Ho sempre creduto che l'amore, vada manifestato liberamente ovunque ci si trovi, e in qualunque posto senza problemi. Purtroppo viviamo in una societa', dove certe situazioni vanno punite e mai capite, sanzionate e non comprese, pensate come sarebbe bello se si potesse fare l'amore liberamente dove si vuole e con chi si vuole, in qualsiasi momento del giorno o della notte. Vivremo forse in un mondo piu libero, e senza vioenze o abusi di nessun genere.Purtroppo queste situazioni, esistono solo in certi posti e paesi, dove si puo fare l'amore senza dar fastidio a gente bigotta o falsi moralisti. In Italia, posti del genere non esisteranno mai, anche se ci sono dei luoghi apposta come laghi o spiagge dedicate al naturismo al nudismo, dove ci si puo anche lasciare andare alla passione senza problemi davanti ad altra gente.C'era un posto chiamato Ticino, che ora non so se esista piu, o sia stato messo sotto sorveglianza, esistevano anche delle spiagge a Jesolo lido in veneto, a Oderzo in provincia di Treviso, e anche a Spinea sempre nel veneto, dove poter faresesso in piena liberta' sulla sabbia o in riva al mare senza problemi anche con altra gente attorno. Un'esperienza che anche la sottoscritta ha provato e anche piu di una volta. Come sempre senza fare nomi e dare riferimenti a posti, vado a raccontare, cio' che mi accadde quell'estate in una spiaggia a Jesolo Lido in Veneto. Ero in vacanza da mia madre, mia madre viveva li, e quando potevo andavo a trovarla, dato durante l'arco dell'anno, non avevamo possibilita' di vederci molto, se non sentirci al telefono. Mia madre sapendo che ogni volta andavo a trovarla, mi presentavo con un uomo diverso, e mi mettevo a fare le solite porcate davanti a lei, questa volta, decise di prendersi lei una vacanza da dei parenti e trasferirsi da loro, finche' sarei rimasta in visita, e lasciarmi il suo appartamento, cosi non avrebbe visto ne sentito cio che avrei eventualmente combinato. Delusa da quel suo comportamento, accettai la situazione, e mi trasferii nel suo appartamento fino alla fine del mio soggiorno in veneto. Era piena estate, ele spiagge li a Jesolo non mancano di certo, Io pero', avevo sentito nominare una spiaggia particolare, e fremevo per farci una visita, pur non sapendo con chi andarci e dove fosse questa benedetta spiaggia.

Ero li da un giorno, quando il destino mi fece conoscere un ragazzo di nome Daniel, Daniel era nato in Italia, ma da genitori inglesi, era il classico ragazzo sui ven'anni ben messo biondino, bel fisico non eccessivamente palestrato, un viso simpatico e molto aperto a livello sessuale, era Gay infatti, e facemmo subito amicizia, abitava a un isolato da dove abitava mia madre, e mi fece subito i complimenti per il mio aspetto da ragazzina. Forse il fatto che ero Femboy e che il mio aspetto e sempre stato quello di una bella ragazza, il ragazzo si attacco' ancora di piu a me, confidandomi appunto, che lui era Gay, e ne fui molto contenta. Fosse stato un ragazzo etero, credo non ci sarei mai andata d'accordo, ma il fatto che Daniel era omosessuale, mi attiro' subito verso di lui. A quel punto, gli chiesi se conoscesse la famosa spiaggia di cui avevo tanto sentito parlare, gli confidai che ero venuta a trovare mia madre proprio perche', la spiaggia era dalle sue parti. Daniel mi rivelo' di sapere a quale spiaggia mi riferissi, e che ci era gia stato parecchie volte in estati passate, ma che da un po non la frequentava piu. Gli chiesi se poteva almeno accompagnarmici, lo pregai cosi' tanto, che il ragazzo si convinse, dato aveva l'auto, non fece difficolta' a darmi uno strappo fino li. Mi confido' che il suo ragazzo era molto geloso, e se lo avesse scoperto frequentare nuovamente quella spiaggia senza di lui, sarebbero nati dei grossi problemi per lui. Assicurai Daniel, che mi avrebbe fatto solo da autista, e che in spiaggia ci sarei andata da sola, poteva venirmi a riprendere verso sera in un punto che decidemmo poi. Ero cosi' eccitata, all'idea di frequentare un posto che non conoscevo completamente libera e sola, avevo sentito dire tante cose di quel posto da dei miei uomini occasionali, e Daniel mi confermo', che se il posto non era cambiato, ne avrei viste delle belle. Tutto questo, non fece che aumentare la mia voglia di arrivarci presto.

Dopo un viaggio che a me parve interminabile, ma che all'incirca saranno state una trentina di minuti al massimo, finalmente arrivammo alla spiaggia tanto sospirata. All'apparenza, almeno, era una spiaggia come le altre, non vedevo ombrelloni ne gente, e chiesi a Daniel, se il posto fosse quello giusto, il ragazzo mi confermo' fosse quello. Concordammo che ci saremmo rivisti verso pomeriggio tardo, e se avessi avuto bisogno di lui, il ragazzo mi diede il suo numero di cellulare, bastava lo chiamassi e sarebbe tornato a prendermi al volo. lo ringraziai con un bacio a stampo sulle labbra, e lui mi auguro' buon divertimento. Mi avviai verso la stradina che portava in spiaggia, mentre guardavo voltata indietro, la macchina di Daniel fare retromarcia, e sparire dalla mia vista. Ora ero sola mi dissi... Eccitata come una Troietta, affrettai il passo arrivando sul bordo della spiaggia, buttando l'occhio, potei finalmente ammirare lo spettacolo che speravo di vedere, e non fui affatto delusa. Sparsi qua e la un po sdraiati sui vari asciugamani, o che camminavano mano nella mano, potei ammirare uomini e ragazzi completamente nudi, disinvolti che facevano i fattacci loro, anche se nessuno scopava, c'erano ragazzi in coppia che si baciavano abbracciati sotto il sole, altri in acqua, altri che camminavano o ascoltavano musica con lo stereo quelli anni 80 vecchio tipo. In sostanza una spiaggia normale ma solo per maschi, non scorsi nessuna donna, e solo per gente nuda. Prima di entrare, mi spogliai anchio, e rimasi nuda completamente, con i miei lunghi capelli a coprirmi e null'altro, misi tutto nello zainetto che avevo in spalla, inforcai i miei occhiali a specchio, e varcai la soglia dell'entrata in spiaggia scavalcando un basso muretto. Il sole picchiava forte, e dava abbastanza fastidio, la sabbia bruciava sotto i miei piedini, e mi trovai a saltellare qui e li prima di arrivare su un punto meno focoso. Fui subito notata da un gruppetto di ragazzi che giocavano a calcio e mi vennero incontro. Ragazzi piu o meno della mia stessa eta' completamente nudi con il cazzo moscio e i berretti in testa, che mi salutarono e cercarono subito di attaccare bottone. A me i ragazzi non sono mai piaciuti, ma sapendo o immaginando fossero tutti Gay li immezzo, non ebbi problemi, a farmeli subito amici. Iragazzi, ne contai almeno otto, mi invitarono al loro asciugamano, offrendomi una bibita fresca, e sedendoci sulla sabbia, parlammo del piu e del meno,scoprendo che erano brava gente, frequentavano le scuole di Oderzo, e venivano li a passare le vacanze per divertirsi un po insieme, come comitiva.

Inevitabilmente si fini' a parlare di sesso, e mi confidarono, che quel posto, era pieno di occasioni per scopare e divertirsi, a vederlo risposi non mi sembrava, anzi, tutto pareva, fuorche' un posto per fare l'amore. Ovviamente mi dissero i ragazzi, c'erano degli orari in cui si poteva scopare, dopo il tramonto a tardo pomeriggio, anche per evitare i controlli che ogni tanto le forze dell'ordine, facevano. Mi confidarono, che piu volte avevano beccato scopare delle coppie e che tali coppie furono denunciate. Quindi, c'erano orari e modi da rispettare, ma il divertimento mi dissero, era assicurato. Non mancai di credergli. La mia Troiaggine pero' mi dicsse che non avrei potuto aspettare fino a sera, e poi ad una certa avrei dovuto rincasare, e farmi trovare da Daniel al posto che avevamo concordato, quindi se volevo divertirmi come avevano detto i ragazzi, dovevo fare di testa mia e alla svelta, in barba al regolamento, e magari rischiando anche. Per il momento decisi di restare tranquilla, prendendo un po di sole, e godendomi la compagnia di quei bravi ragazzotti, nel frattempo, avrei pensato a qualcosa per cercare di farmi sfondare da qualcuno. Mi guardai intorno, sembravano tutti accoppiati, non c'era un'uomo solo e libero intorno, e pensai che la cosa fosse piu difficile del previsto. Le sfide mi sono sempre piaciute, e non mi sarei certo tirata indietro, solo avrei almeno voluto trovare qualcuno per iniziare almeno. Il tempo passava veloce, e dopo tre ore li in spiaggia, ancora non avevo combinato nulla, iniziai a credere che fossi andata li per niente, e che fosse stato meglio rilassarsi, godersi la giornata e poi rincasare all'ora definita con Daniel. Si dice sempre, che se cerchi qualcuno o qualcosa, non lo troverai mai, mentre se non lo cerchi, il destino, te lo porta davanti. Non so per quanti questo detto, possa essere vero, ma per me lo e stato piu di una volta. Smesso di cercare ad ogni costo, un uomo per farmi scopare a sangue, Fui avvicinata da una coppia di uomini sui cinquant'anni circa, che da un po mi teneva d'occhio da un asciugamano poco distante da quello dei ragazzi con cui mi trovavo. Stanchi di fissarmi, i due signori, si fecero finalmente avanti, scusandosi per il disturbo. Mi fecero i complimenti per il mio fisico femminile e per il mio splendido visetto da bimba. Iniziammo a parlare e fare amicizia in fretta. I ragazzi del gruppetto erano tornati a giocare a pallone i riva al mare, e mi avevano lasciata sola quando fui avvicinata da questi due signori di emzza eta', notai subito il cazzo in erezione che avevano entrambi, e non riuscivo a staccargli gli occhioni di dosso, i due se ne accorsero, perche mi chiesero se mi piacevano. Un po imbarazzata risposi a tono dicendo di si. Uno dei due mi accarezzo' le coscie e i lunghi capelli, poi prese in mano il mio di cazzo che nel frattempo si era indurito pari al loro, e inizio' a masturbarmi senza problemi li in bella vista di tutti, mi misi appoggiata con i gomiti buttai la testa indietro e allargai le gambe per agevolargli la masturbazione. nessuno sembrava far caso a quei due che mi masturbavano senza tanti problemi, mi fecero venire in poco tempo e sborrai di gusto a gambe aperte sotto il sole in posizione semi sdraiata con i gomiti appoggiati sulla sabbia e la testa all'indietro.

Rimasi sorpresa da come nessuno avesse detto nulla ma sopratutto dell'indifferenza totale di un fatto simile fatto sotto gli occhi di tutti. Evidentemente i pettegolezzi che avevo sentito su quella spiaggia erano veri e non leggende. Sorrisi all'uomo che mi aveva appena masturbata, e cercai subito di ricambiare il favore ai due, dato nessuno si era lamentato di averlo fatto a me. Ma i due mi fermarono, chiedendomi se non preferivo invece che farli venire con le manine, di fare l'amore direttamente. Replicai, che avevo sentito non si poteva fare se non in orari serali, i due uomini sorrisero tra loro, mi chiesero se stessi insieme ai ragazzi che giocavano al pallone, risposi che mi avevano ospitata tra loro, che ero sola non stavo con nessyno. I due signori a quel punto, si decisero, uno si mise davanti a me, l'altro tra le mie gambe ancora aperte e appoggiata con i gomiti sulla sabbia. Quello tra le mie gambe, mi prese per le caviglie in ginocchio si avvicino' puntando il suo grosso cazzo tra le natiche.

Il suo amico invece si era messo di lato vicino al mio visetto e mi mise davanti la bocca il suo bel cazzo in tiro da succhiare. fui inculata in meno di un secondo da quello che avevo tra le gambe che mi prese subito facendomi sobbalzare e sospirare all'istante. con il suo cazzo in culo, e quello dell'amico in bocca, sotto lo sguardo di tutti li alla luce del sole. Nessuno almeno all'inizio ci fece caso, e passai qualche minuto a sospirare li sull'asciugamano dei ragazzi presa da quei due uomini insieme. Fu dopo qualche minuto che i ragazzi finito di tirare calci al pallone, tornando al loro posto, si accorsero finalmente che stavo scopando con i due uomini. divertiti dalla situazione si fermarono li a godersi la scena, seduti vicino a me che ansimavo come la Troia che ero. ben presto attorno a me si fece un bel pubblico di coppie nude che mi ammiravano sfondata dai due signori che senza nessuna vergogna, ci davano dentro a farmi godere. notai che qualche coppia di ragazzi si baciava e masturbava guardandoci

Notai che anche gli otto ragazzi con cui avevo parlato prima, e che mi avevano ospitata nel loro spazio asciugamani, si stavano msturbando e baciando tra loro mentre assistevano alla scena. Era un toccarsi continuo e godere con me. Avevo dato il via forse a una cosa che senza di me nessuno avrebbe mai osato iniziare. i due uomini si diedero il cambio, e qualcuno li immezzo tra ragazzi e altri uomini sorrideva e mi palpava mentre venivo sfondata in culo e in bocca sulla sabbia calda e sotto il sole. Immaginai mia madre ma non potevo chiamarla questa volta, dato la furbetta era andata dai parenti per evitare queste situazioni ormai che conosceva a memoria. Potevo solo ringraziare Daniel che mi aveva portata laggiu, mentre godevo senza ritegno sotto lo sguardo di tutti che erano li attorno e accanto a me. C'era un ragazzo che mi si era avvicinato tenendomi la mano e continuava ad accarezzarmi i lunghi capelli, mentre benivo sfondata a sangue dal cazzo dei due signori che avevano trovato il coraggio di scoparmi sfidando le regole. con gli occhi guardavo un po chi era intorno a me mentre me la godevo come una vaccona, c'erano gli otto ragazzi che ormai conoscevo, che si masturbavano e si baciavano a vicenda, delle coppie di uomini che abbracciati guardavano sorridendo, altri ragazzi che si masturbavano da soli nessuno si vergognava degli altri, incredibile ma vero. uno dei due fece una pausa dalla mia bocca lasciandomi respirare ma subito ne approfitto' qualcun'altro, che prontamente mi infilo' il suo cazzo in gola spingendomelo bene dentro e facendomi anche salire qualche conato di vomito. fui scopata da un po di maschi li attorno, perche non solo i due signori si approfittarono di me, ma un po anche gli altri, pure un paio dei ragazzi che conoscevo, poterono infilarmi il loro cazzo in culo e in bocca. Ero li a disposizione di tutti ormai, e mi lasciai fare di tutto senza mai protestare ma gemendo e godendo come una vaccona sfondata.
Non so rispondere a chi mi chide per quanto tempo rimasi li a soddisfare tutti quei maschi, adulti e giovanissimi, so solo che a pomeriggio fatto, ero ancora impegnata a far sbrodolare cazzi dentro di me e addosso a me. Non so quanta sperma avro' avuto addosso, c'era chi me la leccava senza problemi, chi mi spalmava quella sul corpo, tra sabbia e sperma ero conciatissima, i miei splendidi capelli erano ormai un impasto di sperma e sabbia. Si stava facendo tardi, e temetti di perdere l'appuntamento con L'amico Daniel, ma dall'altra parte non ne avevo ancora abbastanza, e volevo restare tra le mani di chi ancora abusava di me. Cercai piu volte di alzarmi, ma fui sempre respinta a terra da chi voleva anche lui avere l'onore di penetrarmi, avevo il culo a pezzi e bruciante, forse anche per la sabbia che aveva fatto attrito irritandomelo. Qualcuno con il cazzo bagnato dopo aver fatto un bagno era venuto a sbattermelo dentro subito. la mascella mi faveca male a forza di succhiare cazzi.

Ero stanca e tramortita dalla fatica, Finalmente cercai ad alzarmi con le gambe tremanti e caddi, qualcuno mi aiuto' tirandomi su per un braccio, chiesi di portarmi in acqua per riprendermi e lavarmi, due uomini mi accompagnarono ad immergermi nell'acqua fredda mi lavai e poi mi tirarono sulla riva. Chiesi a dei passanti l'ora, scoprendo che ero gia in ritardo per l'appuntamento con Daniel che presumevo, mi aspettasse al posto concordato quella mattina. Cercai di scattare a prendere la mia roba ma mi muovevo lentamente per i dolori che avevo da ogni parte. Tornai all'asciugamano dei ragazzi, ormai il pubblico che avevo avuto si era disperso, anche i ragazzi se ne erano andati, avevano raccolto le loro cose ed erano spariti. La mia roba fortunatamente era ancora li al suo posto. Presi il cellulare chiamando Daniel, che non trovai dato il numero era continuamente irragiungibile. Pensai se ne fosse andato, lasciandomi li. cercai di rivestirmi meglio che potei, ero un dolore continuo, ogni mossa facevo era un dolore da ogni parte, ma coraggiosamente ce la feci, mi misi in piedi, e mentre il cielo si scuriva poco alla volta, mi avviai verso l'uscita della spiaggia che ora pareva svuotata.

Arrivai al posto dell'appuntamento con circa una ventina di minuti di ritardo pur avendo cercato di correre, ero caduta piu volte. Ovviamente di Daniel e della sua auto non c'era traccia, mi guardai intorno, provai a richiamarlo, ma il suo numero risultava sempre non raggiungibile, maledissi la mia Troiaggine che mi aveva tenuta troppo a lungo a scopare. E ora che fare? a chi potevo rivolgermi per tornare a Jesolo? avevo un aspetto poco raccomandabile ero stanca strafatta dal dolore,e stavo in piedi appoggiata ad un muretto. Ero li a disperarmi e cercellarmi sul come sarei rincasata, quando un'ato dagli abbaglianti accesi mi illumino' fermandosi davanti a me. Ci misi un po a riconoscere Daniel e la sua auto che mi suono' un paio di volte. Felicissima di rivederlo, mi trascinai fino alla portiera della macchina, salendo a fatica. Vedendomi cosi conciata, il ragazzo si mise a ridere dicendomi se mi avevano conciata per benino, lo mandai a fare in culo, chiedendogli dove era finito, il suo cellulare era irragiungibile da molto. Lui facendo spallucce, rispose che mi aveva aspettata a lungo, credendo fossi andata a Jesolo con qualcun'altro, se ne stava andando, poi nel fare manovra mi aveva notata. Il suo cellulare disse era aperto, forse mi ero per la fretta segnata male il numero, che in effetti ricontrollando, risulto' errato in due cifre finali. Tirai un sospiro di sollievo, e mi feci riaccompagnare a casa di mia madre a Jesolo. Fu un'esperienza davvero unica che non ho scordato facilmente. Per scambio di opinioni o fare due chiacchiere con me mi trovate su Telegram al contatto @ChrisFemboy
Visualizzazioni: 3 713 Aggiunto: 3 anni fa Utente: