Sono sempre io, Barbara.
Qui di seguito vi racconterò cosa mi è successo qualche tempo fa.

Ero in uno stato di torpore rilassato quando aprii gli occhi e mi trovai, con mio sconcerto - e devo dire anche con paura - in un luogo a me sconosciuto.
Ero distesa in un grande letto matrimoniale al centro di una stanza, o meglio di una camera, le cui pareti erano rivestite di legno. Anzi, per la precisione, erano costituite da tronchi di legno incastrati tra di loro: sembrava una costruzione del tipo di quelle che si trovano in Canada, o in alta montagna.
Era chiaramente giorno, in quanto dalle finestre entrava la luce del sole.
Mi guardai attorno, ero sola.
Mi alzai e mi diressi verso una delle due finestre che si trovavano difronte al letto.
Guardai fuori: ero in una località montana, c’era molta neve ed il cielo era coperto ma non nevicava.
Nella parete antistante il letto, tra le due finestre, vi era un camino acceso con fiamma viva. Il caldo che percepivo era gradevole e secco.
Indossavo della lingerie, un reggiseno a balconcino aperto con i capezzoli in vista, delle mutandine pure esse aperte sul cavallo e delle calze velate nere autoreggenti, con degli inserti damascati di colore rosso che proseguivano con una linea, sempre rossa, lungo la parte posteriore della gamba.
Ero frastornata, non capivo dove fossi e come fossi arrivata lì, in quel posto sicuramente romantico ma altrettanto inquietante, attesa la mia evidente amnesia.
Alla destra del letto c’era una grande porta di legno, dello stesso colore e qualità delle pareti.
Udii dei rumori ed un vociferare a bassa voce. Ero intimorita e cercavo con la mente di ricordare qualcosa che mi potesse rincuorare. Forse mi ero ubriacata durante una festa e non ricordavo nulla? O peggio mi avevano drogata? Se ne sentono di tutti i colori in questo periodo, pensai! e l’ansia stava prendendo il sopravvento.
Sentii dei passi avvicinarsi alla porta, mi nascosi sotto le lenzuola a mò di protezione; erano di seta, molto lisce e gradevoli al tatto.
Evidentemente mi trovavo in un luogo di lusso e ricercato.
Entrarono due uomini, uno biondo di etnia caucasica e uno di carnagione olivastra, credo di origine araba o magrebina, almeno così credetti.
I due individui videro che ero sveglia, quello con la carnagione più scura mi sorrise e, con un gesto dalla mano, mi fece capire di non dire nulla, di stare zitta.
Non so per quale motivo, forse per quell’approccio sorridente, ma mi rassicurai, almeno in parte, ed obbedii.
Entrambi indossavano una specie di gonnellino bianco, o almeno mi sembrava tale, tenuto in vita da una cintura marrone di cuoio, sembravano vesti alla romana per intenderci. Erano scalzi e non indossavano altro.
Subito pensai di trovarmi ad una festa in maschera, e magari avevo bevuto eccedendo e perdendo la coscienza, era l’unica cosa che mi venne in mente per giustificare il tutto.
Cercai di ricordare cosa avessi fatto il giorno prima, se ero uscita magari con Alberto, ma nulla la memoria non mi veniva in aiuto.
Ero imbarazzata e mi coprii, agli occhi di quei due bei uomini, con il lenzuolo di seta.
Dopo qualche minuto, vidi entrare dalla porta mio marito: il sollievo fu incredibile, mi sembrava di essermi destata da un incubo e, poi, avrei avuto sicuramente delle spiegazioni da Alberto su quello che era successo.
Anche il mio Amore era vestito in modo inconsueto: degli abbondanti pantaloni neri di cotone con il cavallo molto basso e legati alle caviglie da un bordo elastico alto 5/6 centimetri e una maglietta nera, sempre di cotone, con una apertura a tre bottoni, mi pare che il modello si chiami serafino.
Tentai di parlare con Alberto, ma anche lui mi fece un grande sorriso, e con il dito indice mi fece segno di tacere. Dire che ero perplessa è ovviamente un eufemismo.
Il fuoco del camino aveva reso la stanza molto calda, percepivo chiaramente l’irradiazione delle fiamme vive che crepitavano nel camino.
Alberto fece un cenno al maschio con la carnagione più chiara il quale, parendo seguire un copione già scritto, si diresse verso di me e, con fare garbato, prese un lembo del lenzuolo e iniziò a tirarlo verso di sé. Cercai di fare resistenza e coprirmi per quel che potevo, ma l’altro ragazzo si avvicinò dall’altro lato, mi prese le mani per indurmi a liberare la parte del lenzuolo che stringevo stretto al petto.
Cercai con lo sguardo Alberto affinchè venisse in mio soccorso, o quantomeno intervenisse in qualche altro modo, ma immobile mi guardò sorridendo e facendomi il segno di desistere.
Devo dire che da quando Alberto entrò nella stanza il mio stato d’animo era ovviamente cambiato e da uno stato di paura passai dapprima ad uno di curiosità e in seguito ad uno di eccitazione: del resto i due uomini erano mezzi nudi e il loro fisico tutt’altro che sgradevole.
Erano pressochè alti uguali, sul metro e ottanta o forse più, muscolosi al punto giusto, non culturisti per intenderci ma sicuramente sportivi e dediti alla cura del corpo.
Il ragazzo bianco era implume e la sua pelle era segnata dalle vene ben in evidenza, frutto sicuramente di duri allenamenti che avevano scolpito i muscoli senza renderli eccessivi.
L’uomo arabo (lo definisco così per semplicità di esposizione) anch’egli era ben proporzionato e muscoloso; il petto era villoso ma comunque ben curato, si vedeva che teneva al proprio aspetto.
Tolto il lenzuolo dalle mani, mi trovai al bordo del letto seduta in ginocchio sulle mie gambe, con il busto eretto e leggermente inarcato. Le gambe erano un po’ divaricate, tanto che sentivo le labbra della mia vagina che si erano leggermente schiuse. Quella situazione, garantita dalla presenza di Alberto, mi stava facendo eccitare sempre di più. Ero comunque immobile davanti al ragazzo scuro e davo le spalle all’uomo biondo che si trovava dal lato opposto del letto. Questi, con una movenza fulminea, si protese nel letto verso di me e mi prese i polsi delle mani, in quel frangente appoggiate sulle mie cosce. Delicatamente le portò dietro alla mia schiena tenendole salde con la propria mano sinistra: non feci resistenza alcuna abbandonandomi alle sue intenzioni.
Quel blocco fisico mi sbloccò la fantasia che corse ad immaginare desideri inconfessati.
Appena immobilizza l’arabo fece un passo in avanti e si parò davanti a me. Con la mano destra prese il suo cazzo da sotto il gonnellino ed iniziò a menarlo mettendomelo bene in mostra. Dopo qualche secondo era già bello turgido e pronto all’uso. Non contento si avvicinò ancora di più e, davanti al mio viso, prese e se lo scappellò. Era un membro “interessante”, come è solita dire la mia amica Chiara, di dimensioni più grandi della media ma, cosa per me più eccitante, dotato in circonferenza con una cappella bella voluminosa.
Lo sconosciuto prese il cazzo e lo avvicinò sempre più alla mia bocca che, non lo nascondo, era già da qualche secondo pronta. Non lo inserì ma, con un cenno, mi fece estrarre la lingua ed iniziò a strofinare il suo grosso glande nel mio organo del gusto. Con movimenti regolari strusciò l’attaccamento del prepuzio nella mia lingua disponibile, facendomi sentire il gusto del proprio bastone.
Ero già molto, ma molto, eccitata quando sentii il biondo virgulto appoggiarsi nella mia schiena e con la mano libera iniziare, cingendomi da dietro, a toccare la vulva già, comunque, allagata.
Inserì, senza alcuna difficoltà, e con il mio evidente consenso, un paio di dita continuando a masturbarmi con regolare cadenza.
Nel mentre, l’arabo iniziò a penetrare la mia golosa bocca, già da tempo aperta e pronta a quella gradita sorpresa. I miei occhi cercavano lo sguardo di Alberto che, in piedi, si stava gustando la scena segandosi il cazzo.
Dal nodoso uccello iniziò a colare il dolce nettare pre-spermatico, cosa che mi fece uscire di testa: feci quindi resistenza al bianco virgulto riuscendo a liberarmi le mani, che prontamente portai in avanti per afferrare il cazzo del mio “interlocutore”. Iniziai a segare e spompinare quel palo color caffelatte alternando foga e delicatezza. La mia lingua circumnavigava la grossa cappella pronta ad esplodere ad ogni mio intervento, cosa che cercavo di evitare rallentando ad arte ogni sollecitazione.
Nel frattempo, l’antagonista da dietro continuò a manipolare la mia micetta inserendo anche il terzo e poi il quarto dito.
Non ci volle molto che giungesse il mio primo orgasmo che fu molto bagnato, come mio solito.
Alberto era sempre presente, non solo nella mia mente, ma che a lato del letto intento ad osservare e controllare che tutto filasse per il meglio.
Già mi ero dimenticata il disagio provato all’inizio, e non mi importava più nulla di come fossi giunta in quel luogo montano.
I due uomini mi stesero sul letto. Continuai a spompinare l’arabo mentre il biondo iniziò, divaricatemi le gambe, a leccarmi la succulenta fragolina, anzi la grossa pesca.
Ci sapeva veramente fare, era molto bravo a stimolare, con la sua sinuosa e viscosa lingua, ogni centimetro della mia accalorata vulva. Passava con maestria dal clitoride, alle piccole labbra, da quelle grandi al mio buchetto posteriore, non insistendo mai direttamente sullo stesso ma lambendolo delicatamente.
Non seppi resistere un secondo in più e, con voce tremante, pregai il bianco amico: “per favore scopami! non ne posso più”. Scostò il viso dalle mie gioie e, postosi sopra di me, pose il suo cazzo all’entrata della figa. Era vogliosa di quel mazzo marmoreo, tanto che al primo colpetto di reni dell’uomo lo “aspirò” d’un fiato. Il glabro virgulto iniziò a muoversi senza remore tra le mie cosce ben felici di accoglierlo tutto. La mia figa era bella larga (addirittura slabrata) e molto inumidita, tanto che durante il furente amplesso la candida virga sfuggiva più volte fuori dalla burrosa faretra.
La mia golosa bocca continuò a pompare l’arabo sesso finchè, all’ennesimo accalorato succhiotto, non esplose nel mio cavo orale. Per la precisione sentii la gustosa e viscosa sborra colpirmi le tonsille tanto avevo introdotto in me il mediorientale randello.
Non riuscii ad ingoiare del tutto il maschio succo, sia per l’abbondante produzione che per l’imminente sopraggiungere dell’orgasmo vaginale concomitante con la pure abbondante venuta del bianco ospite. Sentii, infatti, nel medesimo tempo la mia vulva innondata dallo sperma dell’amico che avevo tra le gambe, giunto egli stesso all’impossibilità di proseguire oltre.
Allo schiocco delle dita di mio marito i due virgulti prontamente si tolsero da me e mi sollevarono di peso mettendomi prona con il sedere sollevato in direzione di Alberto.
Sempre seguendo le indicazioni non verbali di mio marito i due romani, uno in fronte all’altro, a fianco del mio culo, iniziarono alternativamente a leccarmi l’inviolato buchetto partendo dall’esterno per poi, piano piano, giungere fino al suo centrale pertugio.
Alberto nel frattempo si menava il regale augello nel mentre i due amici iniziarono ad esplorare con le dita la rosea apertura.
All’ennesimo segnale gli sportivi aiutanti aprirono le mie natiche offrendo il dono ad Alberto che si avvicinò da tergo.
Sentii la sua dura cappella appoggiarsi alla vergine apertura e spingere con sicuro impeto. Il mio culo si stava pian piano dilatando finchè Alberto, con ennesimo dolce movimento, non riuscì ad entrare. Mi stava inculando davanti, e con l’aiuto, dei due sconosciuti adoni.
La nuova sensazione mi riempiva la mente e, ad ogni movimento del duro cazzo di Alberto, sentivo lo sfintere allargarsi ed adeguarsi all’alieno soggetto che esplorava il canale anale fino al retto.
La sensazione era forte ed eccitante e si amplificava proporzionalmente all’aumentare della velocità con la quale mio marito mi scopava da dietro. Mi sentivo sua, definitivamente. Sua e troia.
Alberto proseguì la canina monta finchè non sentii una calda ed indescrivibile sensazione di bagnato che mi pervase non solo il corpo ma tutta la mente.
Avevo gli occhi chiusi dall’eccitazione e, nelle orecchie, sentivo una conosciuta voce in lontananza che mi chiamava: Barbara, Barbara!
Aprii gli occhi !! ero ansimante in un bagno di sudore, distesa nel mio letto di casa accanto al mio amato Alberto…. e mi ero appena destata da un sogno.


Attendo ansiosa i vostri commenti (tenete conto che questo racconto è interamente frutto di fantasia)
Visualizzazioni: 3 027 Aggiunto: 3 anni fa Utente: