(Pissing) Non so se a qualcuno di voi piace il pissing, termine inglese per definire la pisciata. Sinceramente parlando, nemmeno sapevo che esistesse questo tipo di pratica, fino a che un'uomo sessantenne di nome Aldo, mi insegno' ad amarla insieme a lui. Conobbi Aldo, come tutti gli uomini che conoscevo al tempo in cui non avevo internet, per le strade di notte, dove mi avventuravo d'estate in cerca di aria fresca quando faceva troppo caldo, e a volte anche in cerca di maschi per calmare le mie voglie di cazzo. Fu durante una di queste paseggiate notturne, che fui avvicinata da quest'uomo, un sessant'enne magro, di apparenza ben vestito, brizzolato, con un accenno di barba bianca in viso, classici occhialini da medico, un signore diciamo di tutto rispetto e dai modi assai educati. Mai avrei immaginato, che quell'aspetto in apparenza nascondeva sotto un gran maiale. Siamo abituati e vedere le persone per come sono fuori, ma non per cosa nascondono veramente dentro di loro. Aldo era un maiale buono, amava il buon sesso, e amava sopratutto questo pissing, che lo faceva impazzire, si eccitava a pisciare addosso alle sue "vittime occasionali", o in bocca, ed io ne rimasi affascinata, anche perche' non avevo mai provato qusta pratica prima d'ora, e perche essendo Troia fino al midollo, non potevo non amare certe porcherie. Iniziammo a frequentarci, e ben presto imparai anch'io ad amare il pissing, che Aldo mi fece provare per la prima volta, portandomi in un bel posticino da lui conosciuto, solitamente frequentato da guardoni, per poi pisciarmi in bocca e riempirmi la faccia con la sua urina calda, che ingoiai senza perdermene nemmeno una goccia, mentre uomini li intorno guardavano, masturbandosi a pantaloni abbassati. Fu davvero eccitantissimo. Fino a quel momento avevo ingoiato solo sperma, mai mi era passato per la mente di farmi urinare in bocca o addosso. La scoperta di quella pratica fu eccitantissima, tanto che con il passare del tempo, diventai ufficialmente la latrina di Aldo, organizzammo una cosa mai fatta prima, almeno mai fatta per me, dato l'uomo era frequentatore abituale di certi posti che io nemmeno immaginavo esistessero. Aldo mi porto' a pochi chilometri appena fuori dalla zona Milanese in macchina con lui, mi fece vestire da vera zoccola, con solo l'intimo addosso comprensivo di: Corpetto nero a coppe dure, perizomino nero quasi inesistente, calze nere a rete autoreggenti e relative reggicalze nere, i lunghi capelli sciolti, ben truccata con rossetto rosso, ombretto e matita sugli occhi, unghie laccate lucide rosse smaltate, ai piedi zoccoli di legno a zeppa alta, un paio di shorts sgambati in jeans trucidi e sfilacciati, una t shirt nera scollacciata davanti, a schiena nuda dietro. Occhiali scuri sul viso, mentre lui era piu classico data la stagione calda, calzoni corti, maglietta grigia a maniche corte, scarpe in tela, senza mutande ne calzini sotto, e un paio di occhiali da sole a lenti sfumate sul naso. Cosi conciati ci avviammo al posto che lui solo conosceva, per la mia iniziazione al Pissing. Inutile dire che ero eccitata come una vaccona al suo primo incontro di sesso, continuavo a chiedergli quando arrivavamo, ero impaziente. Avremmo fatto si e no una ventina di minuti in auto, che a me parevano ore infinite, quando finalmente ci infilammo con la macchina, in una stretta viuzza piena di verde, introrno la vegetazione era lussureggiante, alberi, erba verde, a destra e a sinistra della piccola stradina poco battuta, potevo scorgere il nulla, ne un'abitazione, ne un'anima, tutto sembrava desolato e deserto. Pensai che quella doveva essere una zona abbandonata o frequentata solo da guardoni o coppie abituali, Aldo mi confermo' il tutto, quasi leggendomi nel pensiero, vedendo la mia espressione assai preoccupata, mi rincuoro' all'istante, dicendomi che non dovevo assolutamente preoccuparmi. Mi fidavo dell'uomo, e sapevo che non mi avrebbe portata da chi poteva farmi del male, o almeno cosi speravo in cuor mio.
Ci fermammo, e Aldo spento il motore dell'auto, si volto' verso di me guardandomi, poi disse: "Sei uno splendore, sara' un vero piacere vederti tutta inzuppata tra poco cara..." Gli sorrisi, ci baciammo sulla bocca, ero eccitatissima, e attesi le istruzioni del mio uomo. Scendemmo dall'auto, Aldo mi chiese di restare in intimo, intanto che faceva un breve giro di perlustrazione, per vedere se gia' c'era qualcuno nei dintorni nascosto. Mentre l'uomo si allontanava da me, iniziai a spogliarmi togliendomi T Shirt e Shorts,misi in macchina i vestiti, e richiusi la portiera. Voltata nuovamente, Aldo era sparito, non lo vedevo piu nei paraggi, lo chiamai, nessuno rispose, lo richiamai, anche stavolta silenzio assoluto, rotto solo dal rumore di un ruscello forse nascosto dalla folta vegetazione, dagli uccelli che passavano a stormi ogni tanto, e null'altro, tutto era silenzio totale. Non sono una fifona che si spaventa per nulla, ma quel posto un po mi deprimeva, nonostante fossimo in pieno giorno, e il sole batteva. Mi chiesi dove fosse sparito l'uomo, e come avesse fatto a nascondersi senza perdersi in quella boscaglia, assorta nei miei pensieri, non mi ero nemmeno accorta che una figura alle mie spalle completamente nuda, si era avvicinata a me. Solo quando una mano mi si appoggio' sulle natiche, di scatto mi voltai sussultando, mi trovai davanti un'uomo completamente nudo con il cazzo duro che si masturbava senza vergogna difronte a me. Non era Aldo ovviamente, ma un'uomo all'incirca della sua stessa eta' sui sessant'anni, dai capelli brizzolati, alto all'incirca quanto me, mi sorrideva, sussurrandomi di non spaventarmi, di non aver paura, li nessuno mi avrebbe fatto del male, erano li per darmi piacere. L'uomo continuava a parlare al plurale, benche' non vedessi altri intorno. Notai il suo bel cazzo nodoso che teneva in mano, istintivamente, allungai il braccio e glielo presi in pugno, iniziando a segarlo piano piano, tenendogli l'altro braccio su una spalla, e guardandolo dritto negli occhi mentre gemeva di piacere, lui prese il mio estraendolo dal perizomino e iniziammo a masturbarci li in piedi davanti la macchina di Aldo, che ancora non si vedeva. Mi sedetti appoggiata sul cofano della macchina senza smettere di segare l'uomo nudo, che ben presto mi abbraccio' completamente cercando di baciarmi sulla bocca. Lo scansai un paio di volte, alla terza, lo lasciai fare e lo baciai con la lingua a mia volta. L'uomo stretto a me come un polipo, mi faceva sentire tutta la sua passione, la sua pelle nuda senza troppi peli mi eccito' all'istante, e il suo cazzo nodoso e duro in mano mi inebriava completamente, gli buttai le braccia al collo, mi lasciai trasportare dalla voglia di fare l'amore con uno sconosciuto. Ero sicura che ad Aldo non sarebbe dispiaciuto ovunque fosse finito, infondo mi aveva portata li proprio per quello mi dissi. Ben presto dal cazzo dell'uomo nudo, che stavo baciando con passione invece della sperma inizio ad uscire un getto caldo di piscia, che mi bagno' il basso ventre. Stranamente invece di sborrare, l'uomo si stava scaricando la vescica contro di me. Non mi mossi, lasciando che la sua piscia calda mi lavasse gambe e pancia, continuando a baciarlo con la lingua in bocca. Tornai a domandarmi dove fosse finito il mio uomo, e come mai mi avesse lasciata nelle mani di quel tizio. Stavo per chiedergli se sapesse qualcosa del mio Aldo, quando l'uomo nudo, mi fece voltare sul cofano dell'auto a gambe larghe, mentre dietro di me, puntava la sua grossa cappella bagnata di piscia tra le mie natiche umide, sapevo cosa voleva, e non lo fermai affatto, ero pronta a farmi sfondare il culo da lui. Ansimando lo agevolai, aiutandolo allargando bene le gambe, e stendendomi a pancia sotto, sul cofano tiepido dell'auto del mio uomo. L'uomo nudo, spinse una prima volta, affondando la sua grossa e bagnata cappella dentro le mie natiche, poi spinse una seconda volta, affondandolo dentro e facendomi gemere di piacere. Inizio' a stantuffarmi avanti e indietro, continuando a tenermi stretta per la vita con le sua braccia.
Mi scostai i lunghi capelli da un lato, mentre sentivo il suo respiro affannoso sul mio collo, mi stantuffava scopandomi alla grande. Amore sospirai amore una seconda e terza volta mentre i suoi affondi nel mio culo aumentavano di velocita'. Dopo ancora qualche colpo, un fiotto caldo mi ha riempita il culo, stavolta non poteva essere piscia, era troppo densa, e la conoscevo bene, era sborra calda, altri schizzi dentro al mio culo bello slabbrato, poi l'uomo si fermo' tenendomi sempre abbracciata e respirando piu lentamente. Mi domandai che stesse facendo, me ne accorsi subito, uno spruzzo di piscia mi allago' fino alla pancia, scendendo a cascata tra le mie gambe, caldo e continuo, mentre l'uomo rantolava di soddisfazione scaricandosi la vescica dentro di me. Nemmeno mi ero accorta, di aver io stessa sborrato e poi pisciato a mia volta sulla targa dell'auto di Aldo. Non sapendo che fare o che dire, rimasi li ferma aspettando la mossa sucessiva dell'uomo nudo che sembrava non volersi piu staccare da me. Fu allora che guardando meglio intorno a noi, nascosti dagli alberi e dalla folta erba crescente, notai altre figure maschili nude masturbarsi e gemere di piacere, che si godevano lo spettacolo. Guardoni, mi dissi subito, strano non li avessi notati prima, dovevano essersi ben nascosti. Poco alla volta, uscirono avvicinandosi alla macchina e a noi due, erano uomini anziani o maturi di una certa eta', tra i sessanta e cinquant'anni piu o meno. Arrivati a pochi passi da noi, iniziarono a mettermi le loro mani addosso tastandomi da ogni parte, chi mi prendeva in mano il cazzo ormai moscio, chi mi palpava le coscie strofinandosi il cazzo duro, chi mi baciava, chi baciava l'uomo nudo ancora addosso a me con il suo cazzo duro ancora infilato nel mio culo. Forse erano Gay mi dissi, li vidi baciarsi tra di loro e masturbarsi a vicenda. Era una specie di orgia tutti insieme, nessuno si inculava pero' stranamente, si masturbavano, si baciavano, si toccavano, come toccavano me, ma nessuno si penetrava. Come Mose' che divise le acque, vidi spuntare la figura di Aldo il mio uomo finalmente, che sorridendomi anche lui tutto nudo e con il cazzo duro, a braccia tese, mi disse di abbandonarmi tra le sue braccia, mi voltai, mentre l'uomo che mi aveva scopata si fece da parte, raggiunsi Aldo e lo abbracciai sospirando forte, mentre mi stringeva a se con il suo bel cazzo che ormai conoscevo bene, duro e grosso. Gli altri uomini si fermarono a guardarci abbracciati, baciai Aldo davanti agli altri senza problemi come avevo fatto con lo sconosciuto poco prima. Aldo mi prese per mano, trascinandomi a pochi metri dalla sua auto, dove ci aspettava un prato dall'erba meno folta, e dove mi fece coricare di schiena mentre anche gli altri uomini si avvicinarono, formando un cerchio attorno a me che ero sdraiata nel centro. Tutti con i cazzi ancora belli duri a masturbarsi, e nessuno pareva essere ancora venuto, fu il mio Aldo ad offrirmi il suo cazzo per primo, che presi in pugno portandomi alla bocca, ma prima che potessi chiuderlo dentro tra le mie labbra, il porco, si scarico' la vescica lavandomi la bocca di calda piscia, a ruota tutti iniziarono a pisciarmi addosso, lavandomi con fiotti di caldo liquido, che in pochi istanti mi inzupparono da testa a piedi, tutti si scaricarono,nessuno escluso, mi fecero fare una doccia calda di piscia sotto il sole sdraitata sull'erba ora bagnata. Finita la pisciata, inizio' la sborrata, masturbandosi velocemente uno con l'altro, gli uomini nudi, vennero schizzandomi e lavandomi una seconda volta di sperma bianco, misto alla piscia di prima che ancora mi gocciolava dal corpo. Ero fradicia, forse sbrodolai anch'io una seconda volta, non so dirlo in tutto quel macello, fu un'esperienza straordinaria devo ammetterlo, e solo uno come Aldo poteva avermi avviata a quell'esperienza unica. Vi invito a venirmi a conoscere su Telegram al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 2 650 Aggiunto: 3 anni fa Utente: