Mi sono sempre chiesta, come facciano quei poveretti a cui la vita ha tolto delle parti del corpo, non parlo delle menomazioni, ma dei paraplegici o dei ragazzi o uomini down, con problemi di comprensione, a fare l'amore e se mai lo avranno fatto in vita loro. Ci sono persone che per cause naturali, o per incidenti, hanno perso l'uso delle gambe, delle braccia o della testa, non ragionando piu come un tempo facevano. Mi ha sempre un po spaventata l'idea di avvicinarmi a questa gente, per il dolore interno che debbano provare. Passare la propria esistenza su una sedia a rotelle non credo sia una cosa che molti possano accettare. Tra i lavori piu strani eassurdi che ho fatto in vita mia, ce stato anche quello della crocerossina del sesso per i disabili. Nemmeno sapevo esistessero delle crocerossine simili, invece, un'annuncio su un giornale,attiro' subito la mia attenzione. Erano mesi che cercavo una fonte di guadagno, essendo ormai da tempo disoccupata e facendomi aiutare da mia madre con i soldi. A quel tempo, esistevano molti giornali per trovare lavoretti temporanei, oggi e tutto sul web. Uno di questi giornali si chiamava "Secondamano", credo esista ancora in forma cartacea e sul web. Sfogliavo spesso quel giornale, perche' ci avevo trovato vari lavoretti interessanti per raccimolare qualche lira in piu, e una mattina tra gli annunci, lessi questo annuncio, e lo trascrivo proprio come lo lessi: " Cercasi a Milano e dintorni, ragazze disinibite, dai 18 ai 35 anni, per aiuto a uomini e ragazzi disabili. Si richiede tempo libero, anche notturno, bella presenza,e spigliatezza." C'era il numero di telefono che chiamai all'istante, pur non essendo femmina, avevo bisogno di soldi subito e tentai la carta. Non capivo tutte quelle richieste strane, per assistere dei disabili mi dissi, a che serve la bella presenza, e la spigliatezza? mi fu tutto piu chiaro, quando parlai con l'operatore telefonico che faceva le assunzioni. Cercavano infatti, delle ragazze crocerossine, disponibili a fare del sesso con i disabili. Questo pero' nell'annuncio letto, non era spiegato affatto, tanto e vero, che il tipo al telefono, mi confido', che chi si presentava, dopo aver saputo di che si trattava, rinunciava subito al posto, e ne capivo i motivi. Cercai di spiegare all'operatore, che dalla voce credo fosse stato un uomo, che ero Femboy, ovviamente l'ignoranza del tipo mi obbligo' a spiegare cosa fosse un Femboy, e che ero abbastanza carina, avevo bisogno di lavorare e di guadagnare subito qualcosa, ed ero disposta a provare questa esperienza. Male che andava, avrei preso la paga di una giornata e mi sarei licenziata. L'operatore ci penso' su, loro cercavano ragazze, femmine non maschi travestiti. Precisai che io non ero un maschio travestito, che avevo un aspetto molto femminile ero nato cosi' e sapevo fare bene l'amore con chi unque. Mi descrissi, e convinsi l'operatore ad assumermi, dato per ora nessuna si era presentata e avevano bisogno urgentemente di personale. La paga era giusta e dopo avermi dato gli indirizzi di riferimento per andare al colloquio, riagganciai soddisfatta.
Il mattino dopo, di buon ora, mi presentai sul posto con la mia mise sexy per far capire a chi mi aveva assunta, che non avevano preso un rospo. Mi presentai in ufficio con addosso, una magliettina senza maniche attillatissima bianca, scollata davanti e dietro da lasciarmi meta' schiena nuda. i lunghi capelli sciolti, ben truccata, un paio di shorts o pantaloncini cortissimi e sgambati in jeans sbiaditi, tenuti su da un cinturone grosso con fibbia a forma di cuore. Stivaloni neri lucidi, lunghi fino a meta coscia, con tacco alto, unghie delle mani ben curate e smaltate, occhiali scuri in viso, e cosi' mi presentai sul posto. Non passavo certo inosservata direi, l'uomo che avevo davanti, mi guardo' incantato, e quando tolsi gli occhiali scuri, rivelando il mio bel visetto da bimba giovanissima, l'uomo dovette sincerarsi che non fossi una vera ragazza. "Non immaginavo esistessero Femboy cosi'femminili... ma quanti anni hai" mi chiese alla fine. Gli rivelai che avevo poco piu che diciannove, ne dimostravo almeno secici con quel visetto e il mio fisico magro e snello. Senza perdere altro tempo, l'uomo, un signore dai toni pacati ma gentili e dai capelli brizzolati, mi fece subito un quadretto della situazione in cui avrei dovuto lavorare. C'erano mi spiego' dei ragazzi e degli uomini disabili di vario tipo, dai ragazzi Down, a dei paraplegici, a cui l'agenzia dava supporto sessuale, queste persone continuo' l'uomo fissandomi, avevano diritto di avere una vita amorosa come tutti, e l'agenzia, sotto compenso ovviamente, gli trovava ragazze disponibili a fare del sesso con loro e soddisfare i loro desideri. Era tutto chiaro ed ero li per quello risposi. L'uomo scrisse con carta e penna degli indirizzi a cui avrei dovuto presentarmi, lo stacco' dal blocco note, e me lo passo'. Lo presi e senza aggiungere altro, voltai i tacchi e mi avviai verso il primo cliente della lista.
Mi trovai davanti ad una palazzina di dieci piani, il primo disabile a cui dovevo prestare soccorso, era un paraplegico di cinquant'anni, aveva le gambe paralizzate, ma dalla vita in su era funzionante come diceva il fogliettino con le annotazioni del capo. Ero assai imbarazzata, non sapevo se sarei riuscita a fare una cosa simile, io che di sesso fino ad allora, ne avevo fatto con chi unque, ma sempre con gente sana e con gli organi apposto. Mi chiesi chi me lo avesse fatto fare, ormai ero li, e andarmene ora, avrebbe comportato non solo il mio licenziamento, ma anche il mancato pagamento della giornata. Mi servivano soldi, facendomi coraggio, varcai la porta dell'entrata, prendendo l'ascensore, notando che era stato adattato piu largo proprio per i disabili, e salii fino al piano indicato nel foglietto con il cognome del cliente. Feci un respiro lungo, mi sistemai bene i capelli, scostandomeli dal visetto, e suonai il campanello un paio di volte con le gambe tremanti. L'abitante dell'appartamento, ci mise qualche minuto ad aprirmi, e quando vidi quest'uomo sulla carrozzella, un po mi si strinse il cuore. Cercai di ricordarmi che ero li per lavorare non per fare la piangina per le disgrazie altrui. Tirai fuori il fiato, e dissi che ero la crocerossina mandata dall'agenzia Tot dei Tali, per non fare nomi. L'uomo sembro' interessato a me, mi fece accomodare chiudendo la porta, aveva un'appartamento ben arredato e da cio che vedevo pure di lusso, doveva essere un imprenditore o qualcosa del genere mi dissi, non ci andai lontano, dato era un ingegnere, aveva subito una caduta che lo aveva paralizato alle gambe da un po di anni ormai. Faceva fisioterapia ma non era poi migliorato molto. Tutto questo, me lo racconto' lui stesso facendomi accomodare su un bel divano nero di pelle lucida e comodissimo. Per rompere il ghiaccio, mi aveva offerto qualcosa da bere, un paio di bibite, dato non bevo caffe'. Gli raccontai brevemente di me, che lavoravo da stamattina all'agenzia, e che ero stata mandata da lui come primo cliente della lista. Un lavoro imbarazzante ammisi, ma che avendo bisogno di soldi, avevo accettato al volo. L'uomo era gentile, e mi mise subito a mio agio, capendo il mio imbarazzo iniziale.
Dato avevo molti giri da fare quel giorno, chiesi gentilmente, se potevamo arrivare al sodo, e toglierci una volta per tutte il problema. Chiesi all'uomo, i suoi gusti sessuali, scoprendo che era bisex, gli piacevano sia le donne, e non disprezzava avventure di altri tipi, essendo in carrozzina da qualche anno, certi desideri logicamente, erano calati. Non sapevo da dove iniziare, non potendosi muovere l'uomo non era agile da far mettere in varie posizioni. Mi tolsi nel frattempo i vestiti, restando in intimo, reggiseno, calze a rete, reggicalze, perizoma. L'uomo apprezzo' il mio bel fisichetto femminile oltre al mio bel culo sodo e al mio visetto da bimba. Mi tolse lui dall'imbarazzo, facendomi avvicinare alla carrozzina per toccarmi un po da ogni lato del corpo con le sue mani, che mi eccitarono subito al primo contatto. Fu lui a prendermi il cazzo duro da dentro il perizoma, estrarlo, e masturbarmi facendomi schizzare sborra dopo poco. Venni con un sospiro ad occhi chiusi, appoggiata con il culo sul poggiolo della sua carrozzina. Da li in avanti, fu tutto piu semplice, per me divento' un giochetto, mi accucciai davanti a lui, sfilandogli il cazzo dai pantaloni della tuta che aveva, fortunatamente senza slacciarli bastava abbassarglieli del tutto, notando con piacere, che l'uomo aveva un cazzo groso e funzionante gia bello duro, tralasciando le gambe che non mi servivano, presi in pugno il suo grosso e gonfio cazzo, e me lo misi in gola succhiandoglielo piu che potevo, con le mie labbra da bambina. Lui mi accarezzava i lunghi capelli tenendo il movimento della mia testa su e giu. Ero tornata in me finalmente, e tutta l'ansia e la preoccupazione dell'inizio, svanirono all'istante. Mi diedi da fare meglio che potevo, lo feci sborrare nella mia bocca in pochi secondi. con le labbra ancora impastricciate della sua sperma, mi alzai leccandomele, poi cercai una posizione adatta, tenendomi con le mani ben salde appoggiata ai poggioli della sua carrozzina, mi sono abbassata all'indietro su di lui, facendogli arrivare il mio bel culo dritto sul suo cazzo ancora gonfio. Era piu grosso che lungo, ne avevo visti di cazzi in vita mia, ma quello era davvero strano. Ho continuato ad appoggiarmi all'uomo, che nel frattempo con le sue manone mi aveva spalancato le natiche, e piano piano, in posizione da equilibrista, sono riuscita a farmi entrare quel cazzo gonfio e duro, che mi apri' in due all'istante facendomi sospirare insieme all'uomo all'unisono.
Stavo lavorando alla fine, mi stavo guadagnando il mio meritato stipendio, ma il piacere non ha prezzo, e cercai di trattare l'uomo non come un disabile senza gambe, ma come uno dei tanti uomini con cui spesso scopavo senza problemi. Questo credo gli abbia fatto molto piacere, forse piu della scopata che si stava facendo con me. Lo aiutai muovendomi su e giu con il bacino e cercando di agevolargli l'inculata piu che potevo, lo sentivo godere ad alta voce e stringermi a lui per i fianchi, era un piacere doppio per me perche stavo soddisfando un'uomo che chissa' da quanto tempo non poteva avere piu rapporti. L'uomo sborro' una seconda volta riempiendomi il culo e sporcandosi anche lui con delle gocce che caddero sulle sue ginocchia. Poco alla volta, crcai di tirarmi su sempre appoggiata ai braccioli della carrozzina, e facendogli estrarre il cazzo dal mio culetto slargato e riempito di sperma. mi alzai in piedi con le braccia un po doloranti, per appoggiarmi ad una credenza li vicina. Mi scostai da un lato i lunghi capelli, gli sorrisi, chiedendogli se gli era piaciuto. L'uomo mi confido' che era stata la scopata piu bella che ricordava da quando aveva avuto l'incidente. Fu un grosso complimento per me, che beccai anche una lauta mancia per il mio ottimo lavoro. Avevo da fare altri giri, mi sistemai in fretta, baciandolo sulla guancia, e promettendogli di tornare se chiedeva di me ancora all'agenzia. Una buona referenza aiuta sempre ad aumentare la fiducia del tuo capo. Lasciai l'uomo, per dirigermi al prossimo cliente a cui dovevo donare il mio amore e il mio corpo.
Mi avviai dal mio secondo cliente, si stava facendo tardi, era quasi ora di pranzo, e speravo di cavarmela con quello, come avevo fatto con il primo. Purtroppo la cosa con il secondo soggetto, fu piu complicata del previsto, perche il ragazzo che dovevo aiutare, era completamente immobile a letto, almeno queste erano le iformazioni che il capo mi aveva scritto sul foglietto scarabocchiato a penna, il soggetto, un ragazzo di circa trent'anni, era impossibilitato a muoversi dal letto, ma non era specificato, se era paralizzato completamente o cosa. La situazione mi fece tornare il panico di prima, e esitai anche stavolta, all'entrata di una mini palazzina di soli tre piani con relativo ascensore. Suonai alla porta, chiedendomi chi sarebbe venuto ad aprirmi, dato il ragazzo non poteva muoversi. Mi venen ad aprire una signora, una donna su per giu di cinquant'anni o sessanta all'incirca, occhialoni sul naso, capelli arruffati in testa ricci lungi fino al collo, un po in carne ma non grassa, si direbbe curvy, con addosso un lungo vestaglione pesante nero che sembrava un accappatoio, mi fece accomodare, qualificandosi come la mamma del ragazzo. Feci conoscenza con la signora, scambiando due chiacchiere, e cercando di capire in che condizioni fosse suo figlio. La signora, mi racconto' che anche lui come l'uomo che visitai per primo, a causa di una caduta, battendo la spina dorsale, rimase infermo. Il tutto accadeva almeno cinque anni fa. Quindi da cinque anni, il poveretto, non aveva piu una vita fermo a letto senza potersi muovere ne fare altro. Cercai di capire se potevo aiutarlo, o se il mio capo, mi aveva mandata li inutilmente sbagliando persona. Se non si muoveva, come faceva a fare l'amore co me? Gia parlare di queste cose con la madre, mi imbarazzava non poco. Ma vidi che la donna, era di vedute abbastanza larghe, e ne fui felice. Fu lei ad introdurmi nella sua camera e presentarmi al ragazzo che si chiamava Giorgio. Il ragazzo parlava capiva, era cosciente e fu felice di conoscermi, mi fece anche degli apprezzamenti davanti alla madre, che mi fecero sorridere. La signora decise di uscire dalla camera e lasciarci soli, ma mi era sembrata molto curiosa e mi era parso che non volesse tanto presto chiudere la porta e lasciarci soli davvero.
Cercai di sondare il terreno, chiedendo al ragazzo fino a dove riusciva a muoversi e in che modo, se poteve provare piacere e cose simili. Mi scocciava fargli il terzo grado, ma dovevo sapere determinate cose prima di iniziare almeno. Constatai che il ragazzo, poteva avere erezioni, e un cazzo normo dotato lo aveva bello duro solo a vedermi spogliare. cercai di adoperarmi anche li, come avevo fatto con il primo poche ore fa, e cercai il modo per rompere il ghiaccio, dato questo non poteva toccarmi, dovevo io toccare lui. La cosa fu abbastanza macabra, fu come toccare un cadavere, nonostante il suo corpo fosse caldo e nudo, era completamente inerme, senza un movimento di un solo muscolo. Fu un'operazione abbastanza difficile toccarlo cosi a quel modo, ma ci riuscii, ero pur sempre li per lavorare mi dissi. Non sono riuscita ad andare oltre il toccarlo qui e li, e vedevo il ragazzo iniziava a spazientirsi e rattristarsi della faccenda. Cosi non poteva funzionare, stavo per scusarmi e abbandonare quel cliente, mi sarei persa meta' della paga, ma non ce la facevo proprio. Era una tristezza vedere quel bel ragazzo dal corpo inerme giovane immobile. Fortunatamente mi venne in aiuto la madre, che spalancando la porta, senza nemmeno chiedere permesso, mi riprese subito: "No, No, cara No... non cosi... aspetta..." disse lei, slacciandosi il lungo vestaglione e mostrandosi senza vergogna in intimo pure lei com'ero gia' io. Questa poi mi dissi tra me stupita, mentre guardavo la signora, mostrarmi come dovevo approcciare il figlio. Fu lei a prendermi la manina e a farmela stringere attorno al cazzo duro del ragazzo, facendo su e giu masturbandolo piano. Se lo racconto al mio capo non ci crederebbe mi son detta tra me. "A giorgio ci ho gia pensato io qualche volta.. sai... una mamma..." disse la signora guardandomi, mentre masturbavo il cazzo del figlio. "Non dica altro signora, Anche mia madre mi ha assistita per anni in un modo simile, lei me la ricorda molto..." le dissi sorridendole. Lasciai quindi, che la signora, mi guidasse passo per passo a soddisfare il figlio immobile nel letto. Gli feci un pompino infilandomi il suo cazzo duro in bocca, lasciando posto anche alla madre, facendo a meta' un po io, un po lei. Non sapevo se fosse moralmente giusto tutto questo, ma se a loro andava bene... Quando tocco' la penetrazione, fui aiutata dalla donna, a sistemarmi in piedi sul letto del figlio, attenta a non calpestarlo chiaramente, mentre la donna mi aiutava ad accucciarmi sul suo cazzo dritto, tenendomi per le braccia, era divertente, vedere quella donna non piu giovanissima in intimo nero, con le tettone strabordanti dal reggiseno, aiutarmi a sedermi sul cazzo del figlio, paralizzato nel letto. alla fine ci riuscii, e fui lentamente penetrata da quel cazzo duro che scivolo' dentro di me, con la gioia della signora che strepitava con degli urletti della sua voce da gallina strozzata.
Cercai di saltellare con attenzione a non far male al ragazzo che sembrava apprezzare la situazione senza problemi. Ero io invece ad essere imbarazzata da quella scena, la signora sembrava troppo mia madre, nei modi, nell'assistermi, solo la voce era insopportabile, aveva una voce nasale squillante e fastidiosa, che alzava spesso per lanciare degli urletti che mi stordivano. Per il resto, riuscii a cavalcare in qualche modo, il cazzo del ragazzo e a godere io stessa di quell'inculata. Mi sentivo davvero una crocerossina, e cominciai a credere di aver trovato un lavoro davvero adatto a me. Infondo ero pagata per scopare e soddisfare i disabili, che poteva esserci di piu bello? Pensando a queste cose, mi lasciai andare del tutto, e senza piu riserbo per il ragazzo paralizzato nel letto, lo soddisfai a dovere facendolo gemere di piacere fino alla fine, quando mi scarico' dentro al culo una bella spruzzata si sborra calda che mi gratifico' e fece contenta la madre che non stava ferma un attimo, cercando di aiutarmi in ogni modo con la sua vocina fastidiosa. Che strana donna mi dissi fissandola, mentre mi aiutava a scendere dal letto e offrendosi pure di ripulirmi lei stessa il culo sporcatomi dal figlio. si piego' in ginocchio dietro di me, e si mise a colpi di lingua, a leccare tutto lo sperma che mi colava dal culetto sfondato, entro' pure dentro il mio buco slabbrato con la punta della lingua. Assurdo non ci si crede, la lasciai fare godendomela e sbrodolai anchio una seconda volta. Mi aspettai che la donna ripulisse anche me, ma non lo fece, si alzo' prese un fazzoletto di carta, e mi tampono' il cazzo con la sua mano.
Quella fu un'esperienza davvero strana ma che mi fece bene dal punto di vista morale, facendomi capire, che tutti hanno diritto ad avere piacere, anche chi non ha piu la fortuna di avere una vita in piena liberta' di movimento. terminai il mio giro con altri due clienti due ragazzi Down, a cui feci lo stesso trattamento, e a fine giornata, nel tardo pomeriggio, quando il sole gia calava, e le ombre della sera si fecero vedere in cielo, rientrai sfinita ma piena di gioia in agenzia. Il mio capo vedendomi in quello stato, ci scherzo' su, e mi fece i complimenti, dicendo che aveva ricevuto telefonate positive dai clienti a cui avevo fatto visita. Mi disse che ero una con le palle e poteva dirlo forte, mi disse che avrei fatto strada li dentro... mi riempi' di lodi tanto che mi convinsi a restare. Avevo trovato un lavoro davvero fatto a misura per me, lamentai pero' che era davvero sfiancante fare i giri per la citta' a piedi e con i mezzi pubblici per raggiungere i clienti, cosi' la ditta, mi forni' di uno Scooter, dato non avevo la patente per noleggiarmi un'auto, mi donarono in prestito uno dei loro Scooter, ora potevo viaggiare piu velocemente e senza tanta fatica. Imparai molte cose da quel lavoro, e devo dire, che mi ha dato molta soddisfazione scopare con i disabili ogni santo giorno. La mia vita da Troia continuava regolarmente, e non potevo essere piu felice di cosi'. Dato entro sempre poco, se volete scambiare opinioni o conoscermi virtualmente chattando, mi trovate su Telegram al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 2 679 Aggiunto: 3 anni fa Utente: