Dopo aver parlato un pò, e raccontato di lui e del suo amico, ha iniziato a toccarmi tra le gambe, io per agevolarlo mi sono slacciato la cintura e mi sono lasciato abbassare i pantaloni, alla vista delle mutandine che indossavo, nere di pizzo molto trasparente, è rimasto felicemente sorpreso, mi accarezzava il cazzo senza spostarmi le mutandine, e mi diceva, sei proprio una bella troietta, ora ti tocco la fighetta, e mi spinse un pochino un dito nel culo, ma senza procurarmi dolore, mentre con la lingua mi leccava l'orecchio destro. la situazione mi piaceva, e l'eccitazione era tanta, lui se ne accorse, perche dal mio cazzo che spuntava dalle mutandine, erano uscite alcune gocce di liquido trasparente e viscido, lui con le dita dell'altra mano accarezzava la cappella spalmando quel liquido, poi, ha staccato le dita lentamente dal mio cazzo, e il liquido fece un filo lungo 10 cm, si portò le dita alla bocca e le leccò avidamente, poi riprese ad accarezzarmi la cappella, senza masturbarmi, era così dolce e delicato, nel usare il pollice e l'indice attorno alla mia cappella, che dal buchino riprese ad uscire copiosamente quel liquido appiccicoso, che non era pura sborra, ma somigliava, allora con 3 dita la raccolse e continuando a leccarmi l'orecchio mi sussurra di aprire la bocca e tirare fuori la lingua, portò le 3 dita intrise alla mia bocca, giocando con la mia lingua per alcuni minuti, poi le portò alla sua bocca succhiando la mia saliva, io nel frattempo ero su di giri, e iniziai a toccarmi il cazzo, lui mi fermò per un momento la mano, si chinò e me lo prese tutto in bocca, iniziando un lento su e giù, sentivo il calore forte della sua bocca, e della sua lingua, mi sdraiai un po sul sedile abbassando lo schienale, per agevolare i suoi movimenti con la testa, riuscii ad abbassarmi ancora un pò i pantaloni per poter aprire un po di più le gambe, non ne potevo più, il respiro si fece affannoso, stavo per venire, lui lo sentiva, perche il mio cazzo vibrava, e i miei movimenti pelvici si facevano sempre più ritmati, e nel momento della sborrata, sentii il suo dito medio entrarmi totalmente nel culo, che si era dilatato e pronto per accogliere anche 3 dita della mano. mi pompò ancora un po, e mentre toglieva il dito dal mio culetto, alzò la testa dal mio cazzo, la sborra se l'era bevuta tutta, mi rimise il cazzo nelle mutandine, dandomi un bacio sulla guancia, ringraziandomi mi disse di accompagnarlo alla sua auto, e ci salutammo----
Visualizzazioni: 2 362 Aggiunto: 3 anni fa Utente:
Categorie: Gay e Bisex