, sempre bloccata dai suoi amici, mi ha fatta inginocchiare a forza, sbattendomi il suo cazzo duro e sporco in gola, tenendomi per i capelli e facendomi pure male, mi sputo' in viso piu volte insultandomi come avevo gia sentito.
Mi vennero conati di vomito piu volte, ma fortunatamente non avevo fatto colazione e non mi venne fuori nulla. Anche gli altri due vollero togliersi lo sfizio di scoparmi in bocca a turno. Fui gettata con forza sul letto della Roulotte e li tenuta ferma nuovamente, i tre cercarono di scoparmi anche il culo, che ancora era allargato dalla sera prima. Cercai di oppormi, ma per evitare botte, mi feci trovare collaborativa, e cercai di farli ragionare, lavorando di psicologia, cercai di scusarmi con loro e di fargli capire che avrei scopato piu volentieri se non mi avessero fatto violenza addosso. I tre uomini si calmarono in apparenza un po, la mia tattica stava funzionando, e cercai di mostrarmi disponibile nei loro confronti, alla fine puzzavano meno di altri, e sembravano i piu puliti del campo.Finalmente placate le loro ire, iniziai a godermi la scopata vera e propria con loro tre, cercando di rendermi piu disponibile possibile nei loro confronti evitando cosi altri maltrattamenti.
Faceva caldo e la mattinata si stava inoltrando verso il mezzogiorno, la Roulotte era al fresco al riparo sotto una sterpaglia di erba alta e una tettoia di un vecchio edificio ormai in decadenza e abbandonato. Forse un tempo una fabbrichetta mi domandai, mentre venivo presa da dietro per i fianchi da uno di loro, e senza tanti complimenti, mi son sentita penetrare dal suo cazzo grosso che lo stronzo spingeva con forza facendomi male. Cercai di aiutarlo ma l'altro dei tre me lo mise in gola e dovetti soddisfare pure lui, mentre il terzo assisteva facendosi masturbare dalla mia mano destra. quello dietro, mi prese i lunghi capelli, me li fece a coda e mi tenne da li come fossi una puledra tenuta a briglie mentre mi inculava fortemente, e il suo compare davanti a me mi scopava la bocca.
Godevo inutile negarlo, godevo benedendo qui tre bastardi che mi stavano procurando un piacere immenso. Quello davanti mi sborro' in bocca e ingoiai tutto senza farmelo dire, lui ne fu compiaciuto, mentre mi insultava dandomi del trans puttana. quello che masturbavo mi spruzzo' addosso sporcandomi dalla vita in giu', e quello dietro mi ingravido' per la seconda volta, venendomi e lavandomi bene il culo internamente di calda sborra, mentre anche lui mi urlava che mi metteva incinta. Per quella gente far figli era una regola mi son detta, mentre godevo venendo anch'io come avevo fatto la sera prima col sudicio ragazzo. Svuotatosi le palle l'uomo mi ha mollata agli altri due, che nonostante fossero venuti, non hanno ugualmente perso l'occasione di infilarmelo dentro con la sperma del loro amico ancora che mi colava giu per le gambe, mi son sentita penetrare nuovamente.
Ormai presa piu che mai anch'io dal piacere, ansimavo e godevo come una vaccona pregando di ingraviarmi anche all'uomo che mi stava stantuffando adesso, che accolse il mio desiderio e sborro' una seconda volta dentro di me, dopo essermi venuto in bocca poco prima. Fossi stata davvero donna, avrei dovuto abortire sicuramente. Fui cosi' liquidata dai tre dopo avermi riempita a dovere, e fatta allontanare alla svelta dalla Roulotte. Almeno stavolta i tre mi permisero di rivestirmi, e mi minacciarono di non farmi piu vedere da quelle parti, o la lezione da tre sarebbe stata piu pesante anche subita da altri maschi del campo. Li rassicurai che non mi avrebbero mai piu vista, e cosi fu. Del Sudicio non ho piu saputo nulla, probabilmente gli stessi familiari lo avevano nascosto chissa' dove, e per quanto riguarda quei tre uomini, Pensando di avermi dato una bella lezione, non si erano accorti, che li avevo inculati io con l'intelligenza e un po di sana psicologia astuta. A volte studiare serve, e la prova ne e questa disavventura appena narrata. Se volete scrivermi potete trovarmi su Telegram al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 3 615 Aggiunto: 3 anni fa Utente: