Qualche giorno dopo, ero sulla strada di ritorno dal mare , avevo un vestitino azzurro scampanato leggermente corto abbastanza scollato a v che usavo sopra il costume , e delle infradito .
All'importanza mi squillò il telefono , era mio marito...un po mi preoccupai..
"Si dimmi " risposi ... " fai una cosa,siccome io non ci sono quando torni passa dalla casa vecchia aiuta mamma a preparare che c'è Emilio a pranzo " va bene...non ti preoccupare.." neanche mi chiese dove fossi ...
Arrivai a casa salii e aiutai mia suocera...
Dopo mezzora ecco arrivare Emilio con mio suocero , mi salutò e si sedette a tavola .
Servii il pranzo , mangiarono e subito dopo mio suocero andò a fare la sua pennichella e mia suocera a fare i piatti.
Cucina e sala erano ben divise , mi avvicinai a Emilio per togliere il piatto...
Il porco sfacciato mise una mano sotto il vestito ad afferrare una chiappa ...sobbalzai ...ma lo lasciai fare ..Anzi mi appoggiai al tavolo sollevandomi un po', divaricai le gambe, quasi ad incoraggiarlo.... si fece largo sotto il costume, socchiusi gli occhi di piacere , mm mi toccava senza paura e vergogna culo e figa ...si insalivo il dito e mi penetro il buchetto...fastidioso ma eccitante....poi passo alla figa ..un bel ditalino ...mi sollevo il vestitino dietro ...di nuovo mi strinse le chiappe... lui seduto io quasi a 90 poggiata al tavolo ...si godeva la vista del mio culo , poi sposto il costume di lato e di nuovo a sditalinarmi ...temporeggiai 5 minuti poi mi spostai per timore potesse apparire mia suocera dalla porta ...riabbassai il vestitino e tornai da mia suocera ad asciugare i piatti.
" signore io torno a lavoro allora " disse ...
Scese e tornò al suo lavoro.
Finii di asciugare i piatti e chiacchierai con mia suocera, la salutai e scesi...
Passai dietro il capannone dove stava lavorando, mi prese dal braccio e mi strinse da dietro " zoccola lo sapevo che saresti venuta " .. mi tirò fuori le tette facilmente dalla scollatura...e comincio a strizzare baciare leccare ...ero fradicia...
Poi mi mise la mano tra le gambe " troia hai voglia eh " mi fece sedere e si tirò fuori l'uccello...non era enorme ..ma era già duro .." succhia troia " mi prese dalla testa e mi pianto l'uccello in gola tenendomi dai capelli ...ero seduta su dei pali accatastati, eccitata cominciai a succhiare ...."brava mangiacazzi " lo sentivo sempre più di marmo ...duro ..lo tirò fuori all'improvviso me lo piazzò tra le tette ...subito esplose...
I primi fiotti mi beccarono sul mento poi sul collo e tra le tette ..." mmm brava zoccola adesso vai prima che ti scoprano , alla prossima ti chiavo " ...
Non dissi nulla pensai solo a rientrare il prima possibile lavarmi e cambiarmi....
Visualizzazioni: 9 328 Aggiunto: 3 anni fa Utente: