Si dice sempre che gli animali sono di ottima compagnia per le persone, e alcune volte, possono essere davvero di compagnia molto intima. Ho conosciuto un'uomo sui Cinquantacinque anni di nome Alan, italiano ma di padre inglese. Alan e io ci siamo conosciuti tramite amicizie, frequentavo parecchi uomini maturi con cui avevo rapporti a volte di sesso, a volte ci scappava una breve relazione o flirt. Fui presentata ad Alan proprio da uno di questi uomini, e ci innamorammo al primo sguardo. Alan era scapolo, un bell'uomo di mezza eta' ancora piacente, brizzolato, ben tenuto leggermente abbronzato, niente barba ne baffi, pochi peli sul corpo, e un bel cazzo lungo e grosso dritto che terminava in una gonfia e turgida cappella rosa a fungo. Un uomo da sposare.
Non solo era bello e gentile, ma sapeva essere maiale sempre con eleganza e mai troppo fuori dalle righe, non diceva parolacce, non fumava, beveva poco, mangiava sano era troppo perfetto per essere un'uomo libero. Le donne farebbero a pugni per avere un'uomo simile mi dicevo, com'era possibile fosse scapolo. Scoprii poi che era Gay, il che comunque non spiegaca ugualmente il fatto che fosse solo. Alan aveva un bel cane che adorava e aveva addestrato sin da piccolo, un pastore tedesco chiamato Obby, strano nome da dare ad un cane, ma del resto si danno nomi assurdi agli animali che non ci feci nemmeno caso. Piacevo ad Obby tanto quanto al suo padrone, che mi riempiva di complimenti e di baci ad ogni incontro. Obby invece, non la finiva mai di leccarmi le mani, e di aggrapparsi alle mie gambe per tentare di montarmi. Era nel periodo del calore mi disse Alan...
Anche li, non ci trovai nulla di strano, anzi mi venivano i brividi su tutto il corpo quando Obby si aggrappava alla mia gamba e mimava l'atto si scoparmi. Alan vedendo l'espressione del mio visetto, se la rideva come uno stronzetto e mi punzecchiava spesso con battutine ironiche sul fatto che pure i cani volevano montarmi. Un pomeriggio, Alan passnado a trovarmi,al tempo vivevo gia sola, mi chiese il favore, di tenergli Obby per un po, dato doveva sbrigare degli affari e non poteva portarsi dietro il cane che non mollava mai da solo. Nel mio condominio, era vietato tenere animali, e ebbi qualche timore, ma si trattava solo di mezza giornata infondo, che problema poteva esserci. Obby era un cagnone tranquillo, abbaiava di rado ed era un maschio coccolone.
Accettai di tenere Obby fino al suo ritorno, Alan mi fu davvero grato, e mi lascio' in custodia il cagnone. Passai quindi l'intera giornata insieme al grosso cagnone, che non mi mollava un secondo, se mi alzavo per fare pipi in bagno, mi seguiva, se andavo a truccarmi o a bere dell'acqua mi seguiva con la lingua penzoloni. Era di una simpatia unica, e lo accarezzavo spesso, ogni volta l'animale per ringraziarmi, cercava di montarmi la gamba. Ancora brividi su tutto il corpo mi attraversarono ad ogni sua monta alla mia gamba. Ero combattuta, avevo da ore una strana idea in testa, ma non sapevo se realizzarla o meno, la mia troiaggine mi suggeriva, di favorire una bella monta al cagnolone, ma la parte razionale di me, mi diceva di stare calma, magari all'animale non piaceva mi avrebbe morsa o Alan mi avrebbe fatto un cazziatone se lo avesse saputo.
Piu tempo passavo col cane, piu mi frullava in testa questa insana voglia, tanto che alla fine dovetti cedere. All'ennesima monta sulla mia gamba del cane, non mi sono piu trattenuta, mi sono denudata completamente, (Era etate e non rischiavo certo malanni), portai in camera da letto l'animale, mi piazzai sul lettone matrimoniale dove dormivo, feci salire anche Obby con me, e mi mise sdraiata con i capelli scostati da un lato, con il viso affondato nel guanciale del mio cuscino, a gambe larghe, cercando di spronare il cane a montarmi. Non sapevo se lo avrebbe fatto, ma solo la sua vicinanza, mia aveva procurato un erezione che tenevo sotto.
Il cane mi annusava da ogni parte, e il contatto con il suo naso bagnato sulla mia pelle, mi stuzzicava piu che mai, Alla fine cercai di agevolarlo, dato non si decideva lui, lo invitai io a fare la prima mossa. Alzai un po il bacino spostandomi verso di lui con il culo e le gambe larghe il cazzo mi stava scoppiando era durissimo, ma non sborrai. L'animale, che era certo intelligente, finalmente capii, e cerco' di salirmi in groppa. Cercai anche con le parole a fargli capire che era cio' che doveva fare, ma l'animale non riusciva a montarmi, scivolando sul mio culo. Cosa fare? Mi risdraiai nuovamente con il viso affondato sul mio cuscino, e lasciai che il cane mi salisse sul culo, poi con una manina da sottto, attenta a non dargli fastidio, cercai di prendergli il cazzo e intridurlo dentro di me. Avevao paura mi mordesse, e esitavo parecchio, ma cosi' non si approdava a nulla, e avevo paura l'animale si stancasse e se ne andasse. Avevo in pugno il suo cazzo duro che dall'apparenza sembrava anche bello lungo, si parla sempre di un colosso di cane, non di un barboncino.
Sono non so come, riuscita ad avvicinarlo al mio spacco e con pazienza, senza fare gesti bruschi, ho spinto indietro le chiappe, facendo scivolare il cazzo del cane poco alla volta dentro di me. Fatto il primo passo, ero gia' in estasi al solo contatto con la sua cappella dentro il mio spacco. Obby a quel punto aggrappandosi come faceva con la mia gamba, si protrasse in avanti, e il suo cazzo finalmente, entro' dentro di me. Ho visto il paradiso sospirando, mentre il cane iniziava a fare il suo dovere montandomi e scopandomi a modo suo. Non ci sono parole per descrivere cio' che ho provato in quell'istante, con il cane che mi montava e io nuda sdraiata a gambe aperte sul mio lettone.
Sospiravo e ansimavo, incitando il cane a soddisfarsi piu che poteva, gli dicevo parole tenere come fosse stato uno dei tanti miei amori uomini, e sembrava che le mie parole sussurrate tra sospiri e gemiti di piacere, piacessero anche all'animale che continuava senza problemi. Squillo' il mio cellulare, esistai a rispondere, ma risposi in un modo o nell'altro, era Alan, che mi informava stava tornando a riprenderselo, mi chiese se andasse tutto bene, se era stato buono, gli confermai che era un cane eccezzionale, e che me ne stavo prendendo cura completamente. Alan sentendomi un po strana, mi chiese se stessi bene, gli risposi che ero in paradiso. Non so se capii, ma ci lasciammo dopo pochi minuti di conversazione, e tornai a godere con il cane ancora dentro al mio culo.
Sudavo, faceva caldo e io il caldo lo sento piu di altri, mi scostai nuovamente i lunghi capelli da un lato con il viso affondato nel mio cuscino sospirando e gemendo di piacere. Squillo' in telefono, questa volta era il cordless fisso che avevo sulla testiera del lettone. Mi chiesi chi fosse a rompere in un momento cosi' bello, allungai il braccio presi il cordless e risposi a mia madre. Anche li, tentai di rimanere con un tono serioso, ma mia madre che ormai conosceva bene le mie abitudini da puttana, subito volle sapere con quale maiale stavolta mi stavo intrattenendo. Cercai di spiegarle meglio che potevo, che ero sola, non c'era nessun uomo. Le avessi detto che mi stavo facendo montare da un cane, non so quante ne ne avrebbe tirate dietro, meglio sorvolare e tentare di negare l'evidente piacere che stavo provando.
Non so come feci, ma riuscii a convincere mia madre che questa volta ero sola, non so se lei ci credette o meno, ma chiudemmo la telefonata abbastanza in fretta, avevo paura che il cane infastidito dal telefono, mi avesse mollata, e invece continuava la sua monta da bravo cagnone maschio che era. Non so nemmeno per quanto tempo mi monto', gli animali non sono come gli uomini che dopo un po hanno l'esigenza di sborrare, possono andare avanti a lungo finche' non si soddisfano del tutto. Suonarono al citofono, doveva essere Alan, ma non avevo la minima intenzione di alzarmi e togliere ad Obby la sua monta, composi dal cellulare il numero di Alan, che rispose subito, e gli spiegai che stavo facendo fare ad Obby la sua monta tanto desiderata, e non potevo aprirgli, perche' occupata. Alan si fece una sonora risata che mi tolse un timpano, disse che avrebbe chiesto a qualcuno di aprirgli, e sarebbe salito subito, la porta di casa gli dissi, non era chiusa a chiave.
Dopo qualche minuto, finalmente sentii la porta aprirsi e Alan annunciarsi, gli urlai che ero in camera da letto. L'uomo chiuse la porta dietro di se, e finalmente entrando mi vide nuda a pancia sotto e gambe aperte, con il suo bel cagnone che mi stava montando contento come una pasqua. Chiesi subito all'uomo se non fosse incazzato, avevo solo cercato di accontentare i bisogni dell'animale... L'uomo sorrise e si sedette sul bordo del letto scostandomi i lunghi capelli dal viso poi disse che non stavo aiutando Obby a fare la sua monta, ma stavo soddisfando le mie voglie da Troia. Alan come dicevo all'inizio, era un'uomo che difficilmente diceva parolacce, ma uso' con me peroprio la parola Troia.
Fece una carezzona sulla schiena dell'animale e lo lascio' continuare la sua monta su di me, godendosi lo spettacolo sorridendomiAlan accosto' il suo viso al mio che alzai per baciarlo, mentre il cane mi sfondava il culo con il suo cazzo montandomi senza sosta. Ti amo gli dissi, l'uomo mi ribacio' nuovamente e si denudo' continuando a godersi lo spettacolo del suo cane che mi montava.Io avevo gia' sbrodolato parecchie volte, e lo feci ancora, mentre Alan con il cazzo duro, si posiziono' davanti a me, in una posizione non certo comoda per lui, e mi fece iboccare il suo bel palo duro. Mi accarezzava i lunghi capelli mentre si faceva spompinare da me e il suo cane mi montava di continuo.
Il maiale mi venne in bocca quasi subito eccitato com'era, e io ingoiai tutto il suo seme caldo, ripulendogli la cappella a forma di fungo rosa turgida e lucida, il cane non credo mi abbia sborrato dentro, ad un certo punto smise di montarmi, e scese da me sfilando il suo cazzo dal mio culo dove lo aveva tenuto gia per parecchio tempo. mi lecco' una chiappa poi ando' dal suo padrone nudo, che lo accarezzo' amorevolmente sulla testona. Quella fu solo una delle tante volte che io Alan e Obby, ci trovammo poi a casa mia, regolarmente a fare una bella monta tutti insieme appassionatamente. Se volete scambiare due chat con me, potete trovarmi su Telegram al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 10 579 Aggiunto: 3 anni fa Utente: