ALESSANDRO BARDI
MIA ZIA SANDRA

“La messa è finita… andate in pace…”.
“Cazzo, era ora!”, pensai mentre Don Carlo benediva la folla, sempre meno numerosa e sempre più anziana, che aveva avuto il coraggio, la pazienza e la resistenza di seguire ogni attimo della sua interminabile e noiosissima predica.
Mi chiesi ancora una volta cosa diavolo ci stavo facendo io li. E la mia domanda era più profonda di quello che potesse sembrare in quell’istante. Non mi stavo riferendo solo alla messa. In realtà mi stavo chiedendo cosa diavolo ci stessi a fare in un paesino della provincia di Lodi, che non arrivava ai tremila abitanti, e che assomigliava sempre di più alle città fantasma del vecchio west.
“Prima o poi diventerà veramente così”, pensai.
Mi stupivo quando razionalizzavo il fatto che in quel paesino ci avevo passato tutti i ventinove anni della mia vita. Non avendo avuto voglia di andare in università, avevo dovuto cominciare a lavorare presto, e un misto di bravura e fortuna mi aveva consentito di guadagnare parecchi soldi mettendomi a vendere e comprare immobili.
Stavo pensando a questo quando vidi quella santa donna di mia zia Sandra entrare in sagrestia, mentre tutti gli altri si avviavano nella direzione opposta, verso l’uscita.
Cosa cazzo ci andava a fare in sagrestia? Porca puttana, mia madre, la sarta del paese, mi aveva dato il compito di portarle il maglione di suo marito, lo zio Alberto, che lei aveva sistemato cucendo due belle toppe sui gomiti delle maniche.
Non sarei riuscito a stare in chiesa ad aspettarla nemmeno un minuto di più, e decisi di seguirla in sagrestia.
La zia Sandra era la sorella più grande di mia madre. Aveva cinquantacinque anni ed era tutto sommato ancora una bella donna. Aveva i capelli più neri che avessi mai visto, e li portava lisci e lunghi fin sotto le spalle. Superava di poco il metro e settanta, aveva delle bellissime gambe e, soprattutto, due tette gigantesche che mi avevano sollecitato le fantasie fin da quando ero un ragazzino.
Purtroppo, le mie fantasie erano rimaste tali, visto che quanto porco e pervertito ero cresciuto io, tanto santa e casta era invecchiata lei.
Passava la sua vita in chiesa, supportando Don Carlo, l’anziano prelato del paese, per ogni piccola incombenza. Ogni volta che la guardavo rimanevo colpito dalla luce dei suoi occhi marroni. Era una luce spenta. Tanto spenta che non la si sarebbe nemmeno dovuta chiamare “luce”. Trasmetteva uno sconfinato senso di tristezza, umiltà e remissione, come se ogni giorno quegli occhi avessero dovuto affrontare il peso della morte di una persona cara.
Mi stupivo anche al pensiero che avesse trovato un uomo disposto a sposarla. Non che lo zio Alberto, che aveva da poco superato i sessant’anni, fosse molto più allegro di lei. Avevo sempre pensato che l’avesse sposata per poterle toccare le tette, ma il fatto che non avessero mai avuto figli mi aveva portato a credere che non gliele avesse toccate poi così di frequente.
Ed ora, quella santa donna della zia Sandra metteva tra me e lei la porta della sagrestia. Non ci misi molto a raggiungerla e la aprii con la mano sinistra, mentre con la destra tenevo in mano il telefono che stavo riaccendendo, dopo averlo dovuto spegnare per evitare che disturbasse le straordinarie e illuminanti parole del Don.
Entrai nella luce fioca di quell’ambiente, che mi aveva sempre messo tristezza, e dovetti fare qualche passo in avanti per accorgermi che la zia non mi aveva sentito entrare. Se ne stava li, davanti a me, dandomi le spalle. Non capii subito cosa stava facendo, ma quando si voltò leggermente e mi si mise di profilo, mi svelò il suo segreto.
Aveva in mano un piccolo cesto e… cazzo, la santa donna stava rubando i soldi delle offerte.
Non so cosa fu che guidò il mio istinto. Forse il diavolo che aveva sempre albergato nel mio cervello, ma so che, quasi senza rendermene conto, alzai il telefono e scattai una foto immortalando e rendendo eterna la scena a cui stavo assistendo.
La luce del flash che partì del telefono illuminò la sagrestia a giorno, ma fu un giorno molto breve. Un singolo istante in cui il cuore di mia zia perse qualche battito.
E quando la penombra tornò padrona di quell’ambiente, io e lei rimanemmo paralizzati uno di fronte all’altro. I nostri sguardi si incrociarono e si penetrarono. Restammo fermi così alcuni istanti, entrambi con la bocca aperta, senza riuscire a dirci nulla. Sembravamo i soggetti di una vecchia fotografia in bianco e nero.
Fu lei a rompere il silenzio. Non riuscì a parlare, ma balbettò qualcosa come: “no… no… è che…”.
Mi riscossi e mi sentii in dovere di tranquillizzarla. Ne venne fuori una voce sicura e serena: “zia… non preoccuparti. Ognuno ha le sue debolezze. Dai, metti via quei soldi e andiamocene, che io non ho visto nulla. Anzi, toh, questo è il maglione dello zio”.
Glielo diedi, mi voltai e me ne andai, lasciandola sola nella sua immobilità e nel suo silenzio.
Non mi voltai, uscii dalla chiesa e me ne tornai a casa, una villetta un po' fuori dal centro, se di centro si può parlare quando si fa riferimento a un paesino come quello. Camminai sotto il sole cocente di luglio, confuso per quello che avevo appena visto, e senza sapere che la foto che avevo scattato avrebbe cambiato la mia vita, ma soprattutto quella di mia zia.
Ci misi tre giorni a capire cosa avrei dovuto fare. Tre giorni in cui il mio cervello cominciò a rielaborare quello che avevano visto gli occhi, mettendolo insieme ai pensieri e agli istinti più reconditi che partivano da parti meno nobili del mio corpo.
Non ero mai stato un santo, e già a ventinove anni potevo dire di aver provato esperienze sessuali che la maggior parte delle persone non avrebbe mai conosciuto in tutta la sua vita. E il pensiero della zia Sandra sorpresa con le mani nella marmellata, mi accese una fantasia alla quale non avrei mai potuto resistere.
Giovedì sera, quattro giorni dopo il fattaccio, le mandai un messaggio: “zia, ho bisogno di parlarti di quello che è successo domenica. Per favore, vieni da me domani pomeriggio, alle tre”.
Sapevo di poter contare sul suo senso di colpa, e infatti non più tardi di cinque minuti dopo la vibrazione del mio telefono annunciò la sua serafica risposta: “va bene”.
Preparai ogni cosa con la massima attenzione, e già mezz’ora prima del suo arrivo ero pronto ad accoglierla.
Mi vestii tutto di nero, un po' per avvicinarmi all’immagine che avevo dei preti, e un po' perché il nero era il colore che meglio si adattava a quello che stavo per fare a mia zia. Ai pantaloni di pelle, ai quali ero particolarmente affezionato perché sentivo che mi rappresentavano perfettamente, abbinai una normalissima camicia nera, con un bottone di troppo aperto sul petto. Gli infradito, neri anch’essi, che misi ai piedi erano la giusta espressione del caldo afoso che stava riempiendo quelle lunghe giornate d’estate.
Il suono del citofono mi fece vibrare. Aprii senza nemmeno rispondere, e quando vidi mia zia entrare in casa non potei resistere al brivido che mi invase al solo pensiero di quello che le avrei fatto.
Naturalmente, si era vestita come sempre. E come sempre la sua gonna scura e lunga copriva le sue gambe, che sapevo essere assolutamente ben fatte. Dall’orlo della gonna facevano capolino un paio di sandali molto casti, di un colore marrone scuro che avrebbe preso qualsiasi tonalità, pur di passare inosservato. Il tacco, appena accennato era molto distante dal concetto che avevo io di “tacco”.
Mi stupì il fatto che avesse laccato le unghie con uno smalto rosso scuro. “Una luce nel buio”, pensai mentre andavo indietro con la memoria e mi convincevo che non gliele avevo mai viste così curate e colorate.
Alzai lo sguardo per osservarla meglio e provai pena per quella camicia bianca, completamente chiusa, che avrebbe voluto nascondere al mondo le tette giganti che mia zia era costretta a portarsi in giro. Ma era tutto inutile. Qualsiasi camicia o maglietta avesse messo, le dimensioni sproporzionate del suo seno si sarebbero comunque imposte alla vista di chiunque. Alla povera donna non restava altro che sperare nella castità degli sguardi di coloro che la incrociavano per strada.
Complessivamente era ancora una bella donna, la cui femminilità era stata tenuta nascosta per troppo tempo. Sotto i suoi capelli lunghi e neri, un paio di occhi tristi e scuri mi stavano guardando, e capii che era giunto il momento di dire qualcosa.
Partii in modo banale: “ciao zia, vieni…”.
Accompagnai il suo silenzio andando a sedermi sul divano della sala, e facendole capire che sarebbe stata buona cosa se fosse venuta a sedersi vicino a me.
Quando si fu accomodata alla mia destra rimasi alcuni secondi in silenzio, osservando il suo sguardo perso nel vuoto, mentre con la testa china sembrava voler cercare qualcosa sul pavimento.
“Senti zia”, le dissi piano, cercando di rendere il mio tono il più morbido possibile, “in questi giorni ho pensato a lungo a quello che è successo…”.
Lei alzò il suo sguardo dimesso su di me, e rimase in silenzio, come se stesse aspettando che la condanna divina venisse pronunciata.
Continuai: “vedi, rubare in chiesa… è veramente una cosa brutta… molto grave…”. Riabbassò lo sguardo sul pavimento. “Zia, io ci ho pensato molto, e non riesco a darmi pace. Ho bisogno di espiare le mie colpe”.
Lasciai che il silenzio si impossessasse della stanza, e aspettai la sua reazione. Sapevo che non avrebbe retto a lungo e infatti, dopo alcuni istanti, mi guardò e soffiò parole talmente silenziose che feci abbastanza fatica a capire. “Perché parli delle tue colpe? Quali colpe hai tu?”.
Questa volta fui io ad abbassare lo sguardo, da bravo penitente, e le risposi piano: “il silenzio! Zia, il silenzio. Io ho visto. Non posso fare finta di non sapere cosa è successo. Io ho visto e non ho detto niente”. La guardai e colsi il suo tremore. “Capisci zia? Anch’io sono colpevole, e questo peso che mi porto dentro mi sta scavando ogni giorno di più”.
Mi parve di sentire lo scrosciare degli applausi dalla platea. Un’interpretazione così intensa mi sarebbe valso l’Oscar.
Non a caso, lo sguardo sperduto e disperato di mia zia mi fece capire che era precipitata nella mia angoscia e la stava facendo sua. La voce le stava tremando, quando mi rispose: “no, Ale… ma cosa dici? Tu non hai nessuna colpa. Non hai fatto nulla”.
Avrei voluto piangere, per rendere il mio dramma ancora più sconvolgente, ma non ci riuscii: “non è vero, zia. Il silenzio è forse peggio dell’azione…”.
Mi prese entrambe le mani nelle sue: “Ale… ma cosa dici?”.
“Si, zia. Non posso convivere con questo silenzio. Non posso andare avanti ancora a lungo”.
La vidi impietrirsi e sentii la sua voce spezzarsi, ora presa dal terrore: “ma… cosa dici? Cosa vuoi fare?”.
Mi alzai e recitai la parte che mi ero preparato. Aprii un’anta del mobile nel quale tenevo gli alcolici e ne tirai fuori la stampa di una fotografia. Poi, molto lentamente, tornai a sedermi alla sinistra della zia Sandra, e le misi in mano la foto.
Registrai ogni secondo e godetti come un matto nel vedere il suo sguardo terrorizzato che non riusciva a staccarsi dall’immagine di lei stessa che frugava nella cesta delle offerte.
“Splendida foto”, pensai. “E’ venuta perfettamente”.
Ci mise almeno un minuto prima di alzare gli occhi da quell’immagine e voltarsi verso di me. E ancora qualche secondo le fu necessario per trovare le forze per parlare: “che cosa vuoi fare?”.
Feci un respiro profondo, come se quello che stavo per dire mi stesse costando molto: “zia, questa è la foto che prova la tua colpa… e anche la mia. Non posso fare finta di non sapere, e…”, pendeva dalle mie labbra, “... ho pensato che, forse, la dovrei far vedere al Don…”.
Raramente mi capitò di vedere una persona più terrorizzata. Iniziò a sudare, non solo per il caldo, e per un attimo temetti che le sarebbe preso un infarto. Poi tornò a guardare il pavimento e chiuse gli occhi, mentre lacrime copiose cominciarono a rigarle il viso e singhiozzi profondi a scuotere la sua respirazione.
Rimasi a guardarla in silenzio, e provai un piacere sottile e sconvolgente nel vedere la mia zia cinquantacinquenne che si lasciava prendere da uno sconforto così assoluto. Per la prima volta la sentii in mio potere. Stava cominciando a dipendere da me e iniziai a pensare che, ridotta in quello stato, avrei potuto farle qualsiasi cosa.
Tuttavia, il copione, in quel momento, prevedeva altro.
“Zia”, le dissi ammorbidendo il tono della voce. “dai, non fare così. Non piangere…”.
Rimasi alcuni istanti ad accarezzarle la schiena e quando si voltò di nuovo verso di me, le sfiorai la guancia sinistra asciugandole le lacrime.
Tremava: “ti prego, Ale… non farlo…”.
Mi finsi pensieroso: “zia… ma come facciamo? Ti rendi conto di quello che è successo? Se don Carlo venisse a saperlo, ti butterebbe fuori dalla chiesa… sarebbe uno scandalo… dai, rubare i soldi delle offerte…”.
Al solo sentir pronunciare quelle parole, la povera donna ricominciò a piangere, e tra un singhiozzo e l’altro borbottò: “ma io sono pentita…”.
Fu in quel momento che sferrai il mio attacco: “èh, zia… ma il pentimento non basta. Lo so che sei pentita, ma per una colpa così grave serve una punizione altrettanto grave. Il pentimento senza la punizione non ha senso. Altrimenti sarebbe troppo facile peccare e poi pentirsi subito dopo. Capisci?”.
“Si…”. Non era una parola; era un soffio.
“Il problema”, continuai fingendomi pensieroso, “è come fare. Cioè, la punizione dovrebbe dartela il Don dopo la tua confessione, ma lui è l’ultima persona al mondo al quale dovresti andare a confessarti. Si romperebbe sicuramente quel rapporto di fiducia che avete instaurato negli anni... No. La punizione non può dartela lui…”.
Le regalai qualche secondo, che passai godendo dell’immagine che mia zia mi stava dando di sé. Al pensiero di quello che le avrei fatto mi era venuto il cazzo duro come l’acciaio; lo sentivo come un cane da caccia che scalpita per saltare addosso alla preda. “Buono…”, gli dissi mentalmente.
“Senti”, le proposi alla fine di quella lunga riflessione: “si potrebbe fare una cosa…”.
Reagì d’istinto: “cosa?”.
“Beh… ti potrei punire io…”.
La vidi paralizzarsi, mentre il suo sguardo mi entrava dentro. Continuai: “cioè… ti potrei punire per quello che hai fatto e, in questo modo, potremmo espiare entrambi i nostri peccati”.
Balbettò: “e la foto?”.
“A quel punto, una volta inflitta la punizione e consolidato il pentimento… la foto la bruciamo e ci dimentichiamo di quello che è successo. Cosa ne pensi?”.
La sua riflessione durò meno di quello che mi sarei aspettato: “si…”, mi disse mentre abbassava di nuovo lo sguardo sul pavimento, “va bene…”.
Non riuscii a trattenere il sorriso che mi si disegnò sulle labbra. Non credo di aver mai avuto un sorriso così luminoso, ma quando la zia Sandra tornò a guardarmi l’avevo già fatto sparire.
Mi sussurrò: “e come mi vuoi punire?”.
Ecco la domanda alla quale volevo arrivare. E la risposta era già pronta da un pezzo. Mi alzai, le presi entrambe le mani nelle mie e la spinsi ad alzarsi a sua volta. “Vieni…”, le dissi piano, e tenendo la sua mano destra nella mia, me la portai dietro.
Mi incamminai verso le scale che scendevano in taverna e non risposi alla sua domanda: “dove mi porti?”.
Lo capì da sola, pochi secondi dopo, quando entrammo in un’ampia stanza che usavo per divertirmi con le donne che ogni tanto passavano da casa mia alla ricerca di emozioni forti.
Entrammo e mi chiusi la porta alle spalle, rendendo in questo modo perfetto il sistema di insonorizzazione che avevo fatto mettere non più di un anno prima.
Rimasi un istante a guardare mia zia che osservava la taverna. Nell’angolo più lontano dalla porta, in fondo a sinistra, c’era un grande divano di pelle nera, mentre sul lato destro della stanza, su un bancone da bar, lungo un paio di metri, facevano bella figura diverse bottiglie di liquori. Dietro al bancone c’era un frigorifero e un piccolo piano cottura, che usavo per scaldare qualche stuzzichino ogni tanto, quando avevo ospiti.
Sono sicuro che non si accorse del gancio d’acciaio che stava attaccato al soffitto, in mezzo alla stanza. Non poteva sapere per cosa lo usavo, così come non poteva sapere quali strumenti di piacere stessero riposando nei cassetti del mobile in noce che stava appoggiato contro il muro di sinistra.
“Siediti”, le dissi indicandole uno dei due sgabelli che stavano davanti al bancone del bar. Presi una bottiglia di rum, Zacapa venticinque anni, e riempii due piccoli bicchieri di cristallo. Gliene porsi uno e le diedi il primo ordine di quello che sarebbe stato un lungo pomeriggio: “bevi!”.
“Ma io non bevo alcolici…”.
“Zia, bevi! Ti aiuterà…”.
Mi guardò perplessa: “mi aiuterà a fare cosa?”.
La voce che le rispose era una lama gelida: “a sopportare la punizione!”.
Rimase alcuni secondi ferma immobile, con gli occhi fissi nei miei. Fu forse in quel momento che iniziò a capire. Bevve il suo rum lentamente, come fosse una medicina cattiva, ma alla fine vuotò il bicchiere.
Accompagnai le sue smorfie bevendo il mio in un sorso solo, poi le presi le mani e la portai in mezzo alla stanza.
Mi misi di fronte a lei e passai il mio sguardo lungo tutto il suo corpo, lentamente, godendomi appieno quegli attimi di silenziosa attesa. Lei se ne stava ferma immobile, con le mani lungo i fianchi, lasciandosi guardare, aspettando un mio ordine.
E l’ordine arrivò: “spogliati!”.
Sprofondò nei miei occhi: “cosa???”.
“Ti ho detto di spogliarti!”.
“Ale, ma sei matto?”.
“Zia, la punizione è cominciata. Devi fare quello che ti dico io”.
“No! Non mi posso spogliare davanti a mio nipote!”.
La sberla con cui la colpii sulla guancia sinistra fu talmente repentina e violenta che le fece voltare la faccia a destra. Il suo grido di dolore fu coperto dalla mia voce perentoria: “spogliati! O tutto il paese saprà che rubi in chiesa!”.
Si voltò tenendosi una mano sulla guancia che avevo colpito. Incrociò il mio sguardo, e dal gelo nel quale si trovò immersa, capì che avevo smesso di scherzare.
Abbassò gli occhi e ricominciò a piangere. Mi sentii avvampare da un calore sconvolgente, mentre il mio cazzo, durissimo sotto i pantaloni, mi stava mandando evidenti messaggi di impazienza.
Guardai la zia Sandra che, tra un singhiozzo e l’altro, cominciò a sbottonarsi la camicia. “Finalmente!”, pensai. Aveva capito.
Le tremavano le mani, ma quando riuscì a slacciare anche l’ultimo bottone, e lasciò cadere la camicia per terra, rimasi paralizzato nell’ammirare le sue tette giganti. Il reggiseno bianco che indossava non avrebbe mai potuto coprire tutta quella carne rosa che mi stava riempiendo la vista. Era sicuramente il seno più grosso che il mio sguardo avesse mai incontrato. Erano una distesa di morbidezza che sembrava non finire mai, e nella quale provai l’istinto di tuffarmi, ma non era ancora giunto il momento.
Rimase ferma immobile, con lo sguardo che non voleva staccarsi dal pavimento.
La incoraggiai. Le accarezzai la guancia sinistra, ancora arrossata per la sberla di poco prima, e le sussurrai: “brava zia. E adesso togliti la gonna”.
Vidi le sue mani armeggiare con la lampo che aveva sul fianco sinistro, e pochi istanti dopo la gonna scivolò per terra. Lei alzò i piedi, uno alla volta, e si staccò definitivamente da quel pezzo di tessuto che lasciò inerme sul pavimento.
Nel fare quel movimento si era anche tolta i sandali, rimanendo così a piedi nudi. Passai alcuni secondi confermando a me stesso quello che già sapevo. Davanti a me avevo una donna cinquantacinquenne, ancora attraente. Le gambe erano assolutamente proporzionate, decisamente una bella linea, e terminavano in piedi ben fatti, che mia zia mostrava raramente ma che, ora me ne accorsi, erano davvero sensuali, con quella linea perfetta e con quelle unghie smaltate di rosso scuro.
Rialzai lo sguardo su di lei, che non aveva ancora smesso di piangere. “Avanti, zia… spogliati!”.
Mi rispose con una voce tremante: “ti prego… Ale…”.
Le accarezzai di nuovo la guancia sinistra: “zia, hai una pelle così delicata… non obbligarmi a darti un’altra sberla…”.
“Ti prego…”, mi stava davvero supplicando.
Le strinsi leggermente la guancia e le sussurrai: “o ti spogli… o mando la foto al Don…”.
Al solo pensiero, la povera donna ricominciò a piangere, singhiozzando ancora più forte di prima. Ma tra un singhiozzo e l’altro, la vidi allungare le mani all’indietro, sulla schiena. Si slacciò il reggiseno e me lo consegnò, come fosse stato il simbolo della sua capitolazione al generale vincitore.
Feci un passo indietro e rimasi a guardarla in tutta la sua interezza. Si era portata le mani sul seno, per nasconderlo alla mia vista. Un gesto che trovai tanto infantile quanto eccitante.
Le presi entrambi i polsi, le spinsi le mani lungo i fianchi e rimasi ad ammirare quelle tette che tante volte erano entrate nei miei sogni di ragazzino.
Lasciai passare qualche secondo di silenzio, senza riuscire a incrociare il suo sguardo, che rimaneva fisso sul pavimento. Aveva smesso di piangere, ma quella situazione stava mettendo decisamente alla prova la sua resistenza psicologica.
“Avanti…”, le sussurrai sottovoce, ma con un tono che non ammetteva repliche.
Si sfilò le mutande lentamente, con le mani che le tremavano per la tensione. Vidi quel leggero pezzo di stoffa bianco, piuttosto anonimo, scendere lentamente lungo le sue gambe e finire per terra. Mi chinai, gliele presi e me le portai al naso. Avevano un sapore forte, intenso.
Mi alzai e mi rimisi a guardare la zia Sandra, ora completamente nuda, che se ne stava in piedi davanti a me. Le presi la mano destra, che stava tenendo in mezzo alle gambe, e gliela rimisi lungo il fianco.
Rimasi alcuni istanti immobile e in silenzio a osservarle la fica. Era molto pelosa e nera. Una foresta selvaggia che proteggeva la più segreta delle caverne del piacere.
“Zia”, le dissi dolcemente mentre lasciavo che il mio sguardo corresse sul suo corpo, “sei veramente una bella donna!”. E lo pensavo davvero. Avesse perso qualche chilo, sarebbe stata perfetta.
Lei non diede alcun segno di vita e rimase completamente inerte, immobile, senza alzare lo sguardo.
Le misi una mano sotto il mento e le feci sollevare il viso. I suoi occhi marroni erano velati da un leggero strato di lacrime.
Le diedi un bacio sulla guancia sinistra e le soffiai nell’orecchio: “davvero, zia… sei proprio bella”.
La presi per mano e la portai verso il divano in pelle nera, in fondo alla stanza.
“Siediti”, le dissi dolcemente, e la guardai assecondare il mio ordine.
“Bene, zia”, continuai restando in piedi davanti a lei e guardandola dall’alto in basso. “Ora la punizione può iniziare. Va bene?”.
Non mi rispose. Stava ancora fissando il pavimento. Le alzai di nuovo il viso, con dolcezza, e le ripetei: “va bene?”.
“Si…”. Me lo disse con una voce talmente bassa che capii più che altro leggendo il labbiale.
Continuai: “adesso devi fare tutto quello che ti ordino, senza esitare”.
“Si...”.
Mi staccai un po' da lei e le dissi: “per prima cosa, zia, apri le cosce”.
Mi guardò dritto negli occhi, e vedendo la luce decisa con cui la stavo fissando, capì che sarebbe stato meglio non contraddirmi.
Ammirai il movimento lento con cui diede seguito al mio ordine.
“E… zia… dai, togli le mani e lasciati guardare. Le mani, mettile sulle ginocchia”.
Ubbidì, e rimasi a guardarla alcuni istanti. Era veramente sensuale, nella sua semplicità. Mi faceva impazzire guardarle così impunemente quelle tette giganti e quella fica pelosa e nera, per la quale sentivo un’attrazione irresistibile.
“Molto bene”, dissi mentre mi voltavo incamminandomi verso la cassettiera che stava dietro di me, appoggiata al muro di sinistra.
Quando feci per aprire il primo cassetto mi accorsi che la zia Sandra aveva chiuso le gambe. Mi rivolsi a lei con un tono decisamente più duro: “zia! Ti ho detto di tenere le gambe aperte! Devo venire li io a fartele aprire?”.
Il suo sussurro mi arrivò piano: “no… no…”. La sua fica pelosa tornò disponibile alla mia vista, e io ripresi quello che stavo facendo.
Aprii il cassetto dal quale estrassi un paio di stivaloni di pelle nera, tacco dodici, da vera troia. Li avevo presi apposta per la zia Sandra, apposta per quel momento.
Tornai da lei e mi inginocchiai in mezzo alle sue gambe.
“Ora ti metto questi”, le dissi mentre le prendevo in mano il piede sinistro.
Il contatto con la sua pelle mi diede un brivido pazzesco, che mi attraversò tutto il corpo e guidò i miei movimenti. Istintivamente avvicinai il suo piede alla mia bocca e cominciai a baciarglielo.
“Cazzo, zia”, le sussurrai, “hai dei piedi bellissimi…”, e così dicendo presi a leccarglielo dappertutto, partendo dalle dita e risalendo sul collo, fino alla caviglia, che leccai avidamente. Poi scesi di nuovo con la lingua, leccandole l’interno del piede, dove la pelle prende quelle pieghe così sensuali da togliere il fiato, e arrivai di nuovo alle dita, che presi a mettermi in bocca, una dopo l’altra.
A un certo punto, mentre le stavo succhiando l’alluce, buttai un occhio verso di lei. La santa donna aveva socchiuso gli occhi e si era abbandonata sul divano. Non avrei potuto giurarlo, ma ero abbastanza convinto che il contatto della mia lingua sul suo piede stesse facendo godere lei tanto quanto stava facendo godere me.
Passai diversi minuti sul piede sinistro di mia zia, e quando mi ritenni soddisfatto, le infilai lo stivale, al quale feci immediatamente seguire anche il destro.
Rimasi a guardarla, seduta sul divano, completamente nuda e con indosso solo quegli stivaloni di pelle. Erano talmente lunghi che le arrivavano fino a metà coscia, e avevano un risvolto ampio, come quello di un pirata. Ma la donna che stavo guardando sembrava tutto tranne che un fuorilegge. Era stupenda, in quella posizione così provocante, lei che aveva passato una vita intera senza mai provocare nessuno.
La voce con la quale le parlai era decisa e sicura: “zia, hai mai indossato stivali come questi?”.
Piantò i suoi occhi nei miei, e mi rispose come se le avessi fatto la domanda più stupida del secolo: “no… ovviamente…”.
La incalzai: “ti piacciono?”.
Colsi nei suoi occhi la luce di un sorriso velocissimo, ma fu solo una frazione di secondo: “no… non so… non sono il mio genere…”.
“Già…”, borbottai sorridendo mentre mi allontanai da lei. Tornai al mobile del quale aprii il secondo cassetto, tirandone fuori un collare di pelle nera e un guinzaglio d’acciaio.
Mi rimisi davanti a mia zia, e con un tono gelido, come lo sguardo che le lanciai, le dissi: “e scommetto che nemmeno questo è del tuo genere…”.
“Ma che cos’è?”. Era perplessa.
“Ora te lo faccio vedere”. Le allacciai il collare con movimenti decisi e veloci, e poi agganciai il guinzaglio. Mi allontanai da lei tirandolo, e la obbligai ad alzarsi e a seguirmi.
“Ma cosa stai facendo?”.
“Nulla, zia… nulla… per il momento…”.
Mi misi davanti a lei, a pochi centimetri dal suo viso. Le accarezzi il collo, passando la mano sopra il collare, e le ordinai in modo perentorio: “voltati e metti le mani dietro la schiena!”.
Lo fece senza opporre troppa resistenza e si mise a guardare il divano, davanti al quale si era ora venuta a trovare.
Andai di nuovo al mio cassetto preferito. Presi un paio di manette e tornai da lei. Il movimento con cui le ammanettai i polsi fu veloce e sicuro. Anni di esperienza avevano fatto di me un esperto nell’arte dell’ammanettamento.
La sua reazione fu immediata: “ma che fai?”.
Le accarezzai dolcemente la schiena, mi avvicinai al suo orecchio destro e le sussurrai: “non dirmi che non sei mai stata legata…”.
“No! Ma sei matto?”
“Vedrai, ti piacerà…”.
Detto questo ripresi in mano il guinzaglio e la portai in mezzo alla sala. Mi seguì; non poteva fare altrimenti.
Mi misi davanti a lei e rimasi immobile ad ammirarla.
“Zia, sei proprio una bella donna…”. Seguii l’istinto e cominciai ad accarezzarla. Allungai la mano sinistra dietro la sua schiena, che presi a sfiorare delicatamente, scendendo fino al culo, che cominciai a palpare con forza, mentre con la mano destra le accarezzai quelle tette enormi, morbide e calde.
Mi avvicinai al suo orecchio destro, e cominciai a leccarle il lobo, sussurrandole: “cazzo, zia, che corpo che hai. Mi piaci un casino…”. Così dicendo presi a strizzarle il capezzolo sinistro, dapprima delicatamente, e poi sempre più forte.
Il suo mugolio mi mandò fuori di testa: “mmmhhh… aia! Mi fai male!”.
Glielo strinsi ancora di più e il suo grido si sovrappose alle mie parole.
“Aaaahhh!!!”.
“Devi essere punita, zia…”.
Continuai a tirarle il capezzolo per diversi secondi, mentre il suo grido riempiva la stanza. Poi mi staccai da lei. Le diedi una forte sculacciata sul culo e me ne tornai al cassetto, che ancora mi riservava un sacco di sorprese.
Sentii la sua voce alle mie spalle: “dove vai? Cosa prendi?”.
Le risposi sghignazzando: “ah, hai capito che qui ci sono un sacco di cose per te… ecco…”.
Tornai da lei mostrandole i due piccoli oggetti che stavo tenendo in mano.
“Sai cosa sono?”.
“No…”. Le tremava la voce dalla paura.
“Sono dei piccoli morsetti. Ora ti faccio vedere come funzionano…”.
Il tono della sua voce era persino più terrorizzato dello sguardo con il quale stava fissando quei giocattoli: “oddio… no… Ale… ti prego… ti prego…”.
Quelli che stavo tenendo in mano erano due piccoli oggetti di ferro. Erano rettangolari, vuoti in mezzo, e avevano una vite posizionata sotto il lato basso. Girando quella vite si faceva muovere verso l’alto la piccola sbarretta di ferro che stava posizionata all’interno del morsetto, appoggiata lungo il lato basso dello stesso. Alzandosi, quella sbarretta andava a stringersi contro il lato alto del morsetto, imprigionando e strizzando tutto ciò che vi si potesse trovare in mezzo. Un capezzolo, per esempio.
Sorrisi a mia zia, mentre presi ad accarezzarle il seno sinistro. Poi le strizzai il capezzolo, godendo del suo fremito soffocato: “aaahhh…”.
Le appoggiai il primo morsetto sulla pelle, lasciando il capezzolo al centro del rettangolo, e cominciai a girare la vite. Ero stregato dallo sguardo stralunato della santa donna, che osservava terrorizzata la sbarretta di ferro che si stava alzando inesorabilmente e che, dopo aver preso contatto col suo capezzolo, cominciò a stringerlo sempre di più contro il lato alto del morsetto.
Godetti nel vedere quel piccolo pezzo di pelle marroncino, lungo, grosso e spesso lasciarsi strizzare con forza nella morsa di ferro, mentre il grido di mia zia si fece alto e straziato: “aaaahhhh!!! aaaahhh!!! Cazzo, Ale… mi fai male!!!”.
Ricambiai il suo urlo con un bacio sulla sua guancia destra, e con parole dolci: “la punizione è appena cominciata…”.
Detto questo dedicai al capezzolo destro lo stesso trattamento e, anzi, girai la vite ancora di più, mentre le grida della zia Sandra sembravano non volersi fermare mai. Quel suo continuo: “aaaahhhh!!! aaaahhhh!!! aaaahhh!!!”, era per me una musica estremamente eccitante.
Mi staccai da lei di qualche passo e rimasi a guardarla, in piedi davanti a me, completamente nuda, con il guinzaglio al collo, le mani ammanettate dietro la schiena, i morsetti che le strizzavano i capezzoli e gli stivaloni neri da troia che le arrivavano a mezza coscia.
“Cazzo, zia… sei veramente bellissima…”.
“Oddio, Ale… ti prego… toglimeli… mi fanno malissimo…”.
Non la ascoltai nemmeno e, anzi, le ordinai con fare perentorio: “inginocchiati!”.
Mi guardò basita. Era sotto shock, ma riuscì a balbettare: “cosa?”.
“Zia, inginocchiati! O tutti sapranno cosa hai fatto!”.
Aveva gli occhi velati di lacrime mentre ubbidiva al mio ordine. Mi misi dietro di lei e le sganciai una manetta, liberandole le mani.
“Adesso mettiti a quattro zampe!”.
Lo fece senza replicare. “Bene”, pensai, “sta iniziando a ubbidire senza fare troppe storie”.
Presi in mano il guinzaglio e le dissi: “da questo momento sarai la mia cagna! Hai capito?”.
Al suo silenzio risposi con una sculacciata. “Hai capito?”.
Quello che sentii era un filo di voce: “si…”.
Andai un pò in giro per la stanza, obbligandola a seguirmi, muovendosi a quattro zampe. Era veramente uno spettacolo pazzesco. Non avrei mai pensato di poter esercitare un dominio così assoluto su quella donna.
Mi fermai vicino al mobiletto dei giochi, da dove presi un frustino da cavallo, di quelli che terminano con un piccolo rettangolo di cuoio scuro. Lei non se ne accorse nemmeno, aveva lo sguardo fisso sul pavimento, troppo concentrata sul dolore fisico e su quello psicologico nel quale si era lasciata immergere per la prima volta.
“Guardami!”, le ordinai, e quando il suo sguardo vide il frustino venne scossa da un altro fremito di terrore che le partì dagli occhi e le attraversò tutto il corpo.
“Zia”, continuai fissandola nel profondo dei suoi occhi marroni, “hai capito che sei la mia cagna?”.
Ci mise un secondo di troppo, per rispondere: “si…”.
“E d’ora in avanti dovrai chiamarmi padrone! Hai capito?”.
“Si…”.
“Si cosa?”.
Godetti come un matto nel sentire la sua risposta: “si… padrone”.
“Brava… sei proprio una brava cagna”, le dissi mentre le giravo intorno. Mi misi dietro di lei e rimasi qualche secondo in silenzio, in adorazione del suo grosso culo, che se ne stava li davanti a me, completamente nudo e a mia disposizione.
Ripresi la parola: “vedi, zia… purtroppo hai peccato, e come sai, il tuo peccato merita una punizione. E’ vero che devi essere punita?”.
“Si, padrone…”.
“Ed ora io ti punirò frustandoti sul culo. Va bene?”.
Un secondo di silenzio, poi: “si, padrone…”.
“Bene… sei pronta?”.
“Si, padrone”.
Non credo di aver mai avuto il cazzo così duro come quando allungai il braccio destro all’indietro per poi scagliarlo con forza verso di lei, godendo dell’immagine della frusta che si schiantava con forza sulla chiappa destra di mia zia, mentre il suo suono “sciaf”, veniva immediatamente seguito dall’urlo di lei: “aaaahhhh!!!!”.
Presi un attimo di pausa, poi le chiesi: “ne vuoi un’altra?”.
La sua voce era tremante come non mai: “ti prego… Ale…”.
Le scagliai tre frustate in sequenza, mentre le sue urla riempivano la stanza: “aaaahhhh!!!!! aaaahhhh!!! aaaaahhhh!!!”.
Stava ancora urlando, quando le gridai: “risposta sbagliata!”.
Gliene diedi un’altra, persino più forte delle altre, e poi, mentre ancora stava urlando, le misi la frusta in bocca, la obbligai a morderla come fosse stato un bastoncino, le accarezzai la fica da dietro e la penetrai con due dita.
La mia mano sprofondò in un mare caldo di umori, dandomi quasi la sensazione di aver messo le dita in una tazza piena di acqua calda.
“Cazzo, zia”, le dissi con decisione, “sei fradicia, stai godendo! Porca puttana, ma allora sei proprio una cagna!”.
Tolsi la mano destra dalla sua fica e, contemporaneamente, ripresi il frustino con la sinistra. Mi misi davanti a lei e le dissi: “senti… senti quanto sei fradicia”. Le infilai le dita in bocca tanto in profondità da obbligarla a succhiarle.
“Lo senti? Lo senti il tuo sapore?”.
Le tolsi la mano dalla bocca per lasciarla rispondere. Lo fece a fatica: “si…”.
“Si?”.
“Si, padrone…”.
“Dai, dimmelo che stai godendo”.
Silenzio.
“Zia, dimmelo, altrimenti riprendo a frustarti”.
Non ci mise molto: “si, padrone”.
“Dillo!”.
Abbassò lo sguardo sul pavimento: “sto godendo, padrone”.
“Sei proprio una cagna…”.
“Si…”.
“Si, cosa?”.
“Si… sono una cagna… padrone…”.
“Brava la mia cagnetta… e adesso, leccami i piedi!”.
Ubbidì immediatamente. In fondo era decisamente un ordine meno doloroso di quelli che le avevo dato prima. Mi tolsi gli infradito che lanciai lontano e sentii la lingua della zia Sandra prendere contatto con la mia pelle. Era calda e umida, e mi provocò un piacere pazzesco. Rimasi a guardarla dall’alto mentre, da brava schiava, si era chinata sui miei piedi e me li stava leccando dappertutto. Regalai ai miei occhi anche un lungo sguardo al suo culo, che se ne stava alzato, con i segni rossi delle frustate ben visibili, apparentemente a disposizione del primo che fosse passato di li.
Rimasi diversi minuti così, con mia zia ai miei piedi, godendo del potere assoluto che avevo conquistato su di lei. Poi decisi di passare ad un supplizio più psicologico, più sottile.
“Zia”, le dissi, “per espiare la tua colpa, è venuto il momento di confessare”.
Si alzò leggermente, mi guardò negli occhi e mi sussurrò: “confessare cosa?”.
“Beh… i tuoi peccati, ovviamente…”.
“Quali peccati?”.
Lasciai trascorrere qualche istante di silenzio. Le girai intorno e, con molta calma, la obbligai a mettersi appoggiata sulle ginocchia, tirandosi un po' su. Poi le riammanettai i polsi dietro la schiena, le tornai davanti e mi misi a gambe aperte, godendo nel vedere il viso di mia zia all’altezza del mio cazzo.
Le chiesi: “hai mai tradito lo zio?”.
Mi rispose quasi sdegnata “no! Ma cosa credi? No, non l’ho mai tradito!”.
“Brava… e con quanti uomini sei stata nella tua vita?”.
“Lo sai… solo con lui”.
“Dai…”.
“E’ vero!”.
“Va bene, va bene… e, dimmi… a cosa pensi quando ti masturbi?”.
Rimase un attimo inebetita, poi mi rispose, con la voce un po' più sicura: “veramente non mi masturbo mai”.
Le accarezzai la guancia sinistra: “dai, zia… guarda che se non dici la verità devo punirti più forte…”.
“Ale, masturbarsi è peccato, e io non lo faccio!”.
“Ma veramente?”, ero incredulo.
Il suo cenno di assenso mi lasciò senza parole per alcun istanti. Poi ricominciai: “e… dimmi, hai mai desiderato andare a letto con una donna?”.
“Ma no! Ma cosa stai dicendo?”.
“Beh, ovvio…”.
“E cos’è la cosa più estrema che hai fatto con lo zio?”.
Rimase un attimo in silenzio, poi rispose titubante: “ma… non lo so… non abbiamo fai fatto cose particolari…”.
“Si, lo immagino… Il culo scommetto che non glielo dai…”.
“Ma sei matto?”.
“Beh, almeno qualche pompino ogni tanto glielo farai…”.
“Ale, la bocca è per i baci. Non certo per fare altre cose…”.
Non ci potevo credere. “Cioè… mi stai dicendo che non hai mai fatto un pompino allo zio?”.
“No!”.
“E quindi non hai mai fatto un pompino in vita tua…”.
“No!”.
Quella scoperta mi diede una scossa. Tornai a essere imperativo: “zia, apri la bocca!”.
“Perché? Cosa vuoi fare?”.
Presi di nuovo in mano il frustino e glielo passai delicatamente sulla guancia sinistra, dicendole: “allora non ci siamo capiti… tu devi essere punita, e io sono colui che ti punirà! E adesso apri la bocca, o ti do tante di quelle frustate che ti faccio male davvero!”.
Mi lanciò uno sguardo perplesso e rimase un attimo in silenzio. Un attimo di troppo.
“Apri la bocca, cagna!”.
Quelle parole le fecero capire cosa avrebbe dovuto fare. Vidi le sue labbra schiudersi lentamente, e rimasi a guardarla, mentre se ne stava inginocchiata davanti a me, con la bocca spalancata.
“Brava…”, le sussurrai mentre mi slacciavo i pantaloni. Mi tolsi tutto, e rimasi completamente nudo davanti a lei.
I suoi occhi erano fissi sul mio cazzo; non riusciva a spostarli neanche per un secondo.
Ero veramente in tiro. Avevo il cazzo durissimo e in quelle condizioni i venti centimetri li raggiungevo di sicuro. Non me l’ero mai misurato, ma sapevo di essere particolarmente dotato.
Mi godetti quei lunghi istanti di silenzio. Istanti nei quali la zia Sandra continuava a fissarmelo, con uno sguardo stralunato che trasmetteva paura ed eccitazione allo stesso tempo.
Le feci sentire di nuovo la mia voce: “ti piace il mio cazzo?”.
Non rispose. Era talmente sotto shock che pensai non avesse nemmeno sentito la domanda.
“Allora, ti piace il mio cazzo?”.
Mi rispose con un filo di voce: “è enorme…”.
“E’ più grosso di quello dello zio?”.
Altro filo di voce: “si…”.
Con la mano sinistra la presi per i capelli, mentre con la destra mi impugnai il cazzo, che cominciai a strusciarle sulla faccia. Il contatto con la sua guancia sinistra mi mandò in estasi.
Le accarezzai tutto il viso con il cazzo, passandoglielo sul naso, sugli occhi, e anche nei capelli.
Poi mi staccai leggermente e rimasi a guardarla. Aveva chiuso la bocca. Le misi la mano destra sul mento e le ordinai di nuovo: “apri la bocca!”.
Ubbidì.
“Zia”, le dissi duro, “adesso mi fai un pompino!”.
Lessi il terrore nei suoi occhi, ma non si mosse. Mentre con la mano sinistra continuavo a tenerla per i capelli, mi impugnai il cazzo con la destra e glielo spinsi con forza in gola, provando un piacere pazzesco al solo pensiero che il mio era il primo cazzo che entrava nella bocca di quella donna.
Sentii la sua lingua avvolgermi la cappella in un abbraccio morbido e bagnato, mentre la sua saliva mi arrivava dappertutto. Continuava a tenere la bocca spalancata, impedendomi di apprezzare il contatto con le sue labbra, ma mi piaceva così. Mi lasciai andare un sussurro: “oh, siii… brava zia… brava…”.
Tenendole sempre ferma la testa, con forza, cominciai a spingerle il cazzo dentro e fuori, sempre più in profondità, sempre più velocemente, fino a raggiungere un ritmo forsennato. Non era un pompino. La stavo letteralmente scopando in bocca.
La sentivo gorgogliare. Aveva chiuso gli occhi e si era abbandonata a quella penetrazione estrema, ma la sua inesperienza era evidente.
Le spinsi in cazzo in gola più che potei, e mi sembrò di morire quando vidi le sue labbra arrivare fino in fondo e appoggiarsi sulla mia pancia, alla base del cazzo.
“Oddio, zia… così…”. Lei cercava di tirarsi indietro con la testa, per riuscire a respirare, e per togliersi quel cazzo enorme che le stava arrivando in profondità, nella gola.
Mi venne un’idea che misi subito in atto. Mi voltai appena e presi la macchina fotografica che avevo lasciato nel cassetto, insieme agli altri giochi.
La puntai su di lei e misi a fuoco. “Zia”, le dissi con voce forte e decisa, “guardami!”.
Lei aprì gli occhi e rimase paralizzata, trovandosi davanti l’obiettivo. Ebbe un leggero movimento solo quando sentì il primo “click”, immediatamente seguito da altri.
Mi raggiunse la sua protesta soffocata: “mmmhhh… mmmhhhh…”.
“Che c’è, zia? Dai che ti faccio un book fotografico…”.
“Mmmmhhh… mmmmhhh…”.
Feci un leggero movimento all’indietro, lasciai che il cazzo le uscisse dalla bocca per metà della sua lunghezza, e poi ricominciai a fotografarla. Immortalai la sua espressione di terrore e di sofferenza, gli occhi sgranati che fissavano l’obiettivo, mentre se ne stava con metà del mio cazzo in bocca.
“Oddio, zia… sei fantastica…”, commentai mentre continuavo a scattare, “queste foto le faccio vedere ai miei amici…”.
“Mmmmhhh…”, faceva segno di no con la testa.
“E poi, magari una volta li facciamo venire qui… così ti faccio fare pompini a tutti…”.
Mi avrebbe pregato di non farlo, se solo avesse potuto parlare e unire le mani. E invece se ne rimase li, inginocchiata ad ingoiarmi il cazzo.
Feci ancora una decina di scatti, e poi rimisi la macchina fotografica nel cassetto.
Tornai a impugnarle la testa con entrambe le mani, e le dissi: “no, dai, zia… non faccio venire nessuno… la tua bocca deve essere solo mia… anzi, non è che adesso che ti ho sverginata, vai a casa e ti metti a fare pompini allo zio, vero?”.
Le tolsi il cazzo dalla bocca e rimasi a guardarla, mentre cercava di riprendere fiato.
Continuai: “allora, zia… i pompini li fai solo a me, hai capito?”.
Quello che sentii era un filo di voce, non di più: “si…”.
“Completa la risposta…”.
“Si, padrone…”.
“Brava. Dai, dimmelo che li farai solo a me”.
Si prese ancora un secondo, poi rispose: “i pompini li farò solo a te, padrone…”.
“Brava zia!”. Così dicendo le spinsi di nuovo il cazzo in fondo alla gola, entrandole tutto, fino alle palle.
Ricominciai a scoparla e andai avanti alcuni minuti. Fiotti di saliva le uscivano dalle labbra e cadevano per terra, mentre il suo gorgoglio si faceva sempre più intenso, tanto che a un certo punto ebbi la sensazione che stesse per vomitare. Le estrassi il cazzo dalla gola, uscii dal suo corpo e godetti nel vedere la quantità di saliva che sputò fuori nel tentativo di riprendere fiato e di evitare il vomito.
Rimasi a guardarla alcuni istanti, poi la presi con le due mani per le ascelle e la aiutai a rialzarsi.
Quando fu di nuovo in piedi, davanti a me, le sussurrai: “zia, sei bravissima. Avrei voluto sborrarti in gola, ma ho altri programmi per te…”.
Mi guardò con una luce strana negli occhi. Aveva paura, si vedeva, ma in fondo al suo sguardo faceva capolino un accenno di curiosa eccitazione.
Le accarezzai la guancia sinistra e le chiesi: “ti è piaciuto farti scopare in bocca?”.
Mi rispose con una voce tremante: “Ale… ti prego…”.
Spostai la mano destra dalla sua guancia alla tetta sinistra, che le strizzai con forza: “non pregarmi e rispondi. Ti è piaciuto?”.
“Aia! Ale, mi fai male al seno…”.
Glielo strinsi ancora di più. “Aaaahhh… ti prego…”.
“Rispondi!”.
“Oddio… Ale… siii…”.
“Si cosa?”.
“Mi è piaciuto…”. Era un soffio, non di più.
“Brava… e adesso leccami i capezzoli!”.
Ubbidì senza opporre alcuna resistenza, e rimasi alcuni interminabili minuti a godermi la lingua di mia zia che si muoveva lenta e avvolgente sul mio petto, mentre con la mano destra continuavo a palparle le tette, accarezzandole i morsetti che ancora la stavano strizzando.
Poi decisi che era giunto il momento di fare sul serio.
Presi il collare in mano e la obbligai a seguirmi in mezzo alla stanza. Quando si trovò nel punto esatto, la fermai.
“E adesso, zia… ti farò provare sensazioni che non hai mai immaginato”.
Mi guardò con il terrore negli occhi.
Le sganciai le manette dal polso sinistro e le feci alzare il braccio destro verso l’alto. Poi presi l’altro anello delle manette, che era rimasto libero e, con un movimento rapido ed esperto, lo legai al gancio d’acciaio che stava appeso sul soffitto e del quale lei non si era nemmeno accorta.
Fu solo quando sentì scattare il click delle manette, che mia zia alzò lo sguardo e capì di essere stata legata per una mano al gancio del soffitto.
Borbottò sottovoce: “ma che cosa è? Ale, cosa vuoi farmi?”.
Non le risposi e andai a prendere un’altra manetta nel cassetto dei giochi. Poi tornai da lei, e sempre senza dirle nulla, le ammanettai anche la mano sinistra al gancio del soffitto.
A quel punto mi misi davanti a lei e rimasi ad ammirarla. Era bellissima, legata come un salame, con gli stivaloni da troia, i morsetti ai capezzoli e il collare con il guinzaglio che le penzolava in mezzo alle tette.
“Cazzo, zia… sei una figa pazzesca…”.
Sono sicuro che sorrise. Fu solo un attimo, una impercettibile frazione di secondo, ma sono sicuro che gli angoli delle sue labbra ebbero un movimento appena accennato verso l’alto.
Mi avvicinai a lei, le accarezzai dolcemente le tette e poi mi abbandonai all’istinto. Le misi una mano dietro la nuca, la attirai con forza a me e le sbattei la lingua in bocca, prendendo a baciarla in profondità e con passione. Sentii la sua lingua reagire e muoversi sulla mia, assecondando il bacio che le stavo dando.
Limonare con mia zia mi mandò fuori di testa. Sentivo caldo, ero sicuro che il sangue aveva preso a bollirmi nelle vene, mentre le nostre lingue si univano in un ballo proibito e tanto intenso da togliermi il respiro.
Ci baciammo a lungo, e poi mi staccai da lei di qualche centimetro. Rimasi a guardare le sue bellissime labbra, che aveva lasciato aperte e, senza sapere perché, le sputai in bocca un paio di fiotti di saliva, che lei deglutì come se fosse stata la cosa più normale del mondo.
“Non sai quante volte ho desiderato baciarti…”, e mentre glielo dicevo allungai la mia mano destra in mezzo alle sue cosce. Le soffiai nell’orecchio destro: “cazzo, zia… che troia che sei… hai un lago nella fica… sei fradicia… dai, dimmelo che ti piace farti possedere così…”.
Mi rispose subito, d’istinto, sussurrandomi: “si… padrone…”.
“Dillo, che sei una troia…”.
“Oddio, Ale… siii… sono una troia…”.
“Adesso ti faccio morire…”.
La lasciai li così, appesa in mezzo alla stanza, e andai a prendere le sue mutande, che erano rimaste per terra. Tornai da lei e gliele strusciai sulla fica, in profondità, facendo in modo che si riempissero dei suoi umori. E quando furono bagnate per bene, mi misi ad annusarle davanti a lei.
“Cazzo, zia… hai un sapore stupendo… senti…”. Le misi le mutande sotto il naso e la guardai inspirare forte, riempiendosi del su stesso odore. Poi le appallottolai e le ordinai: “apri la bocca!”. E non appena lo fece, gliela riempii con le sue mutande, che le cacciai in gola con forza.
“Brava, zia. E adesso ti punisco davvero!”.
Mi guardò con una luce di paura che mi pervase l’anima.
Andai al cassetto dei giochi e tornai da lei con un accendino e una candela lunga e rossa, che accesi davanti ai suoi occhi. Poi le feci sentire la mia voce, profonda e decisa: “zia, ti piace stare in chiesa in mezzo alle candele, èh? E adesso con questa candela ti farò provare il dolore più intenso della tua vita…”.
Ora era veramente terrorizzata. Aveva probabilmente capito cosa stavo per farle e aveva iniziato a fare segno di no con la testa, mentre dalla sua bocca usciva un mugolio straziato che voleva essere una supplica: “mmmhhh… mmmmhhh…”.
Continuai imperterrito: “potrai gridare quanto vuoi. La stanza è insonorizzata. Nessuno sentirebbe nulla nemmeno se qui dentro scoppiasse una bomba”.
Le diedi un bacio leggero sulla guancia destra.
“Zia, adesso voglio proprio divertirmi col tuo corpo…”.
“Mmmmhhh…”.
Le misi la candela accesa davanti agli occhi: “guarda… guarda la luce del fuoco… guarda come brilla, il fuoco purificatore… come brilla e come scalda…”.
“Mmmmhhh… mmmmhhhh…”.
Inclinai lentissimamente la candela e dovetti aspettare un paio di secondi, prima che una goccia di cera cadesse verso il basso, percorrendo in una frazione di secondo la distanza che la separava dalle tette di mia zia.
La goccia si schiantò sulla pelle del suo seno destro, solidificandosi immediatamente e trasformandosi in una piccola macchia rossa, mentre il terrore della zia Sandra si trasformò in un urlo straziante, soffocato dalle mutande che le riempivano la bocca: “aaaahhhh!!! aaaahhhh!!!”.


… CONTINUA SU
https://www.amazon.it/PERLE-RACCONTI-EROTICI-SCONVOLGENTI-DALLAUTORE-ebook/dp/B084ZTHDMS/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=alessandro+bardi&qid=1601895104&sr=8-2
Visualizzazioni: 7 068 Aggiunto: 3 anni fa Utente: